Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Troppi casi di suicidio nella Polizia Penitenziaria. Cosa aspetta lo Stato ad intervenire?


Polizia Penitenziaria - Troppi casi di suicidio nella Polizia Penitenziaria. Cosa aspetta lo Stato ad intervenire?

Notizia del 16/09/2017

in Interventi Ricevuti

(Letto 3050 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Sono tanti, troppi, i casi di suicidio tra la Polizia Penitenziaria.

Talmente tanti che credo sia del tutto paradossale la mancanza di un intervento preventivo da parte delle più alte cariche dello Stato. Non parlo dell’Amministrazione in senso stretto che, a torto o a ragione, ha fatto scelte gestionali rivelatesi inefficaci ed inefficienti, ma dello Stato in generale, intendendo per Stato l’intero apparato istituzionale che necessariamente dovrebbe intervenire in casi particolari come questi dove l’autorità politica/amministrativa ha dimostrato, nei fatti, di non avere quella giusta attenzione e sensibilità verso la sua forza di polizia, abbandonata a se stessa, e privata di ogni supporto e sostegno.

Il senso di abbandono, la poca riconoscenza sociale della professione, la totale assenza di una vera catena di comando nella quale tutti gli appartenenti al Corpo si riconoscano (a differenza delle altre Forze di Polizia che hanno un vero Capo o Comandante Generale) sono i veri problemi che, se uniti a disagi personali e/o familiari, scatenano nella mente umana quel tracollo e senso di abbandono che solo con la morte il poliziotto spera di vedere superato, glorificandosi solamente con il grande impatto emotivo e mediatico che il gesto estremo riesce ad avere.

 

Mario Novani

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Taranto: Nessuno tocchi caino, ma di abele chi si preoccupa?”
Porta droga per il fratello: Scoperto dalla Penitenziaria e ora è dietro le sbarre con lui
Cassazione: detenuti per mafia non possono scrivere ad associazione per diritti carcerati
Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle
Stancanelli (Vice Pres. Comm. Giustizia): nuove strutture carcerarie e nuove assunzioni nel campo delle forze dell''ordine
I nuovi Presidenti della Commissione Giustizia: nominati Giulia Sarti e Andrea Ostellari
Carla Spagnoli (Presidente Movimento per Perugia):lo Stato aiuti la Polizia Penitenziaria.
Venezia, sesso in carcere con le detenute: medico patteggia 18 mesi di reclusione


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Concordo pienamente con Novani Mario. È ora che chi di dovere prenda dei provvedimenti.

Di  Anonimo  (inviato il 16/09/2017 @ 14:37:36)


n. 4


L'attenzione e valutazione di ogni cosa e situazione sono da sempre due fattori indispensabili.

Di  Anonimo  (inviato il 16/09/2017 @ 12:44:15)


n. 3


Dove nasce il disagio,cosa puo'averlo causato,questo e' molto importante.
Chiedersi ed esaminare chi ha causato il disagio esaminando le situazioni.
Lo stress ,l'ansia,con gli anni di servizio aumentano,poi ora ti vedi negata anche la causa di servizio.
Certo non e' il momento di parlare di questo argomento ma bisogna che qualcuno si impegni per esaminare bene le cause di servizio richieste .
Questo e' un lavoro usurante sei sempre sotto pressione che aspettano ad inserirlo nei lavori usuranti specialmente per chi lavora in reparto.

Di  Anonimo  (inviato il 16/09/2017 @ 09:11:41)


n. 2


Lo stato dovrebbe intervenire certamente,sarebbe la cosa piu' giusta.
Si dovrebbe creare un ufficio per studiare e risolvere il disagio dei colleghi,oltre un organo di controllo per verificare ogni situazione che viene segnalata da qualsiasi persona e anche dai comunicati sindacali.
Negli ultimi anni il disagio e' aumentato sara' un mio pensiero .
Tornando al discorso iniziale io fossi per lo stato farei un controllo ed accertamenti profondi sui gli ultimi 10 anni esaminando tutto quello che possa aver creato disagio non tralasciando nulla.


Di  Contano i fatti non le parole  (inviato il 16/09/2017 @ 08:52:58)


n. 1


Il senso di abbandono lo sento anche da pensionato , dopo 34 anni di onorato servizio vedersi i diritti cancellati e come se alla fine si viene dimenticati .
Uno pensa che dopo 34 anni di servizio finalmente si possa vivere serenamente da pensionato e invece non è così, assegni funzionali maturati e non goduti , decorrenza sola giuridica dei sovrintendenti del 2002 , pensioni contributiva e mista , tfs tassato e ridotto, blocchi stipendiali che si riversano sulla pensione riducendone la pensione.
Purtroppo neanche da pensionato si è sereni , aggiungo cause di servizio tutte negate e non riconosciute dal comitato di verifica.
Comunque spero sempre in miglioramenti per chi in servizio e non .
Che qualcuno spero si renda conto che la legge Fornero massacra i pensionati che non rientra nel retributivo .
Un caro sincero saluto e un abbraccio per tutti

Di  Pensionato abbandonato  (inviato il 16/09/2017 @ 08:39:40)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.224.133.152


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

2 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

3 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Tempo di bilanci per il Ministero della Giustizia

6 In sezione comme a la guerre

7 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

8 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

9 L’origine dei tatuaggi e l’implicazione del carcere

10 Sicurezza sul lavoro: il Documento di Valutazione dei Rischi





Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle

6 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

7 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

8 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

9 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

10 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria


  Cerca per Regione