Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Un suicidio al mese nell''indifferenza


Polizia Penitenziaria - Un suicidio al mese nell''indifferenza

Notizia del 17/11/2016

in Il caso

(Letto 5471 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nonostante da queste pagine della rivista abbiamo sollevato in tempi non sospetti il fenomeno dei suicidi in carcere da parte di appartenenti alla Polizia Penitenziaria, del malessere serpeggiante tra i  colleghi, del rischio bournout, delle centinaia di appartenenti che accusano quasi a fine carriera uno stato d’ansia che li spinge alla riforma per motivi sanitari, (vedi articolo precedente sulle CMO) ebbene, la nostra Amministrazione ha solo prodotto sterili circolari d’intenti che restano sulla carta ma che di concreto ancora nulla si è realizzato per venire incontro, concretamente, ai quei colleghi che vivono male la propria vita, la propria esperienza professionale.

Stiamo ancora attoniti per la notizia della povera collega Sissy di qualche giorno fa (suicidio – omicidio?) non sappiamo, brancoliamo nel buio … che l’ennesimo suicidio di un appartenente alla Polizia Penitenziaria a Perugia ci fa cadere in una profonda prostrazione; questo ulteriore suicidio non può più essere archiviato come facente parte di una fredda statistica, ovvero la consapevolezza che dal 2000 ad oggi si sono suicidati oltre 100 appartenenti al Corpo, 1 direttore, 1 dirigente generale, che danno una media impressionante di 10 suicidi all’anno.

Adesso basta. Non possiamo più leggere freddi comunicati nei quali si esprime cordoglio, cercando la causa del suicidio altrove, purché non emerga il nesso tra il lavoro e il rischio suicidario; facendo capire all’opinione pubblica che comunque l’ambiente carcerario non influisce minimamente sulla psiche, e che i problemi erano solo personali o familiari.

Troppo comodo. Specie in un periodo come questo, di crisi mondiale, dove alle nostre piccole crisi familiari e problemi economici più o meno grandi si aggiunge la consapevolezza di essere abbandonati, in balia del proprio destino all’interno delle carceri “Aperte” volute da una sentenza Torreggiani alla quale la politica non si è opposta ricevendo supinamente ordini dall’Europa e rendendo le carceri un colabrodo dove i detenuti la fanno da padroni;  talvolta, alla lontananza dagli affetti familiari, ai  cattivi rapporti con colleghi e superiori,  un ambiente ostile all’interno delle sezioni, non fanno altro che aumentare quella sensazione di malessere, che può portare al gesto estremo.

Certo, queste sono delle supposizioni. Non è detto che il collega si trovasse in una delle situazioni descritte, ma resta il fatto che il carcere, l’ambiente carcerario, la durezza del lavoro, il logorio psicologico cui siamo sottoposti, amplificano i problemi; non aiutano di certo a risolverli né tantomeno a lenirli.

Più che dichiarazioni d’intenti, si dovrebbe iniziare a fare un serio monitoraggio all’interno delle carceri per segnalare (con le attenzioni del caso) tutti quei casi a rischio che potrebbero dar luogo a gesti inconsulti cercando di aiutare seriamente (non a chiacchere) gli agenti in difficoltà.

Mi fermo qui per il momento; attonito nel commentare l’ennesima tragedia che colpisce un intero Corpo di Polizia abbandonato a se stesso, nell’indifferenza totale di chi è tutto proteso invece a trovare soluzioni concrete per il sovraffollamento e per migliorare le condizioni di vivibilità dei detenuti magari installando nei passeggi dei soffioni doccia al fine di lenire il caldo ai poveri detenuti nelle giornate estive.

Ancora un suicidio nella Polizia Penitenziaria: collega quarantaduenne si spara in caserma a Perugia

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Un torneo di calcetto per ricordare “Gigi 48″, agente penitenziario prematuramente scomparso
Intervista all'' atleta della Fiamme Azzurre Clemente Russo: “Sogno Tokyo 2020 per fare la storia del pugilato mondiale”
Cerca di portare la droga al parente detenuto, arrestato
Giornata di campionato di calcio di serie A dedicata alle vittime del dovere
La Cassazione accoglie un ricorso sulla compatibilità di Dell Utri col carcere
Ministero della Giustizia condannato a risarcire detenuto: la nota della direttrice di Brindisi
NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line
“Polizia Penitenziaria Day” alla Casa Circondariale


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Il malessere che serpeggia da anni e cova sotto la cenere tra gli agenti di Polizia penitenziaria è dovuto essenzialmente a diversi fattori. Influisce pesantemente la condizione lavorativa ben lontana dall'essere accettabile per qualsiasi operatore che svolge servizio nelle carceri. Oggi si pensa a provvedimenti a favore dei detenuti per migliorare la loro condizione, ma spesso questi non servono ad attuare quel principio rieducativo sancito dall'art. 27 e servono solo a complicare ancora di più l'operato dell'Agente che spesso si trova a fronteggiare situazioni di pericolo vis a vis. La crisi economica ha inoltre peggiorato la condizione economica che sfiora la povertà se si vive in una grande città e una situazione familiare come separazioni, famiglia numerosa ecc. . Il corpo è completamente abbandonato a se stesso perché dopo la riforma del 1990 non vi è stato nessuno che ha preso le redini dopo che molti ex ufficiali e comandanti di reparto di vecchio stampo sono andati in pensione, mentre le nuove leve dei colleghi commissari non hanno ancora un background professionale che gli permettano di essere una guida di riferimento. Il risultato non può che essere questo. Spesso negli Istituti si apre una competizione fra colleghi fatta di molti colpi bassi per evitare i servizi peggiori. Alla lunga questo stress viene fuori e gli effetti sono devastanti. Prima ne prende atto chi di dovere e prima ci possiamo salvare poiché nessuno è immune da questo fenomeno.

Di  Un turnista  (inviato il 18/11/2016 @ 15:20:26)


n. 4


È veramente inacettabile l'immobilismo e il silenzio assordante posto in essere da questa Dirigenza Impropria e altrettanto intollerabile l'atteggiamento assunto dal Parlamento e dallo stesso Governo nei confronti di questo martoriato e bistrattato Corpo di Polizia dello Stato! Urge quanto prima una vera riforma del Corpo, la Polizia Penitenziaria dovrebbe essere sganciata da questo D.A.P. un carrozzone inutile ormai allo sbando più completo. Sarebbe auspicabile istituire quanto prima la Direzione Generale del Corpo di Polizia Penitenziaria alle dirette dipendenze del Ministro, prevedendo nei suoi organici anche i ruoli dei Funzionari Medici e dei servizi di supporto psicologico per il proprio personale di Polizia e non al pari delle altre forze di Polizia e delle Forze Armate!

Di  L'ultimo degli Agenti  (inviato il 17/11/2016 @ 22:33:58)


n. 3


Piove? ...Governo ladro.

Di  dantibes  (inviato il 17/11/2016 @ 21:12:21)


n. 2


non è giusto ciò che è successo ai colleghi del carcere di Camerino.avevano diritto di scegliere la sede dove andare.chi li aiuta?

Di  nullità  (inviato il 17/11/2016 @ 20:35:23)


n. 1


E' ora di dire basta.
Ora ci vuole una bella manifestazione nazionale per chiedere il cambio di questa classe dirigente del DAP incompetente e lontana dai problemi dei poliziotti penitenziari.
Liberate il Corpo da questa classe dirigente.
Grazie

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 17/11/2016 @ 17:02:15)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.20.245.192


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”





Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione