Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Una Festa del Corpo disastrosa: sciarpe al contrario, chi saluta e chi no e la Bandiera che esce prima degli onori al Capo dello Stato


Polizia Penitenziaria - Una Festa del Corpo disastrosa: sciarpe al contrario, chi saluta e chi no e la Bandiera che esce prima degli onori al Capo dello Stato

Notizia del 10/06/2016

in Perché siamo un Corpo di Serie B

(Letto 40221 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Un vero disastro …

Quest’anno (e meno male che era il centonovantanovesimo ...) la Festa del Corpo è stata un vero disastro.

A dire il vero, già la sfilata del 2 giugno non è andata coi migliori auspici, con l’andatura un po’ sfasata e fuori sincrono, e l'immancabile telecronista RAI che ha commentato il nostro passaggio indicandoci come "Guardie Carcerarie".

 

 

Avete mai sentito un giornalista dire, o scrivere, "sbirro" o "piedipiatti"  quando si tratta di Polizia di Stato?

(Ci raccontano che il Ministero dell'Interno ha inviato tre funzionari dell'ufficio stampa in RAI per "assistere" la speaker prima, dopo e  durante la telecronaca dell'evento ...)

Purtroppo, all’Altare della Patria un nostro funzionario era schierato con la sciarpa azzurra indossata al contrario.

( ... possibile che nei trenta, quaranta minuti che hanno preceduto l'arrivo del Presidente della Repubblica nessuno, e dico nessuno, si sia accorto della cosa suggerendo alla collega di cambiare lato?)

 

 

Ma l’Annuale del 2016 ce lo ricorderemo a lungo ... e se lo ricorderanno a lungo gli ospiti, soprattutto quello più illustre: il Capo dello Stato.

E se lo ricorderà a lungo anche il Capo del Cerimoniale del Quirinale, che ha rischiato un colpo apoplettico quando ha visto la Bandiera uscire dai ranghi mentre si rendevano gli onori al Presidente della Repubblica.

Ma andiamo con ordine.

La giornata è iniziata subito sotto cattivi auspici, con la cerimonia della consegna della Bandiera nel piazzale del Dipartimento. Lo schieramento dei Reparti e della Banda è avvenuto alla rinfusa, senza alcun rispetto della libretta e dell’etichetta del cerimoniale.

L’andatura del Gruppo Bandiera è apparsa subito insicura con l’asta che ondeggiava troppo in senso orizzontale.

Nel piazzale antistante l’aula magna della scuola di via di Brava, a Reparti schierati, si rendono gli onori al Capo dello Stato.

Il comandante dello schieramento, però, dimentica il passo laterale e quello indietro mentre saluta il Presidente.

Nel frattempo, partito l’inno di Mameli, improvvisamente il gruppo Bandiera marca il passo ed esce dallo schieramento avviandosi verso l’uscita.

Con fatica, grande imbarazzo e l’intervento del Capo del Cerimoniale del Quirinale si è riusciti a riportare indietro l’Alfiere.

Mai gaffe peggiore sarebbe potuta accadere. Soltanto una estrema benevolenza ci potrà evitare la procedura di infrazione per “Offesa al Capo dello Stato” sperando che l’episodio venga derubricato come “errore” conseguente allo stress della cerimonia.

Per dovere di informazione è necessario puntualizzare che le prove della cerimonia sono state fatte una sola volta, soltanto il giorno prima dell'evento, e che il Gruppo Bandiera (alla prima esperienza) ha ricevuto precise direttive di uscire dai reparti nonappena veniva eseguito l'Inno di Mameli, senza  che gli venisse spiegato, però, che l'inno sarebbe stato eseguito più volte!

Che dire, poi, dei funzionari schierati all’ingresso dell’Aula Magna mentre passa il Capo dello Stato, chi saluta, chi no …, chi lo guarda e chi no ...

 

 

All’interno della sala, Funzionari del Corpo giravano tranquillamente in borghese (anche quelli in servizio al Cerimoniale).

La ciliegina sulla torta, infine, è stata il discorso del Capo del Dap (che “dovrebbe” essere il capo del Corpo …) che ha preannunciato l’intenzione di istituire nuovi ruoli tecnici: L’AGENTE MURATORE e L’AGENTE AGRICOLTORE (… ma questa è un’altra storia e la racconteremo a parte).

 

In una amministrazione normale sarebbero saltate molte teste: il Capo DAP e coloro che hanno ricevuto da lui l'incarico di coordinare e di gestire la Festa.

 

Sempre per dovere di informazione, precisiamo che il Capo  del Dap ha conferito l’incarico per la gestione, l’organizzazione e la realizzazione della Festa del Corpo e della sfilata del 2 giugno a:

dott. Silvio DI GREGORIO, Dirigente Penitenziario

Comm. C. Giuseppe AGATI Comandante il Reparto del 2 giugno e i Reparti della Festa del Corpo

 

In una amministrazione normale …

 

P.S.

L'anno prossimo dovremmo festeggiare il bicentenario dalla fondazione del Corpo. 

Noi crediamo che difficilmente potremo ottenere la presenza del Capo dello Stato se non gli sarà data soddisfazione con l'adozione di seri provvedimenti.

 

Lettera aperta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di un agente di Polizia Penitenziaria

 


Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 39


Per i Funzionari, comprendo che alcuni dettagli potrebbero sembrare ininfluenti.
Per fugare ogni dubbio, mi permetto di consigliare due manuali:

http://www.hoepli.it/cerca/libri.aspx?ty=1&query=sgrelli&arg=

Non pretendo che abbiate metabolizzato totalmente il regolamento militare e di presiio, capisco anche la vostra formazione presso la nostra "accademia" è stata sicuramente ricca di nozioni relative alle materie trattamenatli, però qualuno avrà anche partecipato nel 2011 al Corso organizzato dall'ISSPe:


10 - Corso di formazione nella disciplina dell’Istruzione formale e
Cerimoniale
Il Corso, organizzato dall’Istituto Superiore con la collaborazione della Compagnia
d’Onore dell’Aeronautica Militare, ha avuto una prima edizione sperimentale nell’ultimo
scorcio del 2010, con la partecipazione di 20 funzionari di Polizia Penitenziaria,
provenienti dagli uffici di Staff del Capo di Dipartimento, dalle Direzioni generali, dai
Provveditorati regionali e dalle Scuole di Formazione ed Aggiornamento.
Le attività formative in tale ambito sono proseguite nel 2011, con una settimana di corso
presso l’ISSP, ed hanno visto il coinvolgimento di altre unità, proprio per incrementare
il profilo tecnico dei funzionari di Polizia Penitenziaria che partecipano, a livello
centrale e periferico, alla organizzazione ed alla realizzazione di eventi e cerimonie, in
considerazione delle esigenze rappresentate in tal senso dal Dipartimento dell’A.P.
L’impegno dell’Istituto superiore è stato anche teso a creare una rete di referenti locali
per la formazione decentrata in tema di Istruzione formale e Cerimoniale.

Le cose sono due, o ve so morti i docenti durante il periodo accdemico ed eventuali successivi moduli, oppure avete sbajato posto......
; - )
In amicizia....

Di  PASQUINO  (inviato il 16/06/2016 @ 18:28:29)


n. 38


Per favore dite al commissario con gli occhiali rossi come si porta l'uniforme, le scarpe, il cinturone. Ah, dimenticavo, ditegli che la bandiera del Corpo sarebbe stata vista sulla Roma - L'Aquila all'altezza di Carsoli.

Di  Ariete  (inviato il 16/06/2016 @ 14:57:38)


n. 37


Rispondo a 35 e 36, il mio nome è ANTONIO, che cambia? così non sono più "anonimo".

Di  ANTONIO  (inviato il 15/06/2016 @ 14:52:46)


n. 36


Condivido pienamente il post n. 35.
Saluti.

Di  Anonimo (TOSCANA)  (inviato il 14/06/2016 @ 11:18:36)


n. 35


Salve,non è per difendere Agente Furioso,ma vorrei capire da quale pulpito viene l' ammonizione da uno che si firma ANONIMO? Buona giornata.

Di  Frank  (inviato il 14/06/2016 @ 06:35:40)


n. 34


Invece di firmarti Agente Furioso metti nome e cognome...altrimenti stai zitto

Di  Anonimo  (inviato il 13/06/2016 @ 23:48:55)


n. 33


INCOMPETENTI E BASTA..CACCIATELI TUTTI, sono anni che sono sempre i stessi, BASTA, se vogliono veramente cambiare allora devono avere il coraggio di buttarli fuori e sostituirli con gente giovane e preparata.
Fatela finita con le solite frasi di orgoglio d'appartenenza al Corpo della Polizia Penitenziaria, tanto a "questi" non gli e ne frega niente ,
guardatevi a turno e ragionate col cervello, basta passare una giornata al D.A.P. e capirete quanto ci stimano sti "PERSONAGGI".


Di  Anonimo  (inviato il 13/06/2016 @ 16:23:29)


n. 32


@Enzima


Il mio inciso era inteso a sottolineare che costoro, come al solito:

PREDICANO BENE E RAZZOLANO MALE

Di  PASQUINO  (inviato il 13/06/2016 @ 16:07:05)


n. 31


Dopo aver fatto parte, per molte edizioni, dello staff organizzativo rimango a bocca aperta ad una notizia del genere e in passato non era proprio pensabile fare due figuracce nella stessa giornata specialmente durante la celebrazione della festa del Corpo. Abbiamo impiegato molti anni per farci conoscere all'esterno come Polizia Penitenziaria e abbiamo impiegato solo pochi secondi per ritornare nel buio. Con quale arazio si pretende di provare solo in una giornata, quando noi ormai non sappiamo più cosa significa stare sull'attenti o come si saluta una bandiera. Non penso che nell'organizzazione ci sia stato personale incompetente che non abbia avuto il buon senso della cura del particolare. Sono veramente avvilito.

Di  Io c'ero.  (inviato il 13/06/2016 @ 10:26:59)


n. 30


Caro Pasquino, il Direttore Generale di cui parli è stato (e molto probabilmente sarà, visto il ruolo che ricopre), uno dei maggiori responsabili di questa situazione. Chiedigli quanti (e quali) istituti penitenziari ha visitato nella sua folgorante carriera e quali e quante siano le sue iniziative per il benessere del personale quando ne era il "Capo".

Di  Enzima  (inviato il 13/06/2016 @ 09:33:47)


n. 29


Alcuni anni or sono, ci meravigliammo che il Direttore Generale del Personale, si sentì in obbligo di ricordare, alcune regole fondamentali, con lettere circolari:

gdap 0090989-2011 del 03/03/2011
gdap-0393583-2011 del 18/10/2011
gdap 0089665-2014 del 07/03/2014

Mi viene da piangere.

Di  PASQUINO  (inviato il 13/06/2016 @ 08:28:35)


n. 28


E all'ordine facite ammuina....
“All'ordine Facite Ammuina: tutti chilli che stanno a prora vann' a poppa e chilli che stann' a poppa vann' a prora; chilli che stann' a dritta vann' a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann' a dritta; tutti chilli che stanno abbascio vann' ncoppa e chilli che stanno ncoppa vann' bascio passann' tutti p'o stesso pertuso; chi nun tene nient' a ffà, s' aremeni a 'cca e a 'll à”.

E tutti vissero felici e contenti....
Che Dio ve furmini!!!!

Di  PASQUINO  (inviato il 13/06/2016 @ 08:03:07)


n. 27


Se confrontiamo come sono stati organizzati gli stati generali e come sono state organizzate parata del 2 giugno e festa del Corpo, dovrebbe già far capire i loro veri interessi quali sono.
Sarebbe il caso di chiedere scusa al Presidente della Repubblica, rappresentandogli, però, che il personale di Polizia Penitenziaria tutti i giorni viene trattato con la stessa sufficienza e disinteresse.
Perdonate il fuori tema, ma è attinente convocare le organizzazioni sindacali dei Direttori ad un incontro dove l'oggetto della discussione è il riordino delle forze di Polizia?
Per i popolo italiano rappresentiamo una risorsa, per la sicurezza del paese, mentre se per i vertici, sia periferici che centrali, siamo una palla al piede e occasione per vergognarsi, allora che ci lascino liberi di transitare ove potremmo essere più utili e loro occuparsi esclusivamente dei loro utenti.
Un saluto a tutti i colleghi di POLIZIA PENITENZIARIA

Di  Utopia  (inviato il 12/06/2016 @ 20:47:51)


n. 26


Alla base di tutto manca la formazione. Una volta c'erano le Scuole, oggi non più.

Di  Francsco  (inviato il 12/06/2016 @ 19:45:54)


n. 25


se un po' tutti facessimo un esame di coscienza ci accorgeremmo che poi le responsabilità non sono solo del Comandante del reparto o dell'Alfiere, ma vanno cercate nei diversi livelli operativi, formativi e funzionali compreso chi paragona il lavoro del personale nelle sezioni alla ritualità della manifestazione dimenticandosi che la nostra Bandiera tra i valori che nobilmente esprime raccoglie anche l'eroico ed incessante sforzo che il Corpo quotidianamente compie, senza riserve, per rispondere con dignità ed onore ai doveri ed alle esigenze che la legge ed il Paese chiede alla Polizia Penitenziaria.

Di  Anonimo  (inviato il 12/06/2016 @ 17:43:09)


n. 24


Per anni ho fatto parte della compagnia d' onore del corpo. Che dire eravamo tutti orgogliosi di partecipare al cambio di guardia al Quirinale e di rappresentare ogni collega. Tutti provenienti dagli istituti. Esercitazioni ogni giorno per ottenere la perfezione sotto la super visione dei responsabili della compagnia d'onore dell aeronautica militare. Ricordo che quando veniva il nostro generale giustamente pretendeva la perfezione perché rappresentavamo tutti i colleghi. Per anni siamo stati chiamati quasi sempre gli stessi con nuovi innesti. Poi da qualche anno non ci hanno più chiamato ed ecco i risultati. Gli altri corpi hanno una compagnia d'onore fissa nel senso che gli appartenenti fanno solo quello tutti i giorni. Ora da noi per carenza di personale o di impegni solenni magari non serve una compagnia d onore fissa ma almeno selezionare un tot di agenti degli istituti che vengono chiamati per eventuali cerimonie in modo che abbiano una preparazione di base

Di  Uccellino della comare  (inviato il 12/06/2016 @ 13:50:43)


n. 23


Sbalordito dopo aver letto l’articolo in questione “da non crederci…!!!!”, mi è sembrato quasi di guardare la trasmissione televisiva “SCHERZI A PARTE”. Mi auspico che il tutto non si giustifichi come Stress da Cerimoniale, altrimenti in futuro potremmo sperare anche di poter richiedere una nuova causa di servizio da inserire nel tabellare, quale patologia da: “ Stress da Cerimoniale, (categoria A) (tabella 8°)” . Ironia a parte in quanto c’è poco da scherzare, mi preme evidenziare che negli Istituti penitenziari d’Italia, il personale di Polizia Penitenziaria quotidianamente svolge il proprio servizio sotto stress per carenza di organico, sovraffollamento delle carceri e altro…., e tutto ma dico tutto…., viene portato a termine sempre nel miglior dei modi; quando si sbaglia, si procede anche con il famoso D.lgs 449/92, da anni in discussione e mai rivisto. Riordiniamo con attenzione il Corpo di Polizia Penitenziaria evitando di inciampare nel disordine delle carriere. Approfondiamo gli studi di settore intervenendo concretamente e in modo risolutivo, affinché si possa comprendere se vi è malessere tra il personale di Polizia Penitenziaria con conseguenza estrema di demotivazione e sfiducia. Rammento a noi stessi che siamo un Corpo militarmente organizzato e alcune figuracce andrebbero assolutamente evitate, chi ha la responsabilità di coordinare e comandare si da per certo che lo sappiano fare seguendo tutto quanto scritto nei protocolli di loro competenza. A TUTTI NOI, MA RIPETO A TUTTI NOI DA NORD A SUD E CENTRO COMPRESO, UN PO DI ORDINE E DISCIPLINA, CI FAREBBE BENE…….!!!!!!! Portandomi a concludere, oggi giorno per crescere e migliorare, si ha bisogno di persone attente e non distratte ma soprattutto che credano e amino l’uniforme che indossa. In merito all’accaduto mi auguro per il rispetto di tutti gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria e anche per quelli che sfortunatamente non sono più con noi, che venga fatta chiarezza in modo trasparente poiché non dobbiamo essere giudicati come guardie carcerarie, secondini e di serie B, con onore siamo della Polizia Penitenziaria.

Di  ANONIMO Toscana  (inviato il 12/06/2016 @ 12:36:07)


n. 22


La mia memoria torna alla barbara uccisione per mano della mafia o del terrorismo di tanti colleghi.
Ma questo non potranmo capirlo, ne alcuni direttori e nessun Commissario assunto alcuni anmi fa.
Non lamentatevi cari commissari, credevate che bastava vincere un concorso per diventare comandanti. Purtroppo non è così. Lottate duramente contro quei direttori che godono nel mortificarvi. Questo vuol dire battersi per la dignità professionale propria e dei propri uomini.
Buona Domenica dalla Versilia

Di  anonimo  (inviato il 12/06/2016 @ 10:57:16)


n. 21


La mia memoria torna indietro di 33 anni, al collega mio coetaneo Rocco D'Amato, molti anni sono trascorsi dal mio congedo anticipato dal Corpo degli Agenti di Custodia, sinceramente in posizione di privilegio, ma ancora oggi quando mi giunge notizia della celebrazione della Vostra Festa nazionale, mi commuovo sempre al ricordo del sacrificio pagato con la vita da purtroppo molti Agenti. Ricordatevi di loro non solo alle Feste ma tutti i giorni, e rispettate Voi che siete in posizioni privilegiate tutti i Vostri Colleghi che fanno servizio nelle sezioni e quando potete aiutateli specialmente nei momenti difficili dovuti anche alle vicissitudini della vita lavorativa.
Saluti

Di  Alla memoria di Rocco D'Amato  (inviato il 12/06/2016 @ 09:00:45)


n. 20


IO CREDO CHE ANCHE PER UNA QUESTIONE DI FORMA, PER UNA QUESTIONE ESTETICA (SENZA CHE NESSUNO SI OFFENDA) PER IL 2 GIUGNO ANDAVA SCELTO UN COMMISSARIO ATLETICO E DALL'ANDATURA MARZIALE. IL RISULTATO DELLA PARATA E' SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. MI DISPIACE MA STAVOLTA I VERTICI DEL DAP, COLUI CHE E' STATO DESIGNATO A CAPO DEL CERIMONIALE VADA CACCIATO VIA AL PIU' PRESTO E CON UNA NOTA DI BIASIMO. MA IL NOSTRO CAPO DEL DAP NON LO FARA' PER NON INIMICARSI LA LOBBY DEI DIRETTORI.

Di  Miguel cervantes  (inviato il 11/06/2016 @ 21:36:37)


n. 19


Alcune cose menzionate in questo post,dalla sfilata del 2 giugno,con l'appellativo " guardie carcerarie" e l'abolizione della festa,la quale rimango sempre più convinto,li avevo già postati.Comunque niente di nuovo "dal fronte orientale". Buona serata.

Di  Frank  (inviato il 11/06/2016 @ 17:21:26)


n. 18


Sono un commissario e da quando mi sono arruolato chiedo ogni anno di partecipare alle cerimonie nazionali perché amo la mia divisa e ci terrei davvero tanto. L'anno scorso mi sono pure offerto di andare gratis. Ma mi è stato risposto picche. Evidentemente vogliono sempre gli stessi che a quanto pare nn imparano mai

Di  Roberto  (inviato il 11/06/2016 @ 16:19:11)


n. 17


Nella "nostra" amministrazione ci sono tanti personaggi che sono affetti dal "principio di Peter".cos'è? è primo studio approfondito sull'incompetenza.
"ogni impiegato viene promosso fino a raggiungere il proprio livello di incompetenza". In altre parole, Peter sostiene che una persona competente a un certo livello finisce per salire i gradini aziendali fino raggiungere un livello in cui non è più competente. nella prima leggi di Peter dice che il vero incompetente non si rende conto di esserlo, ovvero di essere un emerito idiota.
Quindi, il vero incompetente è incompetente in tutto quello che fa.
In parole povere, se questi sono incompetenti la colpa di chi è? di altri incompetenti?.
Mi rivolgo al Signor Capo D.A.P., è possibile che nella nostra amministrazione e nel Corpo della Polizia Penitenziaria sono tutti affetti dal "principio di Peter"? non sarebbe opportuno che incominciasse a "cambiare" un po di "QUESTI INCOMPETENTI" dalla nostra Amministrazione?
GRAZIE


Di  Anonimo  (inviato il 11/06/2016 @ 15:30:42)


n. 16


Dico solo....che figuraccia....per me coloro i quali si sono macchiati di una tale figura al PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA che rappresenta la Nazione per la quale si indossa la divisa e si giura...andrebbero cacciati a pedate...se una cosa del genere fosse accaduta nei Carabinieri...sai..ci sarebbero state dimissioni a valanga solo per aver intaccato in primis il prestigio della NAZIONE e poi dell'Arma stessa...ora mi chiedo cosa accadrà? Basti dire che in carcere o peggio in traduzione, si prende rapporto disciplinare per non aver indossato il basco o per non aver allacciato bene la divisa! Ah dimenticavo, chi li prende sono Agenti e non Commissari! Anzi, visto la gaffe, per loro che rappresentano tutti noi si dovrebbe come minimo applicare il massimo previsto!
Che figuraccia! Poi al PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ed al NOSTRO MINISTRO!
Ricordo a tutti che la nostra BANDIERA è SACRA specie in ricordo di tutti coloro, colleghi compresi, che sono morti per lei!
W l'ITALIA!

Di  Claudia  (inviato il 11/06/2016 @ 15:20:35)


n. 15


Quello che dispiace che ci sono una marea di coll che sguazzano e ridono e fanno battute amare .invece di serrare i ranghi quanti di voi anche nella vita quotidiana fate cose inaspettate o non volute anche gravi di qualsiasi genere medici che sbagliano una diagnosi un operazione,Certo un cerimoniale creato ad hoc non guasterebbe relazionarsi e fare incontri con le altre forze del ordine e armate ma in tutto questo ce sempre qualcuno che rema contro anche quando le cose vanno bene. ce sempre qualcuno che Sparla a vanvera.

Di  si  (inviato il 11/06/2016 @ 10:21:36)


n. 14


Purtroppo non stiamo scoprendo nulla di nuovo,basti pensare che siamo l'unico corpo che festeggia la propria festa all'interno di una struttura non civile ,dove comunque la figuraccia può passare inosservata...vabbe comunque lasciamo stare perche queste cose succedono quando non ci sono capì che sentono particolarmente questi avvenimenti ,anche perché come si può sentire cucita sul cuore una divisa mai indossata !
Una delle poche feste organizzate con le "palle"cioè di mestiere e orgoglio che io mi ricordi è stato il decennale del Gom dove l'allora generale responsabile del reparto sparava cazziate a tutti però il giorno dell'evento non volava una mosca...tutto perfetto!

Ora ribadisco queste cose fatele fare a che le sa fare e soprattutto piacere di farle se no va a finire che facciamo queste figuracce !

Di  Capitanoultimo  (inviato il 11/06/2016 @ 09:21:16)


n. 13


Sig. Presidente Consolo, pur nel rispetto per il suo ruolo, esperienza, e per la sua persona, prenda atto che sul suo capo, si ha l’impressione che non posi un elmetto d'acciaio (come dovrebbe essere), in grado di ripararla dagli urti o dai contraccolpi, piuttosto di un colabrodo in plastica morbida.
L'intero Corpo, rappresentato dai funzionari, in quei momenti del saluto a tratti mancato al Presidente Sergio Mattarella, dovrebbe chiederLe di punire con grande severità, coloro i quali sono venuti meno al loro dovere.
Il grande Comandante Augusto Zaccariello che mi pregio di avere conosciuto e con il quale ho collaborato molti anni fa, CREDO non stia ridendo per tutto ciò che è successo.
Tra l'altro a proposito di cerimoniale, ai funzionari è stato ben spiegato cosa è la libretta dello Stato Maggiore dell'esercito, cosa significa Scuola Comando, quali sono i protocolli da seguire.
E’ tutto contenuto nel manuale scritto dal Comandante Zaccariello e destinato quasi esclusivamente ai Comandanti del Corpo.
Anni fa, un fatto così grave, sarebbe stato punito con il massimo rigore che la disciplina del Regolamento prevede.
Da pensionato sono estremamente rammaricato, penso siano venuti meno l'ufficialità e il decoro Istituzionale.

Di  anonimo  (inviato il 10/06/2016 @ 21:28:15)


n. 12


Ai miei tempi (AA.CC.) ti avrebbero detto: prepara la cassa, avvisa tua moglie, perchè domani prendi servizio in un'altro carcere. Non prima di punirti con qualche giorno di consegna (in galera).

Quelli mostrati in foto (molto sf**ati) CHE NON SALUTANO il Presidente Mattarella dovrebbero essere puniti come dice Cristoforo "senza alcuna pietà".
Puniti seriamente, dalla prima all'ultima fila.
Non fosse altro perchè stiamo spendendo molti quattrini per il corso di alta formazione che stanno frequentando in quella sede e soprattutto perchè chi è rimasto a lavorare in galera assumendo le funzioni di comando ci stiamo facendo un cu....così.
Ma ragazzi, MA QUESTA E' roba da non credere ehehehehehehehehehehehe
Dacchè eravamo considerati brutti sporchi e cattivi, ma grazie a Dio educati al massimo rigore. Oggi siamo arrivati al punto che questi ragazzi/e si scocciano ad alzare il braccino destro ed avvicinare la manina alla fronte (con il pollicione serrato all'indice s'intende).
Per Alessandro, ma quale stress, non spariamo banalità.
Ai miei tempi venivi punito severamente e forse anche messo alla gogna

Di  anonimo  (inviato il 10/06/2016 @ 20:49:25)


n. 11


Perplesso dalla narrazione rappresentata dall'Agente Furioso, non mi resta che rimpiangere il grande Generale APREA che tanto ha fatto lustro le nostre passate Annuali del Corpo di Polizia Penitenziaria e Festa del 2 giugno.
Spero, per il prossimo anno, si individua in largo anticipo un Commissario che si dedica esclusivamente al cerimoniale per la formazione nell'addetramento formale per la parata del 2 giugno e per l'Annuale del Corpo di Polizia Penitenziaria.
Cordiali Saluti Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 10/06/2016 @ 18:48:21)


n. 10


Ma cosa ve ncaxxate a fà?!?

Basta fare il gioco della scimmietta:
mani negli occhi;
mani nelle orecchie;
e mani sulla bocca.

Per dirla alla romana....
nun se pò guardà!
nun se pò sentì!
nun se pò commentà!

Grazie al cielo ho deciso da tempo di non schierarmi più e non partecipare a nessuna festa o ricorrenza.
Oggi "Il Santo" al TG5 ha fatto proprio una bella figura. E' pure fiero di tutti noi.....capiraiiiiiii!
Pur'io son fiero......fiero d'annàmmene fra 4 anni se Dio vuole.
W gli AA.CC.
W la Pol Pen

Di  anonimo  (inviato il 10/06/2016 @ 18:07:30)


n. 9


Credo che il presidente Consolo sia una brava persona ma circondato da funzionari che non amano il corpo e solo per questo andrebbero trattati senza pietà specie dopo questa figura di m..... Consolo prendi provvedimenti severi e caccia chi ti ha reso ridicolo nei confronti del presidente mattarella. Resto sbalordito infine nel vedere impietose immagini di funzionari del corpo anche di vecchia data che non salutano il presidente per non parlare dell'assurdo errore di una sciarpa indossata al contrario. Siamo al punto piu basso della nostra storia.

Di  Fra cristoforo da volterra  (inviato il 10/06/2016 @ 18:05:56)


n. 8


X Pino, hai ragione tra agenti tecnici e agenti agricoltori meglio niente grazie

Di  Rocky  (inviato il 10/06/2016 @ 15:55:00)


n. 7


Caro Luca Strangolini: per citare Totò ... "è la somma che fa il totale". Poi, non sfugga a chi manda avanti la baracca tutti i giorni dalle carceri, che se non arrivano i "rinforzi" con le nuove assunzioni, se non gli vengono pagati gli straordinari, se le uniformi non si trovano etc. è perché questa amministrazione è gestita da tanti piccoli incapaci che sommati uno ad uno, sono il motivo per cui la Polizia Penitenziaria non è considerata come meriterebbe. Se poi ci aggiungi anche queste "piccole" (ma ti assicuro che non sono piccole) cose, allora forse inizierai a valutare meglio certe "sfumature". Ti sei mai chiesto perché i Carabinieri fanno mettere sempre qualcuno dietro ogni ripresa televisiva, anche in quelle che non li riguardano? Ti sei mai chiesto perché La Polizia di Stato è disposta a fare "carte false" per gestire al meglio le fiction televisive? Ti sei mai chiesto perché alle riunioni per il riordino le altre Forze di Polizia mandano in loro rappresentanza Colonnelli e Questori e noi ci facciamo rappresentare da direttori di carcere o funzionari del DAP?

Di  Sveglia!  (inviato il 10/06/2016 @ 15:17:11)


n. 6


Purtroppo la Polizia Penitenziaria ha mille problemi e rimango allibito di quanta attenzione si dia a questo genere di problemi, che chi vive la vera galera, reputa una fascia messa al lato opposto o una bandiera che sbaglia partenza, una banalita rispetto alla carenza di organico, la mancanza di un contratto aggiornato, la data della pensione che sempre si allunga, uniformi che non arrivano. Poveri noi.....

Di  Luca strangolini  (inviato il 10/06/2016 @ 15:07:36)


n. 5


@L'agricolo quindi l'abito fa il monaco? basta un po' di amore e coscienza in quel che si fa, a parte i titoli.

Di  pino  (inviato il 10/06/2016 @ 14:21:52)


n. 4


Buongiorno permettetemi di dissentire l'ironia in merito all'agente agricoltore per ricordare che se si facesse un songaggio tra tutti gli agenti si scoprirebbe chea mio intuito oltre un centinaio hanno conseguito il diploma di perito agrario o di agrotecnico titolo di studio che permette l'accesso ad una professione regolamentata per legge sotto la vigilanza peraltro del Ministero della Giustizia unitamente ad altra professioni quali architetto, ingegnere geometra perito industriale biologo geologo chimico ecc. Se il Corpo di Polizia Penitenziaria avesse a disposizione queste professionalità tecniche al suo interne se ne innalzerebbe un immagine ancor migliore insieme aghli ingegneri, architetti geometri periti industriali.
Cordialità a Tutti gli appartenenti alla Polizia Penitenziaria.

Di  L'agricolo  (inviato il 10/06/2016 @ 13:13:17)


n. 3


vi prego..ma quale stress? la forma è la forma, non accampiamo scuse. Semplicemente a molti della forma e del decoro della divisa (prima che del corpo) non frega nulla. Spero vivamente nel transito in qualche altra forza di polizia.

Di  pino  (inviato il 10/06/2016 @ 11:50:15)


n. 2


Se non ci fossero le foto come prova non ci crederei...
Comunque d'accordo che lo stress fa brutti scherzi ma certe cose uno dovrebbe avercele DENTRO, a cominciare dal "saluto"...

Di  Alessandro  (inviato il 10/06/2016 @ 10:24:50)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Baschi Azzurri dell''Umbria ... rialziamoci!!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione