Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Un Corpo di Polizia dello Stato è in mano a dei dilettanti …


Polizia Penitenziaria - Un Corpo di Polizia dello Stato è in mano a dei dilettanti …

Notizia del 04/01/2014

in Perché siamo un Corpo di Serie B

(Letto 5476 volte)

Scritto da: Daniele Papi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Parliamo dell’Uniforme, del perché è “blu”, e da quando lo è.

Ho avuto modo, in questi giorni di sfogliare il calendario del Corpo, “targato” 2014.

La prefazione è a firma del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e si intitola:

La Storia, i Simboli, i Valori.

Leggo con attenzione … rileggo, perché credo di aver visto o compreso male, ma scopro con stupore che: 

Anno 1991, arriva l’uniforme blu;
Anno 1992, arriva il Regolamento del Corpo. 

Ora, io comprendo che il Capo del Dipartimento, non essendo una figura autoctona, possa non conoscere alcuni passaggi fondamentali della nostra storia, ma mi meraviglia che ci sia qualcuno che propone con pomposa falsa conoscenza e memoria storica, la firma di atti pubblici.

Il calendario, signori, è un veicolo promozionale ufficiale e propagandare all’interno dello stesso notizie errate e fuorvianti (per di più a spese dello Stato) dimostra per l’ennesima volta, qualora ce ne fosse ancora la necessità, la scarsa attenzione che LorSignori riservano ad un Corpo di Polizia dello Stato che ha il dovere e l’onore di rappresentare la Repubblica e le Istituzioni che anche Loro, in virtù della posizione di vertice occupata, avrebbero l’obbligo di rappresentare.

 Iniziamo dall’uniforme:

L’uniforme di colore blu della Polizia Penitenziaria è stata introdotta prima della smilitarizzazione e viene, quindi, ereditata dal disciolto Corpo degli Agenti di Custodia.

Così, anche qualche inetto venditore di fumo dovrebbe capire perché gli Ufficiali di cui all’articolo 25 della Legge 395/1990 indossano l’uniforme blu e non quella grigio/verde;

 
 
Veniamo al Regolamento del Corpo:

Qualcuno, ha le idee confuse (e non venite a raccontarmi che si tratta di un semplice refuso di stampa).

 
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
15 febbraio 1999, n. 82

Regolamento di servizio del Corpo di Polizia Penitenziaria.

(GU 1° aprile 1999, n. 76, S.O)
 

Tuttavia, ad onor del vero, nel 1992 un Regolamento fu scritto da Alfredo Gabrielli, Nicola Alessi, Lionello Pascone e Giuseppe Mariano.

Quel Regolamento, estremamente più favorevole, cercava di restituire dignità al Corpo, mortificato dalla riforma, e venne inviato al Consiglio di Stato.

Quel Regolamento, invece, ritornato con la approvazione dell’Alto Consesso e con la richiesta di alcune piccole modifiche concordate con il Ministero dell’Interno e della Difesa, improvvisamente sparì dalla faccia della terra …

Lascio a voi ulteriori riflessioni.

(P.S. mentre scrivo, apprendo dei gravi fatti verificatisi presso la struttura penitenziaria di Viterbo) Coltellate tra detenuti a Viterbo: quattro in pericolo di vita, altri tredici feriti, Agente penitenziario ricoverato
 
In conclusione, infine, è importante richiamare l’attenzione su alcuni passaggi della prefazione al calendario:
 “Il presente è attraversato da una indiscutibile emergenza che chiama tutti noi (Ma noi chi?? Noi/Voi o solo NOI?) a un’assunzione di responsabilità e quindi alla ricerca di soluzioni in grado di trasformare il modello detenzione fin qui adottato. Abbiamo (avete! … e si vede pure con quali risultati) iniziato a farlo con atti concreti, proponendo il modello di sorveglianza dinamica, un modello operativo che sta, gradualmente, affermandosi in tutte le realtà territoriali. (a mio parere c’è davvero poco di cui vantarsi …)
 Il nuovo modello è rivolto a un miglioramento delle condizioni detentive, perché permette di riempire il tempo della detenzione rendendolo meno affittivo a favore di inziative progettuali che danno senso alla pena. (a dire il vero di progetti non vedo neanche l’ombra ed i risultati non tarderanno a farVi tornare alla dura realtà).
 
La distanza con superata visione del carcere migliora sensibilmente le condizioni di lavoro della Polizia Penitenziaria (che le condizioni di lavoro siano migliorate è, quantomeno, opinabile)   innalzando, nel contempo, i livelli di sicurezza, (… i gravi fatti accaduti a Viterbo sembrano dimostrare il contrario) offrendo al personale di Polizia Penitenziaria e agli altri operatori nuovi strumenti e modalità di lavoro che consentiranno di accrescere la professionalità.

Le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria, con testimonianza del loro lavoro, fatto di coraggio, professionalità, senso di appartenenza e lealtà istituzionale sono il motore della trasformazione in atto”.

Ai miei colleghi lascio l’onere di fare eventuali ulteriori considerazioni ...
 
A tutti gli altri, proporrei una profonda riflessione sul fatto che non è molto lodevole giocare con la pelle di circa 38.000 persone della Polizia Penitenziaria … dovrebbe bastare poco per comprendere che anche noi siamo esseri umani che meritano rispetto e tutela.

Anche noi passiamo la maggior parte della nostra vita “in galera” (forse a qualcuno sfugge che ci lavoriamo).

Uniforme a parte, ci viene riservato il medesimo “inumano” trattamento riservato alla popolazione detenuta, probabilmente a causa della completa distorta visione della situazione reale che “Il Palazzo” ha del carcere.

Per la morale, prendo in prestito una definizione di Esopo: “E’ facile essere coraggiosi a distanza di sicurezza …”
 
(Dalle mie parti, in borgata, la stessa morale si esprime in modo più volgare che – non potendolo riportare letteralmente - in italiano dovrebbe essere così: “ Quanto è facile fare il gay con il deretano degli altri ...”)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 


Scritto da: Daniele Papi
(Leggi tutti gli articoli di Daniele Papi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 17


..... Se prima come adesso siamo classificati un corpo di Polizia di serie B , PRESTO nn saremo nemmeno più di serie PROMOZIONE . Con l'unificazione dei corpi di POLIZIA , di cui se ne parla da tempo , se nn l'hanno già deciso ...poco ci manca , ci stanno tagliando fuori accorpando g.d.f , forestale , alla Polizia di Stato .... queste le voci che girano . ...e noi che fine faremo ? con quella fantomatica attribuzione qualifica di P.S e P.g ? faremo una bella retrocessione che ci porterà all'era preistorica ...e così i nostri vertici festeggeranno la fine di un corpo morto / stroncato sul nascere ...

Di  peppe  (inviato il 10/01/2014 @ 00:26:24)


n. 16


oggi con molto stupore apro l'elenco telefonico nuovo ed ancora c'e' il nostro numero 1544 assegnato alla polizia penitenziaria e mai messo in funzione dal DAP. se si compone il numero una vocina dice che e' inesistente............per favore Sappe...fai togliere quel numero ...che figure di m.....ne abbiamo gia' fatte troppe....

Di  claudio  (inviato il 09/01/2014 @ 22:07:17)


n. 15


Siamo allo sbando totale hanno comprato i tablet e poi hanno comprato la custodia per i tablet. Alla fine la custodia è troppo piccola per contenere il tablet. Verificare prima gli faceva male. Incuria, pigrizia, menefreghismo c'e' un pò di tutto.

Di  Bianchi  (inviato il 08/01/2014 @ 22:12:22)


n. 14


............. NON HO più nessun aggettivo da usare su come definirci .. e definire questa amministrazione .... sono schifatooooo cari colleghi , siamo in mano a nessunoo

Di  peppe  (inviato il 08/01/2014 @ 17:18:27)


n. 13


A proposito di corpo orfano di delusioni e di poche speranze all orizzonte .

Ma qualcuno ha visto come ieri sera ci hanno trattato su la sette , nella trasmissione di linea gialla ?... Che vergogna ... Siamo abbandonati da tutti .

Di  Markino  (inviato il 08/01/2014 @ 16:36:14)


n. 12


Finalmente si parla di divise e calendari.
Qualcuno pero' non ha ancora parlato delle nuove camicie bianche, avete visto come rimangono dopo aver messo la cravatta?..... sono rifinite peggio del peggio. Per non parlare del calendario,chissà quanti graduati e dirigenti sono stati impegnati per la realizzazione del nuovo calendario, che poi ne è venuta fuori una schifezza!
Non riescono neppure a fare una calendario, non riescono neppure a copiare dagli altri, sono talmente incapaci che non si vergognano neppure di presentare le loro schifezze.
Sono sicuro, anzi ne sono certo, se per la realizzazione del calendario del corpo impegnassero due bravi assistenti, ne uscirebbe una cosa molto meno schifosa, anzi magari vedremmo finalmente un calendario in grazia di dio.
Cari burocrati del DAP, se leggete queste mie poche righe, che contano poco, ma che insieme ad altre miglia la dicono lunga di quanto siete ben visti, vergognatevi, andate a lavorare sul serio, lasciate fare ad altri quello che siete incapaci di fare voi.
Guardatevi allo specchio e Vergognatevi!!

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 07/01/2014 @ 19:55:54)


n. 11


Fino a quando ci comanderanno i Direttori, e i Sindacati faranno a gara a chi lecca di più non si va da nessuna parte, allora io dico via i Direttori e cancelliamoci dai sindacati, poi perchè a capo dei sindacati ci devono essere sempre i capoccioni noi Agenti, Assistenti,Assistenti Capo istituiamo un Sindacato che ci tuteli no un sindacato che tutela solo gli Ufficiali e i loro tirapiedi

Di  Antonello Matzutzi Mele  (inviato il 06/01/2014 @ 12:28:33)


n. 10


Io lo dico da tanto tempo andiamo via da questo ministero e passiamo agli interni, poi se la scornano tra di loro, potrei aggiungere che gli regaliamo anche qualche commissario pupazzo.

Di  Galaxy  (inviato il 05/01/2014 @ 23:28:21)


n. 9


Anche i capi dipartimento devono andarsene e dare via a Divise come nelle altre Polizie, basta civili!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Di  Marcos Cipolato  (inviato il 05/01/2014 @ 18:51:32)


n. 8


Via i direttori che vadano assieme agli educatori e lascino lavorare il Pubblico ufficiale comandato da una DIVISA VERA!!!!!!!!!!! basta sti civili che si atteggiano e non sono neppure BLU!!!!!!!!!!!!!!!

Di  Marcos Cipolato  (inviato il 05/01/2014 @ 18:49:15)


n. 7


Ormai e' evidente x tutti , bisogna dare una sferzata forte e cioe' cambiare questa dirigenza a noi ormai sconosciuta , voi del sindacato che gridate e strepitate x l'allineamento con altri corpi fate questa battaglia x istituire una dirigenza generale del corpo alle dirette dipendenze del ministro.

Di  Marcoarianese  (inviato il 05/01/2014 @ 16:20:13)


n. 6


per gianni!

Mio caro gianni, debbo diritti che il treno non deraglierà affatto: E' già deragliato con motice e i primi vagoni ....mancano solo gli ultimi!
Gli ultimi non saranno i primi , perchè questi ultimi che deraglieranno saranno gli Uomini e Donne della Polizia Penitenziaria.........
Chissà verranno i Vice Direttori, i Direttori Aggiunti, i Direttori, i Direttori Capo , i Vicari dei Provveditori, i Provveditori , I vice capo DAP o il Capo DAP ?
Ma gli Ordini di servizi con relativi compiti dell'agente chi li firmerà e chi li controfirmerà alla luce di aggressioni, ruberie di sigarette, terapie , spesa sopravvitto, distribuzione colazione, pranzo e cena, ma le sezioni di Isolamento abolite un tempo fa , quando le riapriranno?
Come è possibile gestire tutto ciò? Sulla pella dei poveri cristi? Prova ne è la scarsa conoscenza di quello scritto su calendari annuali del Corpo. Che considerazione è questa?
A costo zero..... e che siamo autoveicoli della FIAT non commerciabilizzati più secondo regole ? Costo zero quello significa nel Management della FIAT Marchionne .
Delusi è poco , e la colpa del custode , che fine ha fatto?
eventuali tafferugli tra rumeni, albanesi, magrebini chi li divide , chi li soccorre , andiamo con le caramelle in mano o i cioccolatini?
Sfollaggente, scudi e sezioni isolate ma dove sono : il deterrente quale sarebbe ? il rapporto ? la chiusura della sezione ? e dei marocchini, rumeni ed altri che cosa gli interessa ? la sezione interessa magari agli italiani , che fanno colloqui, i 75 giorni di liberazione anticipati ed altro .......
Ma agli stranieri la pena perchè non la scontano nei loro paesi?
La politica dove sta? il DAP dove sta, scarichiamoli sulla Polizia Penitenziaria facile no?
WWW il Sappe e i sindacati gialli , o minoritarie sigle sindacali dove sono?

Di  minatore di frontiera  (inviato il 05/01/2014 @ 12:33:41)


n. 5


Siamo nel 2014....ancora ci devono comandare i Direttori???
A quando un Comandante del Corpo ?
Andiamo via dal Ministero della Giustizia e stacchiamoci dal DAP....
oppure cambiamo Uniforme.....quella dei camerieri dei ristoranti (con tanto di rispetto per il loro lavoro) andrebbe bene.....e mi raccomando il papillon colore blu....

Di  Anonimo  (inviato il 05/01/2014 @ 10:58:47)


n. 4


che dire....che la situazione sia sfuggita di mano e' nota a tutti quelli che ogni mattina indossano la divisa per mandare a pascolare lungo I reparti fumi di detenuti che dopo essersi studiati e minacciati tra le varie etnie e appartenenze delinquenziali,ora hanno avuto I'll via libera ministeriale per contendersi un corridoio di reparto che ormai assomigliano a ghetti.Da quello che leggo ormai ogni giorno sui mezzi di informazione e da quello che constato nel penitenziario a regime aperto dove lavoro credo di non sbagliare affermando che a breve tutti I penitenziari andranno fuori controllo.Questo solo per ricordare a chi fresco di nomina ,ma non di memoria che inquei reparti ci sono donne e uomini che hanno bisogno di tutele,in quanto ricoverato in ospedale a Viterbo non ci e' finito chi ha pensato di aprire le celle dei detenuti per farli oziare nei corridoi , ma chi in quei corridoi viene comandato in servizio senza neanche aver potuto dire la sua.Spero vivamente che qualcuno si faccia un esame di coscienza,e fermi questo treno che altrimenti a mio modesto avviso e' destinato a deragliare.

Di  gianni  (inviato il 04/01/2014 @ 15:35:41)


n. 3


Niente di nuovo sotto il sole...anzi sotto il diluvio!
E purtroppo non si vedono schiarite all'orizzonte.

Di  Alessandro  (inviato il 04/01/2014 @ 14:12:19)


n. 2


I Capi del DAP si ricordano della Polizia Penitenziaria solo quando devono mettere la firma su questi "prodotti editoriali"... Questo Capo, in particolare, sfrutta ogni occasione per parlare della SUA sorveglianza dinamica.

Di  Enzima  (inviato il 04/01/2014 @ 13:54:42)


n. 1


per esprimere tutto ciò,solo una parola rende l'idea,"delusione".Purtroppo,siamo un corpo orfano ,di un capo vero e di uno stato che non ci considera affatto.Sono molto indignato.

Di  Mimmo  (inviato il 04/01/2014 @ 13:34:57)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.168.21


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Baschi Azzurri dell''Umbria ... rialziamoci!!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione