Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Saper svolgere le mansioni del buon comando partendo da quanto di più fondamentale: motivare e tutelare i propri uomini e donne in divisa


Polizia Penitenziaria - Saper svolgere le mansioni del buon comando partendo da quanto di più fondamentale: motivare e tutelare i propri uomini e donne in divisa

Notizia del 15/03/2016

in Commenti

(Letto 2759 volte)

Scritto da: Agente Sara

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nel corso della mia carriera lavorativa ho incontrato tante persone, uomini e donne, che indossano la veste di Comandante/Vice Comandante di differenti realtà penitenziarie.

Un ruolo importante, dove ancor di più ne vado fiera quando riesco ad incontrare chi, del proprio comando, ne fa il proprio CREDO personale, la mission da portare avanti con il massimo impegno e sostegno, imparando a riconoscere il lavoro dei propri uomini, sempre.

Il lavoro del poliziotto penitenziario è altamente dinamico e vario, proprio di una frenesia che necessita quanto più possibile di un grande spirito di collaborazione tra gli appartenenti a ciascun ruolo (agenti-assistenti/ sovrintendenti/ ispettori).

E di questa collaborazione, titolare e promotore, ne deve essere proprio il Comandante il quale, nella sua posizione apicale, deve riuscire a realizzare uno schema di gestione delle risorse umane basato principalmente sulla corretta diagnosi dei diversi fattori in gioco in ambito lavorativo, agevolando contestualmente sia lo spirito propositivo di obiettivi da raggiungere sia il buon esito degli stessi, attraverso lo stimolo e la valorizzazione di tutto il personale operante in divisa.

Una volta, mi è capitato di assistere ad una lezione di “operatività del ruolo”, dove un Comandante, durante la sua lezione, mi ha colpito soprattutto per il modo di parlare dei poliziotti che lavoravano nel suo istituto: “i suoi uomini”.

Egli stesso, in più occasioni, ha sottolineato l’importante e delicato servizio che ognuno di noi svolge, dove non bisogna essere per nessun motivo rivali anzi, tutt’altro: alto e vivo deve rimanere lo spirito di collaborazione. Primeggiare, o cercare di farlo, non porta a nulla e, a tal proposito, non ci si dovrebbe mai dimenticare quanto sia importante lo spirito di Corpo e quindi imparare a lavorare come una squadra.

D’altronde, per portare avanti una barca, è necessario avere un buon equipaggio, dove necessari lo sono tutti, ognuno nel proprio ruolo, ciascuno con la propria qualifica e raggiungere di volta in volta i traguardi prefissati richiede sempre l’impegno di tutti.

La realtà detentiva, rimane già di per sé estremamente critica e la propaganda di un buon clima lavorativo sul posto di lavoro, è davvero essenziale. Un aspetto che negli ultimi anni è stato menzionato e ribadito nelle recenti circolari ministeriali, per approfondire la conoscenza degli aspetti fondamentali del benessere organizzativo (presupposti, principali cause di disagio lavorativo, modalità di analisi ecc. ).

In più occasioni, l’input dipartimentale è stato quello di far incentivare a ciascuna realtà detentiva la capacità di realizzare il check-up della salute della propria organizzazione e, di conseguenza, a contribuire nell’identificare le possibili azioni di sviluppo del livello di benessere organizzativo rilevato. Alla luce di quanto detto, ecco perché il Comandante, rimane un ruolo di grande rilievo ove indispensabile diventa saper svolgere le mansioni del buon comando partendo da quanto di più fondamentale: motivare e tutelare i propri uomini e donne in divisa.

 

"I leader più in gamba non pronunciano mai la parola io. Non lo fanno perché si sono esercitati a non dire io ma perché, semplicemente, non pensano in termini di io ma di noi, in un’ottica di squadra.

E’ questo che crea la fiducia e che fa in modo che si lavori bene." (Peter Ducker)

 

 


Scritto da: Agente Sara
(Leggi tutti gli articoli di Agente Sara)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Leggo volentieri gli articoli dell'Agente Sara,
si intravede nelle sue parole, tutta la buona volontà nel mandare il messaggio.
Almeno ci provi cara Sara.
E poi scusate, ma non è poco, se ciò è scritto da una donna, fa tutto un'altro effetto. I modi gentili e garbati delle donne ti fanno arrivare dritto al cuore il messaggio, (sempre che un cuore ce l'hai! ihihihihihihih).
(CONCORDO PIENAMENTE CON BOUNTY).
Sarò sincera come sempre.
In questi anni, attendendo invano un cambiamento, è accaduta un'altra cosa importante. Siamo purtroppo cambiati ahimè anche noi. E questo è diventato un grande problema, dal quale non si riuscirà a venir fuori.
Mi piace tanto la parola equipaggio.
Ma un equipaggio, ha bisogno di un Comandante che affronti in prima persona burrasche e tempeste con la propria ciurma. A volte e così, altre invece no.
In passato molti ricorderanno che era SEMPRE così.
Non ve la prendete se il tanto agognato cambiamento non si è materializzato.
Arriverà presto o tardi la pensione e sarà molto meglio di tanto aspettare che il miracolo si compia.
Intanto faccio già il conto alla rovescia e non mi arrovello più le budella. Alcuni colleghi dicono che a volte è meglio star zitti al lavoro. Ma io a volte proprio non ci riesco.
Vado….buona serata a tutti.
Saluti a Salvo


Di  Angela  (inviato il 15/03/2016 @ 19:21:12)


n. 2


splendida analisi Agente Sara. Immagina, però, cosa si può provare a doversi confrontare con una realtà completamente contraria a quella che hai descritto, dove invece l'"IO" è la parola dominante!!!!

Di  Bounty  (inviato il 15/03/2016 @ 14:16:08)


n. 1


CONTRARI AL SOSTITUTO SOVRINTENDENTE COME QUALIFICA DEGLI ASS. CAPO SE SI E SOTTUFFICIALI SI E E BASTA NO SOTTUFFICIALI A MEZZO SERVIZIO NO NON LO ACCETTIAMO PERFAVORE INTERVENITE SAPPE E INGIUSTO CHE CHI ERA ASS. CAPO NELLA BANDA DEL CORPO SENZA FARE UN CORSO SENZA FARE NIENTE SI E RITROVATO CON IL GRADO DI ISPETTORE E SONO RIMASTI A NAPOLI E PROPRIO UN SINDACATO STA SEGUENDO QUESTA DENIGRAZIONE NE I RIGUARDI DEL PERSONALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA E A NOI CI VOLETE ATTRIBUIRE IL COMPITO DI SOSTITUTO SOVRINTENDENTE VOLETE DARCI IL CONTENTINO PER TUTTO QUELLO CHE FACCIAMO NELLE CARCERI RISCHIANDO LA NOSTRA VITA CON MALATTIE, STRESS, SEPARAZIONE CON LE MOGLI, PERCHE NON SIAMO MAI A CASA BASTA BASTA IL SAPPE CI DEVE DIFENDERE UN ISPETTORE DELLA BANDA ENTRA IN UN ISTITUTO PENITENZIARIOO NON SA FARE UN BEL NIENTE E GIUSTO SECONDO VOI, ALLORA NOI CHIEDIAMO IL MINI CORSO COME FU FATTO PER GLI UPG 3 MESI DI CORSO E FAR PERCEPIRE LA QUALIFICA DI SOTTUFFICIALE SOVRINTENDENTE PER CHI HA ALMENTO 10 ANNI NEL GRADO DI ASS. CAPO OPPURE GARANTIRE IL PASSAGGIO PRESSO UN ALTRO CORPO DELLO STATO POLIZIA CARABINIERI COME GLI E STATO CONCESSO ALL FORESTALE LORO SI E NOI NO BASTA E GIUSTO VALORIZZARE IL CORPO GRAZIE SAPPE

Di  simone  (inviato il 15/03/2016 @ 13:01:36)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.238.62


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione