Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Boss mafioso scarcerato perché mangiava troppe fave e piselli in carcere

Notizia del 23/03/2012 - L'AQUILA

Boss mafioso scarcerato perché mangiava troppe fave e piselli in carcere

letto 3576 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

"Il vitto carcerario non ha consentito un'alimentazione adeguata del detenuto, risultando dal diario nutrizionale la presenza costante di alimenti potenzialmente scatenanti una crisi emolitica e assolutamente proibiti".

In carcere, cioe', si mangia solo a base di fave e piselli e un detenuto affetto da favismo come Michele Aiello, il regista della rete di talpe della Procura di Palermo, condannato a 15 anni e 6 mesi, non puo' rimanere in prigione, perche' esposto "a serio e concreto rischio di vita o a irreversibile peggioramento delle gia' scadute condizioni fisiche".

E' con questa sorprendente motivazione, che il tribunale di sorveglianza dell'Aquila ha concesso, nei giorni scorsi, la detenzione domiciliare per un anno ad Aiello, ritenuto vicinissimo a Bernardo Provenzano e condannato nello stesso processo in cui e' risultato colpevole anche l'ex presidente della Regione Sicilia, Toto' Cuffaro. Che invece e' in carcere, a Rebibbia, dove sta scontando sette anni.

I giudici, che si sono affidati a due periti, Brigida Galletti e Antonello Colangeli, partono dal presupposto, reale e concreto, che la malattia di cui soffre Aiello sia molto seria e grave. Quel che appare incredibile e' che il motivo della scarcerazione risieda nel fatto che il menu "passato dal governo" in cella e' piu' o meno fisso, tutto a base di legumi potenzialmente dannosi per il manager della sanita' privata siciliana, costretto dunque a rinunciare al cibo e che in questo modo ha perso dieci chili.

Ogni giorno, infatti, perlomeno nel carcere di Sulmona, in cui si trovava Aiello, si mangiano sempre le stesse cose: "Pasta e piselli - si legge nella motivazione del provvedimento - riso e piselli, seppie e piselli, minestrone e fave". E poiche' il penitenziario sarebbe in grado di offrire solo questo, l'ingegnere rischia la vita.

Titolare di tre avviatissime cliniche di Bagheria (Palermo) tutte confiscate, assieme a un patrimonio di circa 800 milioni, Aiello e' tornato cosi' nella sua citta'. Per adesso ha ottenuto il differimento della pena per un anno. Evidentemente, nella valutazione del tribunale di sorveglianza dell'Aquila, presieduto da Laura Longo, nessun altro carcere del Paese offre menu alternativi e puo' provvedere alle sacrosante necessita' alimentari del detenuto.

Come si dice, "questo passa il Governo", anche se l'articolo 9 dell'ordinamento penitenziario prevede "un'alimentazione sana e sufficiente, adeguata all'eta', al sesso, allo stato di salute, al lavoro, alla stagione, al clima". Ci sono ad esempio i diabetici, che devono fare una dieta ipoglicemica; gli ipertesi, che devono avere un trattamento iposodico. E poi gli islamici, che non mangiano carne di maiale e non bevono vino. Ma forse tutti mangiano fave e piselli.

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE ABRUZZO
Statistiche carceri Regione Abruzzo







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?