Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Trapani: un bagnino della polizia penitenziaria salva un bagnante da sicura morte.


Polizia Penitenziaria - Trapani: un bagnino della polizia penitenziaria salva un bagnante da sicura morte.

Notizia del 04/07/2011

in Accadde al penitenziario

(Letto 4091 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Sabato 2 luglio 2011, nelle acque della spiaggia di San Giuliano, a Trapani, antistanti il Lido della Polizia Penitenziaria, ancora una volta il bagnino Claudio Di Bono, assistente capo della pol pen, ha salvato da sicura morte un bagnante che, colto da malore, era semi annegato quasi a riva.
L’assistente capo Di Bono, con una spiaggia piena di gente, e con numerosi bagnanti in acqua, nonostante il vento di maestrale che crea pericolose onde, è attento, non si distrae; nota un bagnante, sul bagnasciuga che si lascia galleggiare sulle onde come se stesse prendendo il sole; ad un tratto un’onda lo fa girare a testa in giù, sballottolandolo in avanti senza alcuna reazione da parte dello stesso.
La reazione è immediata; il bagnino fa una breve corsa fino al bagnante e nota che lo stesso è privo di sensi. Immediatamente lo trascina a riva aiutato da altri bagnanti. L’uomo è semi annegato, ha gli occhi fissi e fuori dalle orbite, un filo di bava gli esce dalla bocca.
Immediati sono i soccorsi. Aiutato nella manovra da un operatore del 118 libero dal servizio ma presente in spiaggia, lo soccorrono facendogli un massaggio cardiaco, in quanto il bagnante sembra morto. Qualcuno avvisa telefonicamente un’ambulanza, altri dei medici del vicino lido delle Sirene. L’assistente capo Di Bono unitamente all’operatore del 118, riesce a rianimarlo. Il bagnante vomita acqua di mare. E’ vivo. I due sono riusciti a salvarlo. Accorrono tre medici. Il bagnante è disorientato, non sa quello che dice. Ha un altro malore e perde i sensi. Gli praticano altri massaggi, gli infilano una cannula in gola. Vomita di nuovo. Si riprende gradualmente. Arrivano un’ambulanza del 118 e il bagnante viene trasportato d’urgenza in Ospedale. Si apprenderà dopo che viene ricoverato in terapia intensiva in quanto aveva avuto un arresto cardiaco.
Se l’assistente capo Claudio Di Bono, non si fosse accorto che quell’uomo stava per annegare quasi sul bagnasciuga, se solo fossero passati altri due minuti, quell’uomo G.R. trapanese di 51 anni, sarebbe morto.
Ancora una volta i bagnini del Lido Polizia Penitenziaria, hanno portato alto il nome del Corpo ricevendo complimenti da centinaia di bagnanti presenti quel sabato pomeriggio in spiaggia.
Un gesto altruistico normale che ha dell’eroico. Ci chiediamo solo se questo sia l’ultimo anno della gestione del Lido da parte della polizia penitenziaria, in quanto la politica dell’Ente Assistenza e del DAP è quella di dare in gestione, per mancanza di uomini, a ditte esterne. Il Lido rappresenta un oasi per la polizia penitenziaria, i nostri bagnini rappresentano l’orgoglio del Corpo. Anziché arruolare nuove leve, continuiamo con una politica di rinunce e facciamo passi indietro rispetto ad una storia che ci vedeva proiettati nel futuro e che ci aveva fatto fare passi da gigante. Da qualche anno a questa parte stiamo subendo una involuzione che ci ridurrà di nuovo al ruolo di cenerentola delle Forze di Polizia. Grazie Ente Assistenza, Grazie Presidente Ionta!

 

Nella foto: I bagnini della Polizia Penitenziaria di Trapani: da sin. ass. capo Carlo Vasile, ass. capo Claudio Di Bono


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Congratulazioni al collega eroe!!

Di  James  (inviato il 09/07/2011 @ 18:01:42)


n. 2


Caro vero eretico, ebbene, potrebbe sembrare una contraddizione effettivamente: da una parte si piange perchè non ci sono agenti, dall'altra si sperperano risorse come a Trapani. Ma i benefici che il Lido porta al personale, sono comunemente riconosciuti ed il personale di p.p. è lieto di fare qualche sacrificio, accorpando qualche posto di servizio, pur di avere questa oasi nel deserto. Inoltre ogni anno, tanti colleghi, vengono da qualsiasi parte d'Italia e usufruiscono dei servizi del Lido. Abbiamo fatto tanti sacrifici in questi anni, ma quello del Lido è quello che facciamo più volentieri pur di garantire il benessere ai nostri colleghi e dei nostri affettuosi pensionati.

Di  Commissario Giuseppe Romano  (inviato il 04/07/2011 @ 23:04:42)


n. 1


Bravissimo! Mi auguro che gli venga conferita una adeguata ricompensa al valor civile. Ma mi domando: al Nord piangiamo perchè non abbiamo agenti ed un collega solo deve controllare 100 detenuti e a Trapani abbiamo personale che sta in servizio negli stabilimenti balneari? Ne vogliamo parlare?

Di  Vero eretico  (inviato il 04/07/2011 @ 22:41:58)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.209.32


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione