Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Soldi buttati al SADAV: che inizino a pagare i responsabili


Polizia Penitenziaria - Soldi buttati al SADAV: che inizino a pagare i responsabili

Notizia del 06/08/2010

in Dal buco della serratura

(Letto 6327 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nelle puntate precedenti abbiamo visto che quello delle taglie mancanti è un problema tristemente ricorrente e abbiamo scoperto che l’applicazione informatica studiata dal DAP per gestire il magazzino vestiario della Polizia Penitenziaria è fallita (nella migliore delle ipotesi).

Ma è poi vero che è indispensabile un’applicazione informatica per tener conto di tutte le taglie necessarie al Corpo di Polizia Penitenziaria, così da fare degli acquisti oculati e non rimanere senza quei capi di vestiario più richiesti dal personale?

Ovviamente no! E’ dal tempo dei Sumeri e forse prima che l’uomo ha imparato la sottile arte della burocrazia e della contabilità. In realtà sarebbe bastato che qualche ragioniere un po’ più volenteroso, con carta e penna, avesse segnato tutte le taglie acquistate con i vari contratti degli ultimi anni, avesse poi segnato tutte le richieste di vestiario suddiviso per taglie pervenute dalla periferia e di tanto in tanto avesse avuto pure la briga di farsi un inventario del materiale ancora in giacenza presso il magazzino centrale e quelli periferici. In tal modo, con il passare degli anni, attraverso il solo metodo dell’approssimazione, il DAP avrebbe già dovuto essere in grado di disegnare quella curva “normale” che abbiamo visto nel primo intervento e che qui viene riproposta per comodità di lettura:

Distribuzione teorica vestiario del personale di Polizia Penitenziaria

La realtà odierna è che il magazzino centrale del SADAV e i vari magazzini periferici dell’Amministrazione penitenziaria, traboccano di vestiario dalle taglie minuscole e molto grandi, mentre “soffrono” una carenza di quelle che la maggior parte del personale richiede, costringendo i vari magazzinieri ad uno baratto di vestiario che ha delle proprie regole e tariffe segrete che i magazzinieri più esperti si tramandano di generazione in generazione: fonti accreditate parlano di un’uniforme taglia 52 che può valere anche sei paia di scarpe (numerazione a scelta), 22 cravatte avion e un cammello vivo...

La situazione in cui versano TUTTI i magazzini vestiari dell’Amministrazione penitenziaria è evidentemente dovuta al fatto che l’Amministrazione, nel corso degli anni, non è stata in grado di fare due conti e ha speso in malo modo i soldi pubblici. Non solo ha pagato più di duecento milioni di lire (dieci anni fa e chissà quanti altri ancora che non conosciamo) per acquistare un “superpallottoliere”  informatico (che ancora non funziona), ma ha anche pagato fior di contabili, ragionieri, direttori e dirigenti, che non sono stati in grado nemmeno di fare due conti con carta e penna, con il risultato di aver pagato anche centinaia di migliaia di euro come controparte di capi di vestiario inutilizzabili.

Se ci troviamo in questa situazione lo si deve ad un unico motivo: evidentemente si è acquistato troppo vestiario con taglie piccole e taglie grandi e troppo poco con taglie medie. Più o meno come indicato dalla figura seguente, dove la linea rossa rappresenta idealmente la “tecnica” fin qui adottata dal DAP, negli acquisti del vestiario per il Corpo di Polizia Penitenziaria: “siccome non conosco le taglie del personale che gestisco, allora compro di tutto un po’...”, sostanzialmente procedendo negli acquisti, per ogni capo di vestiario, ipotizzando che le taglie del vestiario fossero equamente distribuite tra taglie piccole, taglie medie e taglie grandi, come mostrato nella figura seguente:

Distribuzione presunta del vestiario acquistato da parte del DAP

La situazione di incertezza e di incapacità di programmazione e gestione dell’Amministrazione penitenziaria è stata più volte denunciata dal SAPPE nelle riunioni  dell’apposita Commissione Vestiario. Nella riunione del 27 novembre 2008 (di cui è possibile leggere il verbale ufficiale), il SAPPE pose all’Amministrazione, cinque semplici domande:

  1. quali sono le taglie di tutti i capi di vestiario, di tutto il personale, divisi per istituto e provveditorato?

  2. quali capi, con quali taglie, per quali Istituti, sono stati distribuiti negli ultimi cinque anni?

  3. quali capi, con quali taglie, sono stati acquistati negli ultimi cinque anni?

  4. quanti sono, con quali taglie, i capi di vestiario in giacenza presso tutti i magazzini vestiario a livello nazionale, di Provveditorato, di Istituto?

  5. che fine ha fatto il programma informatico iniziato nel 1999 che ci è già costato svariati milioni di Lire?


Il DAP, allora, non seppe dare risposta, nemmeno nei mesi successivi. Tuttora il SAPPE non ha ricevuto risposta e sono sicuro che il DAP, nemmeno oggi potrebbe rispondere, per il semplice fatto che quelle risposte NON LE CONOSCE!

Queste sono domande che gli stessi dirigenti, direttori, contabili e ragionieri del DAP si sarebbero già dovuti porre da soli e si sarebbero dovuti rispondere in poco tempo. Altrimenti come si fa a programmare l’acquisto di decine di singole voci di vestiario ed equipaggiamento, moltiplicati per le migliaia di persone della Polizia Penitenziaria (uomini e donne), distribuiti per tutta l’Italia, suddivisi per taglia, moltiplicati per le varie fogge che si sono avvicendate nel corso degli anni, al netto dei capi di vestiario soggetti ad usura e che devono essere sostituiti, ognuno con un proprio specifico tempo minimo di utilizzo stabilito da Decreto? Come si fa?

Non si fa e infatti il DAP non fa. Non è in grado di fare certi calcoli. Certo, un’applicazione informatica che svolgesse questi calcoli al posto dei poveri contabili del DAP sarebbe utile, ma non è indispensabile. Ci sono precise responsabilità individuali di persone che questi calcoli dovevano comunque svolgerli con carta e penna e altrettante precise responsabilità individuali che avrebbero dovuto controllare che certi calcoli venissero eseguiti, per non trovarsi nella situazione odierna in cui i magazzini vestiario dell’Amministrazione penitenziaria traboccano di capi di taglie troppo piccole o troppo grandi e sono “deficienti” delle tagli necessarie... il che comporta uno spreco di denaro pubblico e una sostanziale inefficienza della pubblica amministrazione, come evidenziato dalla figura seguente:

 

Sprechi e inefficienze del DAP sull'acquisto del vestiario

Allo spreco di denaro derivante dal fatto di aver acquistato dei capi di vestiario inutile con delle taglie troppo piccole e troppo grandi perché non si conoscono le taglie dei propri dipendenti, vanno aggiunti i costi di inutile stoccaggio, i costi di inutile trasporto/distribuzione nei vari PRAP e Istituti penitenziari, i costi delle ore di lavoro perse inutilmente dal personale nella vana ricerca della taglia di vestiario necessaria e nelle ore di inutile attività di baratto con il proprio magazziniere di riferimento.

Costi che sarebbe ora si iniziassero a far pagare alle persone fisiche responsabili di questo scempio e non scaricate alla solita voce di spesa pubblica, perché sono sprechi facilmente evitabili e nella prossima puntata vedremo come.

(Continua...)

 

Prima puntata: Hai un problema con il vestiario? Il problema non ti sarà risolto, ecco perché

Seconda puntata: Problemi del vestiario: cronistoria dell'applicazione informatica del SADAV

Terza puntata: Soldi buttati al SADAV: che inizino a pagare i responsabili


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 7


ho letto tutto.....è l'unica cosa che mi viene da dire è: .... è vergognoso ! mandiamoli via...è che nasca una vera direzione generale della Polizia p! sperando che cambi qualcosa...................

Di  peppe  (inviato il 10/08/2012 @ 08:52:36)


n. 6


ma il cambio delle camicie bianche e delle cravatte blu'in quale anno avverrà, qualcuno sa? come al solito tutti sanno e nessuno conferma , qualcuno dice sono stato al nord e già c'e'l hanno , altri no hanno dato solo gli scalda collo, e lo zuccotto , ma la verità qual'è. se qualcuno informato puo' dare una risposta esaustiva ne sarei/saremmo tutti grati.
ass.c.di periferia

Di  Anonimo  (inviato il 07/03/2012 @ 19:12:23)


n. 5


come avevo annunciato" solo il mitico dott Capece e i suoi collaboratori si interessano ". ho letto la lettera di sollecito per chiarimenti sul vestiario , grazie .
ass.c. di periferia

Di  Anonimo  (inviato il 08/12/2011 @ 13:07:01)


n. 4


speriamo che il nostro mitico Dott.Capece e i suoi collaboratori "unici che si interessano " si facciano sentire in merito a quanto detto da marcello .
ass.c.

Di  Anonimo  (inviato il 05/12/2011 @ 14:14:47)


n. 3


ma le camiice bianche e le cravatte blu che ci hanno distribuito. . . visto che le azzurre non le consegnano più . . . . quando le indossiamo tra venti anni? che Amministrazione veloce!ho visto colleghi che con le camice celesti vecchie di cinque anni, il colletto per l'usura è diventato bianco. . . così come devono essere . . . forza quando ci vuole a fare due righe di circolare per autorizzare il loro impiego.ciao

Di  marcello  (inviato il 04/12/2011 @ 21:16:34)


n. 2


A mio avviso i problemi di attagliamento del personale si possono riassumere in due precisi elementi. Per il primo mi chiedo se tutti noi siamo o no passati per le scuole di formazione nel momento in cui ci siamo arruolati?? Abbiamo o no lasciato le nostre misure al collega del magazzino della scuola?? Che fine hanno fatto quelle misure?? Mentre il secondo, come anche sottinteso nell'articolo si puo' evidenziare nel fatto che molte delle taglie cosidette medie prima ancora di finire il percorso negli istituti si è già perso per la strada...

Di  Rico  (inviato il 04/12/2011 @ 10:12:26)


n. 1


capitò alcuni mesi orsono che una ragioniera brillante e capsiosamente inconcludente scrisse su una bolla non ritirata " il personale si rifiuta di ritirare il vestiario già pronto per il ritiro" e fin qui sarebbe regolare se non per il fatto che il opersonale non aveva ritirato gli effetti di vestiario perchè fuori taglia ma non di poco vediamo una tg 17 per le camicie loro avevano preparato una 18 e mezzo scarpe 42 loro avevano proposto un 46 e così via per non parlare delle esigue quantità e/o vecchie forniture ma allora se devo approntare una sicura modifica dal sarto per le divise se poi le scarpe devo usare le normali scarpe civili a che pro ritirare capi che secondo loro avrebbero cambiato successsivamente, perchè non averli giusti subito che politica gestionale è questa abbiamo pieni gli armadi di vestiasrio fuori misura e da dover cambiare, e ancora oggi ci sentiamo dire non abbiamo le taglie quando si potranno avere le taglie giuste e le nuove e correnti forniture ????????????????' sarebbe semplice come dite voi una attenta analisi delle esigenze e contratti mirati al soddisfacimento delle taglie più utilizzate e richieste e si che se gestissero un loro esercizio commerciale analizzerebbero meglio ordianando più 42 che 46 e tg 50/52 che 58/60 sarebbe troppo semplice e magari troppo utile no??????? mediate gente, mediate a il mondo è pieno di merceologi ed economisti vero?????????????

Di  nando  (inviato il 06/08/2010 @ 09:42:01)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.94.5


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione