Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Bluff dei braccialetti elettronici: dobbiamo buttare soldi fino a tutto il 2013

Polizia Penitenziaria - Bluff dei braccialetti elettronici: dobbiamo buttare soldi fino a tutto il 2013


Notizia del 03/10/2013 - ROMA
Letto (1477 volte)
 Stampa questo articolo


È successo pochi giorni fa. Ed è stata definita da tutti "una buona notizia". Le commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera hanno approvato un emendamento del Pd, votato all'unanimità, sull'uso del braccialetto elettronico per gli stalker.

Uno strumento che consentirebbe di monitorare gli spostamenti di chi ha il divieto di avvicinarsi alla casa della vittima delle sue persecuzioni. "Ci sono esperienze già in Spagna e in Franci in questo senso che hanno dato buoni risultati", ha fatto notare la prima firmataria Alessia Morani. Peccato che quello del braccialetto si sia rivelato nel tempo un grande bluff. Nell'ultimo decennio, infatti, questo mezzo di controllo a distanza è costato oltre 100 milioni di euro ed è stato utilizzato pochissime volte.

L'idea era, all'inizio, di adottarlo per chi sconta la pena agli arresti domiciliari, risparmiando così in controlli periodici e, di conseguenza, "liberando" personale delle forze dell'ordine per altre, più proficue, attività. Tutto comincia nel 2001, quando a Palazzo Chigi c'è Giuliano Amato. In quell'anno viene siglata una convenzione "sperimentale" limitata a cinque province, cioè Roma, Milano, Napoli, Torino e Catania.

Nel 2003 l'iniziativa viene estesa dal nuovo ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu a tutto il territorio nazionale e Telecom ha il compito di gestire 400 dispositivi di controllo. Ma in funzione ne entrano soltanto 14. Un dettaglio che non sfugge alla Corte dei Conti. Nel settembre 2012 la magistratura contabile fa notare che la gestione è stata "antieconomica e inefficace" e il costo del sistema ha superato i dieci milioni annui, cioè 81 milioni in otto anni (2003-2011). "Una spesa elevatissima".

Due anni fa arriva la scadenza del contratto con Telecom. Il ministro Annamaria Cancellieri, appena approdata al Viminale, rinnova la convenzione per sette anni, fino al 2018. Una decisione stigmatizzata dalla Corte dei Conti, che il 13 settembre 2012 scrive: "Il rinnovo della convenzione ha reiterato una spesa antieconomica e inefficace, che avrebbe almeno dovuto essere oggetto di un approfondito esame anche da parte del ministero della Giustizia". E non basta. Per i giudici il rinnovo è avvenuto a prezzi e prestazioni "non identici" a quelli precedenti e, quindi, è qualificato "inesattamente come una proroga" e avrebbe "dovuto o potuto essere oggetto di riflessione e/o di trattative, se non di comparazione con altre possibili offerte". A giugno 2012, in seguito al ricorso di Fastweb, il Tar del Lazio dispone che la nuova convenzione dovrà essere oggetto di una gara. Telecom Italia e Viminale ricorrono a loro volta al Consiglio di Stato (che ancora deve decidere). Nel frattempo è stato stabilito che la convenzione, per "motivi di sicurezza", si estinguerà solo alla fine del 2013.

Il Tempo

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Due Agenti della Polizia Penitenziaria delle scorte soccorrono una bambina in preda ad una crisi epilettica

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

7 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

8 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

3 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

4 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

5 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

6 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino delle carriere: analisi dei contenuti del parere favorevole del Consiglio di Stato