Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Torreggiani batte la Polizia Penitenziaria 10 a 0


Polizia Penitenziaria - Torreggiani batte la Polizia Penitenziaria 10 a 0

Notizia del 11/10/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4901 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Gli Agenti di Custodia già si rivoltano nella tomba. Finita l’era delle conte notturne sbattendo i cancelli e accendendo la luce (ciò disturba il detenuto e potrebbe essere considerato tortura), finita l’era dei cancelli chiusi a tutti i costi e dei rapporti disciplinari per un cancello lasciato appoggiato anziché chiuso a doppia mandata …

Un secolo di certezze lavorative finisce decisamente nella spazzatura a causa di un tal detenuto Torreggiani che dopo aver fatto ricorso alla Corte europea dei diritti umani (CEDU), ha fatto condannare, con la sentenza “Torreggiani e altri c. Italia” (ricorsi nn. 4357/09, 46882/09, 55400/09; 57875/09, 61535/09, 35315/10, 37818/10), adottata  l’8 gennaio 2013,  lo Stato italiano per la violazione dell’art. 3 della Convenzione Europea dei Diritti Umani (CEDU).

Il caso riguardava trattamenti inumani o degradanti subiti dai ricorrenti, sette persone detenute per molti mesi nelle carceri di Busto Arsizio e di Piacenza, in celle triple e con meno di quattro metri quadrati a testa a disposizione.

Ciò che appare particolarmente significativo è che la Corte ha qualificato tale decisione come “sentenza pilota”.

Quanto riscontrato dalla Corte nella sentenza Torreggiani, in relazione ai sette ricorrenti, troverà pertanto applicazione in futuro in relazione alla generalità dei reclami pendenti davanti alla Corte e non ancora comunicati alle parti riguardanti l’Italia e aventi ad oggetto analoghe questioni di sovraffollamento carcerario, nonché a quelli che le saranno sottoposti nei prossimi tempi relativi allo stesso problema. 

Ciò ha scatenato una serie di interventi da parte del nostro D.A.P. volti alla umanizzazione della pena, alla ricerca di spazi per attività trattamentali, alla ricerca di nuove soluzioni per allungare i colloqui e le telefonate, alla ricerca di attività all’aperto ma soprattutto alla imposizione che i detenuti, salvo alcune categorie, devono permanere almeno 8 ore fuori dalle celle, con la previsione che in un futuro, speriamo lontanissimo, le celle diventino solo camere di pernottamento e che quindi i detenuti debbano restare fuori dalla cella occupati in varie attività e rientrare in cella solo per dormire.

E comunque non è un film di fantascienza ma la realtà che ci aspetta da qui a pochi mesi.

Questa sentenza sancisce definitivamente la sconfitta di tutte quelle teorie sulla sicurezza, sulle metodologie lavorative sulle quali ci siamo basati per oltre cento anni. Persino i Provveditori passati alla storia come duri e rigidi nei confronti dei detenuti si sono dovuti inginocchiare all’Europa emanando a loro volta circolari che impongono il rispetto di certi termini perentori di attuazione di una sentenza che non è solo quella di far stare i detenuti almeno 8 ore fuori dalla cella.

Infatti si parla di prolungamento dei colloqui per esempio nel pomeriggio per dare la possibilità a chi ha figli scolarizzati di fare colloqui pomeridiani; si parla di schede telefoniche prepagate, di aprire i cancelli ai volontari e a tutta una serie di iniziative che ci possano mettere in linea con i Paesi Europei.

Insomma coloro che in questi anni, direttori e rari comandanti di reparto, aprendo le porte alla comunità esterna e puntando sui corsi scolastici e professionali, erano stati tacciati di “accamosciamento” da parte del personale e da alcuni sindacalisti tesi a screditare l’opera di trattamento con attacchi violenti sul numero dei corsi professionali messi in atto, oggi alla luce della sentenza Torreggiani, appaiono come dei precursori che avevano già scardinato da tempo un modo di vedere il carcere che non è più quello di una volta e già avevano colto nell’aria il cambiamento.

Resta solo il nodo di come questo si rifletterà sull’organizzazione del lavoro, visto che ogni cosa richiesta dal DAP (colloqui pomeridiani) comporta un aumento del ricorso al lavoro straordinario e incide fortemente sul numero di personale occorrente a vigilare su tutte le attività, in quanto è impensabile alla luce degli organici attuali aumentare le ore d’aria pomeridiane, i colloqui pomeridiani 2 volte a settimana e per sei giorni la settimana, l’area verde ecc. facendo tutto con il personale rimasto in servizio.

Che la politica decidesse il futuro della Polizia Penitenziaria e delle carceri, ma che lo faccia seriamente, cancellando in prima battuta dal codice penale la colpa del custode per tutti “gli eventi critici” che succederanno a seguito dell’apertura delle celle e della sorveglianza dinamica sempre più teoria e difficile da attuarsi nella pratica.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


ma no on avete capito niente, questa gentaglia si sta preparando l'albergo per quanti ci andranno a finire loro, è questione di tempo?????????????

Di  LUI  (inviato il 15/10/2013 @ 17:03:26)


n. 3


La criminalità si sta riorganizzando... tanto se verranno arrestati sanno che li aspettera una permanenza in alberghiera con vitto a carico dello stato. Ma dove andremo a finire. Poveri colleghi che hanno dato la loro vita per questo. Ma a loro se li ricorda lo stato... e a noi ci pensa? Colleghi svegliamoci. È arrivato il momento di chiedere anche noi i danni. La nostra amministrazione è allo sbando... si parla solo del malessere del carcerato... e di quello della polizia che tra un po e costretta a fare le traduzioni con i mezzi personali? Ho fatto richiesta per una divisa e una camicia... mi è stato risposto che non c'è ne.... come vado a lavorare? L'europa lo sa questo? Il mio stipendio e uguale a 13 fa. ..ll'europa lo sa questo? Svegliamoci colleghi ...svegliamoci. fermiamo questo scandalo..solo noi possiamo farlo. Nessun sindacato puo...solo noi e tutti uniti.

Di  io  (inviato il 13/10/2013 @ 11:57:57)


n. 2


Alla fine sembra che fare reati contro il patrimonio e la persona diventi sempre più conveniente, e se poi ci si mette pure l' europa a comandare a casa nostra . . . . .

Di  daniele  (inviato il 13/10/2013 @ 00:53:51)


n. 1


Bello da oggi in poi ci porteremo il letto come gli infermieri o i vf la mattina x gli evasi meglio x loro x i deceduti chiameremo le onoranze funebri w la pol pen

Di  Salvo  (inviato il 12/10/2013 @ 09:58:59)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.106.138


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione