Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Sindacato dei detenuti: è possibile che si costituisca anche in Italia?


Polizia Penitenziaria - Sindacato dei detenuti: è possibile che si costituisca anche in Italia?

Notizia del 22/04/2016

in Diritto&Diritti

(Letto 1477 volte)

Scritto da: Luca Pasqualoni

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Che in Germania i detenuti si siano organizzati in vere e proprie organizzazioni sindacali  ponendo in essere forme di protesta collettive per rivendicare condizioni di lavoro più eque non può sorprendere più di tanto, visto che su una popolazione detentiva di circa 66.000 ristretti 41.000 sono impiegati in attività lavorative, e i restanti  detenuti non sono occupati per raggiunti limiti di età pensionabile o perché inabili al lavoro.

Invero, il sindacato confederale dei detenuti (GG/BO) è stato fondato nel maggio del 2014 da due detenuti (un tedesco e uno straniero) nel carcere giudiziario di Berlin-Tegel: da allora è cresciuto fino a raccogliere circa 800 iscritti in una quarantina di carceri, compresa una sezione in Austria.

Per venire all’Italia e con riferimento al lavoro inframurario non appare ravvisabile nello status di detenuto alcun limite all’iscrizione ad associazioni sindacali già esistenti, sempre che  le organizzazioni sindacali non prevedano preclusioni statutarie legate all’accettazione dell’iscrizione, quale l’incensuratezza o al più generico concetto di buona condotta morale e civile.

Allo stesso modo, nulla vieta che gli stessi detenuti costituiscano organizzazioni sindacali associandosi fra di loro, in applicazione del principio costituzionale sulla libertà di associazione sindacale ex articolo 39 Cost..

Circa la possibilità di riconoscere il diritto di sciopero al detenuto che svolge un lavoro inframurario in dottrina si registrano opinioni difformi; da un lato vi è chi sostiene che questo debba essere riconosciuto anche ai detenuti che lavorano all’interno del carcere, non sussistendo, al riguardo, alcuna incompatibilità con lo stato di detenzione, mentre dall’altro vi è chi ritiene impossibile il ricorso allo stesso, sia perché in contrasto con l’obbligatorietà del lavoro, sia per ragioni di ordine e sicurezza del penitenziario, benché l’ordinamento penitenziario del 1975 e il successivo regolamento di esecuzione del 1976 abbiano concepito il lavoro in modo completamente nuovo: pur ribadendo l’obbligatorietà di quest’ultimo, infatti, il lavoro diventa parte integrante del trattamento rieducativo, venendo a perdere quel carattere di sofferenza  ulteriore rispetto alla restrizione della libertà. 

Senza dubbio, invece, il diritto di scioperare deve essere riconosciuto, indistintamente, in capo a tutti gli internati e detenuti ammessi a svolgere attività lavorativa extramuraria, in quanto l’unica differenza intercorrente tra lavoro penitenziario all’esterno e lavoro libero risiede nella particolare condizione soggettiva del prestatore d’opera, condizione che non può tuttavia incidere sul piano delle relazioni tra detenuto lavoratore ed impresa datrice di lavoro.

In particolare, nell’ipotesi in cui il detenuto lavoratore aderisca ad uno sciopero, il soggetto in regime di semilibertà sarà tenuto ad informare la direzione dell’Istituto per gli adempimenti consequenziali, mentre per il condannato ammesso al lavoro all’esterno ex articolo 21 O.P. l’astensione dal lavoro si tradurrà nella permanenza in Istituto, salva la possibilità di chiedere un eventuale permesso per partecipare a manifestazioni o ad assemblee indette in occasione delle sciopero.  

Il lavoro penitenziario, infatti, si può distinguere in due grandi categorie, in cui il luogo di svolgimento della prestazione lavorativa funge da elemento scriminante:

Lavoro intramurario, termine con cui si indica ogni attività lavorativa svolta all’interno dell’istituzione carceraria;

Lavoro extramurario, che indica il lavoro svolto dal detenuto all’esterno delle mura del penitenziario.

All’interno del primo genus si distingue poi fra lavoro alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria, anche detto lavoro domestico, in quanto destinato a far funzionare l’apparato carcerario e quello alle dipendenze di terzi.

In ordine al secondo genus la distinzione da operare è tra lavoro all’esterno ex articolo 21 O.P. (art. 48 reg. Esec.) e lavoro extramurario in regime di semilibertà.

Nondimeno, in Italia è difficile che possano darsi forme di associazionismo sindacale o che il fenomeno possa attecchire, non fosse altro perché i detenuti che lavorano all’interno degli Istituti penitenziari italiani, nonostante la legge Smuraglia e successive integrazioni e modificazioni, continuano a rimanere un numero modesto  rispetto alla popolazione detenuta complessiva, anche volendo tenere conto del  numero di detenuti che lavorano, dentro e fuori dal carcere, per ditte o cooperative esterne.

 

Nasce sindacato confederale detenuti: in Germania carceri come fabbriche gestite da manager

 


Scritto da: Luca Pasqualoni
(Leggi tutti gli articoli di Luca Pasqualoni)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Secondo me la costituzione di un sindacato che rappresenti la popolazione detenuta è un sacrosanto diritto, potranno anche sedere al tavolo delle trattative per i rinnovi contrattuali presso la Funzione Pubblica, poesse che rimediamo pure un aumento de 3/4 piotte!!!!
ahahahhahahahahahahaha

Di  PASQUINO  (inviato il 27/04/2016 @ 15:44:10)


n. 2


Alcuni diritti è sacrosanto che li abbiano, guai se così non fosse.
Ma Crispino in parte ha ragione.
Vedrete che presto ci diranno che non dobbiamo più dare del Lei agli utenti.
Quel tanto di confidenza in più renderà la pena meno afflittiva?
Vedrete che prima o poi la genialata verrà fuori dal cilindro magico.

Di  Ines  (inviato il 22/04/2016 @ 18:08:42)


n. 1


Mi viene da ridere, ripenso alla storia soprattutto quella dell'antica Roma dove i Rei scontavano la loro condanna nelle galee o segregati nelle celle.
A proposito non hanno commesso un malfatto contro la società?
Tuttavia, forse si dimentica che questi si sono resosi nocivi e responsabili di malfatti nel tessuto sociale del territorio e nei confronti del cittadino che l'ha subito.
Perché mai dovrebbero avere dei diritti?
Il loro solo diritto e dovere è quello di obbedire e riabilitarsi per scontare il mal torto alla società.
Cordiali Saluti
Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 22/04/2016 @ 08:54:51)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.130.145


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione