Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
TAR Campania: no recupero straordinari per servizio scorta, vanno pagati. Per analogia vale anche per le traduzioni ?


Polizia Penitenziaria - TAR Campania: no recupero straordinari per servizio scorta, vanno pagati. Per analogia vale anche per le traduzioni ?

Notizia del 09/09/2013

in Sappeinforma

(Letto 3929 volte)

Scritto da: Daniele Papi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Non è legittima la decisione dell’Amministrazione, che stabilisce un tetto orario mensile di 40/60 ore, con la conseguenza che le ore di lavoro straordinario in eccesso, fatte oltre tale limite, debbano obbligatoriamente essere messe a recupero.

T.A.R. Campania Napoli, Sez. VI, 31 luglio 2012, n. 3707 N. 03707/2012 REG.SEN. N. 03122/2011 REG.RIC. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta).

Le ore di lavoro straordinario non programmato portate a termine vanno retribuite senza la possibilità di stabilire un tetto massimo, oltre il quale non è possibile procedere alla liquidazione.

 

In tema di servizi di scorta, la remunerazione del lavoro straordinario sfugge alla necessità della preventiva autorizzazione al lavoro, dovendosi ritenere connaturata al particolare tipo di attività richiesta all’opposto, di “scorta e sicurezza”.

Il servizio di scorta (da parte, nel caso di specie, della Polizia di Stato ed estendibile a tutte le altre Forze dell’Ordine), infatti, è attribuito sulla base di un procedimento di rigorosa indagine sulla necessità della stessa “sine die” e, una volta concesso, sfugge ‘ex se’ a qualsivoglia disciplina oraria, dovendo la scorta seguire la persona protetta in tutti i suoi spostamenti di carattere funzionale o privato.

Il servizio scorta, esula quindi dai parametri usuali del lavoro straordinario in quanto tale e, pertanto, ove concessa, rende implicito il pagamento del monte ore effettivamente prestato (v. Sent. nn. 2044, 2046 e 2048 del 2011 di questa Sezione nonché, nello stesso senso, T.A.R. Sicilia Palermo, sez. I, 15 novembre 2010 , n. 14062).

La peculiarità del servizio scorte, impone l’applicazione dell’art. 63 L. n. 121/1981 secondo cui «quando le esigenze lo richiedano gli ufficiali, gli agenti di pubblica sicurezza e il personale che svolge la propria attività nell'ambito dell'Amministrazione della pubblica sicurezza sono tenuti a prestare servizio anche in eccedenza all'orario normale, con diritto a compenso per il lavoro straordinario senza le limitazioni previste dal decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1977, n. 422…».

Chiaro è, quindi, il riferimento della legge alla obbligatorietà della prestazione del servizio in eccedenza e dell'altrettanto inderogabile diritto alla retribuzione: «pertanto non appaiono in alcun modo giustificabili limitazioni del compenso per le ore di straordinario imposte da obiettive esigenze di servizio (aspetto quest'ultimo che è disvelato dalla incontestata esistenza di specifica autorizzazione in sede locale) per motivi di pianificazione "centrale" della spesa e la conseguente dissociazione tra capacità del Dirigente locale ad ordinare la prestazione, ma ai soli fini di servizio e senza conseguenze sul piano contrattuale» (T.A.R. Reggio Calabria sez. I, 25 maggio 2011,n. 445; cfr., anche, T.A.R. Abruzzo Pescara, sez. I, 12 maggio 2010 , n. 313). 3.

Quanto al riposo compensativo, l’art. 15 co. 4 dell’A.N.Q. (Accordo Nazionale Quadro), in base al qual è consentito all’Amministrazione di commutare le ore di straordinario in ore di riposo compensativo, è riferito al solo straordinario programmato e non retribuito; non è, quindi, applicabile allo straordinario svolto nell’ambito del servizio scorte che, per la sua stessa natura, sfugge a qualsivoglia programmazione determinandosi in ragione d’esigenze mutevoli e contingenti direttamente legate alle necessità di protezione sottese al servizio in questione.

Lo straordinario, effettuato nell’ambito del servizio scorte, reso obbligatorio da superiori esigenze di servizio, è insolito rispetto a quello riconducibile ad altre esigenze di servizio e sfugge a qualsivoglia programmazione.

Al riguardo, analoga determinazione deve essere assunta per i servizi di scorta direttamente collegati alle traduzioni, i quali comportano medesime peculiarità, e nelle attività di polizia giudiziaria, le quali implicano l’inderogabile necessità di dover protrarre l’orario di servizio, quando questo è svolto per indifferibili necessità, in attività investigativa esterna.

 
 
 
 

Scritto da: Daniele Papi
(Leggi tutti gli articoli di Daniele Papi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Caro Daniele,
credo che hai ben fatto a mettere l'accento sulla questione straordinari e condivido a pieno tutto quello che hai scritto unico argomento che non condivido è la distinzione che si vuol fare fra straordinario effettuato da chi svolge tutela e scorta e straordinario effettuato da chi questo compito non svolge. Ovviamente sempre nell'ambito dei compiti istituzionali. Mi spiego meglio l'orario di servizio è, e deve essere di 6 giornalieri su 6 giorni tutto quello che si effettua oltre le 6 ore è straordinario ma come dice la parola "straordinario" e da intendersi ciò che è fuori dall'ordinario di conseguenza non puoi parlare di "straordinario programmato" perchè se è fuori dall'ordinario e quindi non programmato comunque deve essere retribuito a prescindere se si effettui un servizio di tutela-scorta, traduzione,piantonamento, sezione, portineria ecc. Tutti quei compiti istituzionali dove per esigenza di servizio si ha necessità di fruire di un cambio e se si è obbligati ad effettuare straordinario và PAGATO.

Di  Francesco Maselli  (inviato il 04/11/2013 @ 18:48:31)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.128.52


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione