Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Sindacato dei detenuti: è possibile che si costituisca anche in Italia?


Polizia Penitenziaria - Sindacato dei detenuti: è possibile che si costituisca anche in Italia?

Notizia del 22/04/2016

in Diritto&Diritti

(Letto 1620 volte)

Scritto da: Luca Pasqualoni

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Che in Germania i detenuti si siano organizzati in vere e proprie organizzazioni sindacali  ponendo in essere forme di protesta collettive per rivendicare condizioni di lavoro più eque non può sorprendere più di tanto, visto che su una popolazione detentiva di circa 66.000 ristretti 41.000 sono impiegati in attività lavorative, e i restanti  detenuti non sono occupati per raggiunti limiti di età pensionabile o perché inabili al lavoro.

Invero, il sindacato confederale dei detenuti (GG/BO) è stato fondato nel maggio del 2014 da due detenuti (un tedesco e uno straniero) nel carcere giudiziario di Berlin-Tegel: da allora è cresciuto fino a raccogliere circa 800 iscritti in una quarantina di carceri, compresa una sezione in Austria.

Per venire all’Italia e con riferimento al lavoro inframurario non appare ravvisabile nello status di detenuto alcun limite all’iscrizione ad associazioni sindacali già esistenti, sempre che  le organizzazioni sindacali non prevedano preclusioni statutarie legate all’accettazione dell’iscrizione, quale l’incensuratezza o al più generico concetto di buona condotta morale e civile.

Allo stesso modo, nulla vieta che gli stessi detenuti costituiscano organizzazioni sindacali associandosi fra di loro, in applicazione del principio costituzionale sulla libertà di associazione sindacale ex articolo 39 Cost..

Circa la possibilità di riconoscere il diritto di sciopero al detenuto che svolge un lavoro inframurario in dottrina si registrano opinioni difformi; da un lato vi è chi sostiene che questo debba essere riconosciuto anche ai detenuti che lavorano all’interno del carcere, non sussistendo, al riguardo, alcuna incompatibilità con lo stato di detenzione, mentre dall’altro vi è chi ritiene impossibile il ricorso allo stesso, sia perché in contrasto con l’obbligatorietà del lavoro, sia per ragioni di ordine e sicurezza del penitenziario, benché l’ordinamento penitenziario del 1975 e il successivo regolamento di esecuzione del 1976 abbiano concepito il lavoro in modo completamente nuovo: pur ribadendo l’obbligatorietà di quest’ultimo, infatti, il lavoro diventa parte integrante del trattamento rieducativo, venendo a perdere quel carattere di sofferenza  ulteriore rispetto alla restrizione della libertà. 

Senza dubbio, invece, il diritto di scioperare deve essere riconosciuto, indistintamente, in capo a tutti gli internati e detenuti ammessi a svolgere attività lavorativa extramuraria, in quanto l’unica differenza intercorrente tra lavoro penitenziario all’esterno e lavoro libero risiede nella particolare condizione soggettiva del prestatore d’opera, condizione che non può tuttavia incidere sul piano delle relazioni tra detenuto lavoratore ed impresa datrice di lavoro.

In particolare, nell’ipotesi in cui il detenuto lavoratore aderisca ad uno sciopero, il soggetto in regime di semilibertà sarà tenuto ad informare la direzione dell’Istituto per gli adempimenti consequenziali, mentre per il condannato ammesso al lavoro all’esterno ex articolo 21 O.P. l’astensione dal lavoro si tradurrà nella permanenza in Istituto, salva la possibilità di chiedere un eventuale permesso per partecipare a manifestazioni o ad assemblee indette in occasione delle sciopero.  

Il lavoro penitenziario, infatti, si può distinguere in due grandi categorie, in cui il luogo di svolgimento della prestazione lavorativa funge da elemento scriminante:

Lavoro intramurario, termine con cui si indica ogni attività lavorativa svolta all’interno dell’istituzione carceraria;

Lavoro extramurario, che indica il lavoro svolto dal detenuto all’esterno delle mura del penitenziario.

All’interno del primo genus si distingue poi fra lavoro alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria, anche detto lavoro domestico, in quanto destinato a far funzionare l’apparato carcerario e quello alle dipendenze di terzi.

In ordine al secondo genus la distinzione da operare è tra lavoro all’esterno ex articolo 21 O.P. (art. 48 reg. Esec.) e lavoro extramurario in regime di semilibertà.

Nondimeno, in Italia è difficile che possano darsi forme di associazionismo sindacale o che il fenomeno possa attecchire, non fosse altro perché i detenuti che lavorano all’interno degli Istituti penitenziari italiani, nonostante la legge Smuraglia e successive integrazioni e modificazioni, continuano a rimanere un numero modesto  rispetto alla popolazione detenuta complessiva, anche volendo tenere conto del  numero di detenuti che lavorano, dentro e fuori dal carcere, per ditte o cooperative esterne.

 

Nasce sindacato confederale detenuti: in Germania carceri come fabbriche gestite da manager

 


Scritto da: Luca Pasqualoni
(Leggi tutti gli articoli di Luca Pasqualoni)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Secondo me la costituzione di un sindacato che rappresenti la popolazione detenuta è un sacrosanto diritto, potranno anche sedere al tavolo delle trattative per i rinnovi contrattuali presso la Funzione Pubblica, poesse che rimediamo pure un aumento de 3/4 piotte!!!!
ahahahhahahahahahahaha

Di  PASQUINO  (inviato il 27/04/2016 @ 15:44:10)


n. 2


Alcuni diritti è sacrosanto che li abbiano, guai se così non fosse.
Ma Crispino in parte ha ragione.
Vedrete che presto ci diranno che non dobbiamo più dare del Lei agli utenti.
Quel tanto di confidenza in più renderà la pena meno afflittiva?
Vedrete che prima o poi la genialata verrà fuori dal cilindro magico.

Di  Ines  (inviato il 22/04/2016 @ 18:08:42)


n. 1


Mi viene da ridere, ripenso alla storia soprattutto quella dell'antica Roma dove i Rei scontavano la loro condanna nelle galee o segregati nelle celle.
A proposito non hanno commesso un malfatto contro la società?
Tuttavia, forse si dimentica che questi si sono resosi nocivi e responsabili di malfatti nel tessuto sociale del territorio e nei confronti del cittadino che l'ha subito.
Perché mai dovrebbero avere dei diritti?
Il loro solo diritto e dovere è quello di obbedire e riabilitarsi per scontare il mal torto alla società.
Cordiali Saluti
Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 22/04/2016 @ 08:54:51)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.5.230


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione