Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Tamburino: un Capo del Dap “Illuminato” (ma con le vecchie lampadine ad incandescenza)


Polizia Penitenziaria - Tamburino: un Capo del Dap “Illuminato” (ma con le vecchie lampadine ad incandescenza)

Notizia del 13/06/2012

in Accadde al penitenziario

(Letto 3181 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Più di una volta mi è capitato di imbattermi in qualcuno che ritiene di essere “Illuminato” e, quindi, depositario della “Verità Assoluta”.

Incontrando queste persone ho sempre tenuto presente quello che diceva  Winston Churcill sull’argomento:  “... spesso l’uomo inciampa nella verità, ma il più delle volte si rialza, la scavalca e continua per la sua strada.”
 
Per la legge del contrappasso, dopo un Capo Dap che si proclamava Capo della Polizia Penitenziaria ed è arrivato ad indossare l’uniforme del Corpo, oggi abbiamo un Capo Dap laico con una concezione trattamentale della pena ed una visione “detenutocentrica” dell’esecuzione penale.
 
Questo Capo Dap, “ottimista e di sinistra”, forse incalzato dalla consapevolezza di non avere tanto tempo a disposizione (nella migliore delle ipotesi lascerà l’incarico fra una decina di mesi), ha subito cercato di dare un’imprintig alla propria direzione dell’amministrazione penitenziaria.
E l’ha fatto nel modo migliore/peggiore (dipende dai punti di vista): via la Polizia Penitenziaria dalle sezioni detentive, smembramento dell’area sicurezza, patti “do ut des” con i detenuti.
 
Una volta, Einstein per spiegare la relatività nel modo più semplice possibile, usò una metafora non proprio elegante ma sicuramente molto, molto efficace: “... la durata di un minuto dipende da quale lato della porta del bagno ci si trova.”
Riprendendo, altrettanto poco elegantemente, la metafora: in questo momento il Pres. Tamburino si trova comodamente seduto sulla tazza del cesso mentre noi della Polizia Penitenziaria siamo davanti alla porta chiusa del bagno con le mani sulla pancia ed una colica intestinale in corso...
Voltaire in Candido e l’ottimismo ci raccontava che “... tutto va bene nel migliore dei mondi possibile.”  e, infatti, va tutto bene nel mondo virtuale del Pres. Tamburino.
 
Peccato, poi, che nel mondo reale ci stiamo noi della Polizia Penitenziaria e in questo mondo non esistono detenuti “coscienziosi e responsabili” come li immagina il Capo dap nella sua Iperurania.
Il Presidente Tamburino agisce come se le carceri fossero nella città di Utopìa, noi sappiamo invece di essere nella città di Distopìa.
 
Nel distopico mondo penitenziario ci sono gli extracomunitari, i tossicodipendenti, gli spacciatori, i sex offender, i mafiosi, i terroristi, i rapinatori e gli assassini.
 
Probabilmente sarebbe opportuna una attenta riflessione sulla politica di gestione del Dap, magari anche attraverso un confronto con le organizzazioni sindacali, di tal che il Pres. Tamburino possa prendere coscienza della reale situazione delle carceri.
Le Organizzazioni Sindacali, ad esempio, gli potrebbero suggerire, piuttosto, una differenziazione dei circuiti penitenziari, un massiccio incremento del lavoro intra ed extra moenia, un maggior ricorso alle misure alternative alla detenzione e, infine, l’introduzione della tecnologia negli istituti.
Invece, proprio come temevamo, il Pres. Tamburino non ascolta affatto chi nel carcere ci lavora 24 ore al giorno, ma presta orecchio soltanto a chi il carcere lo guarda da fuori e soltanto lo sfiora.
 
Egli sembra quasi disprezzare chi lavora nell’amministrazione penitenziaria tanto da arrivare a definire inutili le riunioni con i propri collaboratori “dove la conclusione è quella dell’inizio della riunione ...”
Probabilmente è anche vero, tanto che noi abbiamo iniziato col dire che il Pres. Tamburino non era adatto a fare il Capo del Dap e concludiamo dicendo che il Pres. Tamburino non è adatto a fare il Capo del Dap.
 
La conferma di questa nostra convinzione sta proprio in quello che ha detto e che ha fatto Tamburino in questi primi mesi laddove se è vero, come è vero, quel che lui stesso ha dichiarato, cioè che “quando sono arrivato ho trovato una situazione di difficoltà ...” il nostro timore è che quando andrà via potrebbe lasciare una situazione ancor più disastrata, tanto da dover far pensare a Bertolaso come suo probabile successore.
 
Insomma, il Pres. Giovanni Tamburino sarà pure un magistrato illuminato ma, per quello che ci ha fatto vedere fino ad ora, è rimasto ancora alle vecchie lampadine ad incandescenza ...
 

Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Non c'e peggior cieco di chi non vuol vedere e peggior sordo di chi non vuol sentire||||
Ai Posteri l'ardua sentenza....

Di  vito  (inviato il 15/06/2012 @ 21:16:29)


n. 4


Un vecchio saggio cinese recitava più o meno cosi:"stai zitto e lascia che gli altri pensino che non hai nulla da dire invece di metterti a parlare e dargliene conferma...". Tale saggio ben si concilia con le "illuminate" dichiarazione di talune persone deputate a impartire direttive.Davanti a un problema ci sono due vie:o lo si affronta e lo si risolve(che è l'opzione più difficile) oppure ci si mette da parte aspettando che altri lo facciano al proprio posto facendo finta però di essere in prima linea nel combatterlo.La seconda opzione, manco a dirlo è sempre stata tanto cara dalle parti di Roma, la prima giocoforza è costretto ad attuarla chi a Roma ci può andare solo in gita a sue spese. Un altro saggio molto attuale, è quello che diffida chi non è gay, a dichiararsi tale mettendo a disposizione l'altrui deretano. Ecco il quel di Roma a tanti , presi da tutt'altre faccende, sfugge talvolta la realtà delle cose, quella vera, e ci si lascia prendere la mano da goliardate degne di chi non percepisce centinaia di migliaia di euro all'anno.Cioè da chi è pagato per eseguire , le menti eccelse che pensano sono altre.

Di  cairo74°  (inviato il 15/06/2012 @ 18:37:23)


n. 3


AL DAP NON SANNO COSA VUOL DIRE VIVERE IL CARCERE.....
Il problema reale è che questi Signoroni da 500 mila euro l'anno il capo, e un pochino meno i sottoposti, un carcere non l' hanno mai visto ma si sperticano a fare Disposizioni su Disposizioni, chiaramente tutto a sfavore della Pol.Pen.
Le più belle sono la Sorveglianza dinamica(fra poco avremo le biciclette per le sezioni) i patti (detenuti-DAP) che non sono quelli lateranensi, grande sorveglianza, e studiata bene anche questa, grandissima sorveglianza.Praticamente ci hanno detto, se succede qualcosa al buon detenuto perchè è depresso, pazzo. ecc sono cazç@] tuoi, e loro si sono scaricati il pensiero.E il povero Agente che sta in una sezione con una sediola e un banchetto di quelli scolastici, chiaramente al freddo d'inverno, non può far altro che camminare ininterrottamente. Ma al povero cristo chi ci pensa????? Per i super vertici lui è pagato (e meno male), con la crisi che c'è, fuori farebbero la fila per prendere il suo posto (ma dove) e che saranno mai 8 a volte 16 ore in sezione, pensa che culo domani forse sei smontate, ma doppiamente fortunato se vieni, dico 8 ore di straordinario, che sfacciati questi poliziotti.E in otto ore, ti si taglia il detenuto perchè nessun educatore lo chiama a colloquio, o perchè non ci sono fondi sul capitolo dei sussidi, anni fa si tranquillizzavano molti detenuti con un pacchetto di sigarette, o perchè non hanno i soldi per telefonare a casa, e il povero Agente si arrampica sugli specchi per contenere l'incontenibile.E i grandi vertici sono nei loro uffici con il cul@[]#[ posato sulle loro poltrone, e quando sono fuori sulle loro jaguar. Questi signori che si mettono la nostra divisa, pensano che noi giochiamo tutti i giorni, ma dentro di noi ogni giorno si spegno un po di entusiasmo, siamo in una barca che nessuno riesce a governare, e che va avanti per inerzia. Ma fino a quando questo sarà possibile.......................Mario64


Di  mario64  (inviato il 14/06/2012 @ 15:23:32)


n. 2


CONSIGLIEREI AI VERTICI DEL DAP DI GUARDARE ALLE 23:45 TUTTE LE SERE SU DMAX UN PROGRAMMA CHE FA VEDERE COME SI FANNO RISPETTARE LE PENE INFLITTE DALLA GIUSTIZIA NEGLI USA.... NEL RISPETTO DELLE REGOLE MA SOPRATTUTTO NEL RISPETTO DELLA DIGNITA' DEI PROPRI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA....FORSE CHIEDO TROPPO....AL DAP NON SANNO COSA VUOL DIRE VIVERE IL CARCERE.....MA SANNO ESPRIMERE PARERI SULLA VIGILANZA DONAMICA......

Di  GIOVANNI  (inviato il 14/06/2012 @ 12:47:21)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.238.168


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione