Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Sorveglianza a vista del detenuto: personale di Polizia Penitenziaria o personale dell’area sanitaria?


Polizia Penitenziaria - Sorveglianza a vista del detenuto: personale di Polizia Penitenziaria o personale dell’area sanitaria?

Notizia del 30/03/2014

in Accadde al penitenziario

(Letto 8306 volte)

Scritto da: Rita Argento

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il regime della sorveglianza a vista, se pur non quotidiano, si presenta oggi come una delle tante realtà che riguardano il sistema penitenziario.
Nello specifico, il detenuto che mostra uno stato psichico alterato con evidente tendenza all’autolesionismo e/o con istinto suicida, viene sottoposto dal Sanitario competente a regime di sorveglianza a vista.
Il ristretto viene ubicato, di norma, presso il reparto di primo ingresso e/o reparto di infermeria, all’interno di una camera detentiva singola sprovvista, a sua volta, di tutti gli oggetti che potrebbero rivelarsi pericolosi, dato lo stato psichico problematico, garantendo comunque una quanto più dignitosa sistemazione.
In tutto questo, il poliziotto penitenziario svolge come sempre uno dei compiti di elevata delicatezza, poiché viene adibito nell’adempimento di un rigorosissimo controllo del sorvegliato a vista, 24 ore su 24 ore, posizionandosi davanti la cella. Si ribadisce come tale compito sia particolarmente importante e occorre ricordare che in caso di suicidio del detenuto durante il regime di sorveglianza a vista il poliziotto penitenziario, laddove venissero ad emergere delle lacune durante il servizio svolto, potrebbe essere sottoposto a processo per omicidio colposo.
Ad oggi, certo, sia l’Area Sanitaria che quella Educativa sono presenti costantemente nella quotidianità del detenuto in regime di sorveglianza a vista, ma è pur vero che 24 ore su 24 ore davanti la camera detentiva c’è comunque la Polizia Penitenziaria …
La circolare del 25 novembre 2011 intitolata “Modalità di esecuzione della pena. Un nuovo modello di trattamento che comprenda sicurezza, accoglienza e rieducazione” ribadisce l’importanza di applicare una vera e propria attività di sostegno da parte di uno staff multidisciplinare, composto da operatori penitenziari e operatori sanitari, al fine di incentivare e far integrare quanto più possibile il detenuto che al momento si ritrova in una condizione di forte disagio psichico, con evidente istinto autolesionista e suicida.
Anche perché, sempre la circolare in esame è intervenuta proprio con lo scopo di sottolineare come il regime di sorveglianza a vista non deve essere un ricorso ad una limitazione di spazi oppure rivolto soltanto ad evitare eventuali gesti autolesionistici del detenuto, bensì andare ben oltre! Si è, infatti, in presenza di una forte esigenza sanitaria e trattamentale per un sostegno a 360° volto ad una integrazione del contesto detentivo.
Inoltre, la stessa circolare n. 3649/ 6099 del 18 luglio 2013 intitolata, “Linee di indirizzo per la riduzione del rischio autolesivo e suicidario dei detenuti” in virtù di quanto approvato dalla Conferenza Unificata Stato Regione (in G.U. n° 34 del 10 febbraio 2012), focalizza l’attenzione in tema sia della prevenzione che in ambito d’intervento terapeutico, ribadendo appunto l’inserimento del ristretto sorvegliato a vista in un ampio processo trattamentale che deve impegnare tutte le aree, ma di cui sono titolari e responsabili l’Area Educativa e/o Sanitaria, non la Polizia Penitenziaria, chiamata a collaborare e non già ad assumere oneri per fatti che esulano dalla sua specifica competenza professionale.
A tal punto, diventa quasi spontaneo chiedersi :
“SORVEGLIANZA A VISTA DEL DETENUTO: PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA O PERSONALE DELL’AREA SANITARIA?”



 


Scritto da: Rita Argento
(Leggi tutti gli articoli di Rita Argento)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Al 90 per cento dei casi non serve a niente in solitudine soffrono di piu

Di  Anonimo  (inviato il 01/04/2014 @ 22:31:47)


n. 3


la colpa del custode non deve esistere, penso solo ai nostri colleghi che si sono tolti la vita nell'indifferenza generale. Chi ha vigilato su di loro? Chi ha pagato per loro? Forse qualche dirigente è imputabile di omicidio colposo. L'ipocrisia del nostro sistema punisce l'agente che non sventa un suicidio, ma permette che gli O.P.G., ad esempio, versino nelle condizioni che tutti conosciamo. Politici, Dirigenti, Burocrati siete solo un concentrato di IPOCRISIA.

Di  Anonimo  (inviato il 01/04/2014 @ 22:00:01)


n. 2


Lo staff multidisciplinare per aiutare i detenuti ?? lo fa sempre esclusivamente la Polizia Penitenziaria , per questo diventa pane quotidiano certificare la grande sorveglianza , il sanitario , il medico dell istituto in 4 righe certifica e ordina la G S , e come al solito solo e sempre la POl Pen deve eseguire .

Sei senza personale ? problemi tuoi , stessa cosa dicasi per le traduzioni , a LUCCA ad esempio non solo si distolgono unita dal servizio a turno per le visite ospedaliere , e per la corte d appello , ma addirittura si presta personale per traduzioni a lungo raggio , Sicilia etc .
Speriamo che qualcuno si svegli , e nell incontro a firenze sul modello organizzativo del Ntp , si chiarisca che oltre all organizzazione , bisogna incrementare il personale di nuclei , ovviamente non sottraendoli dal servizio a turno , senno' la sicurezza e il 4 turno continueranno ad essere un miraggio ..
Meditate gente meditate ..

Di  Toscano  (inviato il 30/03/2014 @ 23:47:48)


n. 1


Ma mettere il detenuto in regime di TSO in ospedale?

Di  Anonimo  (inviato il 30/03/2014 @ 20:54:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.3.44


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione