Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Suicidi nell’indifferenza


Polizia Penitenziaria - Suicidi nell’indifferenza

Notizia del 12/08/2016

in I Mulini a Vento

(Letto 3902 volte)

Scritto da: Miguel Cervantes

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ho provato una grande pena per le quattro persone sterminate dall’assistente  Luciano Pezzella a Trentola Ducenta, alcuni mesi fa.  In quel caso l’opinione pubblica, che ha la capacità di semplificare senza andare a fondo nei problemi, commentò: "Le guardie carcerarie? Sono tutti pazzi!" – oppure – "Io l’ho sempre detto che i secondini sunnu scattiati di ciriveddu!"

Inevitabilmente, l’opinione pubblica, la gente comune, associò il terribile gesto al lavoro dell’ex collega Pezzella.

Fatta questa breve premessa, l’opinione pubblica, la gente comune (sempre gli stessi che commentano nei bar), nel caso di colleghi suicidi, associano il suicidio ad una condizione di disagio ascrivibile al logorìo, al burnout, derivante dal nostro lavoro.

Perché invece i nostri vertici tendono a minimizzare e a far confluire le ragioni di un suicidio sempre nel problema personale, nei problemi familiari, nei problemi di salute del povero collega che ha fatto questa triste scelta? Certo associare il gesto del suicidio a presunti problemi familiari toglie un bel po’ di problemi di coscienza a chi dovrebbe essere preposto alla nostra gestione, al nostro benessere, ma che in dieci anni, in cui si sono tolti la vita oltre cento agenti di P.P., un Provveditore, una Direttrice, altro non hanno saputo partorire che un numero verde al quale esporre i propri disagi.

Provo una grandissima pena per questo Corpo di Polizia così bistrattato e ormai inesorabilmente  abbandonato a  se stesso; in balia delle aggressioni quotidiane di detenuti pazzi. Con la certezza che lassù (a Roma) nessuno ti pensa.

Mentre la cronaca continua a tingersi di sangue con i continui suicidi di colleghi che si uccidono in mezzo all’indifferenza generale, nessuno è capace di partorire dei provvedimenti seri che possano ridare speranza o un po’ di benessere agli appartenenti alla Polizia Penitenziaria.

Mi chiedo: come mai questo altissimo tasso di suicidi  tra gli appartenenti alle forze dell’ordine ed in particolare alla Polizia Penitenziaria, mentre tra i POLITICI il tasso dei suicidi è veramente risibile e riservato solo a qualche sporadico caso di politico sorpreso con le mani nella marmellata e che per la vergogna ha deciso di farla finita? Cosa ha fatto la politica o i politici per noi negli ultimi anni in tema di benessere? Almeno i nostri vertici dipartimentali qualcosa l’hanno fatta: un numero verde che mai nessuno chiamerà e una continua richiesta di dati statistici sul benessere del personale con domande del tipo "è presente il campo di calcio nell’Istituto?"  (e magari l’età media degli agenti in quell’Istituto è di 55 anni ...) oppure "è presente la biblioteca?" , dimenticando che ormai non legge più nessuno né tantomeno chi è stressato dopo otto nove ore di lavoro e non vede l’ora di tornarsene a casa …

Assenza di visite mediche psicologiche periodiche, assenza di uno psicologo in carcere che possa ricevere gli sfoghi dei colleghi, assenza di provvedimenti seri e concreti volti ad arginare il fenomeno dei suicidi, ma anche il fenomeno diffuso (di cui nessuno osa parlare) del gioco ossessivo compulsivo, il fenomeno dei colleghi – padri separati che non riescono più a vivere per colpa di provvedimenti giudiziari che sbranano gli stipendi riducendoli a poca cosa, fa sì che alcune patologie, magari latenti, o la rabbia accumulata a causa di tanti fattori, tra i quali anche il tipo di servizio e gli orari non graditi (vissuti come un’angheria), esplodano quando meno ce l’aspettiamo, accendendo nuovamente i riflettori su un Corpo di Polizia Penitenziaria martoriato, afflitto da mille problemi, quotidianamente umiliato e aggredito fisicamente in carcere.

Perché tutti minimizzano in caso di suicidio sulla natura del nostro lavoro?  E’ stata mai fatta una indagine seria per capire se il nostro lavoro amplifica i  problemi di natura personale?

Peraltro non voglio fare confronti con altre categorie di persone o lavoratori ma una cosa la voglio dire: perché si scatena il finimondo di fronte al suicidio di un detenuto, mentre quello di un poliziotto penitenziario lascia tutti indifferenti?

 


Scritto da: Miguel Cervantes
(Leggi tutti gli articoli di Miguel Cervantes)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Ferlito va in albergo per un congresso. Uccise Luigi mio amico nonché collega. Se il DAP autorizzerà queste richieste farò in modo di andarmene via prima possibile accellerando l'uscita dal corpo.
Informate immediatamente la famiglia di Luigi Bodenza. Sono curioso di sapere cosa ne pensano. Solo per aver detto che ci ragioneranno e non avere detto un secco NO, mi fa venire la nausea.
"Nessuno tocchi i nostri morti".
Ho una rabbia indescrivibile

Di  Alfio  (inviato il 17/08/2016 @ 08:17:26)


n. 5


E' uno schifo totale, il prossimo anno sarà il duecentesimo annuale del corpo voglio vedere chi festeggerà, con quale coraggio, e' giunto il momento di fare un bel funerale con lo scioglimento del corpo, facciamola finita. Una cosa importante aiutiamo le famiglie dei poveri colleghi solo noi lo possiamo fare un saluto a tutti e condoglianze

Di  Anonimo  (inviato il 14/08/2016 @ 22:52:30)


n. 4


Condivido con altri ed è da anni che se ne parla sull'introduzione della figura dello psicologo. Sono sicuro dopo quello che ho visto e vivo da 25 anni che nulla si farà. Queste ultime famiglie che hanno perso il loro caro, possono stare serene che non restano da sole, poiché questa mattanza continuerà. Io ringrazio chi dovrebbe aver cura di questo corpo di polizia e mi rivolgo ai dirigenti...

Di  FRANCESCO CHIUCHIOLO  (inviato il 13/08/2016 @ 18:07:09)


n. 3


"lunedi 12 agosto il settimo caso dall'inizio del 2013, ma nessuno ne parla" è la denuncia dei sindacalisti del Sappe.

Sono trascorsi TRE ANNI ed un giorno.
Nulla da aggiungere.
Passo e chiudo

Di  Vania  (inviato il 13/08/2016 @ 09:05:58)


n. 2


io vorrei sapere quando finisce questa carneficina

Di  SOVR.C. COL . A RIP.DI MATTEO GIOVANNI  (inviato il 12/08/2016 @ 14:09:22)


n. 1


C'è solo un modo per ridurre il rischio suicidario, introdurre i funzionari del corpo psicologi...
Da sempre utilizzano tali professionalità in tutti i corpi del mondo!
Altro che numeri verdi...ma a chi lo raccontiamo...poveri noi in divisa!

Di  Gianni  (inviato il 12/08/2016 @ 13:02:12)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.3.44


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione