Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Trasparenza presenza detenuti sul sito web del Ministero: interrogazione parlamentare


Polizia Penitenziaria - Trasparenza presenza detenuti sul sito web del Ministero: interrogazione parlamentare

Notizia del 30/07/2014

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 1637 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-05664
presentato da
GIACHETTI Roberto
testo di
Giovedì 24 luglio 2014, seduta n. 271
GIACHETTI. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:
sul sito Internet del Ministero della giustizia l'ultimo report disponibile dettagliato per singolo istituto sui «Detenuti presenti e capienza regolamentare degli istituti penitenziari» risale al 31 dicembre 1013; gli altri aggiornamenti mensili sono forniti per regione e non istituto per istituto;
al 31 dicembre 2013, in merito alla capienza regolamentare di 47.709 posti, è specificato con un asterisco che «(*) I posti sono calcolati sulla base del criterio di 9 mq per singolo detenuto + 5 mq per gli altri, lo stesso per cui in Italia viene concessa l'abitabilità alle abitazioni, più favorevole rispetto ai 7 mq + 4 stabiliti dal CPT. Il dato sulla capienza non tiene conto di eventuali situazioni transitorie che comportano scostamenti temporanei dal valore indicato»;
la specificazione che la «capienza non tiene conto di eventuali situazioni transitorie che comportano scostamenti temporanei dal valore indicato», fa presupporre — come è stato rilevato da più parti — che in diversi istituti ci siano reparti (o sezioni, o celle) chiusi perché inagibili o in fase di ristrutturazione o per carenza di personale;
secondo la sentenza della Corte di Cassazione — I sezione penale n. 5728/2014 nel calcolo dello spazio vitale minimo che deve essere assicurato a ciascun detenuto, deve essere scomputata l'area degli arredi, con ciò confermando quanto stabilito dalla sentenza Torreggiani della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che l'8 gennaio 2013 ha condannato l'Italia per «trattamenti inumani e degradanti» in violazione dell'articolo 3 della Convenzione;
la sentenza Torreggiani non si limitava alla questione «sovraffollamento», ma per una detenzione «legale» secondo la Convenzione, richiamava come necessari anche altri importanti parametri: «in cause in cui il sovraffollamento non era così serio da sollevare da solo un problema sotto il profilo dell'articolo 3, la Corte ha notato che, nell'esame del rispetto di tale disposizione, andavano presi in considerazione altri aspetti delle condizioni detentive. Tra questi elementi figurano la possibilità di utilizzare i servizi igienici in modo riservato, l'aerazione disponibile, l'accesso alla luce e all'aria naturali, la qualità del riscaldamento e il rispetto delle esigenze sanitarie di base (si vedano anche gli elementi risultanti dalle regole penitenziarie europee adottate dal Comitato dei Ministri)»;
il 27 maggio 2014 il Ministro interrogato ha dichiarato che «non ci sono più detenuti che vivono al di sotto di 3 metri quadrati»;
è fondamentale il monitoraggio costante della situazione carceraria non solo per consentire un controllo effettivo e continuo da parte degli organismi e delle istituzioni europee e transnazionali che, dopo la sentenza Torreggiani, tengono sotto osservazione il nostro Paese, ma anche — più in generale — per garantire il diritto dei cittadini alla conoscenza, basilare in democrazia;
sul sito del Ministero della giustizia appare da alcuni mesi un banner denominato «schede istituti penitenziari», dove appare questa presentazione: «Schede trasparenza istituti penitenziari, aggiornamento: 9 giugno 2014 – Nelle schede vi sono informazioni sulla struttura, la storia e i servizi degli istituti penitenziari, indicazioni concrete sulle regole da rispettare nel rapporto con i detenuti per le visite, le comunicazioni, l'invio e la ricezione di pacchi e denaro. Descrizioni delle attività lavorative, scolastiche, culturali e dei progetti in corso. Le informazioni sono a cura delle direzioni degli istituti penitenziari. La pubblicazione riguarda 154 strutture su 203 tra istituti e ospedali psichiatrici giudiziari» –:
quali siano, istituto per istituto, le attuali capienze regolamentari e il numero dei detenuti presenti;
quanti siano, istituto per istituto, i posti effettivamente disponibili al netto delle celle, sezioni o reparti chiusi per inagibilità o lavori di manutenzione e/o ristrutturazione o sezioni chiuse per insufficienza del personale;
se la dichiarazione «non ci sono più detenuti che vivono al di sotto di 3 metri quadrati» sia confermata e se lo spazio sia stato calcolato al netto del mobilio e della superficie destinata ai servizi igienici che devono essere necessariamente separati da quello della cella;
quale sia la situazione, istituto per istituto, riguardo la possibilità di utilizzare i servizi igienici in modo riservato, l'aerazione disponibile, l'accesso alla luce e all'aria naturali, la qualità del riscaldamento e il rispetto delle esigenze sanitarie di base;
se non ritenga che nel banner del sito giustizia.it «schede istituti penitenziari» debbano essere fornite, almeno settimanalmente, per ciascun istituto, anche le informazioni riguardanti le capienze regolamentari con tanto di specificazione delle celle non disponibili per i motivi citati in premessa, i detenuti presenti, il regolamento d'istituto;
se non ritenga opportuna l'istituzione di una anagrafe digitale pubblica degli istituti di prevenzione e di pena come previsto nella proposta di legge n. 986 presentata il 17 maggio 2013.


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza
Naso fratturato e denti rotti: Poliziotto penitenziario ferito da detenuto a Napoli Poggioreale
Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano
Ripetute proteste nella stessa giornata nel carcere minorile Beccaria di Milano
Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.241.171


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

9 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

9 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

10 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


  Cerca per Regione