Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Riforma delle normative per il riconoscimento della causa di servizio.


Polizia Penitenziaria - Riforma delle normative per il riconoscimento della causa di servizio.

Notizia del 27/10/2009

in Anppe

(Letto 3386 volte)

Scritto da: Lionello Pascone

 Stampa questo articolo


E' necessario un intervento sulla materia, sia in senso legislativo che amministrativo, soprattutto, per quanto attiene alla semplificazione e allo snellimento delle procedure per il riconoscimento delle infermità dipendenti da causa di servizio, nella considerazione che, a tutt’oggi, l’iter non termina mai prima di 8/10 anni, tempi non certo consoni per un Paese civile.

Il contenuto del’art. 4 della proposta di legge (atto Camera n. 1826), al fine di pervenire ad una regolamentazione omogenea dei procedimenti presso le diverse amministrazioni, nonché semplificare gli adempimenti a carico delle stesse, prevederebbe l’istituzione di una Commissione composta da cinque membri nominati dal Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con quello del lavoro, della salute e delle politiche sociali, scelti tra funzionari ed esperti del settore.

E’ allo studio una bozza di nuovo regolamento sui procedimenti per il riconoscimento della dipende da causa dl servizio che dovrebbe sostituire l’attuale DPR 461/2001. Nella circostanza, attenzione sarà riservata anche al provvedimento che, in futuro, attraverso un decreto del Presidente della Repubblica, andrà a disciplinare il Regolamento dei criteri medico legali per l’accertamento delle invalidità e del danno biologico e morale a carico delle vittime del terrorismo e delle stragi.

Invero, le problematiche relative al procedimento per il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio non possono trascurare gli aspetti del successivo trattamento economico. In proposito, nell’ambito dell’esame dell’atto Senato n. 1167 in tema di “Delega al Governo in materia di lavori usuranti di riorganizzazione degli Enti; di congedi; aspettative, ect.” si osserva che nella grande maggioranza dei Paesi europei, esiste un unico sistema pensionistico, previdenziale e risarcitorio, mirato a stabilire il principio d’eguaglianza formale, sancito dall’art. 3 della Costituzione, secondo cui il legislatore dovrebbe assicurare ad ogni lavoratore, pubblico o privato, civile o militare identità di trattamento risarcitorio, quando equivalenti siano le condizioni soggettive e oggettive (infortunio nello svolgimento delle sue funzioni/compiti).

Allora, si auspica che tutti i lavoratori, pubblici e privati, abbiano garantito lo stesso sistema assicurativo, con uguali procedure ed indennizzi. Per quanto riguarda gli aspetti del contenzioso, tenuto conto che alcuni istituti giuridici del settore del pubblico impiego sono stati modificati con norme di carattere privatistico, sarebbe opportuno approfondire l’argomento, non sottovalutando la possibilità che la materia del riconoscimento della “dipendenza da causa di servizio”, e del suo trattamento previdenziale/risarcitorio, venga demandata al giudice ordinario, nel dubbio che alcuni magistrati della Corte dei Conti siano “condizionati” dalle disponibilità di bilancio dello Stato.

Ad esempio, ricorsi proposti in materia di cumulo dell’indennità integrativa speciale su più pensioni pubbliche dirette o di reversibilità anteriori al 31.12.1994, ove numerose, favorevoli decisioni di giudici monocratici, sono state rigettate in sede d’appello. E’ necessario fare il punto su queste realtà; occorre valutare certe diversità di interpretazione, serve un confronto ed un colloquio fra gli operatori e gli interessati su questa materia. In chiusura della precedente legislatura, l’art. 3 della legge 246/2005 aveva delegato (entro il dicembre 2008) il Governo a provvedere, con uno o più decreti legislativi, al riassetto, coordinamento e alla razionalizzazione di tutte le disposizioni vigenti in materia di causa di servizio; il provvedimento non è stato reiterato. Un auspicio ed impegno è che si possa giungere ad una codificazione dell’intero sistema, che tenga conto delle attuali realtà e dell’evoluzione sociale ed economica del nostro Paese.


Scritto da: Lionello Pascone
(Leggi tutti gli articoli di Lionello Pascone)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.87.119.171


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione