Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Sulle presunte morti 'sospette' in carcere e sul ruolo della Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Sulle presunte morti 'sospette' in carcere e sul ruolo della Polizia Penitenziaria

Notizia del 22/12/2009

in Ironside

(Letto 2649 volte)

Scritto da: Ironside

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La notizia, importante, è passata quasi inosservata sui media italiani.

E' morto per un tumore al cervello il detenuto nigeriano testimone del presunto pestaggio di un altro detenuto avvenuto nel carcere di Teramo.
Nessuna morte sospetta, dunque, come non è sospetta quella di Aldo Bianzino, avvenuta nel carcere di Perugia nell’ottobre 2007. "Cause naturali in seguito ad aneurisma", ha infatti accertato l’autopsia.
 
Qualche riflessione è necessaria.
 
E' importante per il Paese conoscere il lavoro svolto dai poliziotti penitenziari, è importante che la Società riconosca e sostenga l'attività risocializzante della Polizia Penitenziaria e ne comprenda i sacrifici sostenuti per svolgere tale attività, garantendo al contempo la sicurezza all'interno e all'esterno degli Istituti.
 
Il nostro Corpo è costituito da persone che nonostante l’insostenibile, pericoloso e stressante sovraffollamento credono nel proprio lavoro, che hanno valori radicati e un forte senso d’identità e d’orgoglio.
Per questo continuano a pervenirci lamentele per la mancata tutela e la non adeguata promozione dell'immagine della Polizia Penitenziaria presso l'opinione pubblica.
Raccoglietelo questo disagio: è quello di chi lavora ogni giorno, nel silenzio e tra mille difficoltà ma con professionalità, umanità, competenza e passione nel dramma delle sezioni detentive italiane.
Ci ripugna leggere e sentire di morti “sospette” nelle carceri italiane perché questo vuole dire rappresentare i penitenziari italiani come luoghi fuori dalle regole della democrazia e delle leggi in cui accade “di tutto, di più”. Così non è!
 
Ribadiamo ancora una volta che proprio noi, che rappresentiamo il primo e più rappresentativo Sindacato della Polizia Penitenziaria, siamo i primi a chiedere che il carcere sia una casa di vetro, perché non abbiamo nulla da nascondere.
 
Non è accettabile il gioco al massacro all’onorabilità della Polizia penitenziaria e dei suoi appartenenti che va in scena da ormai molte settimane.
La Legge 395 del 1990 istituisce il Corpo di Polizia Penitenziaria il quale eredita gli uomini del Corpo degli Agenti di Custodia e le donne Vigilatrici penitenziarie.
La Polizia Penitenziaria in quegli anni non eredita solo le persone con il loro bagaglio professionale e culturale, ma anche l'immagine di un mondo, quello penitenziario, che l'opinione pubblica interpreta attraverso stereotipi di vecchia data, generati perlopiù da quell'alone di mistero e riservatezza di cui un carcere, per sua natura è circondato.
 
Oggi possiamo affermare che la Polizia Penitenziaria è sulla strada della completa attuazione di quel processo di riforma iniziato negli anni '70, ma mancano precisi e fondamentali tasselli per raggiungere il risultato finale.
 
Noi riteniamo che uno di questi imprescindibili passaggi sia proprio quello di dare piena visibilità del lavoro svolto dalla Polizia Penitenziaria, attraverso tutti i canali mediatici di cui la nostra democrazia dispone.
E' importante per il Paese conoscere il lavoro svolto dai nostri colleghi, è importante che la Società riconosca e sostenga l'attività risocializzante della Polizia Penitenziaria e ne comprenda i sacrifici sostenuti per svolgere tale attività, garantendo al contempo la sicurezza all'interno e all'esterno degli Istituti.
 
Il nostro Corpo è costituito da persone che credono nel proprio lavoro, che hanno valori radicati e un forte senso d’identità e d’orgoglio.
 
Tutto questo non può però essere messo mediaticamente in evidenza sempre e solo dal Sindacato…

Scritto da: Ironside
(Leggi tutti gli articoli di Ironside)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Per ottenere tutto questo è necessario che tutti noi, nessuno escluso, ci impegnamo a migliorare l'immagine del nostro Corpo. E questo possiamo farlo soltanto dimostrando quanto valgono i poliziotti penitenziari, tutti uniti e senza contrapposizioni.
Certamente il sistema giusto non è quello che sta adottando qualche sindacalista che si è messo a rimorchio di Pannella e dei radicali...
Non abbiamo niente da spartire con quelle persone che ogni giorno ci attaccano sui giornali addossandoci la responsabilità di tutto quello che succede in galera.
Io non me li sono dimenticati i radicali quando stavano coi cartelli fuori dal carcere e ci gridavano gli slogan contro.

Di  marione  (inviato il 22/12/2009 @ 19:06:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.80.147


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione