Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Troppe aggressioni ai Poliziotti Penitenziari, bisogna intervenire subito senza indugio


Polizia Penitenziaria - Troppe aggressioni ai Poliziotti Penitenziari, bisogna intervenire subito senza indugio

Notizia del 10/10/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2608 volte)

Scritto da: Paolo Spano

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Leggo quotidianamente che molti colleghi finiscono in ospedale per ricorrere alle cure mediche per aggressioni ricevute da parte dei detenuti. E' un fatto che sta ulteriormente aggravandosi di giorno in giorno, ma non vedo interventi decisivi in tal senso. Bisogna proporre misure idonee a garantire l'incolumità degli operatori, ricorrendo a dotare dello sfollagente ogni agente che presta servizio nelle sezioni detentive. Come abbiamo modo di vedere nelle strade anche i poliziotti e carabinieri di quartiere hanno lo sfollagente, è uno strumento che in caso di situazioni tipo quelle che giornalmente succedono nelle sezioni detentive puo', non solo difendere l'incolumità del poliziotto,ma anche riportare l'ordine. Non è piu' possibile assistere a queste feroci aggressioni da parte dei detenuti ai nostri colleghi,troppi detenuti a spasso nelle sezioni con un solo collega in servizio che non puo’ neanche difendersi. E’ vergognoso che non si riesca a trovare delle soluzioni per tutelare i lavoratori negli ambienti di lavoro, altro che corsi di deontologia per il personale che svolge servizi di scorta e tutela,bisogna semmai istituire immediatamente corsi di autodifesa per il personale che presta servizio a contatto con i detenuti.
 
Chiedo che il S.A.P.Pe intervenga verso Ministro della Giustizia affinchè si ponga fine a tutto questo per dire definitivamente BASTA NON NE POSSIAMO PIU’, o lo fate Voi a trovare soluzioni o, diversamente, diremo ai nostri agenti di usare la forza in ogni situazione. Meglio un brutto processo piuttosto che un bel funerale.
 
Quanti agenti abbiamo in questo momento assenti per malattia per aggressioni?.....
 
Quanti giorni di cura sono stati diagnosticati ai nostri agenti nel 2011 e 2012?....
 
Quante unità ad oggi sono assenti dal servizio per un aggressione?.....
 
Quanti poliziotti si sono tolti la vita per cause collegate proprio al servizio?......
 
Queste sono le domande da fare al Ministro e al nostro Capo del Dipartimento, solo questi dati possono confermare quanto sia sottovalutato questo fenomeno e quanto sia in aumento.
 
Credo che sia ora di dire basta, come sindacato piu' rappresentativo non possiamo piu' tollerare il silenzio e la sottovalutazione da parte dei vertici del D.A.P. sulle aggressioni al personale. Come sindacato inseriamo questo problema in agenda come priorità o rischiamo veramente di vedere il nostro personale nelle condizioni di non poter piu' andare a prestare serenamente il loro servizio.
 
Mi auguro che il nostro segretario generale lo faccia a partire dalla prossima settimana, non è piu' tempo per dare tempo per risolvere questo problema.
 

Scritto da: Paolo Spano
(Leggi tutti gli articoli di Paolo Spano)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Diapprovo completamente sulll'adozione dello sfollagente, ho passeggiato per quasi otto anni da solo nei corridoi delle sezioni e sinceramente penso ke l'Addetto o l'Operatore come dir si voglia non sarebbe affatto più sicuro con un misero manganello in mezzo a 50 e in alcuni 75 e più utenti o "camosci" come dir si voglia.
in parole povere sarebbe cm regalargli un bel manganello che e potrebbe benissimo essere usato in senso cotrario ovvero dall'utente sul povero collega di turno.

Di  adamus80  (inviato il 15/10/2012 @ 21:52:16)


n. 4


Con lo sfolla gente è un'arma a doppio taglio perchè essendo lungo può essere facilmente all'agente da parte del detenuto stesso, io proporrei come nelle carceri americane quei marchingegni che danno la scarica elettrica in modo da neutralizzare il detenuto ed è anche meno ingombrate ma purtroppo qui in iyalia è un'utopia sono stato aggredito e minacciato di accoltellamento fate un pò voi!!!!!!!!!!!!

Di  raffaele  (inviato il 14/10/2012 @ 11:59:23)


n. 3


I Direttori Generali (estranei al Corpo), anziché andarsene in giro per le scuole Allievi Agenti o in convegni a discutere i programmi fallimentari del D.A.P., andassero presso gli Istituti, dove sono avvenute le aggressioni,per verificare di persona in quale condizioni lavorano i colleghi nelle sezioni detentive, eventualmente per sviluppare sistemi di difesa contro le aggressioni da parte di persone detenute nei confronti degli operatori di Polizia Penitenziaria in servizio,il più delle volte scaturite dalla cattiva gestione degli Istituti da parte di una classe Dirigente Penitenziaria, completamente disinteressata a garantire la sicurezza nei posti di servizio. Nell'arco di oltre 25 anni di servizio anch'io ho subito diverse aggressioni, ma nel contempo non ho mai ricevuto una sola parola di solidarietà da parte degli Dirigenti Penitenziari (estranei al Corpo).vergognatevi !!

Di  cenerino64  (inviato il 12/10/2012 @ 19:23:34)


n. 2


Sono un Ispettore del corpo che opera in sezione quotidianamente come sorveglianza e sono perfettamente d'accordo, chi non lavora in sezione alcune dinamiche non le capirà mai. Cari colleghi io in 6 anni che lavoro presso la cc di benevento sono andato in tribunale, come persona offesa 22 volte, stiamo parlando di 22 aggressioni e resistenza a p.u. Qualcuno potrà pensare che sia un esagerazione ma vi assicuro che è la realtà, dotare di sfollagente il personale per quanto mi riguarda sarebbe il minimo che l'amministrazione possa fare. Tuttavia questa utopistica visione rimarrà un miraggio, purtroppo i delinquenti una volta varcato il cancello di un carcere diventano dei martiri. Credo che molti di noi credano nell'art.27 della costituzione, i detenuti non sono tutti uguali e per quei pochi che si riescono a rieducare è giusto che si faccia tutto il possibile al fine di un reinserimento sociale, ma verso coloro che ostinatamente continuano ad avere comportamenti antisociali, e ultimamente ve ne sono tanti, credo sia giusto e doveroso applicare misure restrittive e severissime.

Di  gianluca  (inviato il 10/10/2012 @ 15:58:58)


n. 1


Approvo in toto, non basta parlare di carenza di organico e sovraffollamento, chi lavora in sezione deve essere messo nelle condizioni di poter svolgere il proprio servizio senza la paura di essere pestato da un momento all'altro. Anche per questo il personale cerca di fuggire dal servizio a turno, continuo a dire che dovremmo mobilitarci a livello nazionale presidiando il dap fino a quando non si avranno risposte coinvolgendo tutte le sigle sindacali. A turni di un giorno a testa dandoci il cambio e tenendo un picchetto di 30-40 persone potremmo smuovere le acque, lor signori hanno paura della stampa. ALTRO CHE FARSI LA GUERRA TRA SINDACATI PER UNA TESSERA IN PIU'!!!!!!!

Di  cairo74°  (inviato il 10/10/2012 @ 13:31:52)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.24.181


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione