Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Una Repubblica che muore, per colpa di interpreti sempre più improbabili


Polizia Penitenziaria - Una Repubblica che muore, per colpa di interpreti sempre più improbabili

Notizia del 07/11/2013

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 4351 volte)

Scritto da: Daniele Papi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La delusione….

Sono stato uno dei primi a plaudire la nomina a Ministro della Giustizia di Anna Maria Cancellieri, già titolare del Dicastero dell’Interno ma, prima di tutto, già Prefetto della Repubblica.

Era proprio la provenienza dalla carriera Prefettizia che mi faceva ben sperare.

Le vicende degli ultimi giorni mi portano una ulteriore delusione, da parte di chi dovrebbe darmi un buon esempio, e che invece con regolare continuità mi delude sotto ogni profilo, professionale, tecnico ed umano.

Lo scempio che sta compiendosi, a causa di attori improbabili non ha eguali, neanche minimamente immaginati nel peggio del peggio della prima Repubblica.

Io, come tanti altri, che devo per amor di Patria rimboccarmi le maniche e stringere la cinta, dovrei prendere ad esempio chi?

Personaggi di uno squallore che rasenta il ridicolo, “piccoli uomini” che guardano esclusivamente all’interesse personale e che non lesinano proclami di unità nelle difficoltà, parlando di sacrifici collettivi senza mettersi mai in discussione per porsi una semplice domanda. “sto facendo la cosa giusta?”

La cosa più deprimente è la constatazione che questo squallore è distribuito a pioggia dall’alto verso il basso e che quelli che portano l’ombrello sono esclusivamente, quelli del pian terreno, che continuano in silenzio a sacrificarsi per un nulla che non porterà cambiamenti se non a vantaggio di chi alberga nei piani alti, i quali ci pisciano in testa e ci raccontano che piove.

Nel loro inconscio si presentano dall’alto del loro scranno con la coscienza in ordine, ben sapendo che invece è torbida come le acque reflue…

Allora, io mi interrogo con più di una domanda: 

Per chi lavoro? Per lo Stato ovvero per la Repubblica alla quale ho giurato fedeltà, oppure al soldo di una sorta di “signorotti” medievali dell’era moderna? 

Le risposte le conosco e, sono anche sin troppo facili da dare…


Scritto da: Daniele Papi
(Leggi tutti gli articoli di Daniele Papi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


condivido in toto la riflessione.
quando un ministro, direttore, comandante, dirigente, superiore, perde di credibilità per fatti gravi ed oggettivamente confermati, i suoi subalterni sono poco motivati e, salvo pochissime eccezioni, non hanno interesse a portare avanti la baracca. ma a fermarla.
segue l'anarchia e la divisione tra la troupe dei fidati subalterni all'infedele capo e l'altra dei cani sciolti ed indignati che credevano nello Stato.

Di  Antonio  (inviato il 28/12/2013 @ 18:32:39)


n. 3


Bravo Daniele hai centrato alla perfezione i problemi reali del corpo. Qui c'è bisogno di fatti concreti, di una nuova alba per il corpo che ridisegni completamente una nuova amministrazione che abbia come base di partenza l'immedesimazione tra il vertice e la periferia. Basta con capi calati dalla'alto che non hanno il contatto con la realtà di periferia.

Di  Pasquale Quatraro  (inviato il 28/12/2013 @ 15:16:43)


n. 2


Ho sempre letto i tuoi articoli pregni di conoscenza e realismo ma questo... è il top, hai centrato al cuore, bravo, questa tua riflessione meriterebbe di essere conosciuta e letta anche al di fuori di questo piccolo grande spazio, sei l'interprete di quanto tutti mugugnano ma nessuno dice...

Di  Un Commissario di periferia  (inviato il 11/11/2013 @ 09:01:54)


n. 1


Cacchio .... che sberla .....
Divide et Impera

Di  Divide et Impera  (inviato il 07/11/2013 @ 13:39:06)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.234.61


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione