Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Vigilanza dinamica, obiettivo chiarezza: aboliamo la colpa lieve del custode


Polizia Penitenziaria - Vigilanza dinamica, obiettivo chiarezza: aboliamo la colpa lieve del custode

Notizia del 15/02/2014

in Accadde al penitenziario

(Letto 4557 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il mio amico Commissario Ultimo, uno di quelli per cui la torre sulle spalle è diventata un miraggio, sostiene che non vi sia una correlazione tra la vigilanza dinamica  e la colpa del custode di cui all’art. 387 c.p.

In questi ultimi mesi si è tanto parlato di vigilanza dinamica, fino alla nausea, e quasi tutti i sindacati si sono opposti in modo fermo e deciso, qualcuno più degli altri (a mio parere) facendo ampia demagogia e opponendosi quindi al cambiamento in atto con una serie di argomentazioni sterili che non trovano fondamento giuridico come giustificazione del NON fare vigilanza dinamica.

Quasi tutti i sindacati poi, nei tavoli di contrattazione decentrata che precedono l’applicazione del regime detentivo previsto dalla sentenza Torreggiani, per questa o per quella Sezione, continuano ad opporsi: Non siamo d’accordo, anzi siamo contrari!!! Dimenticando che la Torreggiani è una sentenza e deve essere applicata per forza, pena sanzioni per l’Italia da parte dell’Europa.

Alla base, comunque, di tutte le argomentazioni “contro” vi è sempre la colpa del custode. Questo povero custode sul quale si vorrebbe far ricadere la colpa in caso ad esempio di evasione o: se succede qualcosa in sezione ...

Ma il mio amico Commissario Ultimo (che comunque ha comprato il cordone per il suo berretto, sperando un giorno di indossarlo) insiste, lui con le sue idee strampalate di Commissario a Ruolo Speciale, sostenendo che, se nelle carceri ci si attiene alle linee guida dettate dal D.A.P. in tema di vigilanza dinamica, e si rispettano le tabelle di consegna, ops scusate….gli  ordini di servizio che vengono emanati in funzione di dette linee guida, il custode non può essere incolpato nel caso in cui dovesse succedere un evento critico degno di tale nome. La colpa in questo caso verrebbe spalmata tra il DAP che ha emanato le linee guida, il PRAP, il Direttore che ha emanato gli ordini di servizio, l’ispettore e gli agenti che hanno osservato l’ordine di servizio, con il risultato che la eventuale colpa si liquefa fino a scomparire.

E’ questo il caso della colpa lieve, quella che potrebbe essere addossata al custode, e non è proprio il caso che i sindacati pretendano (rassicurati in questo dai vertici del DAP che non lo faranno mai) che venga abolita dal codice penale la colpa del custode, che è ben poca cosa di fronte ad una colpa grave, ad una omissione di atti d’ufficio, ad un falso in atto pubblico che potrebbero ad esempio scaturire da un eventuale tentativo di coprire un fatto.

La politica del “dietrolaportismo”, ovvero quella del mettersi il ferro dietro la porta, che ha caratterizzato per anni la politica del DAP, induce giustamente i sindacati ad essere cauti nei confronti di tutte quelle iniziative che richiedono una mutazione culturale nel modo di pensare ad un nuovo tipo di organizzazione all’interno delle carceri; disposizioni che nel tempo sono state calate dall’alto proprio con questo scopo, quello di scaricarsi le responsabilità ed hanno sortito tanti cetrioli, tra gli appartenenti all’Amministrazione Penitenziaria, che si sono andati a conficcare in quel posto dove non  batte il sole.

Ma secondo il mio amico Commissario Ultimo (che si è visto superare in carriera dai suoi giovani colleghi grazie ad una scellerata politica capace di scontentare tutti, classica del DAP degli ultimi anni) i Sindacati dovrebbero unirsi NON contro la vigilanza dinamica ma in una lotta che porti all’approvazione di un decreto “Balduzzi Penitenziario” e cioè, così come i medici sono riusciti grazie all’art.3 del decreto Balduzzi avente per oggetto “La Responsabilità professionale dell’esercente le professioni sanitariead eliminare la colpa lieve, infatti l’articolo recita testualmente“I professionisti che, nello svolgimento della propria attività si attengono a protocolli diagnostico-terapeutici, linee guida e pratiche elaborate dalla comunità scientifica nazionale e internazionale, rispondono degli eventuali danni solo nei casi di dolo e colpa grave.”

Così tre righe di un decreto, di un Ministro che vuole bene alla Polizia Penitenziaria (con i fatti e non a chiacchere) dovrebbero recitare: Il personale di Polizia Penitenziaria che nello svolgimento del proprio servizio si attiene alle linee guida emanate dal DAP, dal PRAP e dall’osservanza degli ordini di servizio, risponde di eventuali responsabilità in caso di eventi critici solo nei casi di dolo o di colpa grave

Io ritengo che la materia vada senz’altro approfondita e che il DAP impari a dettare le linee guida, a scrivere dei protocolli standard per ogni caso di evento critico piuttosto che limitarsi ad enunciare solo dei principi o delle dichiarazioni di intenti.

Dobbiamo arrivare  quindi, ad una norma come quella del Balduzzi che servirebbe, comunque, a tranquillizzare il personale in servizio nelle sezioni che vede la vigilanza dinamica come un grosso cetriolo pronto a scattare in quel posto, alla minima occasione, al minimo evento critico

Dobbiamo, per questo, pretendere delle vere linee guida da trasformare in ordini di servizio, anziché arroccarci su posizioni pretestuose, ostili al cambiamento che ci chiede l’Unione Europea. Prendiamo esempio dai medici che si confrontano giornalmente con lo spauracchio dell’errore professionale, e sono consapevoli di rispondere solo per dolo o colpa grave, cosa di cui siamo consapevoli anche noi ma che ci nascondiamo dietro la colpa del custode che è invece ben poca cosa e non può costituire un alibi al cambiamento.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Giusto per capirci ,non e' che uno e' critico per principio preso, ma lo e' sulla base di quanto scaturito dalle azioni intraprese a seguito di quella sentenza.Poi sinceramente noi tutti stiamo vedendo che la politica con difficolta' forse approvera' uno. Svuotacarceri che e' una goccia nel mare.La verita come tutti sappiamo , o ci teniamo le attuali norme sulla giustizia e quindi facciamo nuovi Istituti e assumiamo nuovo personale,oppure I cari politici riformassero queste norme cosi da evitare I'll continuo aumento dei detenuti.Oooh ma poi ci servono soldi che non ci sono,vero,allora sorveglianza dinamica:"risparmi e comparisci",qualcuno direbbe.

Di  gianni  (inviato il 19/02/2014 @ 15:44:40)


n. 3


Capisco che siete più bravi di me nell'analisi della questione vigilanza dinamica. Capisco anche che è più facile criticare che proporre. Ma date voi qualche soluzione visto che le indicazioni arrivano da molto lontano (Europa) e i nostri politici non sono più credibili e nemmeno hanno la forza di contrastare determinate prese di posizione che sicuramente stanno creando enormi difficoltà in periferia derivanti dall'applicazione della vigilanza dinamica e della sentenza Torreggiani.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 18/02/2014 @ 16:53:23)


n. 2


Non è solo il problema della colpa del custode a dover preoccupare.
Dovrebbe preoccupare che “la non presenza” di personale nelle sezioni che garantiscano i diritti e l’incolumità dei detenuti.
In altre parole, dovrebbe preoccupare che l’assenza della Polizia Penitenziaria costituisce la ulteriore opportunità per soggetti violenti a prendere il controllo interno.
Questo dato non sembra preoccupare.
Questa gestione “alla volemose bene” porterà non solo a frequenti aggressioni contro il personale, comporterà il pericolo latente di rivolte, tese ad acclarare il dominio di questo o quel soggetto perché legato a questo o a quel clan.
Per definire certe decisioni è necessaria una sola parola “IRRESPONSABILI”.

Di  PASQUINO  (inviato il 17/02/2014 @ 09:20:31)


n. 1


Caro/a nuvola rossa,io invece mi trovo d'accordo con chi e' scettico rispetto alla sorveglianza dinamica,in quanto non c'e' solo I'll problema della colpa del custode,ma c'e' da affrontare; l discorso dell'inaffidabilita' dei detenuti delle nostre carceri che come noi sappiamo hanno manifestato tutta la loro inadeguatezza nell'essere gestiti a regime aperto considerato tutti I fatti accaduti in questo periodo,trai quali risse accoltellamenti evasioni,aggressioni e per ultimzo leggo proprio oggi una rivolta con agenti feriti ad avellino.credo che questa sentenza non potra' mai essere una opp.ta'

Di  gianni  (inviato il 16/02/2014 @ 21:11:43)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.212.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione