Dicembre 2014
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2014  
  Archivio riviste    
SIAMO ANONYMOUS: CI PERMETTIAMO DI RISPONDERVI!!!


Polizia Penitenziaria - SIAMO ANONYMOUS: CI PERMETTIAMO DI RISPONDERVI!!!

Notizia del 06/08/2011

in PrimoPiano

(Letto 6610 volte)

Scritto da: Anonymous & Lulzsec

 Stampa questo articolo     Condividi     Leggi i Commenti Commenti dei lettori

Rispondiamo a quanto appena pubblicato dal SAPPE su QUESTO BLOG, usando la loro piattaforma come mezzo di diffusione.
 
Innanzitutto siamo dispiaciuti per l'ormai immancabile appellativo di "terroristi informatici" che ci viene costantemente affibbiato, pur non avendo mai visto gruppi terroristici motivare e argomentare in maniera civile ciò che è alla base delle loro azioni;
nel nostro comunicato avevamo espressamente dichiarato di non avere finalità terroristiche, che sono ben altra cosa rispetto alle nostre piccole incursioni informatiche, che, lo ripetiamo, a parte danni di immagine NON provocano alcun danno alle infrastrutture colpite.
 
Ribadiamo quindi che il nostro è un gesto PURAMENTE simbolico e dimostrativo senza alcuna finalità intimidatoria, e che non intendiamo incitare all'odio o alla violenza verso chicchessia, incluse le forze armate e di polizia.
 
Inoltre ci rammaricano le dichiarazioni rilasciate dal segretario del SAPPE che è subito ricorso a classificazioni tanto anacronistiche quanto errate e che riteniamo inaccettabili, defininedoci(sic) "di area antagonista"; 
sono parole che ci lasciano perplessi ed interdetti, in quanto Anonymous NON ha colori ne affiliazioni politiche e non fa distinzioni di sesso, etnia o religione.
 
Siamo semplicemente i vostri cittadini, ascoltateci.
 
Anonymous Italia, Lulzsec Italia

 



Scritto da: Anonymous & Lulzsec
(Leggi tutti gli articoli di Anonymous & Lulzsec)

Stampa Stampa
 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
SAPPE, Poliziotti penitenziari non sono "carne da macello": tutela per i colleghi e sospensione della sorveglianza dinamica
Polizia Penitenziaria sequestra lettere dei detenuti di Lecce senza autorizzazione del magistrato: prove inutilizzabili
Il radicalismo islamico nelle carceri francesi: parla un poliziotto penitenziario
Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello
Terrorismo islamico: investigatori devono infiltrarsi tra i detenuti, attentati pianificati in carcere
La solidarietà del Sindaco di Padova Massimo Bitonci alla Polizia Penitenziaria
Servizi segreti potranno entrare nelle carceri: è quanto prevede un decreto in discussione nel prossimo Consiglio dei Ministri
Carcere di Padova: ancora Poliziotto aggredito dopo nemmeno 24 ore da uno dei rivoltosi di ieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


Ciò che mi lascia perplesso è la vicinanza del discorso-nell’accezione di Foucault- di Anonymous con altre agenzie e inoltre di grazia si è mai visto negli ultimi anni un terrorista definirsi tale? Financo la gente di Pol Pot si diceva espressione della volontà popolare...........

Di  D.Luciano Gonzales,cappellano  (inviato il 20/11/2014 @ 05:01:05)


n. 7


Scrivere su un blog non serve. Scendere in piazza non serve.
Quando il governo sa solo ascoltare sè stesso allora è giusto che il popolo alzi la voce. Non c’è un modo educato per farlo, non c’è un modo giusto.
Anonymous&Lulzsec stanno urlando il disagio del Popolo utilizzando un linguaggio forte, un linguaggio giovane, un linguaggio che spaventa chi non lo comprende.
I rivoluzionari vengono chiamati prima terroristi, poi Eroi.
Ma in fondo, tutte queste son solo parole vuote, usate da chi ha una fottuta paura di voi e delle vostre capacità.

Di  Preston J.  (inviato il 13/08/2011 @ 17:23:23)


n. 6


Sono un delegato sindacale del S.A.P.Pe, ho letto i tuo scritto Anonymous.
Pur capendo il vostro gesto, non ne condivido l’uso che ne avete fatto.
Io non vi considero dei terroristi informatici,ma anche volendo in un certo modo giustificare il vostro contributo alla popolazione detenuta, penso che c’erano altri modi per farlo.
Da quello che ho letto,mi è sembrato che nessun dirigente del SAPPe abbia parlato di Voi come terroristi informatici.Forse, ne sono certo, potevate tranquillamente trasmettere il vostro messaggio usando i modi e canali democratici, ... ci sono tanti siti per poterlo fare.
Come sapete, anche noi nella nostra attività sindacale ogni giorno denunciamo il sovraffollamento e non solo le condizioni in cui lavorano i poliziotti penitenziari, ma anche le condizioni in cui si trovano i detenuti, in certe strutture ammassati come sardine. Se leggete nel nostro sito, più volte il nostro segretario generale ha denunciato questo ai vertici del D.A.P.
Voi chiedete di ascoltarvi, e state certi che se lo fate legalmente e in modo civile, noi non abbiamo nessun problema a farlo.
Anche noi chiediamo da tempo di essere ascoltati,quando proponiamo, come nel caso delle misure alternative per le pene brevi, ma lo facciamo nei modi e nei termini che la legge consente.


Di  Paolo Spano  (inviato il 11/08/2011 @ 10:54:34)


n. 5


Io solitamente supporto le vostro azioni. Questa volta avete completamente sbagliato target, sia difendendo tutti i detenuti, sia incolpando la polizia penitenziari di problemi giudiziari e della situazione delle carceri. Non sono loro che decidono, sono solo dei poveracci sottopagati che devono arrivare a fine mese esattamente come noi.,

Di  Un Anonimo  (inviato il 06/08/2011 @ 20:09:12)


n. 4


le orecchie dei padroni sono sorde... avete tutta la mia stima per il modo in cui agite e per i motivi che vi spingono a farlo! continuate così.

Di  christian sartoretto  (inviato il 06/08/2011 @ 19:43:18)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.211.238.47


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riorganizzazione del Ministero della Giustizia: i direttori tentano di entrare nel comparto sicurezza

2 Supermarket nel parcheggio del DAP: ma dove andremo a finire?

3 Parola d’’ordine: disinnescare Santi Consolo

4 Ministro Orlando: emergenza carcere finita. E la Polizia Penitenziaria?

5 Garante nazionale dei detenuti: spot o necessità?

6 Scomparsa Ispettore in quiescenza Salvatore Costa

7 L’’uomo delle "stelline". Alla ricerca di aspiranti comparse in fiction televisive di altre forze di Polizia. Astenersi minatori

8 Solo gli angeli non hanno sesso: considerazioni sul tema della sessualità in regime detentivo

9 Caso Cucchi: le sentenze integrali di primo e secondo grado, con le motivazioni dei verdetti

10 Dal 2017 addio carta: tutti i documenti della pubblica amministrazione in formato digitale





Tutti gli Articoli
1 Detenuti si facevano selfie nel carcere e li pubblicavano su Facebook: scandalo nel carcere di Verona

2 Fusione Finanza-Carabinieri – Polizia Penitenziaria e Forestale

3 Mostra il tesserino in maniera "fugace": giudice non riconosce la resistenza a pubblico ufficiale

4 Agente rubava soldi dalle lettere ai detenuti: condannato a 3 anni e nove mesi per peculato

5 Detenuto manomette il televisore della cella: calci e pugni al Poliziotto penitenziario che lo scopre

6 Via libera per lo spray al peperoncino ai poliziotti. “Vogliamo anche la pistola Taser”

7 Direttori carceri e Poliziotti in difficoltà nella gestione dei detenuti musulmani

8 Condannato Poliziotto penitenziario: forniva schede e telefoni per non pagare gli interessi dei prestiti

9 Nicolò Amato aveva le lacrime agli occhi quando lo cacciarono: Fazzioli testimonia al processo di Palermo

10 Vilipendio al Profeta Maometto e lesioni: due Poliziotti penitenziari condannati in primo grado


  Cerca per Regione