Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
UN SUICIDIO AL MESE!


Polizia Penitenziaria - UN SUICIDIO AL MESE!

Notizia del 02/11/2011

in Memoria del Corpo

(Letto 3581 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


L’ennesimo suicidio di un appartenente alla Polizia Penitenziaria ad Avellino, non può più essere archiviato come facente parte di una fredda statistica, ovvero la consapevolezza che dal 2000 ad oggi si sono suicidati ben 100 appartenenti al Corpo, 1 direttore, 1 dirigente generale, che sommati fanno una media di 10 suicidi all’anno.

Adesso basta. Nessuno potrà fare un freddo comunicato nel quale si esprime cordoglio, si, ma allo stesso tempo si fa rilevare che comunque il servizio non c’entra nulla con il suicidio del collega, che comunque l’ambiente carcerario non influisce minimamente sulla psiche, e che i problemi erano solo personali o familiari.

Troppo comodo. Nonostante da queste pagine della rivista abbiamo sollevato in tempi non sospetti il problema dei suicidi, del malessere dei colleghi (vedi articoli precedenti) la nostra Amministrazione ha solo prodotto sterili circolari d’intenti che restano sulla carta ma che di concreto ancora nulla si è realizzato per venire incontro, concretamente, ai colleghi con problematiche particolari. Specie in un periodo come questo, di crisi mondiale, dove alle nostre piccole crisi e problemi più o meno grandi si aggiunge il fardello della crisi mondiale, europea ed italiana, per la quale non c’è speranza che lo stipendio aumenti, mentre gli affitti decollano e diventano impossibili, mentre la gente si separa e diventa di colpo povera costringendo ad elemosinare un posto in caserma (laddove esistono le caserme e per gentile concessione da parte del Direttore), mentre i problemi economici legati ad una serie di fattori (prestiti, separazioni, acquisti incauti ecc….), talvolta i cattivi rapporti con colleghi e superiori, un ambiente ostile all’interno delle sezioni, non fanno altro che aumentare quella sensazione di malessere, che può portare al gesto estremo.
Certo questi sono degli esempi. Non è detto che il collega si trovasse in una delle situazioni descritte, ma resta il fatto che il carcere, l’ambiente carcerario, la durezza del lavoro, il logorio psicologico cui siamo sottoposti, amplificano i problemi; non aiutano di certo a risolverli né tantomeno a lenirli.

Più che dichiarazioni d’intenti, intanto iniziamo con un serio monitoraggio all’interno delle carceri per segnalare (con le attenzioni del caso) tutti coloro che hanno problemi economici, situazioni familiari a rischio, situazioni particolari che potrebbero dar luogo a gesti inconsulti e cerchiamo di aiutarli seriamente, magari costituendo un fondo nazionale per agenti in difficoltà, ripristiniamo gli alloggi in caserma per chi, separato, non può più affrontare le spese di affitto e quasi non può più sopravvivere con quello che gli resta dello stipendio.

Mi fermo qui per il momento. Lo so, qualcuno mi criticherà aspramente per quello che scrivo, ormai ci sono abituato, ma resta il fatto che queste sono solo due proposte concrete, di fronte a delle mere dichiarazioni d’intenti e dei gruppi di lavoro che si riuniscono da qualche anno e che ancora devono partorire idee concrete che possano portare benefici agli agenti di polizia penitenziaria.I colleghi si suicidano e al DAP il Dirigenti giocano a fare i giuristi 

Leggi anche: I colleghi si suicidano e al DAP il Dirigenti giocano a fare i giuristi 

Leggi anche: Benessere del Personale: un bluff che va avanti dal 2008 

Leggi anche: Il fenomeno dei suicidi nella Polizia Penitenziaria: quattro casi in sei mesi

Leggi anche: Francesco Giuspino, ancora un suicidio nel Corpo. Cosa c'è da festeggiare il 18 maggio? 

 

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Terrorismo: nel carcere di Poggioreale massima attenzione su detenuti
Mancano gli agenti nel carcere di Reggio Emilia: sindacato in agitazione
IPM di Airola. Polizia Penitenziaria sventa due tentativi di suicidio
Casa di Reclusione di Roma Rebibbia. Poliziotto Penitenziario aggredito da detnuto
E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì
Carcere di Fuorni, Santi Consolo non mantine le promesse: la protesta dei Poliziotti penitenziari
Alcol e telefonino nel carcere di Mantova: erano in una cella occupata da detenuti Rom
Direttore del carcere di Busto Arsizio ammette le difficoltà: pochi Agenti ed educatori, ed è tornato il sovraffollaemento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Il fenomeno dei suicidi nella Polizia Penitenziaria, quattro casi in sei mese, mentre i colleghi si suicidano e al DAP il Dirigenti giocano a fare i giuristi, decidere in base a chi è più raccomandato e chi meno.
DAP fattevi un esame della coscienza?????????????





Di  un nauseato P.P.  (inviato il 15/11/2011 @ 15:22:35)


n. 2


E' vero i problemi familiari ci sono, ma buona parte sono problemi di lavoro!!!!
Caso emblematico dopo una sentenza del tribunale l'amministrazione ha continuato un comportamento di demansionamento e di mobbing, tanto poi i danni verranno pagati dallo Stato e no dai dirigenti che li hanno procurati.
Ci sono persone che hanno una personalità più fragile che forse a nessuno importa e questo sfocia in suicidio.
Io sono l'inverso cerco di mettere in crisi le persone che fanno questi danni esistenziali alle persone; si sentono onnipotenti per quel misero "potere" che qualcuno gli ha demandato per governare la parte meno interessante del sistema Paese.
Comunque, è inutile che si creano commissioni, forse solo per far vedere un intervento al fenomeno suicidi, ma bisogna presentarsi e rapportarsi con gli altri in maniera più disponibile e non disporre dall'alto di un ufficio con i soli interessi economici e non quelli umani dei dipendenti.
Caro capo del dipartimento mediti!!!!!!!

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 06/11/2011 @ 15:39:53)


n. 1


Con costernazione e amarezza assistiamo al grido daiuto ormai spento dalla morte di un collega. Le solite dichiarazioni asfittiche e sterili delle istituzioni si hanno di fronte alla morte di un collega che dice di dire basta alla vita. Mi unisco alle affermazioni dell'articolista, si fanno soltanto delle pseudo e formali dissertazioni d'intenti nel merito di questi episodi, non viene ascoltato minimamente colui il quale nei molteplici problemi si trova solo a sentire il peso della vita. Quando un collega muore in questo modo si domostra la fallacità e l'inconcludenza del sistema stesso, il suo fallimento che si esprime sulla pelle dei suoi servitori. La tutela e la garanzia che ciascuno di noi meriterebbe per i sacrifici e l'abnegazione profuse dovrebbero essere conseguenti. Questa è l'epoca in cui l'uomo stesso manifesta la sua crisi valoriale in tutti i sensi, quella materiale della finanza e dell'economia è solo la conseguenza. Sarebbe necessario riguardare noi stessi dal profondo e ricostruire la società e i governi su rinnovate basi etiche, ma chi in questo momento si fa fautore di questi principi? Tutto è votato al materialismo e su questo si è cercato di costruire gli stati e le società storicamente e ne vediamo i risultati. Cerchiamo quella verità che rende veramente libero l'uomo...un saluto da chi combatte ogni giorno nelle sezioni, ma soprattutto chiamato a vivere la dissolutezza di questo sistema!!! In alto i cuori!!!

Di  wids72  (inviato il 03/11/2011 @ 15:11:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.184.64


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Giuseppe Simeone, sostituto commissario al Dap, 59 anni, stroncato da un infarto

4 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Carceri: se dura da 20 anni non chiamiamola emergenza, chiamiamola incapacità del DAP





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione