Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Bolzano. Detenuto evade durante permesso premio

Polizia Penitenziaria - Bolzano. Detenuto evade durante permesso premio


Notizia del 12/04/2016 - BOLZANO
Letto (1030 volte)
 Stampa questo articolo


BOLZANO. Nuova evasione dal carcere di Bolzano. A pochi giorni da un caso analogo, ancora una volta è stata la gestione dei cosiddetti permessi premio a far scattare l’allarme. Domenica sera non è infatti rientrato un magrebino in stato di detenzione per spaccio di sostanze stupefacenti. Nei giorni precedenti aveva chiesto di poter usufruire di un permesso per buona condotta. Su parere favorevole della direttrice della struttura, il permesso è stato accordato dal magistrato di sorveglianza ma il detenuto (messo in libertà alle 9 di domenica mattina con obbligo di rientro entro le 21 della stessa giornata) si è guardato bene dal presentarsi.

Il giorno successivo è stata segnalata l’evasione ed ora il caso è nelle mani delle forze dell’ordine. Nel frattempo non è stato più rintracciato il cittadino nomade evaso qualche giorno fa sempre grazie ad un permesso senza scorta della Polizia Penitenziaria, nonostante avesse un residuo pena da scontare di oltre quattro anni. Intanto all’interno del carcere bolzanino la situazione è sempre più tesa. L’affollamento è nuovamente aumentato dopo un periodo relativamente tranquillo e per gli agenti della Polizia Penitenziaria il lavoro è sempre più duro. In questo periodo i detenuti rinchiusi nella vecchia struttura di via Dante sono 110, ben oltre dunque il limite delle 90 unità che dovrebbe essere rispettato. In realtà il carcere bolzanino è sempre più spesso utilizzato anche per risolvere problemi di sicurezza di altri carceri italiani. E’ proprio per motivi di sicurezza che le autorità competenti a volte decidono di utilizzare la struttura carceraria bolzanina per alleggerire situazioni preoccupanti in altre carceri del nord.

Il fatto è che la situazione sta diventando molto tesa anche nel carcere di Bolzano ove l’altra notte, ad esempio, sono arrivati a Bolzano cinque detenuti trasferiti dalle carceri di Padova, Verona e Torino (ove creavano problemi a ripetizione). Che la situazione nella struttura carceraria bolzanina sia ad un livello di guardia è confermato anche da due episodi avvenuti ieri. Gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno infatti dovuto intervenire per sedare una rissa scoppiata tra una trentina di magrebini, alcuni dei quali sono rimasti leggermente contusi. E sempre gli agenti di Polizia Penitenziaria sono riusciti a scongiurare un tentare di suicidio. Un detenuto ha infatti tentato di impiccarsi utilizzando delle lenzuola annodate alle sbarre della finestra. Salito su uno sgabello in cella, si è lasciato andare ma è stato sorretto appena in tempo.

 

altoadige

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”