Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Terroristi islamici nel carcere di Macomer: interrogazione parlamentare di Mauro Pili


Polizia Penitenziaria - Terroristi islamici nel carcere di Macomer: interrogazione parlamentare di Mauro Pili

Notizia del 08/04/2015

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 492 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Interrogazione a risposta scritta 4-08700 presentato da PILI Mauro
testo di Mercoledì 8 aprile 2015, seduta n. 404


PILI. — Al Ministro dell'interno. — Per sapere – premesso che: 
con un provvedimento di espulsione, è stato rimpatriato un marocchino di 41 anni, Khalid Smina, residente a Imola (Bologna), titolare di permesso di soggiorno, che – come emerso dagli accertamenti – aveva aderito a una pratica integralista della religione con una vocazione al terrorismo; 
lo ha riferito con una nota il Ministro dell'interno; 
il marocchino faceva parte «della rete di Jarraya Khalil detto «il colonnello» tunisino» arrestato nel 2008 dalla Digos di Bologna per associazione con finalità di terrorismo, recentemente scarcerato e rimpatriato; 
la scarcerazione e il rimpatrio di tali personaggi appare davvero inquietante soprattutto per l'appartenenza degli stessi all'elenco divulgato dagli Stati Uniti d'America in relazione ai terroristi più ricercati al mondo; 
se fosse vero come riportano le agenzie che anche tale Yarraya sarebbe stato scarcerato e rimpatriato saremo dinanzi secondo l'interrogante ad un ennesimo regalo al terrorismo internazionale; 
appare davvero inspiegabile come sia potuto accadere che tali personaggi siano stati scarcerati e rimpatriati; 
tale Yarraya è stato per diverso tempo detenuto nel carcere di Macomer dove di recente sono emersi fatti inquietanti e soprattutto per una gestione della struttura penitenziaria davvero superficiale; 
come detto in altri atti ispettivi la Sardegna è stata suo malgrado e con grave spregiudicatezza dello stato crocevia internazionale del terrorismo islamico; 
nel silenzio assoluto nella casa circondariale di Macomer erano detenuti infatti terroristi tra i più ricercati al mondo; 
tre anni fa con atto di sindacato ispettivo restato senza alcuna risposta da parte del Governo l'interrogante denunciò tutto quello che avveniva in quel carcere in assenza delle più elementari regole di sicurezza; 
si trattava di una gestione con detenuti in un carcere per tossicodipendenti dove secondo le ultime indiscrezioni si progettavano strategie e attentati di ogni genere; 
nel carcere di Macomer erano detenuti il numero uno della strage di Madrid, Rabei Osman, il grande reclutatore il franco–tunisino Raphael Gendron, braccio destro dell'imam Ayachi, leader islamista «belga» pregiudicato per terrorismo, ucciso subito dopo la detenzione a Macomer in uno scontro con le truppe dell'esercito di Damasco, e il tunisino Bouyahia Hamadi Ben Abdul, l'uomo della caffettiera inserito nella lista nera di Obama tra i sessanta terroristi più ricercati al mondo; 
fu proprio Bouyahia Hamadi a consegnare al sottoscritto interrogante un manoscritto nel quale tentava una maldestra autodifesa confermando in quell'occasione di essere dal 2000 sotto controllo dell'antiterrorismo internazionale; 
tra loro, appunto, anche Khalil Jarraya, tunisino di 41 anni, detto il colonnello perché aveva combattuto nelle milizie bosniache dei «Mujihaddin» durante la guerra nella ex Jugoslavia e che ora risulterebbe scarcerato e rimpatriato; 
era Khalil Jarraya il vero promotore della cellula jaddista fermata a Faenza e di cui facevano parte altri detenuti di Macomer come Hechmi Msaadi, tunisino di 33 anni, Ben Chedli Bergaoui, tunisino di 36 anni, e Mourad Mazi; 
a Macomer hanno soggiornato a lungo efferati terroristi ma quel che è più grave è il fatto che questi detenuti potevano organizzare e dialogare con loro di tutto comprese le strategie terroristiche; 
nel corso di quella visita il sottoscritto interrogante riscontrò personalmente che tra i terroristi vi era un rapporto costante e aggiornato in tempo reale; 
tra loro i colloqui avvenivano costantemente attraverso le finestre esterne del carcere con un vero e proprio collegamento vocale continuo; 
il fatto che oggi emerga da più parti che in quella struttura possa essere stato progettato l'ennesimo attentato di matrice jaddista conferma la gravità della gestione di questi detenuti da parte dello Stato; 
siamo dinanzi ad una struttura investigativa antiterrorismo che svolge un lavoro delicatissimo e che poi viene mortificato da una gestione inaccettabile delle strutture penitenziarie; 
ora che quel carcere è stato maldestramente chiuso emergono risvolti gravissimi che confermano la denuncia che l'interrogante fece tre anni fa quando chiese l'immediato allontanamento dalla Sardegna e da quel carcere di quei personaggi che anche agli occhi di un profano dialogavano e strutturavano la permanenza in quel carcere come una sorta di cellula islamica in terra sarda; 
se fosse confermato che nel carcere di Macomer è stata architettata e progettata la strage di Tunisi devono essere individuati i responsabili di questa scandalosa gestione; 
la notizia dei terroristi islamici in terra sarda trapelò solo in quell'occasione quando uno di quei personaggi di spicco tramortì con una caffettiera un agente di sicurezza spedendolo all'ospedale in gravi condizioni; 
il giorno nel corso di una visita ispettiva emerse la situazione gravissima che fu denunciata con un'azione parlamentare; 
il Governo di allora con il Ministro Severino non solo non intervenne ma confermò la scelta di Macomer per quel tipo di detenuti anche se vi erano stati già diversi tentativi di rivolta da parte degli islamici; 
è altrettanto accertato che i detenuti di Macomer una volta fuori sono ritornati in azione; 
basti pensare che due mesi fa il dipartimento di Stato americano ha emesso una lista nera dei terroristi più ricercati e tra questi spiccano l'uomo della caffettiera, Bouyahia Hamadi Ben Abdul braccio destro di Abu Omar e Jarraya Khalil; 
lo era sino a poco tempo fa anche il franco-tunisino Raphael Gendron, bracci destro dell'imam Ayachi, leader islamista «belga» pregiudicato per terrorismo ucciso in uno scontro con le truppe dell'esercito di Damasco e che nel carcere di Macomer svolgeva il ruolo di coordinatore del gruppo; 
nel corso della trasmissione Matrix su Canale 5 del 25 marzo 2015 in un servizio puntuale sulla gestione del carcere sono stati mostrati i registri delle telefonate dei detenuti; 
dalle immagini si poteva in modo chiare leggere il traffico telefonico dei vari terroristi verso le località più disparate e presumibilmente senza alcun tipo di controllo, proprio perché non risultavano interpreti disponibili in quel carcere; 
appare gravissimo che tali registri si trovassero ancora in quella struttura e che gli stessi venissero pubblicamente mostrati confermando la superficialità della gestione da parte del provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria; 
appare gravissimo che nelle celle dei detenuti e nel luogo in cui avvenivano queste conversazioni telefoniche si trovassero quotidiani afferenti la lotta armata e il fondamentalismo islamico –: 
se non ritenga di dover fornire ogni elemento, per quanto di competenza, sulla scarcerazione di tali personaggi e del motivo del rimpatrio; 
se sia stata verificata preventivamente la gestione di una casa circondariale come carcere per terroristi di livello internazionale consentendo agli stessi una irragionevole e davvero grave contiguità che consentiva agli stessi di pianificare, fare strategie e scambiarsi informazioni di ogni genere; 
se vi fossero dai registri telefonici passaggi utili per comprendere l'attività di tale Yarraya; 
se risulti attendibile l'indiscrezione trapelata nei media che il recente attentato di Tunisi possa essere stato pianificato o che comunque avesse un qualche legame con il carcere di Macomer e se Yarraya fosse detenuto in tempi sospetti nel carcere di Macomer. (4-08700)


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.177.123


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

7 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

8 Riordino vuol dire mettere ordine

9 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

10 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione