Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Bluff dei braccialetti elettronici: dobbiamo buttare soldi fino a tutto il 2013

Polizia Penitenziaria - Bluff dei braccialetti elettronici: dobbiamo buttare soldi fino a tutto il 2013


Notizia del 03/10/2013 - ROMA
Letto (1660 volte)
 Stampa questo articolo


È successo pochi giorni fa. Ed è stata definita da tutti "una buona notizia". Le commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera hanno approvato un emendamento del Pd, votato all'unanimità, sull'uso del braccialetto elettronico per gli stalker.

Uno strumento che consentirebbe di monitorare gli spostamenti di chi ha il divieto di avvicinarsi alla casa della vittima delle sue persecuzioni. "Ci sono esperienze già in Spagna e in Franci in questo senso che hanno dato buoni risultati", ha fatto notare la prima firmataria Alessia Morani. Peccato che quello del braccialetto si sia rivelato nel tempo un grande bluff. Nell'ultimo decennio, infatti, questo mezzo di controllo a distanza è costato oltre 100 milioni di euro ed è stato utilizzato pochissime volte.

L'idea era, all'inizio, di adottarlo per chi sconta la pena agli arresti domiciliari, risparmiando così in controlli periodici e, di conseguenza, "liberando" personale delle forze dell'ordine per altre, più proficue, attività. Tutto comincia nel 2001, quando a Palazzo Chigi c'è Giuliano Amato. In quell'anno viene siglata una convenzione "sperimentale" limitata a cinque province, cioè Roma, Milano, Napoli, Torino e Catania.

Nel 2003 l'iniziativa viene estesa dal nuovo ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu a tutto il territorio nazionale e Telecom ha il compito di gestire 400 dispositivi di controllo. Ma in funzione ne entrano soltanto 14. Un dettaglio che non sfugge alla Corte dei Conti. Nel settembre 2012 la magistratura contabile fa notare che la gestione è stata "antieconomica e inefficace" e il costo del sistema ha superato i dieci milioni annui, cioè 81 milioni in otto anni (2003-2011). "Una spesa elevatissima".

Due anni fa arriva la scadenza del contratto con Telecom. Il ministro Annamaria Cancellieri, appena approdata al Viminale, rinnova la convenzione per sette anni, fino al 2018. Una decisione stigmatizzata dalla Corte dei Conti, che il 13 settembre 2012 scrive: "Il rinnovo della convenzione ha reiterato una spesa antieconomica e inefficace, che avrebbe almeno dovuto essere oggetto di un approfondito esame anche da parte del ministero della Giustizia". E non basta. Per i giudici il rinnovo è avvenuto a prezzi e prestazioni "non identici" a quelli precedenti e, quindi, è qualificato "inesattamente come una proroga" e avrebbe "dovuto o potuto essere oggetto di riflessione e/o di trattative, se non di comparazione con altre possibili offerte". A giugno 2012, in seguito al ricorso di Fastweb, il Tar del Lazio dispone che la nuova convenzione dovrà essere oggetto di una gara. Telecom Italia e Viminale ricorrono a loro volta al Consiglio di Stato (che ancora deve decidere). Nel frattempo è stato stabilito che la convenzione, per "motivi di sicurezza", si estinguerà solo alla fine del 2013.

Il Tempo

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

3 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia