Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Un Prefetto Ministro della Giustizia. Ora un altro Prefetto a capo del Dap


Polizia Penitenziaria - Un Prefetto Ministro della Giustizia. Ora un altro Prefetto a capo del Dap

Notizia del 07/05/2013

in Il Dibattito

(Letto 4608 volte)

Scritto da: Daniele Papi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Rivolgo un sincero augurio di benvenuto e di buon lavoro alla Ministro della Giustizia.

E’ la prima volta dopo tanto tempo che il nome del Ministro della Giustizia mi comunica tranquillità, certezze, fiducia che il problema carceri, la gestione dell’Amministrazione Penitenziaria e della Polizia Penitenziaria in particolare, saranno problemi affrontati senza compromessi, con lo scopo unico di portare programmazione, efficienza e soluzioni praticabili.

Il trascorso professionale della Ministro, parla chiaro, per cui non possiamo che essere fiduciosi anche per l’attenzione che dovrà essere rivolta alla gestione operativa della Polizia Penitenziaria.

Con D.P.R. del 3 dicembre 2012 ( Gazzetta Ufficiale del 9 gennaio 2013,n.7) il Prefetto Angelo Sinesio è stato nominato Commissario straordinario del Governo per le infrastrutture carcerarie, ai sensi dell' art. 11 della Legge 23 agosto 1988 n.400 a decorrere dal 1° gennaio 2013, al fine di assicurare il completamento degli interventi necessari per la realizzazione di nuove infrastrutture carcerarie e per l' aumento della capienza di quelle esistenti , previste dal programma di interventi previsto dall' art. 1 dell' D.P.C.M. n.3861/2010 del 19 marzo 2010, già avviato dal Commissario delegato per l'emergenza conseguente al sovraffollamento degli istituti penitenziari presenti sul territorio.

E’ evidente che, demandare i poteri d’intervento ad un Prefetto della Repubblica su una materia strettamente attinente alle competenze del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, dimostra, il fallimento nella gestione di quest’essenziale articolazione dello Stato, da qui la necessità di “commissariare” la stessa.

La nomina di Annamaria Cancellieri alla Giustizia, indica quella continuità che è indispensabile per risolvere i problemi dell’Amministrazione Penitenziaria.

Quanto appena sopra, spero, sia prodromico alla nomina di un Prefetto (possibilmente proveniente dai ruoli della Polizia di Stato), a Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

Non mi sento di consigliare la Ministro, la quale dall’alto della propria esperienza professionale non ha bisogno di consigli, la nomina di un Prefetto è una mia forte speranza, è un’idea che mi da profonda fiducia.

Già, un Prefetto della Repubblica, strada peraltro praticabilissima.

Nel 1991, Nicolò Amato fu nominato Prefetto di Prima Classe per consentirgli di restare a Capo del neo Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

E’ un precedente importantissimo, il quale consentirebbe alla Ministro Cancellieri, di iniziare quella che potrebbe essere considerata una vera e propria rivoluzione culturale ed organica di tutto l’assetto organizzativo e strutturale, rivolto essenzialmente alla componente operativa e alla efficienza e alla efficacia dell’azione amministrativa.

E’ necessario interrompere quell’assuefazione alla sciatteria professionale che è di moda nell’amministrazione.

A rileggere quanto scritto in altri articoli, mi sorge anche il dubbio che commissariare il vertice dell’Amministrazione potrebbe non essere sufficiente, forse, è necessario operare con più incisività, forse, la presenza di “Autorità di Governo” quali sono i Prefetti della Repubblica sarebbero necessarie anche in ambito regionale, nei Provveditorati.

Sarebbe ora, di dare una svolta, di prospettare un cambio generazionale, principalmente sulle mentalità, insomma quest’Amministrazione non ha più bisogno di teologi del diritto, rende indispensabile, la presenza di uomini e donne che siano pronti a voltare pagina rimboccandosi le maniche.

 


Scritto da: Daniele Papi
(Leggi tutti gli articoli di Daniele Papi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada
Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria
15 febbraio 1977, 40 anni fa l''arresto di Renato Vallanzasca


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 7


Siamo allo stremo, ormai le aggressioni al personale di Polizia Penitenziaria in prima linea, non si contano più,ed è chiaro che tutto ciò lo si deve alla gestione fallimentare da parte della Dirigenza del D.A.P,che scarica sulle spalle degli Agenti di Polizia Penitenziaria,tutte le incombenze estranee alla figura del Poliiziotto Penitenziario,imposte dai dai Direttori Penitenziari,con le conseguenze che tutti noi conosciamo. Per cui appare auspicabile quanto prima,la riforma del D.A.P.,con la creazione del Dipartimento della Sicurezza Penitenziaria,indipendente, con un proprio Capo ed una dipendenza gerarchica e funzionale del proprio vertice, dal Ministro degli Interni,con le articolazione sottoposte a livello Regionale,Provinciale e Locale, che si occupi esclusivamente della materia specifica, cioè la Sicurezza Penitenziaria,escludendo completamente la dipendenza assurda di un Corpo di Polizia dello Stato,dalla Dirigenza Penitenziaria,incapace di gestire la sicurezza degli Istituti Penitenziari,che purtroppo ancora oggi, grazie alle leggi compiacenti (lg.395/90 e lg.154/2005 c.d. Meduri), forgiate ad hoc per la Dirigenza Penitenziaria, il personale del Corpo ne paga le conseguenze sulla propria pelle.

Di  Uniformecivile  (inviato il 09/05/2013 @ 18:40:03)


n. 6


Si si sperate pure...............

Di  Anonimo  (inviato il 08/05/2013 @ 19:37:17)


n. 5


Temo che se rimarrà circondata daglli attuali marpioni poco potrà fare...

Di  Alessandro  (inviato il 08/05/2013 @ 19:22:13)


n. 4


volevate passere al minsitero degli Interni?? Accontentati...

Di  giovanni carmine  (inviato il 08/05/2013 @ 15:51:29)


n. 3


.... speriamo in una celere soluzione..... speriamo....... che trasferisca il corpo ad una specializzazione del ministero dell'intero.... onde poterci occupare di sola sicurezza penitenziaria e tutte le competenze affidateci.......

Di  luigi  (inviato il 08/05/2013 @ 14:45:44)


n. 2


sono certo che la neo ministro, ci aiuterà a rimetterci in carreggiata ed al passo con le altre ffpp, non dimentichiamo la ns storia e che siamo, dopo i carabinieri, l'istituzione più storica. benvenuta tra di noi!!

Di  gianluca caruso  (inviato il 07/05/2013 @ 23:03:34)


n. 1


tanti auguri al Ministro Cancellieri, tratti la Polizia Penitenziaria come la Polizia di Stato.
auguri

Di  lui  (inviato il 07/05/2013 @ 21:11:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.209.32


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

9 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada

10 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso


  Cerca per Regione