Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Un altro detenuto si è suicidato. Dopo le statistiche, i soliti sospetti.


Polizia Penitenziaria - Un altro detenuto si è suicidato. Dopo le statistiche, i soliti sospetti.

Notizia del 05/05/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3032 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Un altro detenuto si è suicidato. Non ha importanza il nome, non ha importanza nulla. E’ solo un fatto statistico buono per qualche comunicato stampa.

Solo che stavolta, dopo quasi quattro mesi, un magistrato ha dato ragione alla Polizia Penitenziaria e ha tirato fuori (quasi) tutte le incongruenze di un sistema penitenziario in cui sono solo i poliziotti quelli che rischiano quando in carcere succede un fatto simile: tutti gli altri si riempiono la bocca e le coscienze di un dramma a cui, in realtà, non sono davvero interessati altrimenti dopo decine di suicidi avvenuti e dopo migliaia di suicidi sventati dalla Polizia Penitenziaria, lo sforzo di ascoltare i poliziotti, lo avrebbero fatto…

Aveva 31 anni, era in carcere da novembre per scontare una condanna per un furto in appartamento, era fragile e disperato. Il 7 gennaio l’hanno trovato impiccato nel bagno della cella. L’inchiesta del pm Paolo Barlucchi ha documentato le sofferenze dei reclusi nel grande carcere di Sollicciano, afflitto dal sovraffollamento, dalla carenza di mezzi, dalla insufficienza del personale di Polizia Penitenziaria. Ma ha anche escluso ogni responsabilità della struttura nella morte del giovane detenuto, portando alla luce, al contrario, la dedizione degli operatori che hanno fatto di tutto per aiutarlo.

Nella richiesta di archiviazione il pm spiega che l’autopsia ha escluso segni di percosse e di violenze sul corpo del detenuto. E’ stato lui a passarsi il lenzuolo intorno al collo e a lasciarsi cadere nel vuoto. Non è emersa alcuna traccia di una possibile istigazione al suicidio né di negligenza da parte degli operatori. Al contrario. Pochi giorni dopo che il giovane era entrato in carcere la funzionaria dell’area pedagogica si era messa in contatto con il suo legale e aveva redatto una relazione positiva per la richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali, ed era stata lei a fargli presentare anche una domanda di detenzione domiciliare, sollecitando poi una decisione del Magistrato di Sorveglianza. Sin dall’inizio al giovane fu proposto un trasferimento nell’ottava sezione, dove sono concentrati gli sforzi per rieducazione dei detenuti. All’inizio fu lui a declinare l’offerta, poi sembrava essersi convinto, http://imageceu1.247realmedia.com/0/default/empty.gifma occorreva l’assenso della commissione filtro, che si sarebbe riunita a metà gennaio.  

Nei due mesi di detenzione il giovane si era lamentato più volte dei maltrattameti subìti dai compagni di cella e per tale motivo era stato trasferito tre volte, passando in quattro celle diverse. Nei numerosi colloqui con lo psichiatra aveva manifestato il suo tormento. Si sentiva continuamente in pericolo ma non voleva assumere i farmaci che lo psichiatra gli aveva consigliato. L’anno precedente aveva tentato di uccidersi impiccandosi. Il 28 dicembre lo psichiatra, allarmato per la sua estrema fragilità, aveva chiesto che fosse sottoposto a Grande Sorveglianza, un regime peraltro non formalizzato in quanto Sollicciano non si è dotato di un proprio regolamento. 

In ogni caso, l’inchiesta ha appurato che il 7 gennaio, giorno del suicidio, a Sollicciano c’erano 28 detenuti per i quali era stata richiesta la Grande Sorveglianza, di cui 5 nella sua sezione, uno dei quali nella sua stessa cella, e che tuttavia nel carcere mancavano (e mancano) le forze per esercitare una sorveglianza davvero stringente, visto che durante la notte è presente un solo agente per piano. E ogni piano comprende due sezioni, per un totale di 126 detenuti. 

Punti su cui discutere:

1)     E’ giusto che la Magistratura disponga l’autopsia in casi simili, ma è o non è un atteggiamento strumentale e pretestuoso adombrare dubbi di pestaggi ad ogni decesso avvenuto in carcere?

2)     La domanda di detenzione domiciliare è stata esaminata dal Magistrato di Sorveglianza? Quante sono state le visite nell'ultimo mese (e nell'ultimo anno) al carcere di Sollicciano da parte del Magistrato di Sorveglianza competente? Forse il Capo DAP Giovanni Tamburino, potrebbe chiederlo al suo ex collega Alessandro Margara…

3)     Come mai il Regolamento del carcere di Sollicciano non è ancora pronto? Non sono bastati 37 anni per redigerlo? (i Regolamenti d’Istituto sono previsti dalla Legge 354/1975)

4)     Qualcuno ha “monitorato” la prassi secondo la quale si arriva a disporre la Grande Sorveglianza per 28 detenuti contemporaneamente di cui 5 nella stessa Sezione e due nella stessa cella?

5)     Qualcuno ha intenzione di spiegarci come fa un agente di Polizia Penitenziaria a lavorare attenendosi a tutte le Leggi, Regolamenti, Circolari e Disposizioni di Servizio quando nel turno di notte deve controllare un intero piano composto da due distinte Sezioni per un totale di 126 detenuti?

Stavolta è andata bene al collega di turno perché ha incontrato un magistrato attento che ha saputo verificare le effettive condizioni di lavoro degli agenti di Polizia Penitenziaria, ma in tutti gli altri casi?


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Mafiosi convertiti all''islam durante la permanenza in carcere: il caso del boss che vuole convertire anche il figlio
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La protesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


ORMAI I NUMERI SONO QUELLI, OGNI COLLEGA DEVE MONITORARE DURANTE LE ORE NOTTURNO UN NUMERO PARI A 160/180 DETENUTI, SI PROPRIO COME AVVIENE DA DIVERSO TEMPO NELLE CARCERI DI FOGGIA. CHE DIRE, E LA CRISI E LA NUOVA ORGANIZZAZIONE MESSA IN ATTO DAL NOSTRO MINISTERO, O LA MANCATA CONOSCENZA DEL PESO PREVALENTEMENTE UMANO, CHE OGNI UOMO DEVE ACCOLLARSI OGNI GIORNO, AFFINCHE' SII SEMPRE PRONTO A SALVARE IL SALVABILE????? PER LE MOLTEPLICI SITUAZIONI DI RISCHIO DI VARIO GENERE. OCCORRE RIFORMARE UN SISTEMA COSTOSO,VECCHIO E SUPERATO DANDO PIU' DIGNITA' A TUTTI PER PRIMA CHI DI REATI NON NE HA COMMESSI, MA CHE DEVE COMUNQUE STARE IL UN LUOGO DI PENA, INDOSSANDO UNA DIVISA.

Di  Cutone Guido  (inviato il 07/05/2012 @ 20:38:01)


n. 3


AFC la tua considerazione è tanto elementare quanto geniale! E' un po' come quei traghetti indiani che ogni tanto si rovesciano e uccidono 150/200 persone. Le chiamano: Fatalità, tragedie...

Di  Anonimo  (inviato il 07/05/2012 @ 06:57:29)


n. 2


airbus a320 è stato progettato per trasportare 164 passeggeri cosa diresti di un pilota comandante che per fare contenti le direzioni delle società imbarcassero sullo stesso aereo 328 passeggeri......è un reato roba da togliere brevetto a vita ..... perché le direzioni dei carceri accettano di ospitare il doppio di quello previsto ...e senza personale di supporto....raggiunto il numero previsto carcere chiuso.... il giudice se li porta a casa

Di  afc  (inviato il 07/05/2012 @ 00:58:38)


n. 1


Caro Cesare,
che ti devo dire...
le tue domande sono tutte legittime e credo che le risposte a secondo del pulpito da cui provengono trovano soluzioni più o meno estreme ma che sono l'esemplificazione di un sistema ormai allo sbando e che vuole sempre auto-giustificare le proprie decisioni.
La fortuna è trovare un magistrato dalla "nostra parte" e che svolge il proprio lavoro con serietà in modo obiettivo e imparziale. Magistrato esente da qualsiasi condizionamento e per cui la nostra amministrazione e nello specifico dirigenti delle strutture penitenziarie non saranno mai i primi a rispondere delle loro inadempienze. Tanto a pagare a livello economico nel caso in cui l'Amministrazione Penitenziaria abbia torto è sempre un'amministrazione dello stato = TUTTI NOI PAGHIAMO!!!!

Di  Andrea  (inviato il 05/05/2012 @ 22:19:22)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.166.0


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione