Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

Polizia Penitenziaria - Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute


Notizia del 19/08/2017 - ROMA
Letto (656 volte)
 Stampa questo articolo


Corte di Cassazione, Prima sezione penale, sentenza 39187 depositata il 17 agosto. Per decidere l'eventuale differimento di pena per motivi di salute - con la concessione degli arresti domiciliari - il tribunale deve disporre approfondimenti medici ulteriori e autonomi rispetto a quelli allegati dalle parti. La Corte di Cassazione, dopo il caso di Totò Riina, torna sul tema della compatibilità della detenzione con lo stato di salute determinato da varie patologie senili, annullando l'ordinanza che rigettava il beneficio per un 90enne "leader carismatico" delle cosche di Platì e di San Luca.

Il tribunale di sorveglianza di Bologna, competente sul penitenziario di Parma, aveva accolto le conclusioni dell'Ufficio sanitario del carcere che, pur rilevando una serie di patologie degenerative del detenuto, ne aveva poi stabilito la compatibilità con la permanenza nell'istituto, anche in considerazione della disponibilità di cure presso strutture vicine e collegate. Inoltre il giudice di merito allegava i trascorsi criminali del condannato, a dimostrarne la pericolosità sociale, oltre a un episodio di gestione di conflitti tra cosche (durante l'incarcerazione, fatto risalente però al 2007) per chiudere con la totale assenza di segnali di pentimento o quantomeno di "revisione critica del suo passato".

La Prima penale della Cassazione -sentenza 39187/17 - ha però nuovamente censurato questo percorso apodittico, contestando al Tribunale, in sostanza, di aver respinto senza adeguato contradditorio scientifico le conclusioni della perizia pro veritate depositata dalla difesa. Perizia che, tra l'altro, sottolineava la mancata attualizzazione da parte del carcere delle diagnosi sulle malattie dell'anziano capobastone, oltre ad alcuni lamentati ritardi nell'inizio delle terapie per rallentarne il corso.

Per la Prima, di fatto, è fondamentale il bilanciamento tra il diritto del condannato ad essere adeguatamente curato e le esigenza di tutela della collettività, percorso che deve necessariamente svilupparsi attraverso ulteriori e autonome indagini sia sullo stato di salute sia sulla effettiva persistenza della pericolosità sociale. Da qui l'annullamento con rinvio per un nuovo esame del ricorso.

Il Sole 24 Ore

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

3 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

4 Congedo programmato e malattia

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

10 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale