Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Un borghese piccolo piccolo


Polizia Penitenziaria - Un borghese piccolo piccolo

Notizia del 08/04/2013

in Il Pulpito

(Letto 2919 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Dopo il Marchese del Grillo, ancora una volta intravedo un’analogia tra il capo Dap Giovanni Tamburino ed un personaggio cinematografico interpretato dal grandissimo attore romano Alberto Sordi.

In questo caso, le somiglianze scenografiche sembrano ricadere sul Borghese piccolo piccolo, Giovanni Vivaldi, pellicola del 1977 di Mario Monicelli.

In quel film,  il personaggio di Giovanni, apparentemente mite e remissivo, si rivela alfine determinato e implacabile nei confronti dell’assassino del figlio, fino alla tortura e all’omicidio.

 Vivaldi  è un impiegato di banca, con i capelli grigi e prossimo alla pensione, che ha sempre vissuto una vita tranquilla in famiglia (appunto borghese) e che sta per coronare l’unico grande sogno della sua vita: far assumere il figlio al suo posto.
Purtroppo per lui, però, un tragico destino stravolge la sua esistenza: nel corso di una rapina il figlio rimane ucciso da un proiettile vagante.

Da quel momento, il mite e remissivo Giovanni si trasforma in un ostinato investigatore, prima, e in un inesorabile carnefice, poi,  quando scopre e rapisce l’assassino del figlio.

Dove sono le analogie tra questo film noir di Monicelli e la dirigenza del dap di Giovanni Tamburino ?

Innanzitutto la somiglianza fisica del personaggio e poi,  indubbiamente, l’evoluzione del protagonista che – pur mantenendo nell’apparenza l’aspetto  mite e remissivo – si rivela aggressivo e risoluto nei confronti di chi ha interferito nel tranquillo fluire della sua esistenza.

Ovviamente le analogie si limitano agli aspetti fisici e caratteriali senza aver nulla a che vedere con i risvolti e, soprattutto, con i contenuti del film di Monicelli.

Del resto, come non cogliere le evidenti somiglianze psicologiche e fisiognomiche dei due Giovanni: i capelli grigi, la mezza età, l’aspetto bonario, i modi e i toni pacati e tolleranti.

E, allo stesso tempo, come non cogliere le altrettante somiglianze nelle personalità nascoste dei due Giovanni.

Proprio come il Vivaldi di Monicelli, Tamburino tira fuori gli artigli quando si tratta di affrontare chi attenta alla sua vita (professionale), predisposta e preordinata secondo un preciso schema personale.

Proprio come il Vivaldi di Monicelli, Tamburino si presenta paziente ed ineffabile anche  di fronte a chi lo incalza e lo contesta.

Proprio come il Vivaldi di Monicelli, Tamburino affronta gli avversari sul proprio terreno, con i propri tempi ed i propri modi, senza indecisioni e senza esitazioni.

Come quando  afferma senza tentennamenti che “le riforme passano sulla testa di chi le avversa”, nel replicare alle obiezioni dei sindacati ai suoi progetti.

O come quando  ignora volutamente, senza degnare nemmeno di una replica, le critiche, le censure o i biasimi rivoltegli da chicchesia lasciando, spesso, con un palmo di naso l’interlocutore chiudendo  la riunione senza degnarlo di un cenno di risposta.

Giovanni /Giovanni non esita nemmeno ad inviare segnali quando, ad esempio, scrive  di sua iniziativa ad una sigla sindacale antagonista in relazione ad un articolo pubblicato su internet mentre al Sappe non risponde nemmeno alle lettere ufficiali e alle diffide.

Per quello che mi riguarda, poi, non ho mai dimenticato la vicenda del professor Vittorino Andreoli , psichiatra di chiara fama, che scrisse un articolo sulla rivista del dap definendo i poliziotti penitenziari “frustrati” e con un “profilo professionale minimo”. Rivista allora diretta proprio da Tamburino e che replicò, sempre sulla rivista del dap, in prima persona alle nostre lamentele difendendo Andreoli e accusando noi di non aver capito quello che aveva scritto lui.

Ma questa è un’altra storia, una storia di pubblicazione di libri a spese dell’amministrazione … una storia che racconteremo in un'altra occasione.

Tutto sommato, insomma, borghese o no, il Presidente Tamburino, secondo noi,  è proprio un capo dipartimento piccolo, piccolo …


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


ma è un Capo della Polizia ? o un garante dei detenuti ? e la Polizia penitenziaria da chi viene difesa / garantita ? Il caro buon anima del Capo della POLIZIA, la sua priorità era tutelare i suoi uomini che operano in prima linea , come non da meno IL Dottor DEGGENNARO , umile Poliziotto di prima linea assaporando i veri problemi amarezze dei colleghi in prima linea e salendo al vertice hanno portato con se un bagaglio d'esperienza che non fa altro di dare lustro al corpo non che migliorarne le qualita di una vera POLIZIA ....

Di  peppe  (inviato il 08/04/2013 @ 20:25:22)


n. 1


...... la necessità amministrativia da una parte e l'improcastinabile necessità d'esecuzione del servizio d'istituto applicato ed applicabile al personale operante all'interno dei 206 Istituti negli ultimi tempi si è abbassato ulteriormente, tanto è vero che la sala situazione è ingolfata a rammentare e a stilare comparazioni e processi d'analisi .
Ciò premesso va dato l'ufficilaità che la guida dell'intera dirigenza del DAP non è una delle migliori , peraltro anche se vi è congiuntura economica , non è giustificabile la progettualità del Mr. Tamburrino&Pagano sull'apertura di determinati circuiti penitenziari.
Tale progettualità non può e non deve essere la chiave di svolta sia nell'attuare le continue sentenze emesse dalla Corte Europea ( vedi contenzioso del DAP ) sulla perimetrazione di vivibilità connessa alla metratura quadrata per detenuti che la dirigenza vuole allargare con l'apertura delle celle .
Inoltre a fianco di tale progettualità , viene sempre mantenuta la normativa penale di cui all'articolo 387 della colpa del custode, motivo per il quale la progettualità a targa tamburrino &pagano passa per la pelle dei poveri colleghi che lavorano in prima linea .
Già oggi svolgono due e tre posti di servizio ............... con enorme stress che ricade sulla famiglia e sui figli , demotivazioni, abbondono della poca professionalità ed altro...................
Il grande SAPPE manifesta e a mezzo stampa, ANSA ed altro denuncia il tutto , ma le altre minoritarie sigle sindacali ci sono ? e se ci sono cosa vedono e cosa fanno ? Voglio augurarmi che alcune di esse non fanno cogestione con l'amministrazione calpestando i diritti del personale e fare per così dire " i giacobini del momento " in riferimento alla politica attuale .
delle volte più di giacobini parlerei di " giullari di corte al servigio della dirigenza DAP " per far la voce grosse in periferia e autoapostrofarsi : UOMO DI POTERE !
Prima ci si informa , ci si documenta e poi si informa la collettività.
Grazie SAPPE

Di  Pikkolo assistente di periferia meridionale  (inviato il 08/04/2013 @ 12:36:49)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.149.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione