Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Rivolte e aggressioni ai danni della Polizia Penitenziaria: applicazione immediata del 14-bis


Polizia Penitenziaria - Rivolte e aggressioni ai danni della Polizia Penitenziaria: applicazione immediata del 14-bis

Notizia del 26/01/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3376 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Adesso basta! O il nostro Ministro e il nuovo Capo del Dipartimento si rendono conto che a questo regime iper garantista nei confronti dei detenuti va posto un freno immediato o molto presto potrebbe scorrerere  sangue innocente della Polizia Penitenziaria.

Non è più possibile apprendere giornalmente di aggressioni, rivolte, lesioni nei confronti di poliziotti penitenziari ad opera di detenuti, la maggior parte dei quali di origine straniera.

Non voglio fare un discorso razzista, ma se analizziamo le statistiche il maggior numero di aggressioni viene perpetrato ad opera di detenuti di etnia araba o slava, e l’unico strumento in mano nostra qual'è a parte la naturale denuncia alla Procura della Repubblica? L’isolamento per motivi di ordine e sicurezza nell’immediatezza (laddove esistono ancora le celle d’isolamento) e l’esclusione dalle attività in comune per un massimo di 15 giorni.

Sai che solletico gli fai ad un integralista musulmano o ad un fanatico dell'est europa …

SAPPE, Poliziotti penitenziari non sono "carne da macello": tutela per i colleghi e sospensione della sorveglianza dinamica

Eppure gli strumenti ci sono. Strumenti legislativi, come l’applicazione immediata dell’art.14 bis O.P. nei confronti di quei detenuti che si rendono colpevoli di violenze fisiche nei confronti di appartenenti alla Polizia Penitenziaria o ad altri detenuti o che mettono in atto comportamenti prevaricatori nei confronti degli altri detenuti. Strumento ormai reso difficile dalla farraginosità della sua applicazione, in quanto, per aderire alle teorie più garantiste degli ultimi tempi, la proposta per l’applicazione del 14 bis prima deve essere mandata al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria; lì deve essere valutata e se i nostri magistrati deputati alla decisione ritengono che vi siano gli estremi la rimandano indietro affinchè si riunisca la Commissione per deliberarne l’applicazione, ma il cui verbale deve essere approvato ... bla bla bla bla…

Non è possibile lavorare così, specie in periferia. Il nostro Capo del Dipartimento ne prenda atto e prenda consigli, senza offesa, da quei comandanti di reparto con gli attributi che operano in prima linea (ce ne sono ancora in giro…).

Volete stroncare gli atti di violenza nelle carceri? Applicazione immediata del 14 bis, senza passare dal DAP ma deliberato su proposta del Comandante di Reparto da parte della solita commissione integrata da un esperto. Ma il 14 bis deve essere applicato con fermezza, per certi versi peggio del 41 bis: senza televisione in cella, senza fornello, con sole due ore d’aria al giorno e con altre ristrettezze, in modo da fiaccare l’animo del riottoso e isolarlo da altri detenuti.

Invece cosa siamo diventati noi in nome di un becero garantismo a senso unico?

Siamo diventati una istituzione debole, aggredita continuamente da detenuti e avvocati che vedono alla fine del contenzioso un lauto guadagno; siamo aggrediti e tacciati di razzismo da detenuti arabi che “pretendono” di lavorare e anche quando il 50% ed oltre dei lavoranti è straniero e ti urlano in faccia: "perché io non lavorare? Perché straniero? Voi razzisti".

Cosa siamo diventati? Una istituzione debole che in nome delle teorie sul povero detenuto, è chiamata continuamente a difendersi e a rispondere del proprio operato anche per esposti di una banalità assurda o per esposti inviati da detenuti dichiaratamente pazzi. Non riusciamo ad applicare più le regole, se queste sono restrittive ma legali, per paura di esposti, inchieste, per paura dei mass media che continuano a massacrarci senza pietà e che con il caso Cucchi ci hanno fatto tornare indietro di 30 anni.

C’è la volontà di tutelare la Polizia Penitenziaria? Allora applichiamo le regole già esistenti senza perderci in inutili e farraginosi bizantinismi burocratici. Oggi a Padova la rivolta dei musulmani, ieri a Frosinone la reazione violenta di un albanese, domani a chi toccherà?

Carceri differenziate per questi soggetti e applicazione immediata del 14 bis.

Siamo in guerra se qualcuno non l’avesse capito e come ogni guerra ci vogliono delle leggi speciali. Non si può continuare più a rispondere  con le carezze alle aggressioni giornaliere. Ma il Ministro Orlando, fino ad oggi, ha mostrato  considerazione per la Polizia Penitenziaria?

 

Ministro Orlando: emergenza carcere finita. E la Polizia Penitenziaria?

 

Santi Consolo continuerà ad essere il "Re dei Secondini" o sarà il primo vero Capo della Polizia Penitenziaria

 

Sorveglianza dinamica in carcere? Se ne potrebbe parlare se ...

 

Il fallimento della sentenza Torreggiani e il declino di un Corpo

 

Quando ad essere aggredito è un Direttore Penitenziario ...

 

Sorveglianza dinamica e apertura delle celle: quello che il DAP non dice ...

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


......da trattamento individualizzato si è passati al trattamento "indifferenziato" , nel senso che bisogna dare tutto a tutti indipendentemente dalle valutazioni di chi è in prima linea a cominciare dall'agente di sezione e finendo al direttore ( scritto minuscolo come agente). Nelle udienze che faccio non sento altro che richieste di dare il permesso premio motivato dal fatto che ormai, dopo tanta galera, gli tocca di diritto e quando gli spiego che non è così allora mi sento rispondere " ...eh che devo fare devo morire in galera"....a questi vorrei rispondere ...perchè non pensate a quelli che avete fatto morire in libertà???....ma naturalmente sarei tacciato di essere un aguzzino ( nella migliore delle ipotesi) e non di uno che differenzia il trattamento in base al percorso del detenuto.....

Di  Giuseppe Carrà  (inviato il 27/01/2015 @ 16:23:09)


n. 4


Buona la proposta ma il DAP è lontano anni luci dalle dinamiche delle periferie. Le carceri di periferia necessitano di risposte immediate. Il Dap risponde invece con lentezza e con toni prettamente burocratici che non tengono conto del fattore umano o della necessità di trasferire immediatamente qualche detenuto. Tanto loro stanno a Roma, con i riscaldamenti, la segretaria o i segretari e vedono passare le c arte. Ma non sanno che dietro ogni carta c'è un dramma o un personale di P.P. che soffre.

Di  miguel cervantes  (inviato il 27/01/2015 @ 12:56:43)


n. 3


Si e se poi il dap ti risponde che trovare un tel cellulare ad un detenuto già sottoposto al 14 bis non è motivo di proroga, di cosa stiamo parlando?

Di  Anonimo  (inviato il 26/01/2015 @ 21:19:32)


n. 2


In attesa di leggi speciali sarebbe già tanto applicare la normativa vigente.
L'eccessivo permissivismo che porta taluni a ritenere diritti intoccabili quelle che sono solo concessioni eccezionali, unita ad una scarsa considerazione della propria funzione porta spesso a divenire vittime di aggressioni verbali e fisiche.
Dobbiamo pretendere rispetto, non solo darlo. E poi ordine e disciplina che sono le condizioni base per poter assicurare il giusto trattamento.

Di  Luca Sardella  (inviato il 26/01/2015 @ 18:25:48)


n. 1


Ben detto, è ora di svegliarsi gente!!!

Di  frank  (inviato il 26/01/2015 @ 10:09:06)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.158.180


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

8 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

9 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

10 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


  Cerca per Regione