Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Braccialetti Elettronici: Cirillo, se fossimo andati da Bulgari avremmo speso di meno

Polizia Penitenziaria - Braccialetti Elettronici: Cirillo, se fossimo andati da Bulgari avremmo speso di meno


Notizia del 05/10/2012 - ROMA
Letto (1054 volte)
 Stampa questo articolo


Le carceri italiane vivono una situazione impietosa. La Corte dei Conti valuta aspramente tutte le spese che sono state effettuate nell'ambito della gestione delle opere di edilizia carceraria. Numerosi edifici inutilizzati, carceri finite e mai utilizzate, agenti penitenziari che non vengono impiegati nelle carceri, grandi spese per i braccialetti elettronici che non sono mai stati adoperati se non per soli 15 detenuti. In più la beffa del vice-capo della polizia Cirillo che scherza sulla situazione con battute assolutamente fuori luogo. (ndr)

Definirla impietosa è un eufemismo. La radiografia della Corte dei Conti contenuta nella delibera sulle “Situazioni di criticità” nella “gestione delle opere di edilizia carceraria” e di inusuale durezza. Nero su bianco, si scrive di carceri finite e mai utilizzate, e di altre abbandonate dopo costosissime spese di ammodernamento; si sottolinea come il 10 per cento degli agenti penitenziari non sia utilizzato negli istituti detentivi; si denuncia l’enorme spesa per i “braccialetti elettronici”: circa 10 milioni l’anno dal 2001 al 2011, per appena 15 (quindici!) applicati a detenuti “domiciliari”. Fece scalpore, il 4 gennaio scorso, il vice-capo della polizia Francesco Cirillo quando disse, davanti alla Commissione Giustizia del Senato che “se fossimo andati da Bulgari avremmo speso di meno”. Scalpore e ironia; però fate cento milioni, divideteli per 15, e con quello che ottenete andate da Bulgari o in una gioielleria di vostro gradimento. La battuta diventa un qualcosa che si trasforma in una smorfia, altro che le risatine che provocò allora!

Prendiamo il capitolo dalle carceri non ancora utilizzate. Quello di Rieti, è stato finalmente aperto a maggio; per poterlo fare (e un “braccio” è comunque ancora chiuso!) si sono dovuti sottrarre agenti di Polizia Penitenziaria da altri istituti. “Un evento positivo, che pone fine ad un evidente spreco di risorse considerato che la costruzione è costata complessivamente 48,5 milioni, è iniziata nel dicembre 2004 ed è stata terminata nel 2008-inizio 2009, restando quindi inutilizzata per tre-quattro anni”, annota la Corte dei Conti. Ancora bloccato, invece, il carcere di Reggio Calabria-Arghillà: “…dopo le costose progettazioni e realizzazioni effettuate, malgrado la consapevolezza di non poter aprire tale struttura stante la mancanza, ben nota di indispensabili, adeguati collegamenti stradali”.

È stato necessario un nuovo finanziamento: “non certo modesto”, chiosa la Corte, di 21,5 milioni, ridotto a 10,7, che dovrebbe permettere la realizzazione della strada. Ci sono poi le Case mandamentali, una decina, alcune nuove, altre rinnovate con costosi lavori di adeguamento, che dopo aver realizzato, si voleva abbandonare, dimettere. Progetto a quanto pare rientrato; tuttavia, avverte la Corte, “i costi di questi interventi non appaiono invero sempre contenuti…ma almeno le spese della trasformazione e del completamento servirà comunque a far recuperare le risorse che erano state impiegate per la loro realizzazione”.

Grave la situazione del personale: “In un quadro di forti difficoltà gestionali delle carceri derivanti anche dalle carenze quantitative degli appartenenti alla Polizia Penitenziaria desta sorpresa e perplessità l’aver appurato che un numero elevato di unità (3.870), pari a più del 10% della forza complessiva (38.543), non sia stato utilizzato negli istituti detentivi per attività di sorveglianza o per attività connesse, anche grazie a istituti giuridici definiti dall’Amministrazione come distacchi e comandi, tra i quali una sessantina a favore della Presidenza del Consiglio o di alti organi, anche costituzionali o di rilevanza costituzionale”.
E questo a fronte di grave carenze di organico che dovrebbe essere di 45mila agenti, e del sovraffollamento degli istituti. In questa situazione, il personale già in sottorganico, rischia di non essere sufficiente per far fronte all’apertura delle nuove e costose carceri o padiglioni che così “risulterebbero inutili, quanto meno parzialmente o provvisoriamente”.
Il problema è sempre lo stesso: sovraffollamento. “Nelle carceri, a causa dell’impressionante sovraffollamento (21.285 detenuti in più rispetto ai 45.688 posti disponibili), non solo non si garantisce il principio costituzionale del fine rieducativi della pena, ma nemmeno il diritto alla salute, visto che non sono assicurate le più elementari norme igieniche e sanitarie”, denunciano gli avvocati penalisti in un documento approvato all’unanimità al termine del loro congresso a Trieste. Si registra un decesso ogni due giorni, un suicidio ogni cinque; una situazione che i sindacati di Polizia Penitenziaria definiscono, testualmente, “strage di stato”. Dall’inizio dell’anno sono oltre 140 i detenuti morti, una cinquantina i suicidi; e anche tra gli agenti di Polizia Penitenziaria: in sei, quest’anno si sono tolti la vita; 89 tra il 2001 e il 2011.

“Un carcere invivibile”, racconta un agente, “è invivibile per i detenuti che ci sono costretti, ma anche per chi ci lavora dentro in condizioni sempre più difficili”. Fra le cause di un simile disagio la cronica carenza di mezzi, ma soprattutto di personale: l’organico previsto è fissato in 45mila unità, ma gli agenti impiegati sono circa 37.500 per uno “scoperto” che si avvicina alle 8mila unità.

Non solo: l’organico previsto dal ministero è stato fissato dieci anni fa, ma da allora sono stati aperti nuovi istituti e nuovi padiglioni in strutture già esistenti; e ogni giorno qualche migliaio di agenti è impegnato in attività fuori dal carcere. Se possibile, la situazione è destinata a peggiorare, a causa dei tagli e del blocco del turnover: “Si può affermare legittimamente”, sillaba il segretario generale del Sappe Donato Capece, “che a decorrere dal 2013 le assenze in servizio si avvicineranno alle 10mila unità, vale a dire oltre il 20% dell’organico generale. Se le carceri sono ora al collasso, entro i prossimi otto-dieci mesi non sarà più materialmente possibile gestirle”.

Si dice: costruire nuove strutture e nuovi spazi per ospitare i detenuti in eccesso; con quale denaro, visto che i soldi non ci sono? Alla fine, degli oltre diecimila posti previsti in un primo momento non si andrà oltre i 3.800: 17 padiglioni da costruire in istituti già esistenti in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia. Perché vedano la luce, però, ci vorrà ancora almeno un anno. Sembrano tramontati i progetti, almeno per il prossimo biennio, per quel che riguarda i nuovi istituti a Torino, Camerino e Pordenone.

Così si fa più nutrito il “partito” dell’amnistia. L’altro giorno a favore si è pronunciato il ministro Andrea Riccardi: “Bisogna avere il coraggio di compiere alcuni gesti per uscire dalla durissima situazione delle carceri italiane, una situazione insopportabile. Mi chiedo perché dobbiamo sempre lasciare al presidente della Repubblica la responsabilità di dover fare questi interventi, e non siamo noi stessi a proporli”. Ora è venuto il Sì del finiano deputato di “Futuro e libertà” Fabio Granata: “La civiltà di una nazione ha tra i suoi indicatori il funzionamento del sistema carcerario e la tutela della dignità umana al suo interno, dignità che riguarda sia coloro che scontano una pena che il personale della Polizia Penitenziaria, chiamato a un ruolo delicatissimo… In questa fase finale della legislatura, nonostante il tetto parlamentare altissimo occorrente per approvare il provvedimento, ci batteremo con il gruppo parlamentare di Fli per approvare indulto e amnistia escludendo ovviamente dalla misura i reati di sangue e di mafia, di corruzione e di pedofilia”. Per l’amnistia si dice Salvo Fleres, senatore di GrandeSud e garante dei detenuti della Sicilia: “Le condizioni di invivibilità delle carceri italiane sono di molto al di sotto delle regole minime europee e questo, oltre che costituire un elemento di grave inciviltà giuridica e umana, fa correre al nostro Paese il rischio di clamorose e costose condanne da parte del Tribunale europeo per i diritti dell’uomo. L’amnistia insieme al varo della più volte annunciata legge sulle pene alternative, migliorerebbe la situazione evitando che il carcere diventi l’unica pena”.

Il ministro della Giustizia Paola Severino, in visita al carcere minorile di Nitida, dice che “non ci sono le condizioni per un provvedimento di amnistia, che comunque dipende dal Parlamento e richiede una maggioranza qualificata dei due terzi e non mi sembra ci siano le condizioni per raggiungerla". Già: ma le condizioni non ci saranno mai fino a quando non si lavora per crearle e si opera anzi per il contrario.

http://notizie.radicali.it 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario