Lug/Ago 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2018  
  Archivio riviste    
Un nuovo Parlamento, un nuovo Governo, vecchie priorità


Polizia Penitenziaria - Un nuovo Parlamento, un nuovo Governo, vecchie priorità

Notizia del 04/04/2018

in Attualità

(Letto 1002 volte)

Scritto da: Donato Capece

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Mentre scrivo queste righe, il nuovo Parlamento si è insediato da qualche giorno e a breve inizieranno le consultazioni per la realizzazione di un nuovo Governo per il Paese. La situazione politica mi sembra molto incerta, e non so quali saranno gli scenari che si realizzeranno.

Quel che mi sembra di poter affermare è che sono rimasti sul tavolo priorità importanti per il Corpo di Polizia Penitenziaria, il sistema carcere e l’intero Comparto Sicurezza.

Partendo da qui, dalla specificità del Comparto Sicurezza e Difesa, mi auguro che i componenti del nuovo Parlamento dedichino ai temi della sicurezza sociale l’attenzione che tutti, più o meno, gli hanno riservato ed hanno promesso in campagna elettorale.

Attenzione che vuol dire rispetto ma anche, soprattutto, investimenti umani e finanziari tali da rendere i Corpi di Polizia dello Stato, e la Polizia Penitenziaria tra essi, sempre pronti alla prevenzione ed alla repressione del crimine, anche sul fronte del terrorismo internazionale.

Ma Parlamento e Governo dovranno dedicare la loro attenzione anche al sistema penitenziario.

La situazione delle carceri si è notevolmente aggravata, anche per l’assoluta inerzia dell’Amministrazione Penitenziaria rispetto a provvedimenti che garantiscano l’ordine e la sicurezza interna delle carceri.

I dati ci confermano che le aggressioni, i ferimenti, le colluttazioni - che spessissimo vedono soccombere anche gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, sempre più contusi e feriti da una parte di popolazione detenuta prepotente e destabilizzante – sono sintomo di una situazione allarmante, per risolvere la quale servono provvedimenti di tutela per gli Agenti e di sicurezza per le strutture carcerarie e certo non leggi che allarghino le maglie della sicurezza penitenziaria.

Aumentano gli episodi violenti all’interno delle carceri italiane: e con il regime penitenziario ‘aperto’ e la vigilanza dinamica, ossia con controlli ridotti della Polizia Penitenziaria, la situazione si è ulteriormente aggravata.

I numeri riferiti agli eventi critici avvenuti tra le sbarre nell’intero anno 2017 sono inquietanti: 9.510 atti di autolesionismo (rispetto a quelli dell’anno 2016, già numerosi: 8.586), 1.135 tentati suicidi (nel 2016 furono 1.011), 7.446 colluttazioni (che erano 6.552 l’anno prima) e 1.175 ferimenti (949 nel 2016).

E la cosa grave è che questi numeri si sono concretizzati proprio quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario ‘aperto’, ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria.

Lasciare le celle aperte più di 8 ore al giorno senza far fare nulla ai detenuti – lavorare, studiare, essere impegnati in una qualsiasi attività – è controproducente perché lascia i detenuti nell’apatia: non riconoscerlo vuol dire essere demagoghi ed ipocriti.

E la proposta è allora quella di sospendere la vigilanza dinamica: sono infatti state smantellate le politiche di sicurezza delle carceri preferendo una vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto, con detenuti fuori dalle celle per almeno 8 ore al giorno con controlli sporadici e occasionali. Per non parlare dei detenuti di 25 anni che incomprensibilmente continuano a stare ristretti in carceri minorili. E se non accadono più tragedie di quelle che già avvengono è solamente grazie agli eroici poliziotti penitenziari, a cui deve sempre andare il nostro ringraziamento.

Un esempio su tutti: negli ultimi 20 anni le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno sventato, nelle carceri del Paese, più di 18mila tentati suicidi ed impedito che quasi 133mila atti di autolesionismo potessero avere nefaste conseguenze.

Avere carceri meno affollate e più moderne non vuol certo dire aprire sempre di più le porte delle celle, come ha previsto la scellerata riforma penitenziaria (ancora in itinere) che si è tentato di imporre alla fine della scorsa legislatura, a Parlamento chiuso ed a Governo delegittimato e depotenziato dall’esito elettorale.

Ecco, vorremmo che la politica, nel suo insieme, tenga bene a mente queste priorità per risolvere le quali sarebbe auspicabile ci si avvalesse non solamente di “esperti” che il carcere lo hanno conosciuto sui libri (o perché vi sono stati come ospiti...) ma anche della collaborazione di coloro che rappresentano le donne e gli uomini appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, che quotidianamente tastano con mano le criticità e le priorità del sistema carcere.

 

 


Scritto da: Donato Capece
(Leggi tutti gli articoli di Donato Capece)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Incendio in carcere a Pescara: Sappe “colpa di un detenuto”
Carcere, Bonafede: Detenuti stranieri via anche senza consenso
Pescara, detenuto incendia cella. Agenti intossicati. Intervenuti i Vvf
La riforma della Giustizia secondo il ministro Bonafede
Ergastolano tenta di evadere dal Tribunale di Ragusa
Silvestroni (Fdl) : presentata interrogazione parlamentare al Ministro su condizioni della Polizia Penitenziaria
Intervista Con Musacchio giurista e direttore della Scuola di Legalità “don Peppe Diana”: “Perchè Difendo Il Carcere Duro…”
Carcere, gli agenti, i detenuti e il caldo soffocante: si muove la politica


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


I politici sono come i pannolini vanno cambiati spesso

Di  Anonimo  (inviato il 12/04/2018 @ 18:57:17)


n. 1


Domanda facile facile può rifiutarsi l'assistente capo di prestare servizio di sorveglianza generale

Di  Anonimo  (inviato il 05/04/2018 @ 19:35:30)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.225.17.239


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Mobilità dei commissari quasi conclusa: in arrivo problemi di conflitto per violazione del principio di gerarchia

2 Bye, bye Santi Consolo ... almeno potevi evitarci il saluto di commiato

3 Il suicidio “in e dal” carcere. Il desiderio di evasione degli agenti di Polizia Penitenziaria

4 Correttivi al riordino: ritornano i vecchi giochi di prestigio

5 Cerimonia di insediamento del Capo Dipartimento Francesco Basentini

6 … Aspettando la nascita della Direzione Generale della Polizia Penitenziaria

7 Video arrivo nuovo Capo Dipartimento Francesco Basentini e discorso di insediamento

8 Vorremmo una rassegna stampa del Dap più pluralista

9 L’addio di Consolo

10 Memoria, nessuna confusione tra vittime e carnefici!





Tutti gli Articoli
1 Forze Armate, Salvini promette maggiori investimenti: per cosa saranno utilizzate le risorse?

2 Lutto nella Polizia Penitenziaria, si è spento a 58 anni l’ispettore Francesco Conte

3 NoiPA, le date di luglio 2018: quando arrivano in busta paga i rimborsi del 730/2018?Ecco le date.

4 Carcere, Bonafede: Detenuti stranieri via anche senza consenso

5 Carcere di Regina Coeli fuori controllo: Rissa e taglio alla gola tra detenuti e braccio fratturato a Poliziotto Penitenziario

6 Bari, agente 27enne morì dopo tre interventi. Il padre: Dopo 4 anni nessuna giustizia

7 Agenti Penitenziari aggrediti in tribunale durante l''udineza

8 Aggredisce autista dell’autobus e Poliziotto Penitenziario libero dal servizio intervenuto:Arrestato Giovane di 36 anni

9 Carcere, dopo gli scontri sotto accusa le celle aperte Chieste espulsioni per stranieri

10 Messaggi cifrati nei vestiti dei detenuti: Polizia Penitenziaria scopre il codice Gionta, sentenza definitiva


  Cerca per Regione