Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Rivolta carcere di Padova: interrogazione parlamentare Roberto Caon


Polizia Penitenziaria - Rivolta carcere di Padova: interrogazione parlamentare Roberto Caon

Notizia del 27/01/2015

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 483 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Interrogazione a risposta scritta 4-07700 presentato da CAON Roberto
testo di Martedì 27 gennaio 2015, seduta n. 371


CAON, MOLTENI, PRATAVIERA, MARCOLIN, MATTEO BRAGANTINI e BUSIN. — Al Ministro dell'interno, al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che: 
secondo notizie di stampa pare che giovedì 22 gennaio 2015 all'interno del carcere Due Palazzi di Padova sia scoppiata una vera e propria rivolta, nel corso della quale sono rimasti gravemente feriti sei agenti di Polizia Penitenziaria, di cui due ancora ricoverati in ospedale; 
sembra che i disordini siano cominciati già nel pomeriggio a seguito dalla protesta di un detenuto romeno, un trentenne condannato per omicidio con fine pena nel 2029, subito sostenuto da altri reclusi, che successivamente si è barricato in una cella con in mano una lametta; 
la rivolta pare sia scoppiata nella sezione B al quarto piano dell'istituto Due Palazzi, una di quelle sezioni sottoposte al regime di «vigilanza dinamica», ossia in cui i detenuti sono liberi di spostarsi nei corridoi durante il giorno, per questo presentano livelli minimi di sicurezza; 
secondo quanto riportato dai quotidiani e denunciato dai diversi sindacati di Polizia Penitenziaria, pare che molti dei detenuti che hanno partecipato alla rivolta fossero di origine araba e che durante i disordini inneggiassero «ad Allah e all'Isis», tanto da far pensare ad un evento organizzato poiché in tale occasione sono stati altresì rinvenuti all'interno della sezione bastoni e coltelli artigianali; 
successivamente riportano alcuni quotidiani che «gli inquirenti, giunti oggi al Due Palazzi per un'ispezione assieme agli agenti della squadra mobile, hanno smorzato: nessun riscontro al fatto che i magrebini partecipanti ai disordini abbiano inneggiato all'Isis – l'invocazione ad Allah, invece, rientra nella consuetudine per ogni musulmano – e allo stesso tempo è esclusa una matrice terroristica dietro la rivolta»; 
quanto accaduto nel carcere Due Palazzi è un fatto gravissimo in relazione ai rischi a cui sono stati esposti gli agenti di Polizia Penitenziaria nonché per il rischio di infiltrazioni terroristiche, a cui può essere esposto il Paese, per di più negli istituti penitenziari, che non può essere sottovalutato anche alla luce degli ultimi tragici eventi di Parigi e di quanto emerso dal dossier antiterrorismo dei servizi segreti israeliani, riportato dai quotidiani, che parla di «potenziale seria minaccia» per l'Italia; 
successivamente il 26 gennaio 2015 una agenzia ANSA riporta invece che «Nessun riferimento all'Isis o ad Allah durante i disordini attuati nei giorni scorsi da alcuni detenuti all'interno del carcere di Padova: il dato è emerso da un incontro con il direttore del «Due Palazzi» di Salvatore Pirruccio e il provveditore dell'Amministrazione carceraria Enrico Sbriglia. «Nessuno ha parlato in arabo» ha detto il direttore Pirruccio, ricordando che i quattro denunciati protagonisti della «rivolta» sono tre romeni e un italiano»; 
contemporaneamente sempre secondo altra agenzia ANSA «Giovanni Vona, rappresentante Veneto del Sappe, ha replicato alla direzione del carcere Due Palazzi di Padova sulla ricostruzione fatta oggi degli incidenti avvenuti la scorsa settimana»... e «ha confermato il coinvolgimento di 30-45 persone nei tafferugli avvenuti al quarto piano dell'istituto di pena, spiegando che i detenuti «avevano addirittura cercato di sfondare un cordone di agenti per aprire un cancello e coinvolgere nella protesta anche i detenuti degli altri blocchi» –: 
se i Ministri interrogati siano a conoscenza di quanto avvenuto esattamente nel carcere di Padova nel corso della rivolta e se, per quanto di competenza, intendano adottare urgenti provvedimenti a tutela, in particolare, dei poliziotti penitenziari che lavorano nella casa di reclusione di Padova e, in generale, nelle sezioni a «vigilanza dinamica» nelle carceri italiane; 
quali azioni si intendano intraprendere per garantire adeguati livelli di sicurezza per gli agenti di Polizia Penitenziaria nelle strutture detentive e quali iniziative si intendano assumere al fine di trasferire immediatamente e far scontare la pena detentiva, nei Paesi di origine, ai detenuti protagonisti della rivolta nel carcere Due Palazzi. (4-07700)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.149.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

8 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento


  Cerca per Regione