Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Braccialetti elettronici: in uso solo 55 su 2000 pagati

Polizia Penitenziaria - Braccialetti elettronici: in uso solo 55 su 2000 pagati


Notizia del 15/01/2014 - ROMA
Letto (1218 volte)
 Stampa questo articolo


L'educatore parrocchiale accusato a Milano di pedofilia sarà uno dei pochi detenuti agli arresti domiciliari a cui viene applicato il braccialetto elettronico (il più illustre è stato l'ex direttore dell'Avanti Valter Lavitola prima di finire nuovamente in carcere, proprio per essere uscito dalla sua abitazione).

Nonostante questo strumento sia operativo da quasi 10 anni, con costi già sostenuti dallo Stato, se n'è fatto sinora un uso limitatissimo: i braccialetti a disposizione dell'autorità giudiziaria sono duemila, ma quelli attualmente utilizzati sono poco più del 2%: appena 55.
Un problema, quello della scarsa diffusione, che nascerebbe dalla poca conoscenza di questa possibilità da parte dei magistrati e soprattutto della relativa procedura di attivazione. Tant'è che attualmente sono meno di una decina gli uffici giudiziari che utilizzano i braccialetti, in gran parte rappresentati dalle grandi città (Milano, Torino, Napoli, Palermo in testa), tra cui la diffusione è avvenuta con una sorta di passaparola.

È il contratto stipulato dal ministero dell'Interno con Telecom, che scade il 31 dicembre del 2018, a prevedere la disponibilità a favore dell'Autorità Giudiziaria, di 2000 braccialetti elettronici e di terminali che si trovano da anni nelle centrali operative di polizia, carabinieri, guardia di finanza della maggiore parte delle città italiane. Sinora il sistema ha dimostrato di funzionare, tant'è che c'è stata una sola evasione.

A dispetto del nome, si tratta di una cavigliera che deve essere indossata dal detenuto ai domiciliari, e che è in grado di sopportare fino a 70 gradi di temperatura e 40 chilogrammi di trazione prima di rompersi. Nell'abitazione viene anche installata un'apparecchiatura, simile a una radiosveglia, che riceve i segnali del braccialetto all'interno di un perimetro ben definito: se il detenuto esce dal suo appartamento, o danneggia il braccialetto o la centralina, scatta subito l'allarme alla Centrale operativa delle forze dell'ordine. Il sistema non è incompatibile con il rilascio di permessi di uscita dall'abitazione da parte del giudice: in quei casi l'orario di permesso viene inserito nel terminale dalla centrale operativa, in modo che per quelle ore il braccialetto non lanci l'allarme.

Corriere della Sera

 

Braccialetto elettronico: Striscia la Notizia, il sindacato di Polizia Penitenziaria e lo spreco dei braccialetti

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri, salta la riforma: primo atto del nuovo Governo

3 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

4 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

9 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Giunge gradito … graditissimo il saluto del Ministro Orlando

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane