Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Vogliono chiudere il sipario: l''ultimo pretesto per sciogliere il Corpo di Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Vogliono chiudere il sipario: l''ultimo pretesto per sciogliere il Corpo di Polizia Penitenziaria

Notizia del 07/12/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 6802 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Prendetemi pure per pazzo non importa, non è la prima volta e non sarà nemmeno l'ultima, ma la notizie e le “indiscrezioni” che sono state pubblicate da La Repubblica (Gruppo l’Espresso) sulla vicende del detenuto che ha registrato aberranti frasi attribuite a colleghi della Polizia Penitenziaria potrebbe essere l’ultimo tassello che mancava per iniziare a sciogliere definitivamente il Corpo di Polizia Penitenziaria. 

(Detenuto registra frasi shock: "Le botte ti saranno utili, la Costituzione non vale in questo carcere")

Il processo di scioglimento dura già da un po’ e non è affatto difficile individuare gli artefici perchè sono, più o meno, manifesti.

E' un pò più difficile conoscere quelli occulti, ammesso che ce ne siano.

Fatto sta che l'impressione è che si stia per chiudere un’epoca in cui c'erano persone da contenere e poliziotti messi a sorvegliare quelle persone detenute.

A dire il vero la riforma del Corpo del 1990 non è mai stata attuata completamente. Nessuno, infatti,  è riuscito mai a decifrare, prima,  e a mettere in pratica, poi,  il compito principale di quella riforma: quell’articolo 5 della 395/90 che diceva che la Polizia Penitenziaria “partecipa, anche nell'ambito di gruppi di lavoro, alle attività di osservazione e di trattamento rieducativo dei detenuti e degli internati”.

Guardiani eravamo e guardiani siamo rimasti, ma con sempre meno tolleranza da parte dei “civili” per quanto abbiamo fatto e per quanto, invece, avremmo potuto fare per  migliorare noi stessi e l'intera esecuzione penale.

L’ultimo segnale di insofferenza è stato la preoccupazione del SIDIPE … ma non tema il SIDIPE ... l’eventuale passaggio al ruolo dirigenziale dei “nostri” Commissari potrebbe essere la ciliegina sulla torta dello scioglimento del Corpo di Polizia Penitenziaria. 

(Si.Di.Pe. il sindacato che unisce ... i commissari)

Quella torta che qualificati pasticceri stanno preparando con tutta le attenzioni del mondo.

Stanno sciogliendo la Banda Musicale del Corpo, stanno sciogliendo l’Ufficio del Cerimoniale, stanno svuotando l’Ufficio del CED, spezzettando le banche dati in tante parti (ma facendo ben attenzione a dove andrà a finire quella più ghiotta che riguarda i dati dei detenuti).

Vogliono recintare in una Direzione Detenuti e Trattamento il fiore all’occhiello del Corpo: quel GOM che è l’unico nostro Reparto di Elite.

L’ufficio stampa della Polizia Penitenziaria non è mai esistito.

Non guardate le singole pecche che ognuno di questi Uffici si porta dietro, guardate i simboli e il significato dietro ciascuno di loro: sono tutti un canale di contatto con l'esterno.

Stiamo per tornare di nuovo "invisibili" e senza voce.

Nel frattempo, la maggior parte dei Sindacati della Polizia Penitenziaria tace.

E’ tutto pronto!

Mancava solo un pretesto. Forse sarà questo, forse no, perché non è detto che riescano a montare una campagna stampa diffamatoria come quella del caso Cucchi.

Ma gli attori sono gli stessi e hanno "complici" illustri anche dentro la nostra stessa Amministrazione e nel "nostro" Ministero. 

Ma quando sarà, saremo tutti con le braghe calate …

Auguriamoci almeno che sarà una “grande riforma” a sciogliere il Corpo di Polizia Penitenziaria, così com’è già successo per il Corpo dei gloriosi Agenti di Custodia!

 

Saremo tutti una grande famiglia: evviva "l'accoppato" Corpo di Polizia Penitenziaria

 

La caduta della Polizia Penitenziaria: fino a qui, tutto bene

 


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 11


Gli ultimi due commenti, di Angela e Luca, hanno saputo riassumere e chiarire tutto quello che non sono riuscito a dire.
Grazie.
Sicuramente all'interno dell'amministrazione penitenziaria, una visione chiara e lungimirante non c'è. Non c'è "materiale umano" (necessario e sufficiente) per formularla.

Di  Enzima  (inviato il 14/12/2015 @ 20:18:12)


n. 10


Siamo proprio sicuri che ciò che accade sia il frutto di chissà quale strategia discussa e preventivata da personaggi scaltri che agiscono nell'ombra..?
Perché ciò sarebbe il segno che esiste una strategia, un disegno superiore di qualcuno che ha una visione di lungo periodo e un obiettivo da raggiungere.
Temo invece che quel che accade (o non accade) nel nostro ambiente sia dovuto alla assoluta assenza di visione strategica. Insomma non siamo nei pensieri di nessuno. E ciò è anche peggio.

Di  Luca Sardella  (inviato il 14/12/2015 @ 19:21:40)


n. 9


Ci toccherà arrenderci, perchè siamo nelle mani di "Nessuno".
La mitologia ci ha trasmesso e regalato tanti spunti importanti per capire anzi tempo come muoversi o non muoversi nella vita.
Ma noi mi sà che la lezione non l'abbiamo ancora imparata.
Conosciamo nomi e cognomi di questi signori di turno, ma continuiamo ancora a comportarci da Ciclopi accecati ed impazziti.
E sono anche certo, che una volta sciolto il nostro Glorioso Corpo, avremo pure il coraggio di dire ("è stato "Nessuno"), come il Ciclope ferito da Ulisse.

Ma noi come sempre abbiamo cose più urgenti da fare per occuparci di noi stessi.
Maiora premunt.


Di  Angela  (inviato il 14/12/2015 @ 16:00:41)


n. 8


Certo che uno di destra come me che si deve rimpiangere Diliberto Significa che questi sono alla follia totale...

Di  PASQUINO  (inviato il 09/12/2015 @ 10:55:39)


n. 7


Ma quando sarà, saremo tutti con le braghe calate ….... Questa frase e ciò che si può pensare della Polizia Penitenziaria ..................ma non e vero!!!!!! fino adesso ( io scrivo dalla Sicilia Palermo per la precisione chi a portato avanti il carro siamo stati propio noi le vecchie guardie........ Guardie sul vero senso della parola affrontando tantissimi problemi abbiamo fatto gli assistenti sociali, gli educatori i confessori per i detenuti e tantissime volte quanto e servito ( le guardie ). Be forse il Ministero ho il Dipartimento non si e fatto un conto che buona parte delle guardie come ci chiamano in Italia hanno da 27 anni di servizio in su con una media di 50 anni di età e tantissime stanno andando via per disperazione dal servizio in vari modi io personalmente sono giunto a trenta piu riscatto e anni di militare , e fra poco in un modo ho nell'altro scappero anch'io ma non hanno capito che a breve se non faranno dei porposi arruolamenti l'amministrazione si troverà con il sedere a terra già quasi ci siamo e senza accorgesene , che gli vadano a mettere in sezione gli edeucatori ho assistenti sociali per riabilitare il detenuto voglio vedere quanto resistono.....
destro i vari istituti da nord a sud e una borgia totale poco personale colleghi che fanno 3 posti di servizio traduzioni sotto scorta e chi ne ha più ne metta,
Ci stanno distruggendo pian pianino ma prima che ci riescano noi saremo già andati via, ci resta solo l'amaro che per tutto cio che abbiamo creato negli anni e ognuno di noi nei nostri posti di servizio in genere, sicurezza nelle carceri e fuori, traduzioni , gom , e reparti vari , non rimarra più niente ...........................
P.S. da dove e arrivato il registratore al detenuto e come mai nessuno se ne accorto? Mancanza di personale ?
Sfogo personale di un'Ass.C. della polizia Penitenziaria EX AA.CC.

Di  Asso Ventidue  (inviato il 07/12/2015 @ 19:19:22)


n. 6


Anche il "nostro" ex Ministro Flick si è schierato: "Costituzione affievolita dietro le sbarre" (Corriere della Sera, 6 dicembre 2015).

Di  Enzima  (inviato il 07/12/2015 @ 16:55:56)


n. 5


Ottima disamina caro collega Catarella, il tuo tono scherzoso mi fa bene.
Sento addosso il fiato di qualcuno che mi rincorre.
Ma non sono mostri o fantasmi. Anzi!
Inizio ad accusare una strana forma di depersonalizzazione, come essere straniero a me stesso, quasi a non appartenermi più, quasi come a non appartenere più a questo Corpo prima Glorioso, poi disciolto, poi riformato ed ora quasi definitivamente......non lo voglio dire, mi viene troppo duro ad ammetterlo.
Emy ti abbraccio,
non piangere non vale la pena versare lacrime per questi qui!
Non meritano gente come noi.

Di  Vittorio  (inviato il 07/12/2015 @ 15:03:49)


n. 4


Erano i tempi del caso Cucchi, 2010 se non ricordo male.
Riporto una parte del vostro articolo. L'unico SINDACATO che ci ha difesi a spada tratta. Ed infatti avevate ragione!

Altro che il ‘massacro’ mediatico che da qualche tempo a questa parte stiamo sistematicamente subendo! Anche per questo è nato questo Blog. Anche per questo è nato poliziapenitenziaria.it. Per rivendicare, con fierezza, il nostro pieno orgoglio di appartenenza al Corpo di Polizia Penitenziaria.

La verità è che questo sito lo leggono TANTISSIMISSIMISSIMI DI NOI.
POCHISSIMISSIMISSIMI hanno il coraggio di commentare.
QUASI NESSUMISSIMISSIMO DELLA SOCIETA' CIVILE SI INTERESSA DI NOI.
Il risultato è che spariremo senza che la società abbia avuto contezza del lavoro di mer...che facciamo e di cosa realmente facciamo da più di un secolo.
Mentre scrivo la radio passa un brano della Pausini e ad un tratto mi scendono le lacrime, se penso a tutti i sacrifici che ogni giorno faccio per portare a compimento il mio delicato compito.
Ma vaffan.....!

Di  Emy  (inviato il 07/12/2015 @ 14:49:04)


n. 3


Chiusura del sipario?
Attori?
Chiusura piccole sedi?
Scioglimento del Corpo?
Scioglimento della Banda?
Riforme?
Accorpamenti?
Riordino?.....ma chè
Prima ci vogliono BRUTTI, SPORCHI E CATTIVI, alcuni decenni dopo ci vogliono BURATTINI EDUCATORI dinamici!
Adesso non gli piace più.
Qui si parla di spartizione di torte?....ma che diventò una festa???
Picciotti ma di che stiamo parlando?????
Ci avete proprio scassato la m.....ed ovviamente i c.d. cabbasisi.
Picciotti stavolta la cosa è seria.
Io non voglio essere il figliastro di nessuno.
Minc.....mi avete arrovinato a bedda festa dà Macculata!
Enzima bell'articolo, intriso di spunti per capire che stavolta ci vogliono davvero "posare".
Ho la morte nel cuore.
Mi sta sembrando di vivere la settimana Santa.
Minc...così è troppo picciotti!
Stavolta a bedda centralina accappottò!

Di  Appuntato Catarella  (inviato il 07/12/2015 @ 14:33:26)


n. 2


In pillole.
Allo scopo della conquista di tutti i valori mai conquistati sin dal 1890....l’Amministrazione ha creduto di migliorare le condizioni degli Agenti di Custodia e di rialzarne il morale; ma affinché l’opera del Governo porti i suoi benefici effetti, è mestiere che anche il pubblico da parte sua e gli organi onesti della stampa prestino il loro concorso.
Oltre ogni dire penoso è l’ufficio di questi Agenti, in continua lotta con gli elementi più tristi, se l’opinione pubblica non crea loro un ambiente benevolo, se il prestigio della divisa non è fatto rispettare, i buoni si allontaneranno disgustati e stanchi con danno gravissimo del civile consorzio”.
Queste sono le parole utilizzate dal primo Ispettore Generale delle Guardie Carcerarie.
Pensate sia cambiata qualcosa dopo.......................1 2 5 A N N I?




Di  Regola n.1 Giuramento C.T.R.  (inviato il 07/12/2015 @ 13:14:56)


n. 1


Daccordo con Enzima, il tema è quello: la fine del Corpo.
Non ci sono dubbi e del resto lo stesso Governo nel ridurre i corpi di polizia intendeva dire proprio questo, dopo la forestale far fuori la polizia penitenziaria.
Tutto ciò è scritto in un copione in cui a quanto pare nessuno a titolo d'intervenire.
Ormai da tempo lo stesso sindacato si limita a fare qualche lettera qua e la, come per saziare il desiderio di quelli che ritengono che serva...dispiace deluderli ma non serve a nulla. Quelle lettera a malapena se le leggono i quattro gatti che hanno un qualche interesse, ma certo non sono lette, né considerate da quelli che contano, da quelli che decidono.
Il sindacato (tutti noi siamo iscritti e ci sarà un motivo) deve proporsi non come soggetto che si limita a fare lettere (più ne fai e meno vengono lette), ma come soggetto politico in grado di essere serio interlocutore del potere, diversamente soddisferà solo quelli che amano fare gossip...
Per fare questo deve abbandonare la strategia dello "sputtaneamento" fine a se stesso e mettrsi in testa di farsi rappresentare dalle qualità migliori.

Di  Gianni  (inviato il 07/12/2015 @ 12:15:11)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.157.48


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione