Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Un Corpo di vecchi, in attesa di arruolamenti nella Polizia Penitenziaria che non arriveranno mai


Polizia Penitenziaria - Un Corpo di vecchi, in attesa di arruolamenti nella Polizia Penitenziaria che non arriveranno mai

Notizia del 04/11/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 6520 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il mio amico Commissario Ultimo (in graduatoria) si lamenta troppo. Dice che non fa altro che dedicare il suo tempo, la maggior parte del suo tempo lavorativo, diciamo il 90%, alla gestione del personale e il restante 10% alla gestione dei detenuti.

Lui sostiene (ma secondo me non capisce niente…) che più si alza l’età anagrafica del personale e più aumentano i problemi gestionali, infatti (lui sostiene) che avendo a che fare con un personale di P.P. che ha in media 48 anni e oltre 20 anni di servizio è veramente difficile trovarne uno integro fisicamente, senza problemi familiari, senza problemi economici, con genitori sani e autosufficienti.

Tutto questo comporta una serie di difficoltà gestionali legate a vicende personali, talvolta tristi, alcune volte drammatiche, che richiedono una capacità di rapportarsi con il personale, un equilibrio, un savoir faire, una capacità di comprensione che va oltre le medie capacità umane.

Ci sono quelli separati con problemi economici, quelli separati con problemi legati all’affidamento dei figli, quelli con i genitori handicappati a carico con infiniti problemi sanitari, quelli presi dallo stato d’ansia che non vogliono andare all’Ospedale Militare ma che vogliono essere aiutati con servizi leggeri e possibilmente non a contatto con i detenuti, quelli che hanno dolori alle ginocchia e non possono stare all’impiedi pur essendo stati fatti idonei dalla CMO, quelli che invece non possono stare tanto seduti e chiedono di poter fare un servizio dove un po’ si siedono e un po’ si muovono – anche se fatti idonei dalla CMO, quelli che non possono montare in sezione perché gli hanno arrestato il parente, quelli che non possono montare in sezione perché hanno problemi economici e …..non si sa mai…., quelli che pretendono di fare il capoposto e quelli che si ammalano perché la notte fanno il capoposto e di giorno sono sul piano e si sentono sminuiti, quelli che vogliono fare sentinella fissa per non stare a contatto con i detenuti, quelli che hanno problemi gravi di famiglia e vogliono fare solo servizi antimeridiani, quello che ha la moglie con minacce di aborto e vuole essere autorizzato fin dal primo giorno della gravidanza a non fare le notti; quelli che non vogliono fare le notti, e quelli che ne vogliono fare 5 – 6 al mese, quelli che vogliono fare la prima abbinata alla notte e quelli che si ammalano perché gli dici che non è possibile fare prima e notte e allora la prima non te la fanno, quelli cui non riesci a fargli fare una prima di sabato, quelli che si lamentano di tutti e di tutti.

Il campionario potrebbe continuare ancora ma chiedo al mio amico Commissario di fermarsi. Credo che stia esagerando un po’: mi descrive il carcere come se fosse un piccolo Vietnam…..e poi continua: ah, dimenticavo…. Poi ci sono i sindacalisti, ormai quasi tutti hanno una carica e quindi quelli che ti attaccano perché ipotizzano favoritismi, quelli che ti attaccano perché con un provvedimento hai nuociuto ad un loro iscritto, quelli che ti attaccano perché le cariche fisse fanno sempre la notte di venerdì, rubando lo smontante di sabato ai colleghi del SAT, quelli che ti attaccano perché hanno fatto solo due domeniche di riposo, quelli che ti attaccano perché qualcuno ne ha fatte tre e c’è sperequazione…….insomma…..e poi ci sono i cinquantenni, ormai in alcune carceri sono il 40 – 50% della forza. Questi continuano ancora a guidare i mezzi delle traduzioni, continuano ancora a fare le stesse cose che facevano a 20 anni, con la differenza che adesso ne hanno 50 e sono pieni di acciacchi e visibilmente nervosi dal continuo logorio che viene dal confronto quotidiano con il detenuto. Ti chiedono tutti di non fare le notti perché hanno compiuto 50 anni in virtù di una norma scritta anni fa quando ancora la media anagrafica dei colleghi era ancora bassa rispetto ad oggi. Una norma inadeguata che andrebbe rivista e che attualmente è impossibile applicare anche se si cerca in tutti i modi di venire incontro a questi vecchietti, ma sono solo intenzioni velleitarie quando si ha il 50% del personale ultracinquantenne.

Il mio amico Commissario è un fiume in piena: il Governo continua ancora ad allungare l’età pensionistica non tenendo conto davvero di quanto sia usurante il lavoro del Poliziotto Penitenziario, di quanti colleghi muoiano d’infarto e di quanti hanno problemi di ansia, di ipertensione, di artrosi e di tutte quelle malattie prese in servizio ma paradossalmente ormai difficilmente riconosciute dagli Ospedali Militari che, con il loro disconoscimento delle cause di servizio, fanno pagare ai colleghi ammalati pagano oggi anni pregressi di facili riconoscimenti di cause di servizio a go go, gettando nello sconforto i cinquantenni del Corpo i quali si devono convincere che la Bronchite o l’ipertensione ce l’avevano fin da piccoli!!!

Non avevo mai visto il Commissario Ultimo così sconfortato e deluso; mi sembrava il Drogo del “deserto dei Tartari” che, arroccato nella sua Fortezza Bastiani, scruta l’orizzonte in attesa non di nemici ma di rinforzi, di agenti giovani che a causa della spending review e di una gestione politica del personale che lascia a desiderare, non arriveranno mai.


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 33


certo che decidere se i 50 enni debbano fare i turni notturni lo debba decidere chi non ha mai fatto una notte è un bel emblema.tanto i 50enni hanno le spalle grandi , ma come ci volete fare arrivare alla pensione ? distrutti . alla prossima .
aldo sara cinesca

Di  Anonimo  (inviato il 15/12/2012 @ 15:50:42)


n. 32


vorrei consigliare a nuvola rossa di cercare di conoscere un appartenente al ruolo agenti/assistenti , farselo amico e farsi raccontare il loro pensiero, le loro paure , i loro sacrifici, le loro aspettative per poi scrivere anche a nome loro, i veri ultimi , la mia non vuole essere una polemica nei suoi confronti , ma un mio pensiero,cosi sperando di non ricevere solo attacchi .
ass.c benny.

Di  Anonimo  (inviato il 13/11/2012 @ 15:50:36)


n. 31


ma di che c.... ci lamentiamo; mio padre per27o.000 lire al mese, fino all'età di 62 anni ha effettuato circa 5 notti settimanali e qundo io gli facevo notare che guadagnavo nell'84 quasi 1000.000 al meseera contento per suo figlio, ma aggiungeva pure che se lui avesse percepito 1/3 di quella somma, ai suoi tre figli avrebbe edificato 3 appartamenti. perciò non ridicolizziamoci e sappiamo essere Poliziotti.... dimenticavo, faremmo parte di altre categorie di lavoartori se così non fossimo.

Di  antony  (inviato il 11/11/2012 @ 14:12:49)


n. 30


caro nuvola rossa ,poiche tu stesso hai detto che tu provochi , devi pertanto accettare anche chi ti provoca , sempre nei limiti della decenza , premesso che non sono ne io ne tu a decidere se le notti gli ultracinquantenni li debbono fare o meno , poichè è materia di contrattazione sui carichi di lavoro e di fattispecie pattizzia, non capisco il tuo fervore se scrivi per interposta persona ,nessuno ti vuole offendere come tale , poichè almeno i cinquantenni si ritengono persone saggie, che capiscono il momento dove tutti si deve concorrere alla vita d'istituto , e come ti ricordo proveniamo dagli agenti di custodia abituati a fare sacrifici, ma non di meno nessuno puo' toglierci la possibilità di richiedere i nostri diritti cosi come avviene in uno stato di diritto.
non piu' voglia di fare polemiche proprio con te poichè e una guerra inutile, in quanto non mi piace far gioire certe persone su una questione come ripeto che non rientra nelle nostre prerogative risolvere .
pertanto con sincera stima di quanto hai sempre scritto e scriverai. ringrazio anche maria e l'ispettore libero per la loro saggezza
aldo sara cinesca

Di  Anonimo  (inviato il 08/11/2012 @ 15:09:22)


n. 29


mi dispiace che le repliche al tuo articolo poco ti piacciano, fortunatamente siamo in democrazia e siamo liberi di esprimere le proprie idee.
Forse se il personalefosse motivato , se gli si facessero condividere gli obbiettivi, se venisse lodato quando merita, capito quando è in difficoltà, gli stesse vicino quando si trova ad affrontare un forte dolore a causa di un decesso di un familiare, forse..................................

Di  maria  (inviato il 07/11/2012 @ 21:35:29)


n. 28


Caro Anonimo con la tua padronanza del latino potresti diventare un ottimo collaboratore del nostro più famoso "latinista" che si trova al DAP così mi sapresti rispondere se sia più giusto scrivere "limitaneo" o "limitrofo". Ma quando leggete gli articoli cominciate dalla fine o dall'inizio? E se ci sono le figure guardate solo quelle? I Commenti non sono attinenti al senso dell'articolo, proposte non ne avete e continuate a lodare gli ultracinquantenni come se qualcuno li avesse voluto offendere e non riconoscesse i sacrifici che hanno fatto per l'Amministrazione. Ma io vi chiedo: l'Amministrazione Penitenziaria cosa ha fatto per questi colleghi fino ad oggi, se non una norma che nella realtà non è applicabile? iL PROBLEMA DEI TURNI NOTTURNI RIMANE, a prescindere dalle offese più o meno velate nei miei confronti.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 07/11/2012 @ 16:09:11)


n. 27


nuvola e compare ultimo , Aequam memento rebus in arduis servare mentem.Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt.



Di  Anonimo  (inviato il 07/11/2012 @ 13:25:33)


n. 26


nuvola rossa , non a caso ti chiami cosi ,lanci frecciiate da vero indiano infatti non sapevo che gli ass.c. sono diventati massa e poi perchè ti dispiace per quelli degli ntp.? quando si dice omen- nomen.
sara . cinesca.

Di  Anonimo  (inviato il 06/11/2012 @ 19:28:41)


n. 25


nuvola rossa chi ha a cuore il nostro corpo e capisce il sacrificio sicuramente non ti attaccherà,se invece lo faranno si dimostreranno degli egoisti ,ci vuole un pò di buona volontà per alleviare un carico di lavoro che sta incominciando a pesare sempre su pochi reduci , visto che ormai forza lavoro giovane c'è ne sta poca, pertanto le sofferenze dobbiamo dividercele . ho ammirato tanto l'ispettore libero di quanto ha affermato , poichè sono sicuro che i suoi uomini lo hanno come un mito .
cmq nuvola rossa visto che hai detto che sei giovane ti auguro di avere davanti a te tanta strada da fare magari di notte " scherzo" io ormai sono quasi arrivato a 55anni , auguro a voi giovani tanta serenità, e che il buon dio vi accompagni sempre.
aldo

Di  Anonimo  (inviato il 06/11/2012 @ 19:03:09)


n. 24


Il dibattito mi piace. E' una realtà che va affrontata e non voglio scatenare un conflitto generazionale anche se io sono giovane (si fa per dire.......) alla massa degli ass. capo del mio istituto (centro sud anch'io). Io lancio la mia proposta: tutti devono fare le notti (in molte carceri ancora le cariche fisse non le fanno); tutti coloro che sono distaccati al DAP e ai PRAP e agli UEPE dovrebbero essere costretti da MR. Tambourine a fare due notti al mese, nell'Istituto più vicino; anche quelli che fanno le scorte ai magistrati dovrebbero assicurare le due notti al mese e senza interventi trasversali da parte dei signori Magistrati!!!!! Inoltre mi dispiace per i colleghi del NTP ma anche loro dovrebbero assicurare almeno una notte a testa al SAT, anche i sindacalisti devono farsi le notti e non mandare il permesso sindacale quando sono segnatoi di notte e pertanto (in virtù di quale privilegio?) la notte gli viene tolta, (e molti di questi sono degli habituè), perchè credetemi, non si può più continuare con sacche di privilegi vari, se non vogliamo, ribadisco, che tutti moriamo in servizio. Vi piace questa proposta? Ora mi attaccheranno i colleghi del NTP e quelli del DAp ecc.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 06/11/2012 @ 18:27:35)


n. 23


Salve a tutti.
Credo sia uno degli argomenti più importanti da affrontare per ciò che concerne la nostra professione.
Per chi come me ha tanti anni di servizio alle spalle, per coloro che non si sono mai tirati indietro nel prestare servizio in condizioni davvero critiche, va il mio abbraccio sincero. Nessuno si azzardi a parlare di "vecchi". Purtroppo penso che il nostro glorioso Corpo sia stato irrimediabilmente compromesso da molteplici fattori, uno su tutti da coloro che parlano...parlano...parlano...parlano e NON SI SPORCANO LE MANI. Ci si ostina a non capire che bisogna partire dal basso, che occorre annusare quotidianamente la nauseabonda puzza delle celle durante il giro di conta e confrontarsi sin dal mattino con "l'utente"!!!!! Solo ciò ti porterà a comprendere VERAMENTE quello che tanti uomini tutti i giorni fanno. Se ogni tanto non utilizzi quelle chiavi che ti lasciano un odore sgradevole misto al sudore...non percepirai più la realtà tuoi uomini. La vita in carcere in via generale è data da fatti concreti....non solo di carte. Un addetto alla vigilanza, sa percepire prima di chiunque altro da uno sguardo eventuali tensioni o quant'altro...sono quelle percezioni che consentono di sventare suicidi, risse, sommosse, rivolte ecc. Non smetto un attimo di avere parole e gesti di apprezzamento per coloro che tirano avanti questa baracca sgangherata. Il clima di sfiducia che si respira a livello nazionale è preoccupante. Coloro che hanno dato in passato adesso E' GIUSTO CHE SI RIPOSINO UN PO' e meritare tutto il rispetto se nell'arco della loro carriera si è dimostrata serietà in servizio e non. Smettiamola con i giri di parole che non portano a nulla...se questo Corpo si regge ancora in piedi è solo grazie agli ASSISTENTI/ ASSISTENTI CAPO ed i tanti "vecchi" Sovrintendenti come li chiama qualcuno. Buon lavoro

Di  Ispettore Libero  (inviato il 06/11/2012 @ 17:24:33)


n. 22


una proposta e forse l'unica sarebbe quella di programmare i turni notturni a tutto il personale che espleta servizio a turnazione fissa in istituto compresi i componenti degli ntp. solo cosi si puo' diminuire in numero delle notti a tutti i colleghi senza distinzione dell' età angrafica o di servizio , ruolo /qualifica.( d'altronde previsto nell'accordo quadro).
nuvola r cosa ne pensi ?
una colpo alla botte un colpo al cerchio .

Di  Anonimo  (inviato il 06/11/2012 @ 13:01:13)


n. 21


oggi avere 50 anni non è un pobblema di chi li ha , ma di chi deve far rispettare una norma , e le soluzioni e non delle cretinate come n.r. scrive , non li deve trovare il personale ,ma bensi ,chi deve prendersi delle responsabilità con gli annessi e connessi , volente o nolente . N.R. rifletti.
salvo .ass.c.

Di  Anonimo  (inviato il 06/11/2012 @ 09:40:27)


n. 20


nuovola rossa , ma lo sai che i cinquantenni di oggi , in passato hanno fatto minimo 9-10 notti in un mese e senza riposi solo che allora si aveva qualche anno di meno e si affrontavano , ma oggi il vero pobblema è che voi giovani vi preuccupate di non farvene qualcuna in piu' , ma il vero pobblema è un altro , noi cinquantenni dovremmo concorrere al numero delle notti equamente suddivisi tra tutto il personale ? . giustamente non si va a ricercare il personale che non fa le turnazioni notturne ma si preuccupa del personale ultracinquantenne che chiede di avere applicato un suo diritto . io non so nuvola rossa dove presti servizio ma almeno nel mio " centro sud" , ci sono tanti con 50 anni ma anno 22, 25, 27, 30 , 32 di servizio poiche si sono arruolati gia grandi e questi non si possono paragonare a chi da 32 anni svolge il nostro lavoro ! " con cervicale, artrosi, ipertensione e a quest'età il rischio di un infarto o di altro e maggiore".c'e' una diffferenza . a me sembra che vorresti una guerra generazionale , per poi dire che tu provochi , propinando il tutto ai nostri vertici il poblema , cosifacendo butti la pietra e nascondi la mano , e le cretinate come reciti tu sono le proposte per peggiorare di chi già vive nel disagio . tempo fà avevo letto una nota del sappe sulla questione della esenzione dai turni notturni per il personale che aveva superato i 50 anni .cortesemente la rivolete postare cosi qualcuno se la rilegge .ricordo anche che io faccio 145 km per recarmi in servizio con il treno .
attilio

Di  Anonimo  (inviato il 06/11/2012 @ 08:52:59)


n. 19


io una proposta c'e avrei tutti i dappisti o i caga.tutti in istituto a dare il cambio al personale che presta servizio a regina e rebibbia.

Di  sal  (inviato il 05/11/2012 @ 22:14:59)


n. 18


miii confiltto d'interssi ci fu haaaaa , ju un capiscu si scrivi un sinnacalista joppuri la contruparti haaaa .
cammelu di calascibetta sugnu

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 20:28:04)


n. 17


Il Commissario "ultimo" è molto vicino al personale ed è proprio per questo che ho raccolto il suo sfogo; lo sfogo di un comandante combattuto tra il cercare di applicare le regole, l'accordo quadro e quant'altro e l'impossibilità di applicarle e il venire incontro alle esigenze del personale, proprio a causa della miriade di diritti (sacrosanti) che non permettono di aiutare la massa di cinquantenni che non vorrebbero fare le notti così come recita la norma. Credo che abbiate molta confusione in testa e non siete riusciti a comprendere il vero senso dell'articolo. Io le mie 4 notti al mese le faccio, se i cinquantenni non facessero notti ne dovrei fare almeno 8 - 9 .....voi avete una soluzione concreta? Non cretinate per favore.....proposte valide

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 05/11/2012 @ 20:23:11)


n. 16


maria w la tua saggezza !!!!!!!
aldo

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 20:08:22)


n. 15


Mi dispiace leggere quanto rappresentato dal commissario "ULTIMO", a riguardo del personale "vecchio" .Ai miei tempi il vecchio era visto come un valore aggiunto, quello che doveva istruire e far imparare i nuovi come si svolgeva il lavoro del polizziotto penitenziario. Adesso invece il Commissario Ultimo si lamenta, ma cosa sta facedo Lui per questo personale, è sicuro che solo per questi problemi che si presentano non riesce a gestire quelli dei detenuti o sono sempre i vecchi che usando la loro esperienza non fanno arrivare al Commissario Ultimo i problemi?
Io sono vecchia, ho 51 anni e il mio lavoro l'ho svolto con molto impegno e sagagia e non mi ci vedo in quello che ha descritto il Commissario ultimo, è vero che alcuni di noi hanno problemi che però prima si condividevano ed insieme si cercava di aiutare a risolvere, adesso tutto si lascia al singolo anche quando purtroppo capitano eventi luttuosi, noi polizziotti penitenziari a differenza haimè degli altri corpi, non siamo vicini ai colleghi perchè così vogliono in modo di dividere il reparto perchè solo così riescono a fare i COMMISSARI.

Di  maria  (inviato il 05/11/2012 @ 19:59:18)


n. 14


barbara sono d'accordo con te ,ma il pobblema e che il benedetto accordo quadro viene letto in molti a senso unico , infatti quando si parla di festivi visto che si dice almeno due nei fatti solo due anche se in un mese tipo dicembre ce ne sono otto , quando si parla di diritti gli occhi si oscurano e non fanno piu' leggere e gli si appanna la vista. cmq io sono per primis il dovere ma anche i diritti non debbono essere meno e nel mio piccolo non mi stancherò mai di pretenderli ,e capisco anche il commissario ultimo che nella sua gestione del suo istituto ha serie difficoltà per cercare di andare incontro a tutti ,invece non riesco a capire è il suo amico nuvola che non so se sia un graduato oppure appartiene alla truppa .
aldo .

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 18:06:17)


n. 13


Aldo la soluzione e' semplice basta applicare l'accordo quadro

Di  Barbara  (inviato il 05/11/2012 @ 17:29:46)


n. 12


le esigenze di servizio si devono dimostrare !!!!! nero su bianco, visto che piu' facile togliere i diritti soggettivi sanciti in un accordo quadro che mettersi contro le leggi dello stato . io posso essere solidale con chi a un famigliare con la 104 , per carità, ma non possono gli altri colleghi rimetterci anche in stress lavorativo e turnazioni che fanno si che una persona non debba avere anche una vita sociale perchè in un istituto ci sono dei fruitori di benefici , alla fine la salute e la mia e me la salvaguardo a modo mio , non è concepibile che io per andare in ferie d'estate mi debbo accodare perchè in primis questi si scelgono da maggio a settembre , ed io ai miei figli che gli dico ? tu a mare o in vacanza niente
cmq nuvola questa non vuole essere una polemica contro di te ma vuole essere uno sfogo di difficile soluzione . forse una soluzione ci sarebbe quella di progammare un turno notturno al mese a tutti gli appartenenti ai nn.tt.pp. che ne pensi ?
cmq non ti stressare a cercare di farti meno notti , perchè sono convinto che cerchi questo .
aldo .

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 16:37:28)


n. 11


non rompete le p......e, gli ultracinquantenni non si toccano!!!!!
capitoooooooooooooooooooooooo!!!!!!

Di  toro incacchiato  (inviato il 05/11/2012 @ 16:07:53)


n. 10


scusami nuvola rossa , sino adesso quando tutti i sindacati dicono che l'innalzamento dell ' età pensionabile sarà un disastro per le condizioni fisiche del personale , il tua amico commissario ultimo e chissà perchè e ultimo , dove vive si mette di traverso e anzichè stare con il personale si ci scontra bene , ma allora ultimo commissario sei contro o pro? oppure le giuste rimostranze sono solo per i commissari e la truppa devo solo subire ? mi faccia capire
un ass.c. quasi 50 enne e 28 di servizio.
certo che le tutele per chi lavora si vanno a fare benedire

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 14:58:19)


n. 9


A volte mi sembra di predicare in un deserto...ma comunque non mi scoraggio. Allora vediamo un pò. Da domani si applica pedissequamente la norma che dice chi ha fatto 50 anni viene esonerato dalle notti,. Cosa succede nelle carceri? Facciamo fare 10 notti a testa agli altri ai giovani 45enni? Sono io il primo a dire che quella è una norma giusta, ma oggi non più applicabile. Avete una soluzione migliore? Togliamo i diritti a chi ha un handicappato in casa? Togliamo i permessi sindacali, i permessi studio? L'allattamento e tutti quei diritti per i quali il personale è esentato dal fare i turni notturni? Io ho detto solo che è una norma che va rivista altrimenti a causa di quella parolina "esigenze di servizio" i 50 enni continueranno a fare le notti fino alla pensione.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 05/11/2012 @ 13:51:49)


n. 8


a nuvola rossa se come dici la norma sui cinquantenni non è sbagliata allora perchè la vuoi far rivedere ? forse tu non hai 50 anni e ti vuoi ridurre qualche notticina ? oppure cosi facendo vuoi arrivare alla pensione in buona salute mentre chi ha già dato deve andarci distrutto come me ?
do ragione al collega precedente , poiche le norme vanno migliorate e non peggiorate .


Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 08:32:11)


n. 7


egregio nuvola rossa , l'accordo quadro recita che tutti gli appartenenti al corpo di pol.pen concorrono nell espletamento dei turni di servizio notturni tranne il comandante di reparto, secondo lei questo avviene ? sicuramente no .
pertanto se la ratio della norma era di salvaguardare i cinquantenni di qualche anno fà , come dice lei , chi oggi ha 50 anni sicuramente ha già dato in sacrificio , in salute , ecc.ecc. pertanto la norma dovrebbe rivedere alcuni benifici tutelalti, io posso capire il genitore senza l'altro coniuge che deve cercare di essere il piu' vicino al minore oppure all' ammalato , ma non riesco a capacitarmi in presenza dei due genitori perchè guarda caso l'assistenza deve ricadere solo sul dipendente ?
se la salute è un bene non alienabile non vedo perche il tutto deve ricadere su alcuni e non su tutti come previsto ,potrei continuare all' infinito .
ass.c. speranzoso di arrivare in pensione e godermi in serenità la propria famiglia senza aspettare che le speranze di vita siano azzeccate.

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 08:16:30)


n. 6


caro anonimo, il fatto che la norma dei 50 anni vada rivista, non vuol dire che sia una norma sbagliata, anzi: la ratio della norma era proprio quella di tutelare i pochissimi cinquantenni che c'erano in servizio alcuni anni fa. Era giusto. Ma io mi chiedo e vi chiedo: oggi che i cinquantenni hanno superato per numero di presenti i giovani, è una norma applicabile? Facciamo l'esempio di applicarla in toto, in un carcere dove c'è il 50% di 50enni. Chi le farà le notti? Le faremo in modo "dinamico"? Era proprio questo il senso dell'articolo. Bisogna trovare altre soluzioni all'inflazione di diritti che stanno facendo crollare tutta l'impalcatura normativa. Io invito in questo senso i sindacati e il nostro Tamburino a prendere atto di questa gravissima situazione che si è venuta a creare nelle carceri. Arruolate subito gente giovane o moriremo tutti in servizio!!!!!!

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 04/11/2012 @ 21:26:08)


n. 5


nella sostanza a panella sa deve mangiare solo chi non ha situazione deleterie? oggi se ci sono dei diritti tipo 50 anni e 30 di servizio e magari con diversi acciacchi si deve sentire dire che questa norma deve essere cambiata? ma finiamola , cio significa che uno quando andra in pensione sempre che si ci arrivi ci deve andare distrutto poiche si deve rivedere la norma , bhe che dire complimenti , riflettiamo su quanti invece ci marciano con situazione varie , dica al suo commissario ultimo chi un si la canta e nemmeno si la sona, ma lei lo sa che quando avevo 20 anni dopo il turno notturno andavo a letto e dormendo 3 orette riuscivi a stare sveglio sino a notte fonda invece ora dopo 32 anni smto alle 7 di mattina , affronto circa due orette di viaggio e poi vado a letto e mi sveglio alle 5 della sera frastornato che dopo una frugace cena rivado a letto , secondo il suo amico commissario ultimo i questo cosa significa ?
e poi debbo vedere gente giovanissima che usufrisce di 104 oppure farsi coincedere il p.s. per non fare turni notturni oppure andare in art 42 da maggio a settembre , ed io come tanti altri instancabili lavoratori a tirare la carretta . che ne pensa il suo amico comm. ultimo , lui puo' essere anche l'ultimo dei comm. ma sicuramente turni pomeridiani e turni notturni non ne ha mai fatti , e per tanto non puo' considerare.
la saluto e mi scusi per lo sfogo.
un suo ammiratore " ma non se la prenda con le ultime ruote del carro".
ass.c. speranzoso di arrivare in pensione e godermi in serenità la propria famiglia senza aspettare le speranze di vita siano azzeccate.

Di  Anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 19:34:44)


n. 4


Articolo bello e descrittivo di quello che avviene oggi negli istituti, nessuno capisce che stiamo davvero impazzendo di dolore per quello che siamo costretti a subire tutti i giorni, dal fronteggiare i reclusi senza protezione quando si autolesionano volontariamente e ci minaccano con il sangue, a subire spesso le angherie dei nostri superiori. Io ho 30 anni di servizio, e faccio tutti i turni del mondo a 48 anni, poichè il comitato di farabutti, mi ha bocciato tutte le cause di servizio vere, ma voglio tralasciare quelle false date per amicizia che ci sono e lo sappiamo tutti, ma vedo che molti, vuoi per amicizia con il potente dei servizi, vuoi per la carica sindacale, vuoi perchè unge con portate varie, fanno veramente i porci comodi loro. Assistenti giovincelli esonerati dalle notti per tacito accordo, cariche fisse che fanno la notte di sabato (a ripoç°é*^?) articoli 104 che effettuano turni di servizio di 8/20 e addirittura qualche volta 8/24, e il disabile da accudire??? vabbè in quel caso fa comodo al friutore della legge, peccato i miei nonni sono morti da tempo io arrivo sempre tardi, questa legge cosi come è ora, a mio parere sbagliata, perchè oramai si è abusato in tutti i modi, 104 a natale e capodanno e cazzate somili, le visite non si fanno nei giorni festivi, fai la visita esibisci il documento della asl, e nessuni sindacalista degno di questo nome controlla, perchè??? perchè molti sono i suoi iscritti..........
Voi direte ma vai dal comandante con la (c minuscola appositamente), fatto elencandogli minuziosamente il tutto verbalmente, risposta, Ao qua ogniuno si coltiva il suo orticello, che posso fare io, sono situazione che ho trovato già al mio arrivo. Grande risposta per un degno commissario, ha preso pure la laurea!!!!!!! da non crederci.
Quindi in sostanza sono anni che vedo nelle sezioni sempre le stesse facce compresa la mia di minatori sfortunati che non leccano, non ungono, non vanno a caccia,(buona la cacciaggione) e non hanno il santo in paradiso. Ma veramente stanchi di questo balzello, oramai rassegnati a dover lavorare come cani per portare a casa la pagnotta, il ricambio generazionale non c'è come non c'è il ricambio nei posti di servizio che sono appaltati a vita.
In ultimo non posso non avere conati di vomito davanti ai caciottari, meglio dignitosi e in sezione, a buon intenditor poche parole, anzi tante, sono riusciti a seccare anche una cantina vinicola, se sò magnati anche i serci.

Di  mario64  (inviato il 04/11/2012 @ 17:11:18)


n. 3


Nuvola rossa complimenti per l'articolo il bello e' che i vecchi vanno via e non vengono rimpiazzati c'e bisogno di personale giovane di nuove risorse Ma oggi si pensa a tagliare, invece il governo dovrebbe non solo tagliare ma anche investire per le forze di polizia ma sappiamo che non e' cosi' ben presto la scure dello spending review si abbettera' anche sugli straordinari necessari per sopperire le continue carenze di organico e sulle spese ordinarie come le auto di servizio fino a quelle piu' piccole carta e penne che gia' ci portiamo da casa e cosi' via .. e in tanto Monti oggi 4 novembre si e' recato nella base di Isaf di Herat in Afganistan .. dovrebbe un po' far visita a sorpresa una tantum anche ai Contingenti di Polizia penitenziaria e vedere le condizioni in cui versano sia gli uffici, caserme, carceri e tribunali e coloro che ci lavorano!

Di  Anna  (inviato il 04/11/2012 @ 15:03:13)


n. 2


Caro Nuvola Rossa ,, complimenti per l'articolo , temo che il commissario Ultimo ,,, pur non capendo del perche' o del per come avvengano certe cose, abbia ragione .
Cordiali Saluti.
Un quasi cinquantenne , di un carcere del Nord , dove ormai anche qui gli ultra cinquantenni cominciano ad essere tanti.
Ancora Complimenti ...
Rocco Cilurzo Casa Circondariale di Milano " San Vittore

Di  rocco  (inviato il 04/11/2012 @ 12:40:46)


n. 1


Questo articolo è bellissimo. Un vero e reale spaccato della vita penitenziaria. Ne dovrebbe prendere atto il nostro Presidente Tamburino e porvi rimedio in quaalche modo. Grazie Nuvola Rossa di esistere!!

Di  ass. capo Giuseppe Ficarra  (inviato il 04/11/2012 @ 12:17:09)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.247.205


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione