Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Saremo tutti una grande famiglia: evviva "l'accoppato" Corpo di Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Saremo tutti una grande famiglia: evviva

Notizia del 24/11/2015

in Consoliamoci con l'ironia.

(Letto 3726 volte)

Scritto da: Il Giullare di Corte

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ministro della Giustizia - Giullare, ho ordinato al Capo DAP di mandarti da me a riferire.

Giullare di Corte - Imperatore, su cosa devo riferire, se posso avere l’ardire di chiedere?

M - Esigo il tuo parere su come i sudditi hanno preso la proposta del Tavolo 15 di accorpare Poliziotti, Educatori, Psicologi, ballerine, comici, menestrelli e burattini in un unico Corpo: quello della Giustizia.

G - Re dei Re, vuole sapere la verità o le racconto una storiella?

M - Come osi? Raccontami una storia. La verità la decido io.

G - Mi perdoni Basileus, alle volte spingo oltre la mia strafottenza …

M - Orsù, racconta.

G - C’era una volta un Corpo di Custodia che conteneva le pecorelle smarrite in recinti angusti e maleodoranti. Ma venne un periodo in cui le pecorelle protestarono con veemenza e la gente del borgo si lamentò per le loro grida assordanti.

M - Continua.

G - Allora un bel giorno si decise di sciogliere il Corpo dei Custodi e se ne tirò su uno di Penitenza: il Corpo della Penitenziaria.

M - Possibile? Sciogliere un Corpo per crearne un altro ... in un giorno?

G - Mio Augustus, in realtà non ci fu nessun cambiamento, se non le etichette e il colore dei tessuti ... il resto rimase tale e quale.

M - Non cambiò nulla allora?

G - Le Leggi cambiarono. Più permissive, più evolute. E con il passare degli anni sempre più permissive ed evolute. Pensi che venivano da tutte le nazioni confinanti a cantare le lodi a cotali Leggi, tanto avanzate … e tanto felici erano le pecorelle che una volta uscite dal recinto ... vi rientravano appena potevano.

M - Un successo quindi! E poi?

G - E poi, dopo quarant’anni, un triste risveglio. Le stesse genti che ci lodavano, vennero a multarci. Tuonarono che era tutto sbagliato, che non avevamo fatto i compiti a casa.

M - Ma i maestri non eravamo noi?

G - Nel frattempo ce n’eravamo dimenticati.

M - E quindi? Come finisce questa storia? (Che ho cose più importanti da sbrigare!)

G - Un giorno venne scelto un Imperatore, di buona volontà ma poco esperto, tanto generoso ... che volle imbandire tanti tavoli per sfamare tutti i sudditi del regno.

M - Tutti?

G - Beh, tutti no. Non ci si entrava. E poi …

M - E poi?

G - E poi c’era da accorpare quelli della Penitenziaria con tutti gli altri uomini e donne di buona volontà ... i volontari insomma.

M - E certo! Se uno deve accoppare

G - Forse voleva dire “accoRpare”?

M - Si, si, certo, “accoRpare”, s’intende. E quindi? Gli accoppati della Penitenziaria protestarono?

G - Ma no. Felicissimi furono! Perché un Mago venuto da molto lontano bisbigliò ai poveretti alcune paroline magiche: “ruoli tecnici”, “sceriffi”, “controlli all’esterno”. E fu così che quelli della Penitenziaria si recarono felici al recinto pure loro, come quella volta che da Custodi divennero Penitenti.

M - Bravo Giullare! Hai scelto un bel finale! Ti lascerò in vita e farai ritorno dal tuo Re per portare la buona novella del Corpo Accoppato!

G - Troppo buono nostro Cesare, troppo buono …

 

Resoconto tavoli Stati Generali: proposto nuovo ordinamento Polizia Penitenziaria con ruoli tecnici. Dentro anche Educatori e Assistenti Sociali

 

 


Scritto da: Il Giullare di Corte
(Leggi tutti gli articoli di Il Giullare di Corte)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada
Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Agrippa spiegò l'ordinamento sociale romano metaforicamente, paragonandolo (come in Esopo) ad un corpo umano nel quale, come in tutti gli insiemi costituiti da parti connesse tra loro, se collaborano insieme sopravvivono, se discordano insieme periscono. E che, effettivamente, se le braccia (il popolo) si rifiutassero di lavorare, lo stomaco (il senato) non riceverebbe cibo. Ma ribatté che, dove lo stomaco non ricevesse cibo, non lavorerebbe e non lavorando tutto il corpo, braccia comprese, deperirebbe per mancanza di nutrimento. La situazione fu ricomposta ed i plebei fecero ritorno alle loro occupazioni, dimenticando che nel corpo umano la distribuzione del nutrimento dallo stomaco alle membra è inevitabile, mentre nella società ciò non sempre accade.
« Una volta, le membra dell’uomo, constatando che lo stomaco se ne stava ozioso [ad attendere cibo], ruppero con lui gli accordi e cospirarono tra loro, decidendo che le mani non portassero cibo alla bocca, né che, portatolo, la bocca lo accettasse, né che i denti lo confezionassero a dovere. Ma mentre intendevano domare lo stomaco, a indebolirsi furono anche loro stesse, e il corpo intero giunse a deperimento estremo. Di qui apparve che l’ufficio dello stomaco non è quello di un pigro, ma che, una volta accolti, distribuisce i cibi per tutte le membra. E quindi tornarono in amicizia con lui. Così senato e popolo, come fossero un unico corpo, con la discordia periscono, con la concordia rimangono in salute. »


… il tempo scorre…invano!


Di  dantibes  (inviato il 24/11/2015 @ 16:20:22)


n. 2


Strepitoso!

Di  Fra Cristoforo da Volterra  (inviato il 24/11/2015 @ 15:55:28)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.209.32


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione