Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi


Polizia Penitenziaria - Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

Notizia del 15/01/2018

in Attualità

(Letto 2227 volte)

Scritto da: Alessandro Torri

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Sono passati quasi cinque anni da quando, l’8 gennaio 2013, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha condannato l’Italia sul caso Torreggiani e degli altri sei ricorrenti per la violazione dell’articolo 3 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, ponendo l’attenzione sul sovraffollamento carcerario del nostro Paese, definito espressamente come “problema sistemico risultante da un malfunzionamento cronico proprio del sistema penitenziario italiano”.

Da allora sono stati compiuti molti passi in avanti, anche grazie ad alcuni interventi, prevalentemente di carattere eccezionale ed emergenziale, che hanno fornito una prima risposta concreta e hanno portato la popolazione carceraria a ridursi drasticamente, avvicinando la soglia di equilibrio con la capienza regolamentare delle strutture penitenziarie del Paese.

Questi provvedimenti hanno prodotto un significativo miglioramento delle condizioni di vita all’interno dei penitenziari, ma non hanno risolto in modo strutturale e definitivo il problema del sovraffollamento che richiede, in tal senso, una riforma di più ampio respiro, che non si limiti ad affrontare la difficoltà nell’immediatezza, ma vada a determinare indirizzi di prospettiva capaci di garantire le condizioni essenziali dello Stato di diritto.

Non può accettarsi, infatti, che lo Stato, nell’eseguire una sentenza di condanna a pena detentiva, possa negare ad un cittadino i suoi diritti fondamentali, dovendo adeguare la risposta di giustizia ad un sistema di reclusione basato sul rispetto della dignità umana. Al tempo stesso, vale la pena ribadire che la necessità di intervenire sul sistema dell’esecuzione penale non può e non deve essere in alcun modo interpretato come un arretramento sulla certezza della pena, ma piuttosto, come necessità di perseguire con maggiore concretezza l’obiettivo fondamentale della rieducazione e del reinserimento dei detenuti nella società. Proprio a partire dalla sentenza della Corte EDU si è messo in moto un confronto serio e costruttivo che ha visto, già a partire dagli Stati Generali sull’Esecuzione Penale, un fermento di idee e di proposte di modifica della legge sull’ordinamento penitenziario, che ha visto partecipare tante energie appartenenti a molti diversi mondi e ha finalmente posto l’attenzione, anche dell’opinione pubblica, su un tema, quello della detenzione, ancora oggi guardato con eccessiva diffidenza e pregiudizio.

Questo percorso, iniziato nel 2015, ha portato, nell’arco di due anni, ad approvare una legge delega di riforma dell’Ordinamento penitenziario che, proprio in queste settimane, dovrebbe concludere il suo iter con l’approvazione definitiva dei decreti legislativi da parte del Governo.

Nel mese di ottobre, peraltro, anche il Parlamento europeo, approvando una risoluzione sul tema delle carceri, ha sollecitato gli Stati membri ad intervenire per migliorare le condizioni di vita all’interno delle strutture, anche attraverso maggiori stanziamenti per la ristrutturazione e l’ammodernamento delle strutture penitenziarie che, in molti Paesi, non sono adeguate ad un modello di detenzione moderno e coerente con il rispetto dei diritti umani. In questa occasione, le istituzioni europee hanno, peraltro, ricordato come il tema del sovraffollamento delle carceri coinvolga direttamente almeno quindici Stati membri, tra i quali figura anche l’Italia, ribadendo la raccomandazione di adottare tutte le misure necessarie a superare questa grave problematica. Fatte queste premesse, risulta facile comprendere come sia necessario stringere i tempi per portare a compimento un percorso di riforma che darebbe una risposta organica ad una problematica di grande rilievo, sulla quale anche le istituzioni europee hanno posto l’attenzione.

Non si deve dimenticare, infatti, che le carceri rappresentano il luogo ideale per la propaganda dei terroristi che trovano, in ambienti di disagio e di alienazione sociale, un terreno fertile per tramandare odio e disprezzo verso i valori fondamentali di qualsiasi società democratica e liberale.

La riforma, quindi, arriva in un momento cruciale per l’intera società, perché permette di sviluppare le politiche di contrasto e prevenzione al fenomeno jihadista già a partire dal carcere, attraverso un maggiore controllo dei soggetti maggiormente a rischio. La necessità di approvare la riforma dell’Ordinamento penitenziario, però, non deve essere letta solo nell’ottica del detenuto, al quale certamente si deve garantire il rispetto della propria dignità umana e la possibilità di condurre un percorso di rieducazione in un ambiente adeguato, ma anche avendo riguardo della difficile posizione del personale della Polizia Penitenziaria e dei tanti operatori, educatori e volontari che, in questi anni, hanno operato all’interno delle strutture con grande responsabilità, coraggio e professionalità.

Se è vero, infatti, come teorizzava il filosofo illuminista francese Voltaire, che “il grado di civiltà di una Nazione si misura dallo stato delle sue carceri”, dobbiamo dare atto a questi eroi silenziosi del loro importante lavoro al servizio della comunità, grazie al quale è stata gestita una vera e propria emergenza che speriamo possa essere definitivamente superata con la riforma in approvazione.

 

 


Scritto da: Alessandro Torri
(Leggi tutti gli articoli di Alessandro Torri)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Droga in carcere a Turi Veniva lanciata dalla strada verso le finestre. Scoperta dalla Polizia Penitenziaria
Evasione ospedale di Milano: Le indagini del N.I.C.seguono varie piste
Detenuto violento, contusi tre agenti
Detenuto picchia gli agenti che gli hanno appena salvato la vita
Tenta di evadere dal carcere di Prato, bloccato dalla penitenziaria
Il 21 maggio la protesta della Polizia Penitenziaria del carcere di Marassi
Il pm Sabella condannato a pagare milioni di danni per il G8. Intervista video: «Se è così è la fine...»
Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


Il fatto che si parli sempre di passaggio in polizia , a prescindere dall’argom Dell’articolo trattato è segno eloquente del malessere del corpo.... i sindacati e l’ammini Si interroghino su cio

Di  Pensate  (inviato il 15/01/2018 @ 21:08:12)


n. 7


Chiacchiere e detenuti.... che p...

Di  Rep  (inviato il 15/01/2018 @ 20:17:49)


n. 6


R.al commento n.5
Non esiste il passaggio in polizia di stato e solo frutto dell'immaginazione di pochi giovanotti freschi appena arruolati magari giovanotti che non hanno vinto il concorso in polizia di stato carabinieri e finanza , ma me hanno vinto il concorso in polizia penitenziaria e allora spingono per il passaggio in polizia di stato.


Di  Anonimo  (inviato il 15/01/2018 @ 18:45:52)


n. 5


Si trasmette un articolo con ricavato https://infodifesa.it/sondaggio-sui-nuovi-gradi-polizia-non-votate-e-una-sciocchezza-distintivi-privi-di-contenuto/
Si forniscono le riflessioni di seguito riportate aalla vostra cortese attenzione.

Altro che riordino, con le nuove insegne di qualifiche regnerà diseguaglianza e difficoltà di distinguere i gradi.

In 21 dicembre 2017 una commissione presieduta dal Vice Capo della Polizia Dr.ssa Guidi e formata dai rappresentanti delle varie articolazioni del Dipartimento, dai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali e da esperti in materia uniformo logica ed araldica, ha lavorato per realizzare questo progetto di revisione dei distintivi di qualifica. balza subito agli occhi come questo progetto oltre a rendere disomogenee le nuove qualifiche tra i diversi corpi , causerà una difficoltà di intelligibilità per i cittadini oltre che per i fratelli militari. Le stelle ad esempio che hanno da sempre ed universalmente contraddistinto gli ufficiali/funzionari se passasse questa riforma verranno definitivamente archiviate lasciando il posto ad un segno identificativo inconcepibile, peraltro facilmente confondibile con il ruolo degli ispettori. I nuovi distintivi infatti abbandonano definitivamente la precedente impostazione derivante dai gradi del mondo militare per acquisirne una originale che si attaglia male anche a livello internazionale, dove le stelle hanno da sempre identificato il comando. La revisione dei distintivi di qualifica è dettagliatamente illustrata da un videomessaggio del Capo della Polizia e da un documento esplicativo sul portale Doppiavela. Inoltre Le qualifiche dei sovrintendenti perderanno gli ambiziosi binari per lasciare il posto a dei rombi mai adottati nelle insegne di polizia e dei militari, ed i “baffetti” rossi della truppa non avranno più nulla a che vedere con gli omologhi delle forze armate, oltre che con i gradi di carabinieri e guardia di finanza. Si spera che quest’atto conclusivo del riordino non venga portato a termine per evitare ulteriore confusione e differenziazione all’interno del comparto sicurezza e difesa con una norma in contrasto con i criteri di uniformità fissati nella legge delega.

Di  X redazione  (inviato il 15/01/2018 @ 18:09:42)


n. 4


sempre chiacchere... mai fatti... sempre con questa Torreggiani! ma parliamo, agiamo, per l'accorpamento alla pollizia o ai carabinieri.... il sindacato vedrebbe triplicati i suoi iscritti... abbiamo bisogno di avere visibilità

Di  weqr  (inviato il 15/01/2018 @ 16:41:24)


n. 3


Le solite chiacchere. Mai fatti

Di  alexia  (inviato il 15/01/2018 @ 13:55:52)


n. 2


LA VERA RIFORMA NECESSARIA è IL PASSAGGIO IN POLIZIA DI STATO O NEI CARABINIERI PENITENZIARI

Di  X  (inviato il 15/01/2018 @ 09:44:28)


n. 1


Sono passati quasi 10 anni da quando sono stati bloccati i contratti e anco oggi non è risaputo l'intenzione di come ci renderanno il mal tolto . Cifre irrisorie dopo dieci anni di blocchi stipendiale ancora oggi ci sono problemi per l'assegno funzionale ancora oggi i sovrintendenti del 2002 attendono la riparametraziine ancora ottimista non abbiamo comunicati sindacali sul contratto ancora oggi neppure i sindacati che partecipanti al tavolo non sanno nulla del contratto, scusate la franchezza ma quando partecipate alla,discussione dei rinnovi stipendiali fate presenza e basta

Di  Anonimo  (inviato il 15/01/2018 @ 09:03:54)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.232.54


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione