Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Braccialetto elettronico per i detenuti: un tormentone che dura da un decennio

Polizia Penitenziaria - Braccialetto elettronico per i detenuti: un tormentone che dura da un decennio


Notizia del 16/12/2013 - ROMA
Letto (2041 volte)
 Stampa questo articolo


Finora sono stati spesi 180 milioni di euro, gli apparecchi sono gestiti da Telecom.

Inutilizzato, dispendioso, inopportuno, però immortale. Il braccialetto elettronico per i detenuti ai domiciliari è un tormentone che non muore mai.

Soprattutto non lo vuole far morire il ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, che ha in animo di renderlo obbligatorio, salvo diversa disposizione del giudice (oggi l'utilizzo è previsto "se necessario").

Il Guardasigilli introdurrà la modifica all'interno del decreto legge sulle carceri che si accinge a portare martedì in Consiglio dei Ministri. Lo ha confermato lei stessa, a margine dell'esibizione del coro Papageno nel carcere della Dozza a Bologna. Il pacchetto riguarderà "i soliti argomenti: tossicodipendenti, stranieri, aumentare le possibilità di lavoro", oltre alla proroga della norma, in scadenza il 31 dicembre, che prevede la detenzione domiciliare per i condannati con pena detentiva (anche residua) non superiore a 18 mesi. Tutto bene, se fossimo in un Paese normale.
La prima sperimentazione del braccialetto partì con decreto legge il 2 febbraio 2001, con l'intenzione di porre fine al sovraffollamento carcerario (già allora!). Due mesi dopo, un detenuto peruviano con grande semplicità tagliò i fili dell'aggeggio elettronico e fece perdere le proprie tracce. Fu il primo di una serie.

Eppure, nel 2003, l'ex ministro Pisanu decise di rilanciare, firmando un contratto con un gestore unico, Telecom, che avrebbe dovuto garantire, oltre all'installazione del Personal Identification Device, anche l'assistenza tecnica. Dei 400 braccialetti previsti, ne sono stati utilizzati 14. Alla fine del 2011 il ministro Cancellieri, dal Viminale, ha rinnovato la convenzione settennale con Telecom, stavolta per 2000 pezzi, solo 200 dei quali dotati di Gps.

Undici milioni di euro l'anno per la prima fase della sperimentazione, altri 80 milioni la spesa prevista nel contratto rinnovato (di questi, ha affermato nel 2011 il ministro, solo 9 vanno a Telecom). È stata "reiterata una spesa antieconomica e inefficace, che avrebbe dovuto essere almeno oggetto, prima della nuova stipula, di un approfondito esame", ha scritto al Corte dei Conti lo scorso anno. Inopportuno.

Nove mesi dopo la firma per il rinnovo, Piergiorgio Peluso, figlio della stessa Cancellieri, è stato assunto in Telecom come dirigente del settore Administration, Finance and Control. "Noi siamo pronti, ma bisogna chiedere a magistrati e forze dell'ordine se lo sono", fa sapere una fonte interna al Dap, sempre più scollato da via Arenula. Perché il controllo delle persone sottoposte alla misura del braccialetto spetta a carabinieri e polizia, già molto sotto organico.

ll Fatto Quotidiano

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane