Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Breivik uccise 77 persone e protesta per la sua detenzione: il giudice gli da ragione

Polizia Penitenziaria - Breivik uccise 77 persone e protesta per la sua detenzione: il giudice gli da ragione


Notizia del 21/04/2016 - ESTERO
Letto (1071 volte)
 Stampa questo articolo


Nel 2011 a Utoya uccise 77 persone. Oggi Anders Breivik ha avuto ragione da un Tribunale nella causa che aveva intentato contro lo Stato norvegese denunciando la violazione dei diritti umani che a suo dire sarebbe accaduta nel carcere dove è rinchiuso da cinque anni. A Oslo, i giudici della Corte distrettuale hanno infatti riconosciuto che “le condizioni carcerarie che gli sono riservate costituiscono un trattamento disumano”.

E il giudice Helen Andenæs Sekulic ha spiegato che il diritto “rappresenta un valore fondamentale in una società democratica”, ragion per cui deve valere anche per i “terroristi e gli assassini”. Respinta invece la parte in cui Breivik segnalava la violazione del diritto a una vita privata, insieme alla famiglia. Respinta anche un’altra richiesta del detenuto, il quale sollecitava la revoca delle restrizioni imposte alle sue comunicazioni con il mondo esterno al carcere. L’uomo infatti aveva manifestato il desiderio di tenere una corrispondenza con chi lo approccia definendosi un suo simpatizzante: richiesta respinta per motivi di sicurezza. 

Ma il passaggio più significativo della decisione assunta dalla Corte di Oslo riguarda il mancato rispetto dei diritti umani del killer di Utoya durante la sua detenzione nel penitenziario. Tra i punti al centro della causa aperta contro lo Stato norvegese, l’uomo segnalava in particolare, la violazione di due articoli della Convenzione europea: il primo riguarda la vita privata; il secondo vieta un trattamento ritenuto disumano. Non solo: i giudici hanno considerato eccessivo il fatto che l’uomo sia stato sottoposto a un regime di isolamento per cinque anni. Nella dichiarazione della Corte si legge che si è giunti alla conclusione che “il regime carcerario implica un trattamento inumano di Breivik”.

Una decisione che, ovviamente ha destato clamore ma soprattutto indignazione tra i familiari delle vittime del killer di Utoya ed è diventato argomento di dibattito sulla Rete. Anders Breivik nell’agosto 2012 è stato condannato a 21 anni di carcere perché ritenuto dai giudici il responsabile di un attentato dinamitardo accaduto a Oslo nel quale morirono otto persone e per l’uccisione di altre 69, per lo più adolescenti, durante una sparatoria aperta in un campo estivo. Va detto però che la pena comminata a Breivik può essere prolungata dalle autorità fino a quando valuteranno l’uomo, un soggetto altamente pericoloso. 

intelligonews.it

In carcere con tre stanze, palestra, videogiochi e giardino, ma autore della strage di Utoia si lamenta di condizioni disumane

 

Anders Behring Breivik, il norvegese che ha ucciso 77 persone, si lamenta delle condizioni di detenzione: il caffè e’ freddo, poco burro per il pane e non gli danno la crema idratante

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

2 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

6 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

9 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Noi, vittime della Torreggiani

7 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

8 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!