Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico


Polizia Penitenziaria - Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

Notizia del 19/04/2018

in Sicurezza sul lavoro

(Letto 520 volte)

Scritto da: Luca Ripa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ogni luogo di lavoro può nascondere, purtroppo, diverse minacce alla nostra sicurezza.

Per quanto molto si stia facendo, ci rendiamo conto attraverso i fatti di cronaca quotidiana, che troppo ancora va realizzato affinché un posto di lavoro sia veramente sicuro.

In questo articolo vorrei affrontare il tema relativo al rischio elettrico, con il quale mi sono imbattuto più volte visitando i nostri abituali luoghi di lavoro.

I numeri e le statistiche, raccolte a livello nazionale da fonti autorevoli, evidenziano quanto gli infortuni di lavoro dovuti al contatto con un elemento elettrico, seppure siano sensibilmente diminuiti negli ultimi anni, rappresentano ancora una significativa parte rispetto alla totalità del fenomeno degli infortuni professionali.

La valutazione del rischio elettrico e  le misure necessarie affinché i lavoratori siano tutelati da tutti i rischi connessi all’impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione è un obbligo in capo al datore di lavoro, esplicitamente introdotto dal Titolo III, al Capo III del D.Lgs. 81/08 “Impianti e apparecchiature elettriche”.

Sebbene l’obbligo di valutare tutti i rischi fosse già presente nel D.Lgs. 626/94, l’attuale articolazione del Decreto Legislativo vigente, specifica i criteri per la valutazione del rischio elettrico e per l’identificazione delle misure di sicurezza facendo riferimento anche alla “pertinente normativa tecnica” (norme CEI 11-27 edizione IV del 2014 e CEI 50110-1 edizione III del 2014).

L’art. 80 del Testo Unico “Obblighi del datore di lavoro”, pone come detto, a carico del D.L., l’obbligo di valutare i rischi di natura elettrica connessi con la presenza di impianti ed apparecchi elettrici, in particolare, quelli derivanti da:

a) contatti elettrici diretti; 

b) contatti elettrici indiretti;

c) innesco e propagazione di incendi e di ustioni dovuti a sovratemperature pericolose, archi elettrici e radiazioni; d) innesco di esplosioni;

e) fulminazione diretta ed indiretta;

f) sovratensioni;

g) altre condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili.

A tale fine il comma 2 del medesimo articolo prescrive, altresì, che la valutazione dei rischi va eseguita tenendo in considerazione:

a) le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro, ivi comprese eventuali interferenze;

b) i rischi presenti nell’ambiente di lavoro;

c) tutte le condizioni di esercizio prevedibili;

Chi di noi almeno una volta nella vita non ha preso una “scossa elettrica”?

Questo fenomeno tecnicamente detto elettrocuzione, è la condizione che si genera quando, a seguito di un contatto con elementi in tensione, il corpo umano viene attraversato da una corrente elettrica.

E’ possibile venire a contatto con parti in tensione in modo diretto o indiretto.

Si può parlare di “contatto diretto” quando una parte del corpo, tocca una parte attiva in tensione dell’impianto elettrico (ad esempio un conduttore spelacchiato o scoperto, un morsetto di un interruttore, un fusibile, un alveolo di una presa o uno spinotto di una spina, l’interno di un portalampada, il conduttore di fase o di neutro etc).

Questa è una condizione di grave pericolo in quanto le parti in tensione hanno un potenziale molto elevato dovuto dalla potenza stessa di cui dispone l’intero impianto o la linea.

Si può parlare, invece, di “contatto elettrico indiretto” quando una parte del corpo entra in contatto con un elemento ( es. la massa) normalmente non in tensione, ma che può essere attraversato da una corrente a seguito di un guasto o di un difetto di isolamento.

In questo caso potrebbero insorgere dei cosiddetti “ponti umani” tra la massa metallica andata accidentalmente in tensione e le strutture conduttrici circostanti (scaffalature, tubazioni idriche, macchinari etc).

L'effetto della corrente elettrica sull'organismo cambia drasticamente in base alla natura della corrente (continua o alternata).

In caso di corrente alternata bisogna tenere conto della frequenza: alle elevate frequenze industriali costituisce sicuramente un pericolo maggiore.

Essa, è, difatti, in grado di indurre spasmi muscolari e fibrillazione cardiaca.

Il danno che può scaturire dall’esposizione non dipende solo dall’intensità e dalla frequenza della corrente, ma anche dalla durata del contatto e dalla costituzione fisica della persona colpita.

I movimenti muscolari del corpo umano (in condizioni normali) sono generati da impulsi elettrici prodotti dal cervello.

Per questa ragione quand’anche le fasce muscolari vengano interessate da correnti che hanno origine da sorgenti esterne al corpo si contraggono nello stesso modo obbedendo anche ad esse.

Se la corrente esterna è più intensa di quella interna, possono generarsi situazioni di pericolo e le conseguenze, sul corpo umano, possono essere diverse. In particolare si può parlare di tetanizzazione quando vi è contrazione muscolare involontaria che per certi casi provoca la costrizione (ad esempio delle le mani) dell’elemento in tensione; pur nella consapevolezza del rischio che sta correndo, l’infortunato non riesce a far nulla per distaccarsi dalla parte in tensione.

Si parla di arresto della respirazione quando durante l’elettrocuzione i muscoli contraendosi, non consentono l’espansione della cassa toracica provocando l’arresto della respirazione, con conseguenti fenomeni di insufficienza respiratoria o asfissia.

Si è di fronte ad una fibrillazione ventricolare, ed è l’effetto più pericoloso, quando a seguito della sovrapposizione delle correnti esterne con quelle fisiologiche, si generano delle contrazioni non coordinate del muscolo cardiaco dei ventricoli del cuore, che divengono causa di perdita del naturale ritmo del cuore.

La fibrillazione ventricolare è reversibile entro i primi due o tre minuti soltanto nel caso in cui il cuore sia sottoposto ad una scarica elettrica molto violenta (Defibrillatore).

Le contrazioni scoordinate continuano, infatti, anche dopo la cessazione dello stimolo.

Si può parlare, infine, di ustione quando il corpo umano, comportandosi come una resistenza elettrica al passaggio della corrente, produce calore per effetto Joule. Tanto maggiore sarà il passaggio di corrente, tanto maggiore sarà l’energia termica (calore) che il corpo produce.

Questo calore generato assume la forma di evidenti e serie ustioni. Questo fenomeno diventa maggiore e predominante rispetto agli altri, quando siamo in presenza di tensioni di contatto elevate.

Dal momento che il D.Lgs. n. 81/2008, agli artt. 80-81-82-83-84-85-86, disciplina in maniera davvero puntuale tutti gli obblighi e gli adempimenti che il datore di lavoro, rammento che nel nostro caso i D.L. sono i direttori d’istituto, deve rispettare ed attuare, vorrei concludere col fornire, attraverso un piccolo vademecum, poche ma utili indicazioni rivolte ad ogni lavoratore al fine di conoscere meglio i comportamenti da tenere, o da non tenere, nel nostro luogo di lavoro:

1. Essere a conoscenza, se possibile, della funzione dei vari interruttori del quadro di zona per essere in grado di isolare l'ambiente desiderato; 

2. Non utilizzate mai apparecchi nelle vicinanze di liquidi o in caso di elevata umidità, per impieghi in luoghi umidi o bagnati utilizzare esclusivamente apparecchi elettrici impermeabili all’acqua; 

3. Verificare che gli impianti vengano revisionati e controllati solo da personale qualificato; 

4. Non eseguire mai riparazioni di fortuna;

5. Accertarsi che le prese e le spine utilizzate non presentino fessurazioni, lesioni o deterioramenti;

6. Sapere che le prese sovraccaricate possono riscaldarsi e divenire causa di corto circuiti, con conseguenze anche gravissime. Evitare le prolunghe, prese volanti (ciabatte) ed evitare i grappoli di spine nella stessa presa multipla;

7.  Non utilizzare mai l'acqua per spegnere un incendio di natura elettrica. Sezionare l'impianto e utilizzare estintori a polvere o CO2;

8. Evitare assolutamente di entrare in contatto con parti metalliche e carcasse di attrezzature e macchinari elettrici se non si ha certezza che siano adeguatamente collegati/e all’impianto di terra; 

9.  Segnalare tempestivamente ogni anomalia in modo da poter subito sostituire il componente deteriorato e quindi ripristinare le originarie condizioni di sicurezza.

 

 


Scritto da: Luca Ripa
(Leggi tutti gli articoli di Luca Ripa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Alfonso Bonafede, chi è il ministro della Giustizia proposto da M5S e Lega
Un busto di Giovanni Falcone al carcere di Massama
I radicali difendono la Direttrice di Poggioreale:Pessimo il servizio delle Iene. La cella zero non esiste più
Video intervista Teleroma 56 a Maurizio Somma Segretario Regionale (sappe)
Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano.
Violenza a Poggioreale, il cappellano: Ingiusto accusare la polizia di abusi
Totoministri: ecco il possibile ''listone'' del Governo Lega-5 Stelle. Alfonso Bonafede ‘corre’ per il Ministero della Giustizia
Fiammetta Borsellino accusa il DAP: ignorata la richiesta di incontro con i boss Graviano


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 7


Nicola Mancino sfiorato da una dura condanna.
Ma non avevo dubbi che l'avrebbe fatta franca.
RE GIORGIO adesso può andarsene con tutti gli onori di uno Stato che somiglia tanto ad un circo di terza categoria.

Di  Franco  (inviato il 21/04/2018 @ 04:44:22)


n. 6


Ultimi suicidi di Agenti. Serve Personale Urgente...Si suicidano anche gli agenti penitenziari, oltre che ai detenuti, e il Ministero che fa...
Ogni due mesi, in Italia, un agente della penitenziaria si toglie la vita, impiccandosi o sparandosi. E' l'altra faccia dell'inferno del sistema penitenziario, fatto di degrado e disumanizzazione, aggravato dai tagli agli organici e dalla fatiscenza delle strutture

Di  Anto  (inviato il 20/04/2018 @ 23:05:10)


n. 5


Un R.I.P. a tutti i colleghi che si sono suicidati e che continuano a suicidarsi, come mai avvengono questi folli gesti mortali?
Carceri:
Si suicidano anche gli agenti, oltre che ai detenuti.
Ogni due mesi, in Italia, un agente penitenziario si toglie la vita, impiccandosi o sparandosi. E' l'altra faccia dell'inferno del sistema penitenziario, fatto di degrado e disumanizzazione, aggravato dai tagli agli organici e dalla fatiscenza delle strutture, sarà questo il motivo di tutti questi suicidi? Meditate!

Di  Anto  (inviato il 20/04/2018 @ 17:32:29)


n. 4


Viva la pensione sempre accreditata puntuale alla perfezione con adeguamenti e arretrati.

Di  Anonimo  (inviato il 20/04/2018 @ 15:17:36)


n. 3


...busta paga aprile vuota .....e intanto tutto il resto aumenta..luce gas benzina generi alimentari visite specialistiche sigarette .....boh...fate qlc cosa che qua non si può campare più......

Di  Anonimo  (inviato il 20/04/2018 @ 13:12:23)


n. 2


Io credo che un poliziotto e in pieno dovere la dove la norma non viene rispettata di farla rispettare come prevede la legge.

Di  Anonimo  (inviato il 20/04/2018 @ 11:29:03)


n. 1


Articolo che rispecchia la norma ma non la realtà in moltissimi istituti.
Il carrozzone DAP deve sparire una volta per tutte, vorrei vedere se in quegli uffici si trovano fili scoperti o grovigli di cavi come nella nostra portineria.
Ormai mi secca pure commentare, tanto va sempre peggio.
Non ho mai sentito che un direttore abbia pagato di tasca sua o un provveditore.
È stato e sarà così fino a che rimarremo alle dipendenze di questo carrozzone inutile, dispendioso e dannoso per la nostra salute e sicurezza.

Di  Alessio  (inviato il 19/04/2018 @ 13:19:55)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.78.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione