Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Tristi sono coloro che dimenticano i propri morti


Polizia Penitenziaria - Tristi sono coloro  che dimenticano  i propri morti

Notizia del 07/02/2011

in Il Pulpito

(Letto 2833 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo


"Il più terribile dei mali dunque, la morte, non è niente per noi, dal momento che, quando noi ci siamo, la morte non c’è, e quando essa sopravviene noi non siamo più. Essa non ha alcun significato né per i viventi né per i morti, perché per gli uni non è niente, e quanto agli altri, essi non sono più.” (Epicuro)
Sembra ispirata dal modus vivendi del DAP questa frase scritta da Epicuro tre secoli prima di Cristo.
O, meglio, sembra proprio che il modus operandi del Dap, rispetto alla morte, sia ispirato all’epicureismo.
Per i nostri dirigenti, infatti, non ha alcun significato la morte di un proprio dipendente, o di un suo prossimo congiunto, perché “...quando Loro ci sono la morte non c’è  e quando essa sopraggiunge Loro non ci sono più ...”.
E poco importa se il defunto è un Eroe, un povero cristo o una vittima sacrificale, “...quando c’è la morte Loro non ci sono.”
Più volte il mio amico Nuvola Rossa ha scritto su questa triste abitudine dei nostri vertici di non celebrare i propri defunti  e, quando arriva Natale, aumenta il rammarico ed il dolore per gli onori negati alla memoria del nostro caro collega Montalto.
Di recente, purtroppo, ho avuto modo di imbattermi un paio di volte con il deplorevole cinismo del nostro dipartimento.
Due cari amici e colleghi, Giovanni Battista Durante ed Umberto Vitale, hanno avuto la disgrazia di perdere la mamma, a breve distanza l’uno dall’altro.
Nessuna rappresentanza del Corpo alle esequie della madre del primo, Commissario di Polizia Penitenziaria e, nemmeno a dirlo, nessuna rappresentanza del Corpo al funerale della madre del secondo, Ispettore Superiore di Polizia Penitenziaria anche lui.
Nel secondo caso, in particolare, la deplorevole mancanza di onori da parte della nostra amministrazione è stata ancora più eclatante, non perché il mio amico Umberto fosse più meritevole degli altri, ma perché anche il padre, marito della defunta, è stato un Agente di Custodia , e per quarant’anni.
Quarant’anni della propria vita dedicati all’amministrazione penitenziaria che sommati con i trentacinque del figlio Umberto fanno settantacinque anni al servizio del Corpo che, purtroppo, non sono stati sufficienti per acquisire il diritto ad una piccola rappresentanza in divisa che rendesse onore alla salma della propria congiunta.
Ma non basta nemmeno questo, a rendere ancora più amara l’ingiustificabile assenza della nostra amministrazione è stata la presenza di una rappresentanza in divisa della Guardia di Finanza perché il fratello di Umberto, Antonio, è un Maresciallo della GdF e Loro rispettano ed onorano i propri morti.
I funerali, sono pratiche rituali che più di altre, esprimono e comunicano l’identità di coloro che vi partecipano, evidenziano in modo particolare la cultura del nucleo familiare, sociale e professionale  direttamente interessati al decesso.
E’ evidente che i nostri dirigenti non sono per nulla interessati ai nostri morti. 
(Tristi sono coloro che dimenticano i propri morti.)
Eppure non abbiamo a che fare con dirigenti anonimi e di passaggio nelle stanze del potere del palazzone di Largo Daga.
Lì sono assisi gli stessi personaggi da decenni; personaggi che hanno scienza e coscienza di quello che accade; personaggi che possono decidere quello che vogliono senza rendere conto a nessuno (se non alla propria coscienza); personaggi che conoscono vita, morte e miracoli di chiunque; personaggi che, però,  alla fine scelgono di inviare il solito telegramma...
Personaggi che pensano di avere la coscienza pulita soltanto perché non la usano mai, personaggi che si nutrono di nichilismo e che lo dispensano a piene mani a tutti i più stretti collaboratori.
Personaggi  che hanno replicato se stessi (come una partenogenesi) fino a creare e consolidare un apparato chiuso, insensibile ed autoreferente che vede solo se stesso, pensa solo a se stesso e soddisfa solo se stesso.
Dante mi risponderebbe: “...vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole e più non dimandare.”
Ed io non mi dimando più nulla, ormai, ma sono incazzato ... sono molto incazzato.

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria
Biella, agente di Polizia Penitenziaria Aggredito da un Detenuto
Evasione da Sollicciano: due dei tre evasi erano stati arrestati qualche giorno prima
Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.132.255


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

9 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

8 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione