Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Ufficio servizi del personale di Polizia Penitenziaria: importanza della gestione del personale


Polizia Penitenziaria - Ufficio servizi del personale di Polizia Penitenziaria: importanza della gestione del personale

Notizia del 02/09/2015

in Accadde al penitenziario

(Letto 5653 volte)

Scritto da: Rita Argento

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


In ciascun istituto penitenziario che s’incontra, l’Ufficio Servizi, riveste un ruolo di particolare importanza, proprio perché, viene a centralizzare la gestione dei turni di servizio del personale di Polizia Penitenziaria ivi impiegato.

Esistono istituti che nella maggior parte dei casi, tendono ad adottare l’organizzazione in Unità Operative: ciascuna assegnata ad un Coordinatore, appartenente al Ruolo di Ispettori e/o Sovrintendenti. Si comprende come in tal caso, i turni del personale ivi assegnato, vengono gestiti dallo stesso Coordinatore, il quale, confrontandosi con il proprio team di lavoro dovrebbe riuscire ad organizzare il servizio di mese in mese, conciliando  quanto più possibile le esigenze del personale con quelle organizzative del settore di cui ne è appunto il Coordinatore, e successivamente, a lavoro concluso, affidare il tutto all’Ufficio Servizi per la stesura di quanto riportato.

Chi coordina, svolge un ruolo peculiare e ben si sa, il benessere del personale di Polizia Penitenziaria risente molto dalla tipologia dei turni che vengono programmati, d’altronde ognuno fuori dalle mura del carcere, ha una vita familiare e/o comunque una vita personale con i pro e i contro da portare avanti. Un buon Coordinatore, è capace di farsi portavoce delle richieste della propria squadra, perché un team soddisfatto e realizzato, renderà sempre e di certo il doppio di un team insoddisfatto!

E se l’Unità Operativa vera e propria non esiste? Ecco che in tal caso, il punto centrale diventa l’Ufficio Servizi, il quale, inevitabilmente, si ritrova a dover stilare la programmazione dei turni mese per mese, di ogni collega, ciascuno con le proprie esigenze, ciascuno con le proprie motivazioni.

Una grande capacità di chi lavora in quel settore, è in particolare cercare di realizzare un filo comune tra l’esigenza organizzativa del servizio e il benessere del personale di Polizia Penitenziaria. Il carcere, il più delle volte, anzi sempre, si regge su quelle persone che nel quotidiano vengono a svolgere il proprio lavoro. E non si sta parlando di macchine, ma di persone, e solo per questo meritano la massima attenzione, sempre!

In particolare, in tale ambito trova luogo il tema della gestione delle Risorse Umane, un argomento che nel tempo, ha iniziato ad occupare un ruolo sempre più centrale. Di pari passo è emersa la necessità di mettere in atto tecniche di gestione del personale, più idonee a creare condizioni di lavoro favorevoli allo sviluppo delle potenzialità dei singoli ed a fornire loro la giusta motivazione per crescere, contribuendo al buon andamento del penitenziario ove si lavora.

Centrale deve essere  il tema della valorizzazione delle persone: se una persona non vive bene sul posto di lavoro, se non è contenta e non trova soddisfazione nell’attività che svolge, l’istituto, nel suo complesso ne risente in toto.

A tal proposito, si può menzionare quanto affermato da parte di un importante psicologo tedesco, Kurt Zadek Lewin, autore della “teoria del campo”, ovvero: l’importanza di studiare “l’aria che si respira” nei gruppi soprattutto in relazione alle performance e alla efficacia organizzativa. Negli ambienti di lavoro, sono molto frequenti espressioni che utilizzano la metafora del clima: “che aria tira oggi?” eccetera…. Espressioni  che fanno riferimento principalmente alla tonalità emotiva generale, percepita all’interno di una stessa organizzazione.

Il clima organizzativo, fa dunque riferimento alle percezioni sviluppate dalle persone nei confronti del contesto lavorativo, le cui ripercussioni possono causare benessere o malessere.  Il clima determina il comportamento dei lavoratori e allo stesso tempo ne è la diretta conseguenza. Ecco perché, a tal proposito si può ben affermare, come inevitabilmente la sfera personale di ogni lavoratore, non può e non deve essere trascurata, perché cammina di pari passo con quella organizzativa.

D’altronde, chi lavora nel carcere, ben comprende come spesso, l’Ufficio Servizi, ne rappresenta il cuore pulsante. Un settore sicuramente difficile, ma che deve partire in primis dalla presenza di un personale di Polizia Penitenziaria che per ottenere buoni risultati deve comprendere quanto sia importante ascoltare le esigenze di chi lavora. Lo stesso importante compito, cui nel caso di una gestione in Unità Operative, il Coordinatore deve essere capace di fare. Altrimenti, basterebbe un software informatico capace di realizzare una programmazione puramente oggettiva, sulla base di dati che sono stati inseriti.

E allora a quel punto mi chiederei: “Che senso ha, andare alla ricerca del benessere del personale, quando a mancare è proprio l’elemento fondamentale della comunicazione”.

“Il carcere, il più delle volte, anzi sempre, si regge su quelle persone che nel quotidiano vengono a svolgere il proprio lavoro. E non si sta parlando di macchine, ma di persone, e solo per questo meritano la massima attenzione, sempre!”

 


Scritto da: Rita Argento
(Leggi tutti gli articoli di Rita Argento)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Applicare la vecchia regola del buon padre di famiglia no???
Poche cose occorrono per essere un buon capo. (Dolcino e bastone).
Un capo DEVE sempre dare l'esempio, essendo coerente, leale e temerario con chi vuole sottometterti......cioè SEMPRE!
Mi viene solo da ridere......eheheheheh....hihihihihihih......
I veri uomini, quelli davvero capaci di fare il proprio mestiere, sono coloro che riescono a tenere uniti tutti, quelli tosti e le mezze schiappe.
Gestire il servizio, molte volte, vuole anche dire gestire in parte la vita privata. Se non eserciti bene quel piccolo potere.....non puoi essere considerato un vero Uomo.


Di  Vittorio  (inviato il 03/09/2015 @ 11:38:08)


n. 1


L'ovvietà è la sua forza Sig.ra Rita Argento!!!

Di  ROMERO63  (inviato il 02/09/2015 @ 12:59:51)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.107.91


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna

10 Il ruolo della Polizia Penitenziaria tra la scommessa delle misure alternative e la banca dati DNA





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione