Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Un dito medio di distanza tra chi ha subìto la gogna mediatica e chi giudica gli altri dalla comoda poltrona di consigliere regionale


Polizia Penitenziaria - Un dito medio di distanza tra chi ha subìto la gogna mediatica e chi giudica gli altri dalla comoda poltrona di consigliere regionale

Notizia del 11/06/2013

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 2384 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Di tutte le dichiarazioni rilasciate dopo la sentenza del processo per la morte di Stefano Cucchi, la più difficile da accettare e da commentare è quella di Lucia Castellano (leggi sotto), ex direttore del carcere di Bollate, attualmente Vicepresidente della Commissione Carceri in Regione Lombardia.

E’ difficile da accettare perché proviene da una persona che nel carcere ci ha lavorato e la Polizia Penitenziaria l’ha conosciuta.

Per assurdo sono molto più prevedibili e comprensibili le NON dichiarazioni di Giovanni Tamburino, attuale Capo del DAP che della Polizia Penitenziaria conosce solo i servigi e la lauta indennità quale Capo del Corpo.Almeno lui dimostra coerenza con la visione del suo mandato: massima attenzione solo ai rimproveri che provengono dall’Europa che lo costringono ad inventarsi fantomatiche “sorveglianze dinamiche” e completo disinteresse sulle condizioni di lavoro dei 38.000 Poliziotti Penitenziari.

Le dichiarazioni della Castellano invece sono difficili da comprendere anche perché non si riesce a capire dove vuole andare a parare.

Per prima cosa vorrei puntualizzare una mia ferma convinzione. Se il carcere, come afferma la Castellano, non è ancora una casa di vetro (come anche il SAPPE ha sempre auspicato) dipende dalla categoria dei Dirigenti penitenziari a cui ella stessa appartiene, anzi, mi pregio di far notare all’ex direttore di carcere Lucia Castellano, che da quasi un anno a dirigere la comunicazione del DAP, c’è quel Luigi  Pagano che lei dovrebbe conoscere bene per essere un suo stesso “collega” e per il fatto che è stato il suo Provveditore regionale del DAP in Lombardia per anni.

Da molto tempo Luigi Pagano è il Vice Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, quindi se la Castellano ha proposte da fare o obiezioni da recriminare in fatto di comunicazione, citofoni pure a Pagano, sede DAP, terzo piano.

Ma è tutto il discorso della Castellano, o meglio il suo percorso che non è chiaro. Da quello che ho capito io, i punti salienti del suo discorso sono:

a) la sentenza non dice di chi è la responsabilità di aver ridotto Stefano Cucchi in quel modo;

b) A questa domanda non c’è risposta. E la mancanza di una risposta getta un’ombra sull’Amministrazione della Giustizia;

c) Quest’ombra si estende su tutte le forze dell’ordine e gli operatori penitenziari;

d) spero che si faccia strada, nella cultura istituzionale dell’amministrazione penitenziaria, la consapevolezza che la violenza, la mancanza di trasparenza nella comunicazione agli utenti e ai familiari non sono solo penalmente e amministrativamente rilevanti, sono anche un fenomenale boomerang contro la crescita dell’istituzione e dei suoi operatori;

e) i detenuti e i loro familiari si affidano a noi, alle risposte che siamo capaci di dare loro;

f) Se qualcuno queste risposte non è capace di darle, se non con la violenza e con l’omertà, deve, semplicemente, cambiare lavoro.

Soprattutto non comprendo come si possa associare il fatto che la “Sentenza Cucchi” non abbia indicato la responsabilità del decesso (in realtà la Sentenza lo indica... ndr) con l’allusione al fatto che le risposte ai detenuti non si devono dare attraverso la violenza o l’omertà.

Sono cosciente del fatto che la mia mancanza di comprensione sui nessi tra i vari punti possa dipendere in larga parte dai miei limiti, ma più rileggo quanto pubblicato da Ristretti Orizzonti (leggi sotto), tanto più rimango incredulo di come si possano rilasciare dichiarazioni del genere. A meno che la Castellano non conosca una verità che né io, né i Giudici che hanno emesso la sentenza di assoluzione per i nostri tre colleghi di Polizia Penitenziaria, conosciamo.

In tal caso sarebbe suo dovere morale e istituzionale contattare il primo Magistrato che incontra e mettere a verbale le verità in suo possesso.

Se poi tutto il discorso alla Castellano è sgorgato fuori dopo aver assistito a quel “famoso” dito medio sollevato in aula dopo la lettura della Sentenza, allora sono ancora più incredulo di come una persona degna di tanta stima e riconoscimento da parte di autorevoli personalità della politica, della società, della cultura, come Lucia Castellano, non sappia riconoscere in quel gesto tutta la tensione, la sofferenza, il rancore, lo sfogo, di una persona che da quatro anni è accusata di omicidio, reso ancora più infamante perché accusato di averlo commesso nel’esercizio delle sue funzioni di rappresentante dello Stato e delle Istituzioni. Stato e Istituzioni a cui quella persona ha prestato solenne giuramento di fedeltà.

Personalmente, di Dirigenti come Lucia Castellano, che non si fanno scrupolo di commentare un gesto di una persona assolta dall’aver commesso un omicidio infamante, senza tentare di “giustificare” quel gesto cercando di calarsi nei panni di chi ha vissuto quattro anni di inferno e chissà quanti ne dovrà vivere ancora, come poliziotto penitenziario, ne farei volentieri a meno.

Per questo auguro a persone come la Castellano una cariera politica lunga e ricca di soddisfazioni, nella speranza che non torni mai più ad occuparsi di Polizia Penitenziaria o argomenti collaterali ad essa.

Anzi già che c’è, saremmo molto grati alla Castellano se mettesse una buona parola per Giovanni Tamburino e Luigi Pagano nel suo ambientino politico, visto che mi pare che sulla Polizia Penitenziaria condividano l’indifferenza, i pregiudizi e il disinteresse.

Certo che è molto, ma molto facile valutare e giudicare le disgrazie degli altri dalla comoda posizione di consigliere regionale ... 

 

Leggi le dichiarazioni di Lucia Castellano pubblicate in “Ristretti Orizzonti” il 7 giugno 2013

La vicenda tragica della morte di Stefano Cucchi, all’indomani della sentenza di primo grado e proprio nella ricorrenza del 196° anniversario della fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria, mi fa riflettere sul mio lavoro di sempre e sulla sua complessità.

Stefano Cucchi è morto perché non adeguatamente curato all’interno dell’ospedale Sandro Pertini di Roma. La Corte d’Assise condanna i medici e gli infermieri per omicidio colposo. Le condizioni in cui versava quel ragazzo esigevano ben altre attenzioni, ben altre cure, che non sono state prestate.

Questi i fatti, questo il verdetto, che nessuno mette in discussione. Quello che la sentenza non dice, forse perché è un quesito ultra petitum, è di chi sia la responsabilità per averlo ridotto nello stato in cui tutta l’Italia l’ha visto (ormai, purtroppo, da morto). A questa domanda non c’è risposta. E la mancanza di una risposta getta un’ombra su quell’Amministrazione della Giustizia a cui la Costituzione chiede non solo di prendere in carico le persone private della libertà e di tutelarne i diritti fondamentali, ma addirittura di restituirle migliori, una volta libere.

Quest’ombra si estende su tutte le forze dell’ordine e gli operatori penitenziari che ogni giorno lavorano con dedizione per compiere, forse, il più delicato dei servizi alla persona.

Questo è inaccettabile. Io spero che si faccia strada, nella cultura istituzionale dell’amministrazione penitenziaria, la consapevolezza che la violenza, la mancanza di trasparenza nella comunicazione agli utenti e ai familiari non sono solo penalmente e amministrativamente rilevanti. Sono anche un fenomenale boomerang per la crescita dell’istituzione e dei suoi operatori.

Questa cultura non paga. Il presidente del Dap Nicolò Amato, qualche decennio fa, diceva che il carcere deve diventare una casa di vetro. Così che tutti possano guardare alla fatica, alla delicatezza e alla preziosità del nostro quotidiano lavoro all’interno di quelle mura.

Nel 2013 ancora non è così, e questo ci mortifica. I miei venti anni all’interno del carcere mi hanno insegnato che i detenuti, i loro familiari si affidano a noi, alle risposte che siamo capaci di dare loro. Non possono fare altro.

Se qualcuno (e si tratta di una minoranza) queste risposte non è capace di darle, se non con la violenza e con l’omertà, deve, semplicemente, cambiare lavoro. Prima che sia troppo tardi. Non è un lavoro per tutti.

E quel terribile gesto di alzare il dito medio contro una famiglia che ha perso un figlio affidato alle cure dell’amministrazione, purtroppo, lo dimostra. L’amministrazione penitenziaria, nonostante le assoluzioni, di cui ho il massimo rispetto, rischia di perdere la partita della credibilità, di fronte al Paese.

Oggi ci resta un ragazzo morto che qualcuno ha ridotto in fin di vita e qualcun altro non ha curato. Una sentenza che ci dice parte della verità. E un dito medio alzato in Tribunale, bandiera della legge del più forte che, ancora una volta, ha trionfato.

Non è questo che vogliamo, credo. (Lucia Castellano)

 

(ndr - nella foto il "dito medio" dell'artista Maurizio Cattelan esposto davanti alla Borsa di Milano)

 


Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


Edmond, una cosa giusta l'hai detta in riferimento al dito medio ed alla scultura raffigurata: "Evidentemente causa di tanti mali". E colei, che comunque mette in dubbio o lascia trapelare poca trasparenza nell'operato dei poliziotti penitenziari, merita quel dito medio! Semplicemente perchè le sue dichiarazioni sono un'aggiunta "ai tanti mali".

Di  G. Conte  (inviato il 12/06/2013 @ 22:49:47)


n. 7


@Edmond
Sto rientrando adesso dalla 1A, sai quel turno che si fa in carcere la sera dalle 18 alle 24? forse pretendo un po' troppo da te. Domani si ricomincia sempre in carcere, quel posto dove sono rinchiusi i delinquenti, chiedo di nuovo un po' troppo da te? Dopo 31 anni di servizio pensavo di aver visto e sentito abbastanza, devo riconoscere di essere un ingenuo, non si finisce mai di imparare.....................

Di  cairo74°  (inviato il 12/06/2013 @ 01:22:12)


n. 6


se i colleghi fossero stati condannati nessuno si sarebbe stracciato le vesti. Questo non funziona in Italia !. IL povero Cucchi, forse, è stato ridotto in quelle condizioni, anche, da anni di tossicodipendenza. Signora Castellano taccia, poichè anche lei è stata parte di quel sistema dirigenziale che ha portato l'amministrazione delle carceri nello stato in cui si trova oggi.Vorrei tanto lei provasse ciò che prova uno di noi, in sezione, quando detenuti sanzionabili per fatti gravi vengono ammoniti da direttori "buoni" . Si occupi del disagio lavorativo del personale della Polizia Penitenziaria. Forse dopo potrà finalmente capire.

Di  nato scoglio  (inviato il 11/06/2013 @ 22:41:39)


n. 5


edmond tira pure dentro la lingua , i saloni del DAP li hai puliti per bene oggi!!! ; - )

Di  Anonimo  (inviato il 11/06/2013 @ 22:10:35)


n. 4


L'ho letto con attenzione. Ribadisco il concetto: forse sono io che ho capito male, ma mi sembra che la Castellano abbia espresso i suoi concetti in modo tale che il lettore possa avere un ragionevole dubbio che ella associ la Polizia Penitenziaria a concetti come "violenza" ed "omertà"- Oltretutto commentando un unico gesto di una persona in evidente stato di notevole pressione psicologica. Non capisco davvero perché la Castellano nel suo lavoro da Direttore penitenziario sia stata paladina del "porgi l'altra guancia" con i detenuti e non riesca a fare un respirone prima di commentare quel dito medio alzato in Aula di Tribunale. Se la Castellano avesse avuto l'onestà intellettuale di commentare con lo stesso piglio anche i cori riferiti agli imputati, di "assassini, assassini" che provenivano da altre persone, forse non avrei modo di infuriarmi. Ma se una persona che conosce bene le dinamiche delle accuse, processo e del carcere, non mostra serenità ed obbiettività, non vedo perché io, come poliziotto penitenziario, non mi debba sentire offeso dalle allusioni della Castellano. Caro Edmond, chiamala pure arroganza: per me è prendere le difese di chi, dopo quattro anni, è stato assolto da un'accusa infamante e deve anche stare attento al "fuoco amico"...

Di  Agente Furioso  (inviato il 11/06/2013 @ 22:02:34)


n. 3


Nell'analisi della Castellano non vi è nulla di offensivo o squalificante nei nostri confronti. Forse va letto con un pò più di attenzione e, soprattutto, con il cuore libero da rabbia ed egocentrismo.
Davvero di cattivo gusto, invece, il riferimento al dito medio, sebbene mascherato da opera d'arte. Cattelan, quella scultura, l'ha messa di fronte al simbolo del potere finanziario, evidentemente causa di tanti mali. Riferirlo alla Castellano (o ai dirigenti in genere o a chi semplicemente la pensa diversamente da voi) mi sembra davvero l'espressione dell'arroganza

Di  Edmond  (inviato il 11/06/2013 @ 17:14:39)


n. 2


Al solito... siamo di nuovo di fronte a persone che la Polizia Penitenziaria la usano quando gli fa comodo e poi non si fanno scrupolo di gettare ombre sui poliziotti penitenziari. Mi pare che Bollate continui a funzionare anche senza di lei. Perché non provare a farlo funzionare senza la Polizia Penitenziaria? Vediamo quanto dura...

Di  Anonimo  (inviato il 11/06/2013 @ 13:07:18)


n. 1


Da una che stà in politica con Pisapia non ci si può attendere molto di più. Dimentica la signora che quelli che lei definisce violenti ed omertosi sono gli stessi che gli hanno fatto fare belle figure garantendo l'ordine e la sicurezza negli istituti, cosa che avrebbe dovuto fare lei con le belle parole di cui si riempie la bocca. Quanto al dito alzato, che non ho visto, non sarà stato di sicuro un bel gesto, ma non lo era neanche quello di urlare "assassini" da parte degli amici del morto a delle persone appena giudicate innocenti da un tribunale della Repubblica dopo anni di sofferenze per il fango buttatogli addosso da personaggi come lei. E qui mi fermo perché se dico ciò penso di lei e di quelli come lei.......................

Di  cairo74°  (inviato il 11/06/2013 @ 12:07:44)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.241.199


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

8 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

9 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni

10 Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa


  Cerca per Regione