Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Siulp e cartello dei ventidue: tutto chiacchiere e percentuali …


Polizia Penitenziaria - Siulp e cartello dei ventidue: tutto chiacchiere e percentuali …

Notizia del 18/09/2014

in I Mulini a Vento

(Letto 4324 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Alla maggior parte dei colleghi non è chiara una cosa: quella che si sta combattendo in questi giorni non è una “guerra” solo tra Governo e Sindacati, ma anche una “battaglia” all’interno del mondo sindacale tra la nostra Consulta da un lato e il Siulp, con annessi virtualmente gli altri sindacatini a far numero,  dall’altro; “battaglia” nella quale vari esponenti politici si sono inseriti solo per scopi elettorali e non certo per un reale interessamento della situazione lavorativa dei poliziotti italiani.

Dunque, da una parte c’è la Consulta Sicurezza formata da quattro Sindacati Autonomi: quello della Polizia di Stato (SAP), della Polizia Penitenziaria (SAPPE), del Corpo Forestale (SAPAF) e dei Vigili del Fuoco (CONAPO). Dall’altra ventidue Sindacati di vario spessore, molti dei quali appaiono solo come firma in calce a quel paio di comunicati “unitari” all’anno in cui discutono sui massimi sistemi del mondo (e che alla fine non portano mai avanti, nemmeno per sbaglio), ovviamente ad uso e consumo del Siulp di Felice Romano che è l’unico (a livello di organizzazione e a livello personale) ad avere un ritorno di immagine.

La prima, la Consulta Sicurezza, con quattro Sindacati Autonomi rappresenta il 43% del personale delle forze di polizia ad ordinamento civile, gli altri, in ventidue sono il restante 57% (ovviamente sulla carta).

Perciò, a conti fatti, sono davvero la “maggioranza” (sempre sulla carta), ma la maggioranza di chi?

In effetti, proprio qui è necessario chiarire un po’ le idee e fare alcune precisazioni.

Qui bisogna fare un distinguo tra Sindacati Autonomi che rispondono solo ai propri iscritti e Sindacati che sono inseriti in organizzazioni più vaste, che rappresentano vari settori anche in conflitto tra loro e per le quali è importante solo il numero delle tessere, non i reali bisogni dei colleghi.

Prendiamo ad esempio l’ultima e fondamentale battaglia di questi giorni: l’abolizione del tetto salariale e dei limiti retributivi imposti all’avanzamento delle carriere.

La Consulta Sicurezza, il Sappe e Donato Capece (attualmente il Presidente della Consulta) è stata impegnata per mesi a rivendicare i nostri diritti, scendendo anche in piazza il 27 agosto.

Nel frattempo, tutti gli altri (la “maggioranza”) erano a godersi le ferie sindacali di agosto mentre noi eravamo al lavoro per organizzare una manifestazione ancora prima che il Ministro Madia annunciasse la proroga del blocco per gli Statali e per le Forze dell’Ordine.

La Consulta Sicurezza, già da prima dell’estate, ha preannunciato manifestazioni anche eclatanti (sempre nel rispetto delle regole e delle leggi) se non fosse stato garantito lo sblocco del tetto salariale.

Sempre prima dell’estate, fonti governative (tra le quali la Ministro Pinotti) hanno fatto trapelare indiscrezioni secondo le quali non solo il tetto sarebbe stato rimosso, ma lo sblocco sarebbe stato anticipato ad ottobre 2014.

La “maggioranza” ha così allungato le ferie sindacali fino a settembre.

Dopo l’annuncio del Ministro Madia, infine, quella stessa “maggioranza dei ventidue sindacati”, dovendo recuperare un gap incolmabile con la Consulta, l’ha “sparata” grossa minacciando lo sciopero (sapendo bene che era una minaccia inattuabile per legge), piuttosto che appoggiare le nostre battaglie, scelta sicuramente più utile a tutti i colleghi.

Guarda caso, all’approssimarsi di ottobre, rispuntano le firme dei vari cespuglietti che si accodano a qualunque cosa scritta in un comunicato congiunto pur di comparire.

Ma, nonostante le firme apposte, questi sindacatini opportunisti si sono guardati bene (tranne qualche sporadica eccezione) dal partecipare alle numerose riunioni indette da tutti i gruppi politici (finiscono tardi … ma chi ce lo fa fare … tanto nel comunicato ci saremo anche noi …).

Abbiamo perso le tracce, ad esempio, di Mister No, quello candidato alle elezioni politiche con Ilaria Cucchi per capirci.

A questo punto, la scelta della protesta da portare avanti per rivendicare i nostri diritti di lavoratori speciali, passa ai colleghi.

La Consulta Sicurezza ha deciso di insistere nella battaglia contro il blocco degli stipendi perché ritiene del tutto insufficienti le promesse del Governo che, per ora, si è sbilanciato solo a promettere di risolvere la questione, senza pronunciarsi sullo stanziamento dei fondi per tutte le forze di polizia, per tutti i ruoli, per tutti gli scatti di anzianità, per la decorrenza e per gli arretrati.

Il “cartello dei ventidue”, invece, ha sospeso ogni azione dopo la “lavata di testa” di Renzi che li ha rimessi al loro posto minacciando a sua volta l’intervento del Governo contro lo sciopero sbandierato in modo inopportuno.

Ora l’ago della bilancia saranno i colleghi.

A loro la decisione di  affidarsi al Siulp e ai cespuglietti che si sono messi in riga dopo il “rimprovero” del Governo, oppure continuare la battaglia per i diritti di poliziotti, uomini e donne che mettono a rischio la propria vita ogni giorno, per essere considerati pure dei privilegiati.

Noi della Consulta la pensiamo così: nessun passo indietro dalla protesta se non dopo una dichiarazione ufficiale di Renzi e del Governo (con tanto di indicazione della copertura finanziaria) che ufficializzi lo sblocco del tetto salariale per il comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico a far tempo dal primo gennaio 2015.

Tutto il resto sono chiacchiere.

Chiacchiere e distintivo …. Chiacchiere e percentuali.

 

 


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Altri 26 telefonini trovati nel carcere di Padova, 20 dei quali occultati da un Poliziotto penitenziario nella suo alloggio di servizio
Skype per i 41-bis in carcere? Il Ministro Orlando: non riguarderà i capi mafia
Uno degli accusati dell''omicidio di Emanuele Morganti era stato arrestato la sera prima con più di 1000 dosi di droga ma subito rilasciato
Sequestrati telefoni e coltelli nel carcere di Cassino: operazione di Carabinieri e Polizia Penitenziaria
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Il governicchio è caduto nella trappola...

A poche ore dall'incontro dei rappresentanti del comparto sicurezza (i 22 che rappresentano solo le loro poltrone), con Berlusconi hanno trovato un presunto accordo per sbloccare il tetto salariale (non gli stipendi).

Ora il merito sarà anche questa volta di Berlusconi, non sarà infatti difficile per l'ex Premier, e la pletora che lo sostiene, sostenere la tesi che l'incontro avrebbe messo in seria difficoltà il governo e quindi accaparrarsi il merito del risultato.
Consapevoli del forte potere contrattuale del comparto che, godendo di un potenziale consenso del leader di FI sarebbe stata palesemente minata la credibilità del governicchio targato Renzi, i 22 hanno "siglato" il loro accordo, "salva poltrone".
L'ex Premier e i 22, si ricordino però che sono quelli che hanno dato inizio al blocco, nel 2010.


Noi manifestiamo comunque, senza se e senza ma!!

Il Presidente Renzi, avrebbe dovuto dare priorità assoluta alle esigenze del Comparto, in quanto, che a lui piaccia o meno, è il settore dello Stato che funziona per l'esclusivo senso del dovere dimostrato in primis dalla base.
Colmo di "dirigenti" o pseudo tali che occupano caselle di rilievo solo perché "politicizzati", mai perché effettivamente capaci.

Basta dare uno sguardo al DAP.

Di  PASQUINO  (inviato il 19/09/2014 @ 14:29:22)


n. 5


Ma, Mister No, quello candidato alle elezioni politiche con Ilaria Cucchi per capirci, ha mai esposto in maniera concreta un concetto
"pro Polizia Penitenziaria".
A memoria di scrive, non mi sovviene, magari sbaglio.
Mi ricordo, invece molte battaglie personali per rivendicare la presunta seconda posizione nel "ranking" dei Sindacati....
Moh io dico, "secondo o terzo" che cambia?
Nulla.
Caro Mr No, il quasi non è mai abbastanza....

Di  PASQUINO  (inviato il 19/09/2014 @ 14:13:02)


n. 4


Bravo Cesare, chiara e precisa la tua esposizione dei fatti sulla questione, manteniamo alta l'attenzione e sproniamo i colleghi sornioni ad avere consapevolezza di cosa accade intorno al comparto sicurezza.
La gente, ma neanche molti colleghi si rendono conto del "contributo" versato in questi 4 anni: immaginate chi nel gennaio del 2014 maturava assegno di funzione + 8 anni nel grado di assistente capo, o promosso in qualsiasi ruolo oltre il mancato contratto...chi in Italia ha pagato un tributo cosi alto??
Da Berlusconi a Renzi passando per Monti e Letta, chi cè lo sa dire quale altro lavoratore/pensionato/politico ha pagato un prezzo cosi alto??

Di  Augusto Bianchi  (inviato il 18/09/2014 @ 22:42:50)


n. 3


Consulta , avanti tutta, e non osino toccare i fondi del riordino delle carriere.

Ma informiamo bene la base , sono tutti disorientati ,e convinti che va bene così.

Di  Stancodisubire  (inviato il 18/09/2014 @ 15:07:53)


n. 2


Io sto con la Consulta !

Di  Marione  (inviato il 18/09/2014 @ 14:30:30)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.157.241


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 SI al riordino delle carriere! Ecco il quadro completo dei benefici

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Colpo mortale alla sicurezza delle carceri: Il DAP chiude le Centrali Operative Regionali

7 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

8 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?

9 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

10 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione