Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Sospensioni per le frasi su facebook: ipocrisia senza eguali


Polizia Penitenziaria - Sospensioni per le frasi su facebook: ipocrisia senza eguali

Notizia del 01/03/2015

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 3442 volte)

Scritto da: Daniele Papi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ritorno sulla questione dei sedici sospesi, perché sono indignato per come è stata gestita dai vertici dell’Amministrazione e dal vertice politico. Ho riscontrato un’ipocrisia che ha non eguali.

Mi sembra di assistere alla pantomima di un elefante che si muove in modo incauto in un negozio di cristalli, si rende conto del danno che esiste e, prova a nascondersi dietro una piantina di fragole.

Questo è stato fatto!

Esiste un dramma quotidiano che si vive negli Istituti penitenziari, sia per chi ci deve soggiornare suo malgrado, sia per chi ci lavora e tutti persistono ad enfatizzare comportamenti deprecabili, ma non guardano in faccia la reale situazione. Allora butto lì la mia ennesima provocazione, so per certo che nessuno avrà il testosterone per raccoglierla, ma lo faccio ugualmente.

Prendendo spunto dalla trasmissione “un Boss in incognito”, consiglio ai nostri vertici politici ed amministrativi, di individuare dei dirigenti e/o funzionari, dei politici, dei giornalisti e degli opinionisti, che chi assumano l’onere di certificare la reale situazione delle nostre carceri. Iniziando dalle precarie condizioni di lavoro che investono tutti i giorni i miei colleghi. Vengano per un congruo numero di giorni a fare le "guardie" in sezione. Che vengano a constatare cosa significa stare in sezione da soli, con 50/60 detenuti "aperti".

Vedere che cosa accade in Istituti dove prendere una “moka” in faccia, rischiare uno sputo condito da sangue infetto è la norma. Assaporare con tutti i sensi la “puzza” della galera, l’aria pesante pregna di tensione, dove una parola di meno o di troppo, rischia di scatenare un inferno. Assistere ad un atto di autolesionismo tipico, quello più consueto, in pratica assistere al detenuto di turno che si infligge ferite che richiederanno decine di punti di sutura, e dover intervenire, senza alcuno strumento di protezione (quelli bravi avrebbero scritto DPI), in barba a tutte le norme che tutelano la salute dei lavoratori, intervenire comunque e sempre pur essendo consapevoli di rischiare un infezione letale, (epatite C, AIDS ecc).

Venite a vedere cosa accade, quando uno o più detenuti, si barricano in cella e danno fuoco alla cella, essere costretti ad intervenire senza alcuna protezione per le fiamme e per il fumo. Venite a vedere, la professionalità degli assistenti sociali e delle associazioni di volontariato, affinché vi possiate rendere conto delle discriminazioni di cui fanno oggetto il personale del Corpo.

Provate ad alzarvi la mattina, consapevoli che state andando ad affrontare l’ennesimo turno di lavoro, consapevoli di avere la certezza che avrete davanti a voi 8 ore di litigi, durante le quali subirete: insulti, sputi, aggressioni fisiche il tutto condito dalla cecità e sordità di una Amministrazione jurassica, che affronta i problemi reali, con l’agilità di un bradipo in coma, mentre per accontentare l’opinione pubblica, si muove agile e scattante come un mamba, colpendo senza scrupoli i propri figli.

Quello che più stride nella vicenda, per la quale, a scanso di ogni equivoco che possa dar adito a strumentalizzazioni, ribadisco che a mio modesto avviso i post pubblicati sono deprecabili, è la totale negazione del diritto alla difesa a quei sedici sciocchi, colpevoli di un peccato veniale.

Quello che più lascia perplessi è, che questa negazione venga da chi per antonomasia deve tutelare il diritto. Il Guardasigilli, ovvero colui appone il visto e il Gran Sigillo dello Stato su tutte le leggi e i decreti firmati dal Presidente della Repubblica e sui Decreti Ministeriali, ne cura la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e l'inserimento nella Raccolta Ufficiale degli atti normativi ed un alto magistrato, che ha ricoperto il delicato incarico di Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello, in pratica, colui che tra le tante funzioni, garantisce il corretto ed uniforme esercizio dell'azione penale ed il rispetto delle norme sul giusto processo.

Quindi, dopo queste due autorevoli prese di posizione, all’unisono si registra la levata di scudi, di politici che sono sulla scena da decenni, ed hanno contribuito allo sfacelo attuale, tipo l’On.le Bindi, oppure sei costretto a leggere comunicati farneticanti di associazioni di questa o quella categoria, che conoscono il carcere valutandone le condizioni a senso unico, esclusivamente dalla parte del reo, mai valutato dalla parte di chi prova, con pochi mezzi ed ormai anche poca voglia a far rispettare la legalità.

Rosy Bindi plaude ai povvedimenti di spspensione degli Agenti Penitenziari: anche la Commissione parlamentare antimafia interviene nella vicenda 

Ordine nazionale degli Assistenti Sociali: "bene pugno di ferro del Ministro Orlando, non guardare in faccia a nessuno"

Questo, che cosa ha determinato? Sedici padri di famiglia, sono stati sospesi dal servizio, è percepiranno il 50% del trattamento economico, al netto delle voci accessorie. Tutto questo, nel Paese padre del “diritto” dove a costoro è stato negato ogni diritto alla difesa e qualsivoglia attenuante, anche generica.

Di contro, dobbiamo assistere ad un innumerevole numero di condannati ed indagati che votano in parlamento le leggi penali dello Stato (sic), di condannati che continuano a percepire vitalizi e, nonostante tutto, continuiamo a leggere nei tribunali la frase “la Legge è uguale per tutti”.

Per farvi comprendere di cosa parlo, scorrete questa lista, tutte persone che percepiscono per intero lo “stipendio” da parlamentare: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/30/cento-parlamentari-condannati-imputati-indagati-o-prescritti/368539/

Rinnovo il concetto, per confezionare pubblicità a proprio favore, non è poi difficile insinuarsi nelle crepe che inevitabilmente si creano in qualsiasi sistema, basta sapere come sfruttarle a proprio vantaggio.

Detto questo, vi invio i miei più sinceri ringraziamenti, mi state insegnando come fare campagna elettorale, pubblicità sfruttando gli eventi e volgere a proprio favore anche un Evento negativo.

Insomma, un master gratuito, non capita tutti i giorni e, sarebbe imperdonabile non sfruttarne le potenzialità.

Sedici colleghi sospesi: caccia alle streghe o caccia di facili consensi?

 


Scritto da: Daniele Papi
(Leggi tutti gli articoli di Daniele Papi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria
Biella, agente di Polizia Penitenziaria Aggredito da un Detenuto
Evasione da Sollicciano: due dei tre evasi erano stati arrestati qualche giorno prima
Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


Attendiamo provvedimenti disciplinari per i detenuti che hanno aggredito i nostri colleghi a Cremona....
Scusate... dimenticavo che le reazioni a questi eventi critici sono paragonabili a quelle di un bradipo in coma...

Di  PASQUINO  (inviato il 17/03/2015 @ 08:56:25)


n. 7


Attendiamo provvedimenti esemplari..
http://www.lavocedeltrentino.it/index.php/breaking-news-trentino/18910-aggredisce-agente-inneggiando-alla-jihad-stiamo-arrivando-e-vi-bruceremo-tutti-vivi

Di  PASQUINO  (inviato il 03/03/2015 @ 02:23:15)


n. 6


Questi se pensano d'esse ritornati al ventennio.
Una punizione esemplare serve a risolvere il problema ... puniscine uno per educarne cento. O meglio, puniscine sedici per educarne milleseicento.
Magari se facevano meglio i calcoli ne potevano punì tremilaottocento !!!!

Di  Marione  (inviato il 02/03/2015 @ 10:38:55)


n. 5


Non condivido ciò che è stato scritto su fb dai colleghi,non condivido neanche la decisione del Dap sulla sospensione.Non condivido e non ci sto,da come siamo trattati dallo Stato, sempre più assente per la polizia Penitenziaria.

Di  Frank  (inviato il 02/03/2015 @ 10:34:29)


n. 4


le OO.SS. in tutto questo hanno anch'esse delle responsabilità. Voi direte perchè. Per troppo tempo si sono tollerati comportamenti di taluni dirigenti che in tutti questi anni hanno calpestato i diritti fondamentali del lavoratore. Vi invito a leggere l'A.Q.N. della polizia di stato, vi faccio solo un esempio: tra un turno di servizio e l'altro devono essere garantite almeno 11 ore di riposo. Noi ci accontentiamo delle misere otto ore. Si quelle maledette otto ore che ti costringono a tornare al lavoro dopo un lasso di tempo talmente ridicolo che non ti accorgi di esserti "riposato" Abbiamo tollerato ritardi nel pagamento delle missioni, dello straordinario. Abbiamo tollerato e tolleriamo la mancata fruizione dei riposi settimanali, del congedo ordinario. Potrei continuare all'infinito. Chiedo al sappe, unico barlume di speranza, di non tollerare più, chiedo al sappe di avere la stessa determinazione che il capo del DAP a dimostrato nei confronti di nostri 16 fratelli. chiedo al sappe di produrre un dossier sulle condizioni lavorative del personale di polizia penitenziaria ed inviarlo alla corte di giustizia europea, non prima di aver denunciato l'amministrazione per trattamento disumano a danno dei suoi lavoratori. Per ultimo, un nostro giovane collega mio carissimo amico lotta contro un tumore alla vescica il medico gli ha detto che queste forme tumorali si sviluppano nei soggetti bevitori e lui non beve, nelle persone che sono in contatto con solventi e lui non lo è, nelle persone esposte al fumo passivo. Lui non ha mai fumato ma lavora in sezione da 25 anni. Protestiamo, pacificamente ma protestiamo.

Di  Anonimo  (inviato il 01/03/2015 @ 20:59:00)


n. 3


L'invito a verificare quanto accade nel quotidiano nelle sezioni detentive ,, credo sia giusto estenderlo a tutti i sindacalisti che da anni ormai non indossano una divisa ,,, che si trincerano dietro un interminabile distacco sindacale ,, e che rappresentano tali problemi senza viverli,,,propongo che nelle convocazioni dipartimentali intervengano gli agenti che lavorano in sezione ,,, cosa ne pensate??

Di  Rocco  (inviato il 01/03/2015 @ 19:03:09)


n. 2


@dantibes: non mi pare che il SAPPE abbia la pretesa di essere "autosufficiente", ma il fatto è che gli altri cosiddetti "sindacati", quando c'è da difendere i colleghi, si girano tutti dall'altra parte o al massimo fanno finta di niente. Il caso Cucchi ti dice qualcosa? Gli altri si candidano alle elezioni pure con la sorella... che ponti vuoi lanciare?

Di  Anonimo  (inviato il 01/03/2015 @ 17:08:37)


n. 1


E la pretesa autosufficienza del sindacato "maggiormente rappresentativo" che non ha necessità di sinergie con le altre Aree? l'adesione al Ministero degli interni come sufficienza per risolvere qualsiasi problema e panacea verso qualsivoglia problematica. Occorre prendere atto che è opportuno costruire "ponti" anzicchè beneficiare di un imminente ma miope adeguamento economico-retributivo in considerazione del numero "quantitativo" delle tessere....

Di  dantibes  (inviato il 01/03/2015 @ 14:08:48)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.176.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

9 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

8 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione