Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Togliamo la pistola alla Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Togliamo la pistola alla Polizia Penitenziaria

Notizia del 19/02/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 8637 volte)

Scritto da: walter ego

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ho letto con estremo sconcerto dell’ennesimo episodio di suicidio di un collega. Con altrettanto sconcerto ho appreso - da una dichiarazione rilasciata dal nostro Segretario nazionale - che dal 2000 ad oggi siamo alla centesima vittima in ambito penitenziario.

Se ripercorro con la mente gli ultimi dieci anni del mio lavoro e gli episodi di cronaca penitenziaria ho soltanto ricordo di un utilizzo dell’arma di ordinanza, da parte dei colleghi, per far del male a se stessi, per togliersi la vita. Mai mi è capitato di leggere (per fortuna, è il caso di dirlo) di scontri a fuoco o di un utilizzo dell’arma in occasione di operazioni di servizio.

Allora mi chiedo: se l’arma di ordinanza, da un inconfutabile dato statistico, è utilizzata prevalentemente per stroncare la vita di chi la detiene e, almeno al momento, non c’è alcuna soluzione a questa immane tragedia, stante anche la sordità di chi dovrebbe ascoltare la voce del disagio dei poliziotti penitenziari che inutilmente si leva per chiedere aiuto, con la conseguenza di nuove tragedie con cadenza da cronaca di una morte preannunciata, perché non ritirarcela e restituircela quando una soluzione adeguata sarà trovata a questa “strage bianca”?

Certamente la mia è una provocazione, evidentemente esasperata dalla sensazione di impotenza provata da chi, come me, un giorno ha ricevuto la telefonata che annunciava la morte di un collega che aveva deciso di utilizzare contro se stesso ciò che avrebbe potuto, in qualche altra occasione, salvargli la vita.

Non escludo di potermi trovare, un giorno, nella stessa situazione di disagio di coloro che hanno deciso di compiere questo gesto insano. Non lo escludo. Spero solo che, in quel caso, qualcuno se ne possa accorgere per tempo.

 

 


Scritto da: walter ego
(Leggi tutti gli articoli di walter ego)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 16


concordo pienamente i vecchi Comandanti seppur nei loro limiti seppur nella loro durezza e ignoranza erano gente che capiva perchè aveva iniziato dal basso..dalla sentinella aveva combattuta in prima linea conosceva come ragionavano i detenuti e comunque dava ragione sempre all'agente ...conosceva tutti gli uomini sapeva capire anche quando un collega non stava attraversando un bel periodo....ora i commissari pensano troppo in grande .. vogliono emulare quasi i direttori..codici... interviste... operazioni tipo 007... (cose di normale routine per chi sta in prima linea) e si è perso il senso della grande famiglia ...e del rispetto

Di  Anonimo  (inviato il 02/03/2012 @ 21:47:27)


n. 15


HAI COLTO NEL SEGNO MARROX. I COMANDANTI DI IERI ERANO PIù SICURI DI SE STESSI E TRASMETTEVANO LA LORO SICUREZZA A TUTTI. OGGI I COMMISSARI (SOPRATUTTO QUELLI RDO), ANCORA NON HANNO CAPITO QUANTO E COMPLESSO LAVORARE NELLE SEZIONI E COME è REALMENTE DURA LA VITA DEL POLIZIOTTO PENITENZIARIO DI FRONTIERA. PENSANO PIU' A LORO CHE AL REPARTO. IN OGNI OCCASIONE EVIDENZIANO IL LORO RUOLO E NON IL CORPO.
HO L'IMPRESSIONE CHE SI STIANO COMPRTANDO COME I VECCHI UFFICIALI VI RICORDATE? IL CARCERE GLI PUZZAVA E SONO STATI DEFENESTRATI DALLA RIFORMA... CHISSA'....

Di  Anonimo  (inviato il 01/03/2012 @ 13:55:44)


n. 14


Concordo con la riflessione di Marco, infatti anche io credo che ci sia poca attenzione sul disagio dei colleghi. Allora pero' voglio fare un'ulteriore approfondimento chiedendomi perche' i comandanti di una volta erano piu' autorevoli e anche piu' padri; forse erano piu' sicuri, forse avevano piu' strumenti per amministrare gli uomini, forse erano anche piu' con le spalle coperte, con il risultato di poter lavorare con piu' tranquillita' rispetto ad oggi. Un capo sereno infonde sicurezza e ha una vista piu' acuta. Oggi un Comandante di Reparto e' come una foglia di un albero in autunno. Meditate gente.... Meditate.

Di  marrox  (inviato il 29/02/2012 @ 17:08:41)


n. 13


L'eccessivo numero di suicidi in questi ultimi cinque anni mi ha fatto riflettre molto e mi sono chiesto: cosa è cambiato che ha fatto esplodere questo fenomeno?
quando mi sono arruolato la vita era più dura nelle sezioni di adesso ma ricordo che nelle mille difficoltà c'era sempre il nostro vecchio maresciallo, rozzo, ignorante come volete voi, ma sempre pronto a chiederti come stai quando vedeva qualcuno in difficoltà. ecco forse questo è cambiato; non c'è più attenzione verso la persona che è in difficoltà. Oggi, più di ieri, mi dispiace dirlo chi ci comanda non riesce a cogliere i segnali di chi è in difficoltà.

Di  Marco  (inviato il 29/02/2012 @ 15:18:10)


n. 12


Mi dispiace per ciò che è accaduto al collega,ma penso che a volte i problemi non esistano soltanto a livello lavorativo,ci sono persone che hanno contesti famigliari o comunque al di fuori del proprio lavoro che magari possono portare ad un gesto simile perciò non ritengo giusto si dica o si accolli sempre il problema all'ambito lavorativo.

Di  Stefano Cocco  (inviato il 29/02/2012 @ 11:21:23)


n. 11


Visto l'attuale momento che si sta attraversando, penso sia il caso di una riflessione costruttiva da parte di tutte le componenti del comparto, senza improvvisare giudizi gratuiti per passare da un'eccesso all'altro, pur non condividendo la paventata ipotesi di cui si sta discutendo, resto dell'avviso che le problematiche non si risolvono con entrambi i gesti oggetto di commento.

Di  michele rochira  (inviato il 26/02/2012 @ 21:26:22)


n. 10


Io credo che l'adeguamento delle piante organiche di tutti gli operatori penitenziari necessari, l'adeguamento delle strutture penitenziarie a canoni di salubrità e sicurezza, l'adeguamento degli stipendi rispetto a un tenore di vita medio, il pagamento delle varie competenze nei termini di legge, sarebbe il vero DISARMO DELLA POLIZIA PENITENZIARIA...

Di  Giovanni Altomare  (inviato il 21/02/2012 @ 12:54:53)


n. 9


Ma se sei esasperato, e ti vuoi uccidere, lo puoi fare anche con altri mezzi, se lo fai con la pistola ,questo ha un significato, vuoi rendere partecipe, che questo atteggiamento del resto incomprensibile e anche da attribuire all'amm/ne, e un segnale di malessere anche professionale.

Di  maurizio mezzatesta  (inviato il 21/02/2012 @ 11:24:45)


n. 8


bisogna affiancare alla polpen , a cui bisogna togliere , a mio parere , essendo un motivo scatenante dell'odio dei detenuti verso di essa , anche la divisa , mi ricordo che ai minorenni i colleghi facevano servizio senza , personale adatto , psicologi ed educatori , a supportare sia gli agenti che i detenuti , nelle sezioni detentive cosi da condividere con loro il disagio che vivono , rassicurando cosi nello stesso tempo , anche l'opinione pubblica che gli appartenenti alla polizia penitenziaria non sono degli assassini .

Di  raff  (inviato il 21/02/2012 @ 10:10:52)


n. 7


Pechè non ci sono altri sistmi per suicidarsi?
Togliere l'arma ad un Corpo di Polizia dello Stato sarebbe l'ultima cosa che si possa pensare.
Invece c'è da criticare ancora una volta il sistema che risponde a queste disgrazie con una commissione. Vorrei sapere quanti casi sono stati salvati?
Il Signor IONTA quando era Capo del DAP ha elaborato sulla carta fiumi di parole, ma in concreto cosa è stato fatto?
Niente, solo esclusivamente si è pensato sempre di salvare l'immagine dell'Amministrazione, anche di fronte a problemi reali lavorativi .
Nessuno pur avendo il dovere di risolvere questa realtà ha affrontato con adeguadezza il dramma del suicidio degli appartenenti alla Polizia Penitenziaria, ma si mettono in evidenza problemi personali e si escludono quasi sempre le situazioni di stress lavorative.
Spriamo sempre che l'ultimo collega sia veramente l'ultimo.

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 20/02/2012 @ 01:28:14)


n. 6


anzi togliamo le corde magari ... ma mi faccia il piacere!!!

Di  Jonny  (inviato il 19/02/2012 @ 22:06:24)


n. 5


Quoto Fabio....l'esperienza con i detenuti non è servita a nulla?

Di  darksideofthejail  (inviato il 19/02/2012 @ 21:23:05)


n. 4


Non è togliendo l'arma che si risolve il problema, bisogna entrare nel sistema carcere e capire quanti disagi giornalmente il Personale è solo il Personale di Polizia Penitenziaria affronta, e vi posso assicurare che sono tantissimi a partire dagli interpelli per il trasferimento,ai riposi non concessi, al congedo rinviato da giorno in giorno e tantissime altre frustrazioni nonchè al carico di lavoro che un agente sopporta durante la giornata lavorativa, il quale, si aggiunge ai problemi familiari.
In un momento di debolezza non tutti riescono a controllare tale disaggio.
Addio caro collega che Dio ti accolga fra le Sue braccia.

Di  franco denisi  (inviato il 19/02/2012 @ 19:24:14)


n. 3


Le provocazioni,pur se tali,devono avere un fondamanto di realtà e di logica,altrimenti incorriamo nella scelleratezza di chi,"togliano le armi a tutti" pontifica con la testa tra le nuvole. Il problema delle armi è un ricorrente valzer che ballano quelli che credono a Babbo Natale.L'arma,non è nè cativa ne buona,è un oggetto. Per uccidere,si può utilizzare un coltello da cucina,un crick di un'auto,il veleno per i topi,la manomissione della caldaia e qui mi fermo.Andiamo ad affrontare invece,il perchè nell PP ci sono stati un alto numero di suicidi e confrontiamoli con quelli di altre categorie.Basta con le provocazioni che lasciano il tempo che trovno,altrimenti ne faccio una io. Visto l'alto numero di morti sulle strade,aboliamo le auto.

Di  aal  (inviato il 19/02/2012 @ 16:29:20)


n. 2


A parte che l'arma in dotazione ci viene data perché rivestiamo la qualifica di Pubblica Sicurezza non è certo togliendola che si può, eventualmente, impedire a chi ha deciso di togliersi la vita di compiere un gesto così estremo e disperato. Piuttosto che pensare a togliere l'arma io direi di analizzare a fondo il fenomeno che, evidentemente, è espressione di un malessere diffuso nel Corpo, di frustrazioni, di disagi. sarà per caso che incidono i vari abusi, le storture, le umiliazioni che ogni giorno ogni appartenente al Corpo deve subire da quella che non può essere considerata un'amministrazione pubblica ma solo un carrozzone guidato da giullari, incompetenti e lacchè?Chissà se il fenomeno ha a che vedere con l'arretratezza delle strutture, dei mezzi e dei sistemi di lavoro (nel 2012 ancora andiamo avanti con chiavoni, registroni, protocolli fatti a mano, assenza di archivi informatici ecc. neanche fossimo nel medioevo!)? Chissà se incidono i problemi finanziari derivanti dai magrissimi stipendi e dalle comptenze dovute e non pagate?Chissà......

Di  Marco  (inviato il 19/02/2012 @ 14:44:11)


n. 1


Infatti si è visto come l'ispettore si è ucciso,nn è questa la soluzione x ridurre i suicidi...quando una persona arriva a fare questo lo può fare con qualsiasi cosa..

Di  Fabio  (inviato il 19/02/2012 @ 14:38:35)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.184.210


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione