Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Tutelare la salute degli ergastolani!


Polizia Penitenziaria - Tutelare la salute degli ergastolani!

Notizia del 10/11/2015

in Il caso.

(Letto 1196 volte)

Scritto da: Baldo degli Ubaldi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La rocambolesca evasione di Fabio Perrone, Ergastolano, tradotto all’ospedale di Lecce per una visita ambulatoriale, deve aprire necessariamente un dibattito all’interno del DAP.

E’ giusto che giornalmente su tutto il territorio italiano, centinaia e centinaia di detenuti vengano tradotti giornalmente negli Ospedali per delle visite ambulatoriali, dalla più banale alla più complicata?

E’ giusto che giornalmente centinaia di detenuti vengano inviati d’urgenza al Pronto Soccorso per successivo ricovero, solo perché all’interno delle infermerie degli Istituti non vi sono gli strumenti necessari per evitare tale ricovero?

E’ giusto inviare detenuti all’esterno anche solo per “togliere i punti di sutura”?

Ci vorrebbe un’analisi approfondita, da parte del DAP, per capire le motivazioni per cui tanti bravi medici penitenziari richiedono giornalmente l’invio di detenuti per visite ambulatoriali. Ma dovrebbe essere un’analisi seria che tenga conto anche del punto di vista del medico penitenziario.

Mi spiego meglio con un esempio: se un detenuto si sente male durante la notte, e viene visitato dal medico che dopo qualche pillola o qualche altro tipo di cura lo rimanda in stanza, e questo dopo mezz’ora muore, al medico arriverà sicuramente un avviso di garanzia in quanto la Magistratura vorrà vederci chiaro.

Una volta morto il detenuto, sia i familiari, che l’avvocato, che altre associazioni  per la tutela dei detenuti si metteranno in fila per denunciare l’Amministrazione Penitenziaria (e quindi il medico) costituirsi parte civile e richiedere un risarcimento economico.

Tutti pronti ad azzannare. Tutti pronti a dare addosso all’Amministrazione Penitenziaria per questi poveri detenuti morti in carcere (dimenticando che anche fuori la gente muore ogni giorno). La prossima volta, il nostro medico non si prenderà più alcuna responsabilità e proporrà l’invio in Ospedale per un ricovero urgente; poi se arrivato al Pronto Soccorso, dopo qualche ora il problema si risolve, va bene per tutti.

Quindi ecco che non appena un detenuto accusa un malanno qualsiasi, per il quale da libero avrebbe aspettato mesi per eseguire una visita, i nostri medici che si trovano tra l’incudine e il martello, richiedono, in mancanza di specialisti, in mancanza di strumentazione sanitaria, pensando che in caso di complicazioni deve nominarsi subito un avvocato... l’invio in Ospedale per visita ambulatoriale.

Se poi il detenuto è un pluripregiudicato, uno che ha commesso crimini terribili, un ergastolano, poco importa; la Polizia Penitenziaria deve correre i rischi, d’altronde viene pagata per questo. Le visite ambulatoriali non possono “saltare”, le udienze in Tribunale non possono “saltare”, gli unici che possono “saltare” sono i poliziotti penitenziari.

La gente difficilmente può capire questo sistema, dove persone come Fabio Perrone per il quale all’atto dell’arresto la gente infuriata avrebbe richiesto a gran voce la pena di morte, non appena varca la soglia del carcere diventa un ipergarantito dal punto di vista della salute, più garantito dei cittadini onesti che probabilmente debbono aspettare mesi per effettuare una colonoscopia.

 


Scritto da: Baldo degli Ubaldi
(Leggi tutti gli articoli di Baldo degli Ubaldi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria
Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Mi è venuta un'idea!
Perchè non contattare un quotidiano nazionale e fare un protocollo d'intesa con quella testata giornalistica, facendo dedicare uno spazio quotidiano al nostro Corpo?
Una sorta di sala situazioni dei poliziotti penitenziari!.........
Cavolo ragazzi, ma non è una bella idea?

Di  Angela  (inviato il 11/11/2015 @ 10:37:03)


n. 4


Infatti caro Andrea è un vero schifo.
Se questo sito fosse visitato quotidianamente dal popolo italiano, potremmo essere anche più rispettati e considerati.

Di  Angela  (inviato il 11/11/2015 @ 09:37:04)


n. 3


Ottimo articolo... Aggiungerei solo una cosa... Che anche gli ospedali danno una sorta di precedenza ai detenuti nella prenotazione e effettuazioni di visite o esami specialistici onde evitare che se succedesse qualcosa all'utente dei penitenziari italiani di essere indagati ecc ecc... il diritto alla salute è fondamentale per tutti... Ma in questo caso... Noto delle disparità... Tra coloro che sono ospitati nei penitenziari della Repubblica e i liberi cittadini

Di  Andrea  (inviato il 10/11/2015 @ 23:31:59)


n. 2


Per Giacomo Rossi: l'articolista non propone nulla anche perchè le mie proposte non sarebbero prese in considerazione, mica sono il consulente del Ministro della Giustizia........

Di  Baldo degli Ubaldi  (inviato il 10/11/2015 @ 22:38:26)


n. 1


Fatta la colon scopia 2 settimane fa, dopo 6 mesi dalla prenotazione al n.Verde.
Per fortuna solo due polipi già asportati durante l'esame.
Il medico che l'ha eseguita quel giorno mi disse, Sig. XXXXXXXXX, ancora un mese e sarebbe stata certamente una brutta notizia.
Premetto che mio padre è morto di carcinoma al colon.
Non avete idea della paura in questi mesi, soprattutto per la sintomatologia che avevo. Oggi ho una rabbia che devo ancora smaltire. Sapere che a questo tizio era stata data la possibilità di fare questo esame in tempi rapidi, salvo poi apprendere che era tutto un bluff!
Sono arrabbiato seriamente......i figli di nessuno.

Di  Vivo e incaxxato  (inviato il 10/11/2015 @ 18:39:43)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.249.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera

10 Gli Uffici per l’Esecuzione Penale Esterna (UEPE)





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

5 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

6 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

7 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

8 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

9 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

10 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


  Cerca per Regione