Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Visite fiscali: il paradosso dell’assurdo che sembra un racconto di Kafka


Polizia Penitenziaria - Visite fiscali: il paradosso dell’assurdo che sembra un racconto di Kafka

Notizia del 04/05/2018

in Il Pulpito

(Letto 2941 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Lo scorso mese di ottobre 2017 la Ministra della Funzione Pubblica  Marianna Madia ha ritenuto necessario emanare una nuova (l’ennesima) circolare sulle modalità e sulle procedure delle visite fiscali nel pubblico impiego.

Nelle intenzioni la circolare voleva metter mano (ancora una volta) sull’annosa questione dell’assenteismo nel pubblico impiego.

Infatti, oltre alle percentuali di gran lunga superiori a quelle del privato impiego, alcune rilevazioni avevano verificato il fatto che una parte ragguardevole di assenze per malattia si concentrava nei periodi pre e post giorni festivi, in particolar modo in  concomitanza dei cosiddetti “ponti”.

Di conseguenza, l’esigenza di contrastare questo fenomeno ha indotto la Funzione Pubblica, appunto, ad emanare l’ennesima circolare in materia di visite fiscali.

Tuttavia, come spesso accade nel grande apparato burocratico italiano, la circolare – evidentemente – è stata ideata ed emanata senza il necessario concerto con le altre amministrazioni coinvolte nella faccenda.

Mi riferisco, in particolare, all’INPS, all’INAIL e al Servizio Sanitario Nazionale.

E mi riferisco, per quel che ci riguarda, alle amministrazioni centrali delle Forze Armate e di Polizia, in ragione del fatto che queste amministrazioni sono sempre state escluse dalle direttive generali del pubblico impiego in virtù dell’ordinamento speciale che le organizza (soprattutto per il fatto che si tratta di una parte del pubblico impiego che è rimasta in regime di diritto pubblico).

Tale irragionevole omissione ha fatto si che l’INPS, ad esempio, si è visto costretto ad emanare più circolari e a rispondere a numerosi quesiti, per chiarire, esplicitare, correggere o emendare più punti del Decreto Ministeriale della Funzione Pubblica.

Altrettanto dicasi delle amministrazioni delle Forze Armate e di Polizia.

Nel nostro caso, purtroppo, la dimenticanza della Ministra Madia (perché di questo si tratta a mio avviso) di riportare nella nuova circolare il passaggio che esentava il comparto sicurezza dalla direttiva, ovvero che escludeva espressamente la facoltà di inviare visite fiscali al personale assente per malattia dipendente da causa di servizio (precisazione esplicitamente contenuta nella precedente circolare), ha determinato un vulnus di vasta portata per il personale tutto del comparto.

E a nulla vale l’esclusione prevista dalla circolare circa le assenze per patologie indicate in alcune tabelle in essa richiamate, perché quelle patologie, laddove sofferte, comportano ex lege la riforma dal servizio nelle forze armate e di polizia con la conseguente collocazione in quiescenza.

L’assurdo paradosso è, quindi, che il poliziotto assente per queste talune patologie non è soggetto a visita fiscale ma, allo stesso tempo, per quelle stesse malattie non è nemmeno più poliziotto.

Sembra di leggere il famoso comma 22 di Joseph Heller “...chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di guerra, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di guerra non è pazzo”.

Oltremodo, il cerino, alla fine, è rimasto in mano alla Polizia Penitenziaria.

Le amministrazioni degli altri Corpi del comparto, di concerto con INPS e INAIL, hanno trovato comunque un escamotage.

Di fatti, l’INPS (polo unico al quale è stata affidata la gestione delle visite fiscali) si è dichiarato incompetente per le visite indirizzate a dipendenti in malattia per infortunio sul lavoro che spettano, invece, all’INAIL.

INAIL che, però, da parte sua non ha alcuna competenza sul comparto sicurezza.

Carabinieri, Polizia e gli altri Corpi hanno risolto la questione grazie ai loro sanitari dei ruoli tecnici: se la malattia è certificata da loro, l’interessato non è più soggetto a visita fiscale in base al principio secondo il quale quando l’amministrazione è già a conoscenza diretta della diagnosi e dei giorni di prognosi non ha più la facoltà di inviare la visita fiscale perché non c’è più nulla da accertare.

Ovviamente, gli unici che non hanno personale sanitario (medici di Corpo) siamo noi che, pertanto, rimaniamo soggetti a INPS, INAIL, ASL e chi più ne ha più ne metta.

Peraltro, a nulla è valsa la circolare inviata in periferia dal Direttore Generale del Personale Pietro Buffa  (in verità un po’ vaga e poco chiara), perché i provveditori ed i direttori degli istituti penitenziari hanno ritenuto bene di interpretare ognuno a modo suo il DM Madia decidendo autonomamente secondo scienza e coscienza (la loro).

Insomma, l’intera vicenda sembra un racconto di Franz Kafka, pieno di paradossi e assurdità, dove la Polizia Penitenziaria ha assunto il ruolo di quel signor K che, ne Il processo, viene arrestato, processato e condannato senza mai sapere perché, per che cosa e, soprattutto, da chi.

 

 


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Alfonso Bonafede, chi è il ministro della Giustizia proposto da M5S e Lega
Un busto di Giovanni Falcone al carcere di Massama
I radicali difendono la Direttrice di Poggioreale:Pessimo il servizio delle Iene. La cella zero non esiste più
Video intervista Teleroma 56 a Maurizio Somma Segretario Regionale (sappe)
Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano.
Violenza a Poggioreale, il cappellano: Ingiusto accusare la polizia di abusi
Totoministri: ecco il possibile ''listone'' del Governo Lega-5 Stelle. Alfonso Bonafede ‘corre’ per il Ministero della Giustizia
Fiammetta Borsellino accusa il DAP: ignorata la richiesta di incontro con i boss Graviano


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Per fortuna avere i sindacati che vi tutelano, non oso immaginare senza .

Di  Anonimo  (inviato il 12/05/2018 @ 16:56:45)


n. 3


Situazione paradossale che fotografa impietosamente la pochezza e l'inconcludenza della politica italiana. Un principio condivisibile, cioe' quello di sottoporre tutti ed indistintamente a visita fiscale (anche coloro a cui è stata riconosciuta la dipendenza da causa di servizio della patologia) frustrata dall'incapacità di redigere la normativa. Il pessimo quadretto é poi stato arricchito dalla sconvolgente caccia al sotterfugio messa in atto dalle FF.OO., cioè da coloro il cui compito é quello di far rispettare la legge. Poi ci chiediamo per quale motivo siamo una nazione ritenuta inaffidabile, dedita principalmente all'aggiramento delle norme ed al malaffare... Ancora: in quale altro Paese vi sono ancora simili differenze di trattamento tra dipendenti pubblici e privati? E perché tanti distinguo tra persone che svolgono lo stesso lavoro, magari in presenza di uguale patologia? Quando cresceremo come cittadini? Quando capiremo che gridare lo Stato significa derubare se stessi? Direi che levisite fiscali sono sacrosante e dovrebbero essere intensificate ed effettuate nei confronti di tutti, indistintamente.

Di  Tony  (inviato il 06/05/2018 @ 15:28:21)


n. 2


Pii padosso del rinnovo contrattuale non esiste nulla

Di  Anonimo  (inviato il 05/05/2018 @ 12:55:10)


n. 1


Dai su non prenderla male sulle visite fiscale , che dovremmo dire noi che abbiamo perso ben 7 anni e che non rientriamo nel rinnovo contrattuale perché l'unica colpa che abbiamo e quella d'avere raggiunto il diritto alla pensione entro il 2015 .
Fosse la visita fiscale il problema ne sarei felice .

Di  Antonio  (inviato il 04/05/2018 @ 20:09:56)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.78.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione