Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Scuola Giovanni Falcone di Roma, mancano i soldi per la benzina: si ferma la navetta per il personale ma non quella per i detenuti


Polizia Penitenziaria - Scuola Giovanni Falcone di Roma, mancano i soldi per la benzina: si ferma la navetta per il personale ma non quella per i detenuti

Notizia del 13/09/2013

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 4541 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Molti conoscono la scuola di formazione e aggiornamento del personale dell’amministrazione penitenziaria pomposamente intitolata alla memoria di Giovanni Falcone sita in Via di Brava a Roma, ma per i molti che non ci fossero mai stati, diciamo loro che la Scuola è stata edificata in una landa desolata della periferia romana a ridosso del Grande Raccordo Anulare.

Costruita su un paio di colline, i suoi edifici sono stati costruiti su vari livelli. Dall’entrata, per esempio, per raggiungere la Direzione e le aule, bisogna inerpicarsi su una collinetta sudati come bestie d’estate e infradiciati nelle giornate piovose d’inverno (per fortuna poche a Roma).

Oltremodo, la Scuola si estende per parecchi ettari coprendo una superficie, per intenderci, pari a quella di un piccolo comune di provincia. Ovviamente, fino ad oggi, gli spostamenti del personale all'interno della Scuola venivano fatti mediante automezzi e/o motoveicoli.

Detto questo, per capire in che stato è ridotta l’Amministrazione penitenziaria, dovete sapere che per la vettura di servizio che veniva utilizzata dal personale di sorveglianza generale (una FIAT utilitaria che fa rumori poco rassicuranti quando la si guida), sono finiti i soldi per la benzina e quindi la si tiene ferma, parcheggiata in un angolo della Scuola. Addio quindi ai giri d’ispezione lungo il perimetro della Scuola… Addio anche a quel poco di "comodità" per il personale che poteva utilizzare una vecchia macchina di servizio per gli spostamenti dentro la Scuola. Dovete sapere anche che, per la stessa carenza di fondi per l'acquisto della benzina, è stata soppressa anche la navetta che accompagnava i colleghi da e per la stazione “Cornelia” dove passa il trenino che collega quella zona alla stazione centrale di Roma Termini.

Dovete anche sapere però che il Direttore della Casa di Reclusione di Roma Rebibbia (che è anche il Direttore pro-tempore della Scuola Giovanni Falcone) ha autorizzato alcuni detenuti a lavorare presso la Scuola (Art. 21 e semilibertà).

E tanto per capire la differenza con cui l’Amministrazione penitenziaria tratta i suoi diversi lavoratori, in questo caso Poliziotti penitenziari e detenuti: per questi ultimi i soldi per la benzina della navetta che li prende e li riaccompagna alla stessa stazione “Muratella” si sono trovati!

Misteri dei capitoli di bilancio del DAP...

A proposito: grazie DAP! Grazie Tamburino! Grazie Bi-Direttore! 

 

P.S. Ovviamente il Bi-Direttore della Scuola quotidianamente viaggia  in auto di servizio per la quale non manca mai il carburante...

 


Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 11


Sarebbe quanto meno opportuno conoscere in virtù di quale norma gli articoli 21 e/o i semiliberi, possano usufruire di un mezzo di trasporto di una Amministrazione dello Stato per recarsi al lavoro... Lavoro che gli consente peraltro di usufruire di quei particolari benefici.
Sarebbe altresì opportuno conoscere a quale titolo possano prendere posto su questi particolari mezzi, atteso sono mezzi targati Polizia Penitenziaria, quindi non trattandosi di soggetti sottoposti ad una traduzione, dubito circa la legittimità di tale accompagnamento dubito altresì, che in caso di incidente ed infortunio di queste persone, la compagnia di assicurazioni risarcisca il danno; in tal caso chi paga? l'autista? il direttore?
Per quanto riguarda l'accompagnamento del Direttore da e per il luogo di lavoro la questione è regolamentata dalla direttiva 6/2010 dell’11 maggio 2010, della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Forse parliamo di peculato d'uso e abuso d'ufficio?

Di  Pasquino  (inviato il 16/09/2013 @ 13:10:54)


n. 10


@ferrari: proprio non ce la fai a capire eeeh? Preferisci andare contro i tuoi stessi colleghi pur di confermare il vecchio detto: "mal comune, mezzo gaudio". Sempre che tu sia un collega della Polizia Penitenziaria. Che gente...

Di  Agente Furioso  (inviato il 14/09/2013 @ 22:29:11)


n. 9


A me a lavoro non viene a prendermi nessun maggiordomo per portarmi lavoro, quindi i colleghi vanno con i propri mezzi a lavoro o i pulan, che a roma ce ne sono a tutte le ore.

Di  ferrari  (inviato il 14/09/2013 @ 22:25:27)


n. 8


@Agente Furioso
Io sono di parte ed ovviamente avrei scelto la Pol. Pen. per me già i detenuti che vanno a lavorare dentro una nostra scuola è una cosa vergognosa, ma devo vedere anche questo..........
Pensa però cosa avrebbero urlato le varie associazioni umanitarie, ne sarebbe nato un caso nazionale evidenziando che noi stipendiati godiamo di privilegi e i "poveri" detenuti costretti a piedi.
A questo punto è giusto che si applichi la normativa vigente e della navetta ne usufruisca solo chi ne ha diritto.
Cordialmente.......Cairo74°

Di  cairo74°  (inviato il 13/09/2013 @ 21:02:46)


n. 7


@Cairo74°: sicuramente non ci capiamo, o meglio, ci capiamo ma la pensiamo diversamente. Io penso che l'Amministrazione sicuramente veniva incontro alle richieste del personale quando aveva attivato la navetta (che quindi non era dovuta). Così come viene incontro alle esigenze dei lavoratori che usufruiscono dell'Art. 21 dell'ordinamento penitenziario (lavoro all'esterno) quando li va a prendere alla stazione (che non è dovuta nemmeno questa). Come fa notare Topogigio, il capitolo di bilancio della benzina degli automezzi è quello, è uno solo: poi l'Amministrazione decide come utilizzarlo. In questo caso, dovendo scegliere se venire incontro alle esigenze del personale di Polizia Penitenziaria oppure a quelle di persone che scontano una pena per reati penali, ha scelto quest'ultimi. Questioni di scelte. Io li avrei utilizzati per i colleghi, tu per chi avresti scelto? Se hai una risorsa limitata che serve a un tuo collega e a un detenuto della tua sezione (premesso che non è dovuta a nessuno dei due, ma a tutti e due semplifica la vita) tu a chi scegli di donarla? L'Amministrazione preferisce i detenuti...

Di  Agente Furioso  (inviato il 13/09/2013 @ 18:30:48)


n. 6


il capitolo di bilancio x la benzina è uno soltanto per tutta l'Amministrazione .(punto)
quindi la navetta dipendenti, quella x i detenuti, il direttore attingono le risorse dallo stesso pozzo. (aripunto)
Auguri

Di  topogigio  (inviato il 13/09/2013 @ 17:28:15)


n. 5


@Agente Furioso
O sono io che non mi spiego bene o non ci capiamo, quindi vorrei sapere se la navetta alla Pol. Pen. spetta di diritto o l'amministrazione veniva incontro alle esigenze del personale?
I detenuti nell'ultimo tratto salgono sulla navetta della Pol. Pen. o di un comune mezzo dell'amministrazione?
Il fatto del raffrontarci con loro te lo dico perché sono stufo di sentire:" loro mangiano bene a noi in mensa sempre porcherie" e tante altre cazzate di questo tenore.
Noi siamo un corpo di Polizia che lavora per lo Stato e percepisce uno stipendio e di conseguenza paga le proprie spese , quindi anche il viaggio per arrivare al lavoro, di tasca propria.
Loro sono dei comuni delinquenti che lo Stato considera dei "poveracci" e ai quali offre la possibilità di reinserimento nella società anche attraverso assistenze economiche.
Quando parliamo di noi mi infastidisce che nei nostri discorsi entrino persone che con noi nulla hanno a che fare.

Di  cairo74°  (inviato il 13/09/2013 @ 16:15:49)


n. 4


-complimenti per l'articolo in terra romana -

certo è che l'amministrazione è alla frutta in tema di organizzazione e gestione detenuti. ovvio che accade che in una perifieria come la Giovanni Falcone venire a conoscenza delle storture del DAP, direttori in missione, senza benzina per il personale che assicura la vigilanza h24 e non solo. poi scopriamo che non ci sono soldi, ebbene sì .
La domanda da fare è una sola: Ma i soldi non ci sono per chi? e se non ci sono non ce ne sono per nessun dipendente dell'amministrazione , sia esso direttore, commissari, ispettori, brigadieri,, o guardie, peggio per ancora per l'ultima parte della catena della società e cioè i detenuti!
... TUTTO IL IL RESTO è NOIA....... , LA CANTAVA UN GRANDE CANTAUTORE!

Di  ROMA - REBIBBIA  (inviato il 13/09/2013 @ 15:05:19)


n. 3


Cairo74° ma cosa dici? Anche i detenuti che vengono a lavorare alla scuola sono "lavoratori", tant'è vero che da Rebibbia fino alla stazione Muratella ci arrivano con i mezzi pubblici e non con la traduzione. La differenza è che l'Amministrazione a loro evita il disagio dell'ultima tratta dalla Stazione alla Scuola ed è disposta a spendere i soldi per il carburante, per i Poliziotti invece no. Cosa c'entra che "non ci dobbiamo raffrontare con i detenuti"?

Di  Agente Furioso  (inviato il 13/09/2013 @ 13:29:57)


n. 2


Se parliamo di Polizia Penitenziaria perché ci dobbiamo raffrontare con i detenuti? Noi siamo altra cosa completamente diversa, con loro non abbiamo nulla a che fare nel modo più assoluto, se per loro i soldi si trovano è perché sono appunto detenuti ed hanno i loro finanziamenti. Noi ( almeno per il momento) prendiamo uno stipendio, i soldi per arrivare alla stazione li dobbiamo mettere di tasca, non è scritto da nessuna parte che l'amministrazione ci deve mettere a disposizione la navetta. Mentre è invece scritto
(purtroppo) che i direttori ne hanno diritto, superiamo una volta per tutte la mentalità della guardia carceraria.

Di  cairo74°  (inviato il 13/09/2013 @ 13:09:39)


n. 1


Visto che la scuola di via Di Brava e' cosi grande ed e' il fiore all'occhiello dell'amminiatrazione xche' NON SI PENSA A CHIUDERE LE ALTRE SCUOLE visto che non ci sono pou tanti corsi allievi/aggiornamento ed evitare cosi di sperperare questi pochi soldi rimasti? Cosi facendo i colleghi della scuola avranno la loro rombante auto e i colleghi dei carceri avranno delle sedie, scrivanie decenti, detersivi per lavare i pavimenti, dei servizi igienici decenti eccc.... (posso battere solo 1000 caratteri)

Di  megi  (inviato il 13/09/2013 @ 10:47:11)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.48.3


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione